Benvenuto Frankenstein

Non so davvero come si potrebbe definire la condizione umana contemporanea se non come una sorta di follia che bandisce ogni forma di lucidità, una schizofrenia nella quale ogni elemento si presenta separato dall’altro nel tempo e nello spazio come la visione che dà uno specchio infranto: basta solo pensare che c’è chi demonizza gli ogm, legge tutte le etichette per evitare il contatto con questa “materia del diavolo”, ma  sferzato da un irrazionale paura verso il Covid, aspira a diventare egli stesso un ogm e non fa nulla perché questo non accada. Anzi inneggia e difende i suoi fautori.  Com’è noto di vaccini ne sono in preparazione parecchi, quello russo, già uscito, due o tre cinesi un’altra decina da multinazionali del farmaco e sono tutti rigorosamente non sperimentati visto che si vuole fare in fretta nonostante l’assoluta banalità della nuova infezione  e la gente non aspira ad altro che fare da cavia. Tuttavia Bill Gates e l’adorato Fauci, insieme a un vasto fronte di filantropia alla Mengele, spingono decisamente verso qualcosa di diverso rispetto al vaccino: propongono infatti una nuova tecnologia sperimentale fondata sul Rna, non testata e molto controversa, che Gates promuove da oltre un decennio. Invece di iniettare un antigene come nei vaccini tradizionali per indurre il sistema immunitario a costruire delle difese specifiche, viene inserito un frammento di codice genetico del coronavirus nelle cellule umane, alterando il Dna in tutto il corpo e riprogrammando le nostre cellule per produrre anticorpi in grado di combattere il virus. I vaccini mRma sono una forma di ingegneria genetica chiamata modificazione della linea genetica ereditaria perché le mutazioni vengono trasmesse alle generazioni future non si sa bene con quali conseguenze. E non lo si sa visto che questi vaccini non sono nemmeno stati sperimentati sugli animali e quindi non si ha la minima idea persino sulla possibile efficacia.

 Una  cosa altrettanto inquietante è che questo nuovo vaccino diciamo così “mutazionale”, viene messo a punto da  Moderna”, una strana azienda farmaceutica non ha mai immesso un prodotto sul mercato, non ha mai proceduto a sperimentazioni cliniche, né ha mai fatto approvare un vaccino dalla FDA, che insomma viveva solo dei contributi della Fondazione Gates e di altri donatori privati. Stava infatti fallendo sotto il peso di un miliardo e mezzo di debiti, quando il miracoloso e salvifico arrivo del Covid ha cambiato le carte in tavole e le vele di Moderna di sono riempito di vento e di dollari, mezzo miliardo dei quali fatti arrivare direttamente da Fauci in fondi federali. Ora questa storia ci fa capire che l’azienda non è nata con l’intento di produrre farmaci, cosa che infatti non è accaduta nei 10 anni della sua vita, ma come laboratorio di Gates e di altri filantropi e medici ad essi legati  per lo sviluppo delle tecniche mRma e di mutazione genetica che appunto si applicano all’Rna messaggero . Era insomma una società in sonno pronta ad uscire dall’uovo nel momento in cui si fosse concretizzata la possibilità di trasformare in realtà le ipotesi e le più balzane idee da Frankenstein. Casualmente proprio nel gennaio scorso l’ Associazione medica mondiale che riunisce i maggiori esperti di etica e scienziati del mondo hanno chiesto la cessazione di questo tipo di sperimentazione. E invece ecco che dopo pochi giorni una banale sindrome influenzale è diventata tout court pandemia riuscendo non solo a superare gli ostacoli che si frapponevano a questo tipo di ricerche, ma addirittura a invertire radicalmente la rotta per produrre in tutta fretta un vaccino mutageno che probabilmente non servirà a niente, ammesso e assolutamente non concesso che serva un vaccino contro il Covid, ma che ci trasforma in organismi geneticamente modificati, non avendo assolutamente le conoscenze necessarie per poter effettivamente immaginare quali possano essere le conseguenze.

Lo dico io che non sono per nulla misoneista e aperto alle innovazioni che fatalmente riguarderanno anche la sfera biologica: ma passare d’un tratto dalla sperimentazione alla manipolazione genetica di milioni o forse di miliardi di persone è chiaramente un enorme azzardo che ha pochissimo a che vedere con la scienza e molto con l’incoscienza, con i soldi e con un potere che con la scusa della salvezza ci vuole manipolare anche geneticamente.   

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

3 responses to “Benvenuto Frankenstein

  • Com’è buono lui | Il simplicissimus

    […] Nota sul vaccino che modica il dna vedi Benvenuto Frankenstein […]

    "Mi piace"

  • Vivazapata

    Ecco che si mostra ormai sfacciatamente il Nazismo Himmleriano in salsa americana, i suoi sogni di modificazione genetica, la sua arroganza onnipervasiva. Forse l’incredibile impudenza di Himmler, di voler “accordarsi” con gli anglosassoni vincitori e quindi scamparla entrando sotto copertura nella società americana come tanti altri nazisti minori, indicava quella convergenza occulta che già era bell’e pronta assorbendo parecchio del nazismo nella intellighenzia americana di allora e questi ne sono i frutti…C’è poco da dire: il Deep State è NAZISTA. Fin che non lo si distruggerà, continuerà con i suoi frutti avvelenati.

    "Mi piace"

  • quarchedundepegi

    C’è da preoccuparsi ancora di più.
    BUONGIORNO.
    Quarc

    "Mi piace"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: