Annunci

Un “Paese normale” secondo follia

imagesChe cosa è un Paese normale? Tante volte abbiamo usato questa espressione contro l’anormalità berlusconiana che poi si è rivelata nient’altro che un “dialetto” locale e folcloristico del neoliberismo, ma in realtà l’espressione è vuota , ambigua, priva di un significato univoco e concreto tanto che ciò che non era normale col Cavalier Silvio almeno secondo l’evangelio e il galateo dei salotti progressisti, è diventato normalissimo e desiderabile con Letta e Renzi visto che non lo diceva più il vecchio sporcaccione, ma l’ Europa. Di tutto questo ne abbiamo un esempio internazionale, dunque degno di essere meditato da quella fauna crepuscolare che sprezza qualsiasi cosa non venga da qualche giardino delle Esperidi d’ Oltralpi e d’Oltremare dove crescono i think tank miracolosi:  ce lo fornisce Mike Pompeo emisfero destro di Trump che subito dopo la riproposizione delle  sanzioni all’Iran lo ha esortato  ” a comportarsi come un Paese normale “, aggiungendo che “in caso contrario, l’Iran vedrà crescere il collasso della propria economia”.

Non  che sia molto differente da ciò che dice Juncker all’Italia ancorché sia privo di emisferi residuali, ma nel caso specifico di Pompeo pare evidente che l’esortazione punitiva abbia un riferimento di normalità negli Usa e perciò potremmo pensare che l’Iran possa liberarsi dalle sanzioni adottando una politica estera militaristica e minacciosa, regolarmente accompagnata da bombardamenti, invasioni e sponsorizzazioni di operazioni di cambio di regime, oppure che spenda 650 miliardi di dollari l’anno per mantenere un complesso militare adatto a queste necessità. Certo non basta perché disgraziatamente l’Iran ha molta strada da fare per essere normale ed esemplare come gli Usa: per esempio non ha 300 sparatorie di massa ogni anno, né le  11.000 morti legate alle armi da fuoco, ovvero il doppio delle vittime di incidenti stradali e nemmeno, segnale di incredibile arretratezza, le mille persone fatte secche dalla polizia ogni anno, soprattutto se sono nere perché il colore piace solo nei film.

Ah com’è lontano l’Iran da queste cifre della normalità. E nemmeno parliamo dei quasi 11 mila dollari di spesa medica a testa perché la sanità privata ha portato i prezzi alle stelle e consente solo ai benestanti di curarsi: 30 milioni di cittadini sono privi di assicurazione, altri 70 milioni ne hanno una che copre esclusivamente le pratiche di base e anche quelle con tetti così striminziti che anche le analisi più banali sono fuori portata, mentre  altri 45 milioni non hanno i soldi per comprare le medicine.  E per giunta l’Iran è così poco normale da avere un’istruzione universitaria pressoché gratuita, mentre la normalità impone che ci si debba indebitare a vita per corsi che nella maggior parte dei casi sono di basso o bassissimo livello, al contrario di quanto generalmente si pensi o vogliano far pensare i privilegiati che hanno speso fortune per procurarsi qualche titolo che fa prestigio e di solito anche una bella ignoranza nel senso più completo e ontologico del termine. Per non parlare dell’anormalità assoluta di avere una scuola pubblica gratuita e funzionante e non come negli Usa dove essa è praticamente abbandonata a se stessa. Insomma mica come in Oklaoma dove un allieva vedendo la foto di un libro di testo ha postato su face una reazione nella quale diceva di aver saputo per la prima volta dell’esistenza di manuali scolastici.

Con l’abitudine tutto diventa normale, anche l’assurdo. Ma l’Iran è troppo distante da queste realtà per diventare entro breve un Paese così normale da vedersi togliere le sanzioni. Mica come noi che ci stiamo orgogliosamente normalizzando.

 

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

5 responses to “Un “Paese normale” secondo follia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: