Annunci

Elmetti bianchi: Washington chiude i rubinetti

60e7d6d32ca64d6a3a9c504319d5a1d7Lo sapete bene quanto io sia “complottista” e come da anni consideri molti degli eventi che l’informazione occidentale mastica sulla Siria come frutto di una vera e propria produzione cinematografica tra i cui i principali protagonisti sono i celeberrimi elmetti bianchi, sempre presenti con i loro bimbi truccati e salvati perché si sa con i bambini l’audience aumenta e ci si ferma meno a pensare. Certo non è stato facile prendere una posizione intollerabile per coloro che si aggrappa alle cronache ufficiali, tanto più che questi elmetti bianchi, ufficialmente volontari al servizio dei civili siriani inquadrati in un’ennesima ong, sono stati costantemente accompagnati da un’aura numinosa che li faceva in odore di Nobel per la pace oltre che protagonisti di un film celebrativo, in questo caso di un meta film si potrebbe dire, prodotto da Netflix. una delle più note ditte della propaganda a stelle strisce.

Ma alla fine per una volta il tempo è stato galantuomo e la Cbs per prima ha lanciato una notizia che praticamente tenuta segreta dall’informazione occidentale: Washington ha chiuso i finanziamenti diretti nei confronti degli elmetti bianchi, cosa del tutto incomprensibile se il loro ruolo fosse così importante e così umanitario come viene detto. Per di più la stessa Cbs ha fornito dei particolari interessanti su questi angeli che gli Usa avrebbero foraggiato con 32 milioni di dollari, praticamente un terzo di tutti gli introiti della ong di riferimento, con un meccanismo messo a punto al tempo di Obama e che passava dall’ Usaid a due società di contractors, prima Chemonics dal 2014 e in seguito MayDayRescue.  Quest’ultima società è a sua volta finanziata dai governi di Germania, Gran Bretagna, Olanda e Danimarca e ha fornito comparse volontarie per tutte le presunte violazioni russe e siriane. Del resto non è affatto un mistero che a capo dell’ angelica Ong  ci sia  James Le Mesurier, ex ufficiale dell’esercito di Sua Maestà e “consulente” (leggi agente sotto copertura) del ministero degli Esteri britannico, volato in Siria nel 2011 in concomitanza con le cosiddette primavere arabe e nell’imminenza di un’operazione tipo Libia messa a punto da Obama, ma poi saltata all’ultimo momento probabilmente per un deciso intervento diplomatico russo. Del resto anche il responsabile siriano dell’organizzazione, Zouheir Albounni è un impiegato dell’Usaid.

C’è di più perché gli elmetti bianchi hanno addirittura un curatore dell’immagine nella società inglese Purpose il cui responsabile europeo, Tim Dixon è anche il cofondatore di The Syria Campaign, finanziata sia dalla fondazione Rockfeller che dalla fondazione Asfari, creata dall’omonimo petroliere siro – anglo – americano che culla il sogno di diventare capo di una Siria coloniale e che per sostenere questo sogno ha persino  ha sganciato un milione di sterline al partito conservatore della May, nonostante pesi sul suo capo un’accusa di truffa. Solo dio sa come si faccia in questa condizioni a dire “siamo fieramente indipendenti e non accettiamo fondi da governi o da parti coinvolte nel conflitto siriano”, ma non credo che per questa gentaglia una sfacciata bugia in più faccia la differenza.

Molte di queste cose erano in gran parte già conosciute, ma con la chiusura ufficiale dei fondi diretti e l’interruzione della filiera di finanziamento, esse acquistano il  valore di un’ammissione di colpevolezza se non di una confessione. Cosa abbia portato a questa inversione di tendenza non è ben chiaro così come è impossibile dire se la cosa preluda a qualche cambiamento nella campagna siriana: può essere interpretata come una fase della battaglia fra Trump e lo stato profondo o come la decisione di prendere le distanze  di un’organizzazione ormai inaffidabile, colta con le mani nella marmellata per la sceneggiata di Douma, pretesto per il bombardamento dimostrativo e criminale di tre settimane fa, ma sulla quale si addensano sempre più nubi anche da altre parti, come per esempio i reportage da Aleppo dove pare che gli Elmetti bianchi funzionassero solo come struttura paramedica di supporto ai ribelli jihadisti e non abbiamo mai fatto nulla per la popolazione civile. O il fatto che il video sul presunto attacco con i gas del 7 aprile, sia stato diffuso prima che l’aviazione siriana colpisse le postazioni dei terroristi ovviamente moderati.

Insomma una volta scoperto il trucco meglio rimescolare le carte e nascondere quelle segnate, chiudere la serie tanto più che i territori dove gli Elmetti bianchi girano il film sono sempre più ristrette e tenere in piedi il teatrino potrebbe diventare pericoloso, squadernare verità inconfessabili: al limite possono essere finanziati in nero. Del resto il caso dei White helmets non è che un capitolo di una guerra mediatica e informativa che si basa in gran parte sull’ Idlib Media center che non è esiste ed è solo un canale su you tube, quello preferito di Macron che lì vi ha trovato le prove dell’attacco con i gas. Oppure  Ana Press agenzia fondata da citizen journalist vicina fino al 2016 a Erdogan,, che si vantava di distribuire ai media internazionali soltanto notizie verificate e neutre. Disgraziatamente questa agenzia è interamente finanziata dalla ong olandese Hivos che a sua volta si sostiene grazie ai fondi dei ministeri degli esteri olandese, britannico, statunitense, danese, tedesco e canadese oltre che con quelli della Ue e dell’Open Society Institute di Soros. dunque rappresenta in pieno il fronte anti Assad. Infine abbiamo il Syria Deeply con sede a New York che si autodefinisce “la piattaforma più importante del mondo riguardo al conflitto siriano e completamente indipendente dal punto di vista editoriale.” Un vero peccato che essa sia finanziata dalla medesima Hivos e dalla fondazione Asfari che come abbiamo visto è una colonna portante della The Syria Campaign.  Insomma un verminaio.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

7 responses to “Elmetti bianchi: Washington chiude i rubinetti

  • Anonimo

    si può vedere:

    Mi piace

  • Anonimo

    buone nuove dall’ amerika ?

    Mi piace

  • andrea z.

    Gli USA e gli alleati-comparse hanno fatto talmente affidamento sulle finte narrazioni e sulla loro diffusione da essersi dimenticati di vincere la guerra reale.
    Hanno utilizzato l’aviazione e i droni veicolando i filmati come fossero spezzoni di videogiochi, hanno armato gli uomini dell’ISIS con tanto di camionette Toyota nuove fiammanti come fossero le comparse di un sequel di Mad Max, hanno creato set cinematografici da film horror tra le macerie della Siria dimenticandosi che la realtà imponeva l’utilizzo di veri soldati, i famosi “scarponi sul campo”, che occupassero il territorio e combattessero corpo a corpo come i russi a Stalingrado.
    Hanno vinto il conflitto soltanto nelle menti degli occidentali, pensando che, apparire dei Rambo 2.0 in lotta per la difesa dei poveri civili gassati, facesse loro dimenticare perdite politiche e sociali fondamentali.
    Forse, alla fine, era solo questo l’obiettivo delle elite imperiali.

    Mi piace

  • Anonimo

    Fra un po’ non esisterà più, nemmeno la libertà di cura, altri progressi in vista, sulla via dell’autoritarismo ( la cialtroneria politicante avanza incontrastata in diversi settori, tendenzialmente a danno dei più deboli…):

    https://comedonchisciotte.org/forum-cdc#/discussion/99593/ennesima-crociata-dellordine-dei-medici

    Mi piace

  • jorge

    @ DANI — Cara Dani, con piacere chiedo al Simplicissimus di fornirle la mia e-mail, usata per questo post. Chiedo a mia volta agli estensori di fornirmi la sua. Scusi per il ritardo imperdonabile.

    Mi piace

  • Anonimo

    “Insomma un verminaio.”

    Di propaganda ?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: