Annunci

Niente domande per un verminaio

948deceae9ce05154cabf2b6f3ea54edLa domanda che mi faccio è quanti italiani o europei o americani sappiano delle dichiarazioni esplosive dell’ex ministro degli esteri del Qatar basate sulla dell’esperienza personale, ma con l’appoggio di un documento piratato da Edward Snowden al più potente servizio segreto statunitense, ovvero la Nsa. Quanti sanno che in quel documento viene detto con straordinaria e inequivocabile chiarezza che l’opposizione armata in Siria era sotto il diretto comando dei governi stranieri (occidentali più Arabia Saudita, Qatar stesso e Turchia) fin dai primi momenti e che in sostanza è stata artificialmente creata una guerra civile che ha fatto al minimo mezzo milioni di morti all’unico scopo di impadronirsi della Siria e di affermare una nuova cartina del Medio Oriente?

Mi chiedo ancora quanti siano quelli che a tutti i costi non vogliono né sapere di quel documento e delle decine che affiorano ogni settimana dal un vergognoso carnaio occidentale, comprese le mail di appoggio di Hilary Clinton, per non dire del fatto che fu proprio il governo saudita in accordo con gli Usa a scatenare,  sotto il comando diretto del principe Salman bin Sultan,  l’assalto missilistico sull’aeroporto di Damasco e sui quartieri civili della città , che doveva costituire quasi l’atto finale della caccia alla “preda” ossia a ad Assad che invece si è rivelato un osso più duro del previsto e con l’appoggio della Russia, oltre che sul consenso popolare è ancora la suo posto.

Il caos provocato in medio oriente dal fallimento dell’impresa, spacciata come l’ennesima esportazione di democrazia, sta oggi favorendo l’emersione degli arcana imperii e facendo venire alla luce tutto il terribile verminaio della vicenda. Quello che del resto ha dato origine all’ Isis come derivazione dell’ esercito di liberazione siriano e che ha continuato ad essere in qualche modo preservato perché la confusione era comunque funzionale alla manipolazione del Medio Oriente.  Eppure ad ascoltare i main stream di tutto questo si ha solo qualche equivoco accenno, mentre la narrazione ufficiale non cambia sostanzialmente di una virgola rispetto agli anni passati e non propone nemmeno un dubbio sul fatto che il regime arcaico di Riad, oggi sottoposto a purga, pare dopo intensi colloqui tra il principe Salman Bin e il genero di Trump, possa davvero avere così a cuore la democrazia in Siria. Anzi ogni tanto sugli speciali spazzatura che vengono generosamente offerti dalle televisioni, si hanno annunci trionfali sui gli immesi progressi del sultanato saudita e viene citato il fatto che oggi le donne saudite possono guidare. Peccato che vengano omesse le stragi di civili in Yemen o il rapimento del primo ministro libanese nella speranza di creare un cuneo di Al Quaeda al sud della Siria, tutto naturalmente sotto suggerimento, consenso e copertura americana.

L’informazione occidentale è insomma per qualche verso un’informazione di guerra che arriva a negare l’evidenza con la differenza che durante un conflitto vero e proprio è normale dubitare delle notizie che vengono fornite, mentre nella situazione attuale non ci si accorge nemmeno di essere presi letteralmente in giro. Del resto l’assuefazione alle narrazioni deformi è vitale più per scopi interni, per nascondere i massacri sociali o a per enfatizzare sedicenti crescite, per  rendere omaggio alle elites e a mettere sotto il tappeto le evidenti manovre per abolire la democrazia reale. Comunque sia tutto questo è reso possibile dall’addestramento ormai quarantennale a non porsi mai domande, ma ad accettare le risposte che vengono fornite anche quando sono palesemente contradditorie, insufficienti, prive di fonti credibili che non siano autoreferenziali: se si arriva ad accettare l’incoerenza persino quando si tratta di della propria esperienza reale, arrivando a colpevolizzarsi per la propria condizione, figurarsi cosa si può ottenere quando si parla di avvenimenti del tutto al di fuori degli orizzonti comuni.

E’ per questo che il totale ribaltamento cognitivo  riguardo al medio oriente, anche quando riesce a penetrare l’opacità informativa, può essere ignorato o ancor peggio accettato senza alcun problema, dopo una strage inutile e ininterrotta da sette anni che tra l’altro ha reso ancor più intenso e disperato il dramma delle migrazioni.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

8 responses to “Niente domande per un verminaio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: