Annunci

Brigantaggio costituzionale

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Sta a noi trasformare la minaccia in promessa: se perdo, mi dimetto. Il suo “garante”, il suo proboviro personale, Verdini, ha commentato: se l’ha detto lo farà, lui ci mette la faccia ed è solito mantenere le promesse.

Non so se vi è capitato ultimamente di vedere uno di quei film sulla carriera di giovani teppisti che aspirando a diventare boss della malavita cementano la loro ascesa con reati e delitti, intimidazioni e prepotenze, ma agognano anche a piacere, a riscuotere fidelizzazione sia pure avvelenata dal ricatto e dall’abuso, ad avere consenso a Brooklyn, nell’East End di Londra,  nei paeselli natii, ma perfino alla Magliana.

I suggeritori del romanzo criminale del governo, più acculturati del giovane Arturo Ui, lo devono aver persuaso che la sua ascesa per diventare irresistibile, ha bisogno oltre che dei profitti e del sostegno non disinteressato del personale del racket dei cavolfiori, dell’applicazione dell’istituto del plebiscito, molto caro a chi nell’eterno avvitarsi della storia ha cercato conferme della sua personale svolta bonapartista, indifferente ai mezzi con i quali viene promossa  e autorizzata la sua affermazione autoritaria e repressiva, persuasivi grazie alla propaganda e a una stampa asservita, alla proprietà di mezzi di comunicazione, o garantita dalla coercizione e dalla forza. E infatti, lo stesso piccolo napoleone di Rignano lo rivendica, non si tratterà del pronunciamento su un rimaneggiamento della Carta destinato a valere negli anni, ma di un voto su un governo temporaneamente in carica,  dall’esito manipolato grazie a  una campagna referendaria segnata dall’egemonia incontrastata della compagine di governo, la stessa compromessa in affarismi e maneggi, con le stesse modalità di    una qualsiasi campagna elettorale a favore di una parte politica, e che farà valere la supremazia di chi dispone del potere, complice un’informazione ormai completamente allineata.

I burattinai o i Ghostwriter del premier finalmente liberi dalle limitazioni delle 140 battute, lo avranno ingolosito con i precedenti illustri: quello del 12 novembre 1933 quando il popolo tedesco venne chiamato ad esprimere due voti, contemporanei e distinti, per sì o per no, su due schede, l’una delle quali comprendeva il simbolo della lista dell’unico partito nazionalsocialista, l’altra la domanda rivolta al popolo se esso approvasse la politica del governo del Reich e se fosse pronto a dichiarare essere questa l’espressione dei suoi sentimenti e della sua volontà e a proclamare solennemente la propria adesione. Ancora meglio quello del 19 agosto 1934, dopo che il governo del Reich aveva il 2 agosto riunite le funzioni di presidente del Reich a quelle di cancelliere,  quando i cittadini furono “consultati” per  pronunciarsi per il sì o per il no su quella misura straordinaria ma “necessaria”, proprio come oggi ci vengono a dire che è necessario sostituire la democrazia partecipativa con  un sistema  di oligarchia, per finalità di “efficienza”, semplificazione, e di contrasto all’immobilismo che affligge il Paese.

O quello di De Gaulle, come se il bullo di Rignano fosse  il capo della Resistenza repubblicana che sbarca in Normandia al fatale momento della liberazione per mettere mano a un progetto costituzionale forte del passato e capace di guardare al futuro. Mentre questa “riforma” sciagurata, messa insieme frettolosamente da ignoranti di leggi, indifferenti ai diritti, incompetenti di politica, guarda di più a altre resistenze, quelle di Pacciardi,   Sogno,   Di Lorenzo, Junio Valerio Borghese, Licio Gelli, quelli del partito trasversale delle logge, dei golpe, delle trame, aiutati dai tanti che negli anni hanno cercato di mettere mano alla Costituzione e alla democrazia per adattarne principi e valori in favore  di governi e “personalità” grazie a bicamerali, commissioni di “saggi”, comitati e comitatini.

Se ne faccia una ragione, le svolte bonapartiste mostravano ai cittadini visioni, magari aberranti, contesti ideali, magari deplorevoli, ma che parlavano di interessi, di bisogni, di desideri. La sua è una prospettiva limitata a scegliere: o lui, o lui. In modo da colloquiare con la paura miserabile dell’ignoto, che pare abbia contagiato quelli che temono l’ideologia, soprattutto quella dell’alternativa, quella dell’utopia e quella della responsabilità, come se non puzzasse di più il quadro distopico che ispira un governo che attribuisce le sue perversioni a una Carta ingestibile, a un ceto tecnocratico che vuole razionalizzare il processo di occupazione dei posti strategici, grazie  all’accentramento a favore del potere centrale e a danno delle Regioni e, nello Stato, a favore dell’esecutivo a danno dei cittadini e della loro rappresentanza parlamentare, proprio quando è svanita la sua sovranità in virtù del trasferimento di competenze strategiche (pace, guerra, sicurezza, giustizia, economia) a poteri privati, opachi e irresponsabili. E che si vuole avvalere di una forma d’investitura popolare nella quale le elezioni vengono retrocesse da  pronunciamento per eleggere il Parlamento, a liturgia officiata per scegliere e investire un governo e il suo Capo.

Non siamo ben messi, da una parte i teppisti promossi da boss, dall’altra ragazzi disorientati da una spaesante elaborazione del lutto. È proprio ora di riprendersi la volontà e subito. A cominciare dal 17 aprile, non dando ragione a chi va al mare, quello che dovrebbero andare all’urna per cercare di proteggerlo, in nome della vanità di un referendum che verrà disatteso come quello dell’acqua (tradito platealmente a Arezzo, dove comitati di cittadini che avevano reso operativa l’abrogazione della “remunerazione del capitale investito” pagando dolo il dovuto, autoriducendo la bolletta, si sono visti tagliare i tubi), o che penalizzerebbe un’occupazione (limitata e lesiva dei principi di sicurezza e precauzione, numericamente imprecisata, senza dire che  le concessioni oggi attive scadranno tra il 2017 e il 2034 e che non sono messe in discussione le attività di manutenzione né, ovviamente, quelle di smantellamento e ripristino ambientale), o che sarebbe, e questa è l’obiezione più infame, già ampiamente superato per via delle norme contenute nella Legge di Stabilità (quando 9 delle 44 concessioni che riguardano la produzione di gas in quattro regioni: Emilia Romagna, Veneto, Abruzzo e Marche,  già scadute a fine 2015, alcune da mesi, altre da anni, addirittura dal 2009, e una volta presentata – senza ricevere risposta – la richiesta di proroga al Ministero della Guidi,  hanno continuato indisturbati a tenere in piedi le piattaforme e a operare).

Ha detto proprio ieri che la campagna elettorale lo attizza, accontentiamolo rendendola più eccitante, facciamola anche noi.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

2 responses to “Brigantaggio costituzionale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: