Annunci

Cry for you Argentina

ar1.jpg_825434843L’Argentina è la prova del nove della schizofrenia contemporanea, ossia della separazione tra narrazione di potere e realtà, tra opinione pubblica e informazione, tra conoscenza e mitologia economica, tra logica e politica. Ed è un esempio abbastanza lontano e al contempo abbastanza vicino a noi per esaminarne i sintomi e le piaghe. Il presidente Macrì, discepolo di Washington e del liberismo è in carica da tre mesi e già sono cominciati i licenziamenti nell’amministrazione e l’apparente opera di sistemazione del debito con l’aumento delle tariffe e dei servizi del 300 per cento in media, ma addirittura del 500% per l’acqua. Il tutto esaltato d stampa e televisioni  – mentre a Buenos Aires venivano accolti  prima Hollande e poi Obama in veste di capo Milonga  – come volontà di  far apparire l’Argentina come Paese normalizzato, affidabile, aperto alle acquisizioni straniere (con relativi e immancabili tagli di posti di lavoro oltre che di salario, come hanno già annunciato alcune corporation statunitensi intenzionate ad acquistare asset industriali argentini)  e pronto  a far ripartire il motore economico. Come un toccasana insomma.

Ora però sappiamo che le cose non funzionano affatto così se non sui manuali della scuola di Chicago e sulle loro tabelle manipolate e falsificate, che la natura endemica della crisi va ricercata in meccanismi di intervento studiati apposta per non fare ciò che si dovrebbe fare, ossia stimolare la domanda aggregata. Una cosa che le oligarchie globali dell’occidente respingono in quanto portatrice di risveglio politico e dunque pericolosa per gli assetti egemoni acquisiti dal potere capital finanziario. Tutto questo è ampiamente noto o comunque tema di dibattito, anche in Argentina che ha già avuto un default seguendo i “consigli” dell’Fmi, praticamente in sintonia con ciò che sta facendo Macrì e che si è faticosamente ripresa in dieci anni, nonostante i continui sabotaggi, proprio cambiando strada di 180 gradi: eppure gli elettori  si sono fatti prendere egualmente nella rete delle parole d’ordine e di narrazioni abusate. Il perché non è difficile da capire: non si tratta soltanto del potere dei media e del loro impatto, ma anche di una mentalità ossessionata dal presente, incapace di una memoria efficace e di vedere le cose in prospettiva. Se appena qualcosa va male questa sindrome da mancanza di progetto e visione sociale, subito induce a cambiare cavallo fosse anche un ronzino, a salire sul carro che già una volta si è ribaltato oppure a continuare su una strada che porta al disastro.

E’ questa l’antropologia che induce lo stato letargico del pensiero politico che poi, con la complicità di un’informazione salmodiante e rituale, sempre uguale a se stessa,  ci fa cadere in qualsiasi trappola, anche la più rozza, bolsa e in contrasto con l’esperienza. Adesso certo ci sono le manifestazioni di protesta la più grande delle quali ha accolto l’arrivo di Obama, si organizzano comitati di difesa contro l’aumento delle tariffe, come se non si avesse la minima idea che i discorsi di Macrì avrebbero portato esattamente a questo.

 

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

One response to “Cry for you Argentina

  • apoforeti

    L’ha ribloggato su terzapaginae ha commentato:
    Una cosa che le oligarchie globali dell’occidente respingono in quanto portatrice di risveglio politico e dunque pericolosa per gli assetti egemoni acquisiti dal potere capital finanziario.

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: