Annunci

Il compianto e il silenzio della ragione

 Anna Lombroso per il Simplicissimus

A circolare nella rete, che si sia modesti autori di post o compulsivi incollatori di link, gattini o jingle, l’impressione che se ne trae è che le reazioni ai fatti di Parigi sia talmente emotiva da diventare ideologica, che la paura e i processi scaramantici che mettiamo in atto inconsciamente si traducano in convinzioni morali e politiche. Insomma, il peggio che ci possa capitare:  la premessa velenosa perché il comportamento richiesto dagli avvenimenti e da chi li traduce e li condiziona non sia razionale, ma infarcito di totem – quelli della civiltà minacciata – e tabù, l’Islam, il fanatismo barbaro, l’assassinio, una forma di morte che si immagina non debba mai capitare a noi.

E infatti la tendenza in voga è quella di reclamare silenzio, una specie di de profundis muto da officiare come tributo ai morti e come lapide sulla  riflessione in merito a  colpe, responsabilità, storia. E quindi sulla possibilità per ognuno di noi di reagire, di contribuire per non accettare supinamente scelte fatte passare sulle nostre teste, che sono poi quelle che potrebbero cadere – è ormai dimostrato – ben prima di quelle di monarchi e tiranni. Un altro orientamento in voga  è rappresentato dall’obbligo che si pretende,  sempre nel rispetto delle vittime, di anteporre o meglio ancora di sostituire ad ogni analisi, ad ogni storicizzazione, ad ogni critica, la condanna dei macellai, senza la quale si potrebbe essere legittimamente tacciati via via di buonismo, criminale indulgenza, fino a esplicita correità. Di un atteggiamento a dir poco debosciato, disfattista, per non dire codardo e degenerato, mentre gli eventi chiamano alle armi, alla lotta contro la religione oscurantista, i suoi profeti e i suoi carnefici missionari. Il che ricorda da vicino altre professioni di fede: non sono razzista, ma i rom .., non sono xenofobo, ma sono troppi .., adoro la Sicilia e  vado in vacanza a Taormina, però non hanno la nostra dedizione al lavoro … secondo quella  logica dei “distinguo” che produce omologazione perfino dove governa la signora con la falce, a dimostrazione che ormai nemmeno ‘a livella usa criteri ugualitari e i morti di Kabul, Beirut, della Nigeria o della Siria è “naturale”  che si piangano meno dei “nostri”, che pescatori ammazzati non abbiano  diritto alla giustizia, quella delle corti e dei tribunali,  quanto i marò che hanno sparato e così via in una obliqua rivendicazione di superiorità, avallata dal  sedicente scontro di civiltà.

Nulla avviene per caso e non può non nascere il verosimile sospetto  che l’abiura della “storicizzazione”, la rinuncia all’analisi, la capitolazione del pensiero e del giudizio prevedano la possibilità di chi tesaurizza il letargo e la delega, di far fruttare al meglio la partecipazione emotiva e i contenuti simbolici del lutto per ricavarne utili propagandistici, politici, culturali. E infatti come c’era da aspettarsi per molti e non solo oltralpe, è il momento della vendetta che comanda l’oscuramento della giustizia, dell’ordine che impone rinunce, della sicurezza che obbliga alla dismissione di libertà,  secondo regole e criteri già vigenti da tempo, da quando il ricatto rientra tra gli strumenti per governare, l’intimidazione è un’arma usata nella negoziazione perlopiù unilaterale tra parti sociali, la repressione delle opposizioni in parlamento e in piazza una inderogabile difesa nei confronti di chi vuole fermare la crescita, una stampa imbavagliata come ubbidiente altoparlante di veline e tweet di regime.

Se qualcosa cambia , è perché adesso c’è un motivo “superiore”, un’emergenza più stringente per limitare gli spazi di autonomia e libertà. Ma soprattutto per farci accettare come ineluttabili e fatali le scelte di chi ci ha governato e ci governa  e che in nome di una ritrovata unità di intenti ci fa imboccare definitivamente una strada xenofoba, razzista e guerrafondaia, spacciata ancora una volta per “necessità” e spianata da coalizioni che nominalmente si ispirano alla socialdemocrazia, e che ci persuade ogni giorno, anche grazie a quella condanna preventiva che dobbiamo ripetere come un mantra, che i droni che uccidono in  Afghanistan,  in Iraq, secondo, pare, un rapporto di nove civili per ogni terrorista “eliminato,  sono più  buoni dei terroristi islamici, che quelle vittime  sono  meno vittime, che quelle morti hanno un catartico effetto pacificatore, a cominciare da quello delle nostre coscienze.

Proprio grazie all’anatema, proprio grazie allo scontro tra civiltà e religioni, cui paradossalmente l’unico capo di Stato intenzionato a sottrarsi pare essere il Papa, possiamo in tutta tranquillità dimenticare che in questa guerra, che è stata acutamente definita “nomade,  polimorfa, dissimmetrica”,  le popolazioni del Mediterraneo diventano ostaggi come le vittime degli attentati di Parigi, dopo Madrid, Londra, Mosca, Tunisi, Ankara, anche se le sue radici affondano nella rivalità  fra Stati che aspirano tutti all’egemonia regionale e se  in essa c’è la resa di tutti i conti non saldati delle colonizzazioni e degli imperialismi: minoranze oppresse, frontiere disegnate arbitrariamente, risorse espropriate, zone di influenza oggetto di disputa, opulenti e infami contratti di fornitura di armamenti, quelli che il nostro premier come un piazzista è andato a favorire in un recente viaggio in Arabia Saudita, finanziatore privilegiata dell’Isis, o quelli della vendita di cacciabombardieri al Kuwait.

E infatti a una di quelle cene dei grandi rotary planetari, di una di quelle cupole che compiono crimini eleganti e beneducati, proprio il giovinastro di Rignano, insolitamente cauto, ha fatto capire che per placare «odi teologici» millenari serve più business, sic,  da esportare nei teatri di guerra, in modo da sostituire profittevolmente Allah con il dio mercato. Per carità, conoscendolo, c’è da dubitare che si  sia convinto perfino lui che dietro a ogni conflitto ben oltre la religione,  si agiti sempre  un «substrato» di oppressioni, conflitti di potere, strategie economiche, l’eterno conflitto tra ricchezze troppo grandi e troppo grandi miserie.  No, è che come un tempo Adam Smith, e poi via via il pensiero liberale sussiste la consolatoria convinzione che la manina della provvidenza faccia cadere un po’ di polverina del benessere inviato in terra per chi ha anche sulle teste chine di chi invece ha sempre di meno. O quella che si possa propagare un benefico contagio dei valori occidentali:  consumi, Tv, rock, master chef, coca cola, che convinca anche i più riottosi fanatici della bellezza del capitalismo.

Il bullo non sa e non vuol sapere che gli assassini,  molti dei quali residenti da generazioni degli imperi del benessere, le sinistre virtù del capitalismo le conoscono bene, a differenza dei loro popoli di origine ne approfittano, ben foraggiati, finanziati, armati dai suoi governi, al servizio esplicito o occulto degli stessi padroni. E non gliene importa un bel nulla dei rifugiati che cercano asilo o trovano la morte a migliaia a poca distanza dalle coste dell’Europa, dei  curdi presi di mira dall’esercito turco, dei  cittadini dei paesi arabi, tutti ugualmente vittime e ostaggi, sotto la pressione di un tallone di ferro fatto di terrore di Stato, di  jihadismo fanatico, di bombardamenti di potenze straniere.

Se c’è una lezione orrendamente pedagogica che viene da questi giorni di paura, deve essere quella di non smettere di pensare, di capire, di voler vedere, per non arrendersi al destino di vittime.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

2 responses to “Il compianto e il silenzio della ragione

  • Roberto Casiraghi

    Il problema è che se l’analisi razionale che vede chiaramente le manipolazioni che avvengono in questi anni si basa su fatti ormai consegnati alla storia che vengono dati per acquisiti, per certi, senza alcun bisogno di riesaminarli criticamente proprio alla luce della scoperta di quanto ampia, universale e profonda sia la manipolazione oggi, i risultati saranno inevitabilmente limitati. È solo quando si smette di pensare che la manipolazione sia una cosa degli ultimi anni o decenni e se ne identifica la struttura logica, quello che metaforicamente potremmo definirne il DNA, che allora si scopre che il passato è tutt’altro che innocente, è tutt’altro che consegnato alla storia nel senso che la storia stessa contiene quel DNA e, riesaminata criticamente, rivela di essere null’altro che il risultato di manipolazioni dimostrabilissime. Alla fine la debolezza dell’impianto storiografico classico è che è anch’esso basato fideisticamente sul presupposto che le fonti non mentono, esattamente come oggi il popolo degli abbeverati sorbisce con fiducia qualsiasi spiegazione o mancanza di essa che la tv o internet gli propinano. Ma le fonti o sono documenti che inglobano già le menzogne e le omissioni, le mettono in bella copia per così dire, o sono, più spesso, libri di storici che hanno già aggiunto alle menzogne e omissioni di base contenute nei documenti un proprio frottolario variegato e lussureggiante più un’altrettanto copiosa dose di silenzi e omissis di cui il lettore non si accorge perché “si fida”.
    Questo errore da solo porterebbe a dire che la cultura non è mai esistita se non nelle sue diramazioni artistiche e tecniche, cultura come arte e come tecnologia, ma non cultura come conoscenza storica, politica e scientifica. Sì, perché mentre la tecnologia almeno funziona, neppure della scienza ci si può più fidare se non nella parte che viene avvalorata e finché viene avvalorata, appunto, dai risultati inequivocabili della tecnologia. In altri termini, se da ragazzo leggevo con credulo stupore delle conseguenze paradossali della teoria della relatività, oggi non ho più un’opinione così positiva di Einstein e combriccola. Fidarsi è letale per il raziocinio, e per tornare all’argomento, ripercorrere la storia metro per metro alla ricerca delle contraddizioni sarebbe il lavoro da fare urgentemente. Purtroppo anche gli spiriti più acuminati non sentono, a quanto pare, questa esigenza e continua ad andare più che bene il mondo che c’era prima, come se gli anni che ci sono sembrati belli e progressivi non avessero dentro di sé lo stesso codice genetico che oggi produce il ballismo elevato a sistema e che ieri produsse lo schiavismo e i servi della gleba, peraltro mai abbandonati ma solo passati sotto silenzio o riconvertiti lessicalmente in modo da non sembrare la bruttura che sono. Di qui una sorta di rimpianto per il passato che è ingiustificato perché quello che ci sembrò bello fu un momento tattico in cui il capitalismo mondiale ci “sviluppò” per i suoi interessi, fece anche i nostri di interessi, certamente, ma solo per quel breve tratto di strada. Aprire gli occhi, dunque, non significa solo capire che la realtà si sta trasformando in un’invenzione rutilante di eventi taroccati ad alto potere distrattivo, oltre che distruttivo, ma anche arrivare a discernere gli eventi taroccati anche nel nostro recente e meno recente passato anziché continuare a considerarli come elementi intoccabili e, addirittura, fondamento della nostra identità civile.

    Liked by 1 persona

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: