fabrizio-barca-2Lo scherzo che La Zanzara ha fatto a Fabrizio Barca vale molto di più del segreto di pulcinella che ha svelato, ovvero che dietro la decapitazione di Letta e l’ascesa di Renzi al soglio di Palazzo Chigi ci sia anche De Benedetti e dunque il gruppo editoriale che possiede. Non era un segreto, bastava leggere. Così come non desta stupore che il tentativo di convincere Barca a far parte della squadra del guappo fiorentino, come copertura “di sinistra”, sia passato attraverso i servigi di una illustre e indipendentissima giornalista in forza al gruppo. L’Italia è così e forse non dovrebbe sorprendere o creare incredulità il fatto che stessa dinamica agisca anche per tentare di mandare a Strasburgo qualche moderato centrista con l’etichetta ideale della sinistra. Parola ormai così compromettente che, a scanso di equivoci, non compare in nessuno dei simboli ideati per l’occasione.

Il finto Vendola che ha indotto Barca a svelare le pressioni fatte nemmeno da Renzi in persona, ma per suo conto, ha strappato all’ex ministro parole molto più interessanti di questi antichi e intuibili giochi sottobanco. Parole che naturalmente non compaiono nei titoli e tanto meno nei testi on line. Invece sono la sostanza del discorso. Perché Barca non accetta il posto di ministro all’Economia? “Perché – riferisce al falso Vendola – nemmeno una volta  mi hanno chiesto: ma se lo fai, cosa fai? Se io dico che voglio fare una patrimoniale da 400 miliardi, cosa che secondo me va fatta, tu cosa rispondi? Mi dici che va bene?”  Ma Matteo ti ha detto qualcosa?, domanda il Vendola vocale. “No, tutto questo non capendo neanche le persone. Se mi chiami ci vediamo mezz’ora, ti do qualche  consiglio. Invece tutto attraverso terzi, quarti, quinti, un imprenditore”

Si tratta ben di più di una questione di metodo e di forma, perché rappresenta molto bene lo stato di confusione nella quale si intrecciano ambizioni, pressioni e interessi inconfessabili. C’è una spaventosa sostanza che tiene lontano Barca dal governo: “Nichi, c’è un livello di avventurismo. Non essendoci un’idea, siamo agli slogan. Questo mi rattrista, sto male, sono preoccupatissimo perché lo sfarinamento è impressionante”.

Eh si il Paese, le istituzioni si stanno sfarinando, ma lo si può dire solo facendo uno scherzo: è solo quando si fa finta di parlare seriamente che si raccontano le barzellette.