Stracquadanio, epitaffio su una poltrona vuota

maxresdefaultAvvengono cose straordinarie in un Paese che esorcizza la morte e perciò stesso ne fa una livella morale e una negazione della vita vissuta dai cari estinti. Così la scomparsa di Straquadanio  fa scoprire orizzonti inesplorati  e insospettabili del personaggio  «politico appassionato e uomo dalla rara intelligenza e sensibilità», come dice Brunetta. Credo che rallegrarsi della sua morte sia davvero da poveri di spirito e tuttavia non si può nemmeno dimenticare d’un botto come egli sia quello di “chi guadagna 500 euro al mese è un sfigato” o quello che voleva le leggi ad personam, invocava il trattamento Boffo contro Fini, non voleva il voto di preferenza (in buona compagnia a quanto sembra), diceva che L’Aquila “stava morendo indipendentemente dal terremoto e il terremoto ne ha certificato la morte civile“, quello che considerava con favore la prostituzione come strumento per la carriera politica.

Tutto insomma pur dimostrare una sgangherata fedeltà a patron Berlusconi da cui si separò solo quando ritenne a torto che sarebbe affondato affidandosi incautamente a Monti. E in questo, come nel resto, Straquadanio meriterebbe a pieno titolo di comparire in un affresco della politica italiana di cui riassume pienamente la tendenza all’opportunismo, alla cialtroneria, al servilismo come approdo della mancanza di veri e concreti ideali, in quella confusione retrograda tra carriere e fini, in cui le prime diventano i secondi.  Poi certo aveva una notevole vis polemica e una tendenza anti banale  che a un livello assai più rozzo condivideva con Ferrara e che ne avevano fatto un personaggio dalle oscure origini di attivista radicale e di portaborse per la lista antiprobizionista di Tiziana Maiolo.

Anche lui un regalo dell’ambiente pannelliano da cui derivano i personaggi più diversi da Ainis alla Roccella a Della Vedova, Taradash, Panebianco, Teodori, Ignazi, Rutelli, Calderisi, Quagliarello, Pera, Giachetti, dall’ Ur Scafari a Vattimo, Fernanda Pivano, Tinto Brass, Chiaberghe. Quasi tutti, salvo qualche eccezione, finiti nel calderone berlusconiano: una dimostrazione di come certi riferimenti alle libertà personali erano intese in assenza se non in contrapposizione alle libertà sociali o di come i radicali abbiano rappresentato, in un certo periodo, l’opportunità di “essere contro” senza pagare alcun dazio né materiale, né ideologico.

Quindi la storia di Stracquadanio è dentro questo solco dove opportunismo, ambizioni, abilità manovriere, mancanza di idee chiare e distinte, esiguità delle speranze, si fondono nelle carriere della politica. Così che l’epitaffio è semplice: fu uno dei molti per non essere molto.

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

2 responses to “Stracquadanio, epitaffio su una poltrona vuota

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: