Annunci

Archivi tag: colonialismo

Schiavi contro schiavi

imagesschAnna Lombroso per il Simplicissimus

Pensavate che sarebbero stati zitti, sperando che quelle immagini invecchiassero rapidamente come tutta la merce del web, che i fan dell’aiutiamoli a casa loro, tra il manovratore delle ruspe, come l’ex premier irriducibile  innamorato della cooperazione allo sviluppo nostalgica di Forte e Boniver, quando comandava uno degli astri del suo gotha, come il ministro più popolare del governo, deciso a portare il suo Daspo anche oltremare, come la ministra  più munifica in investimenti per armamenti sia pure taroccati, convinta che la pace si ottiene solo muovendo  guerra?

Macchè, da buoni cattivisti dopo il primo pietoso compianto cristiano – in netta contrapposizione col credo feroce degli schiavisti sicuramente islamici, hanno già cominciato a dichiarare compuntamente    che in fondo è meglio “venduti e comprati” che morti annegati, meglio servi senza paga, ma vicino a casa che sottomessi ai caporali in terra straniera, e che, comunque, stanno male anche tanti di noi,   senza lavoro, senza casa, senza cure.

Ormai le disuguaglianze segnano talmente il nostro tempo che oltre alle differenze delle esistenze che regnano tra i sorteggiati della lotteria della vita, siamo soggetti anche alle difformità della morte, vittime di attentati in Europa un bel po’ più su in graduatoria dei civili di Aleppo, scolaretti sparati nello svolgersi del sogno americano in Texas o Indiana, molti gradini più in altro di bambini senza nome annegati vicino alle nostre coste.

E ci siamo abituati pure alle gerarchie di diritti, dignità e libertà, considerati prerogative  e appannaggio delle geografie della civiltà superiore e dei suoi nativi, beatamente letargici e cullati dalla illusoria convinzione che a loro non potrà mai succedere. E nell’altrettanto ingannevole certezza che finalmente è arrivato l’indispensabile uomo forte, che ci risparmia  da invasioni epocali, da esodi insostenibili, e in sovrappiù ci esonera  dall’accusa vergognosa di essere xenofobi e razzisti, tenendo lontano da noi perfino il rischio  morale.

E vi pareva che non avrebbe riscosso consenso plebiscitario l’autoritario dirigista  incaricato dalla provvidenza  di tutelare il decoro occidentale compromesso dai poveracci in ogni latitudine, delegato a stringere patti diplomatici e commerciali con   despoti sanguinari, gradito perfino agli oppositori di partito, illuminati dal raggio del suo decisionismo, coerente con abitudini a trattative opache con disparate tipologie di poteri criminali, mafia o  tiranni messi su  troni mai abbastanza traballanti  dall’impero e i suoi commissari, dietro le quali ferve l’attivismo di imprese in odor di colonialismo, corruzione, spaccio di armi, malaffare da esportare sotto ogni bandiera.

E vi pareva che per mesi non sarebbe stata decantata la sua capacità ed efficienza nel bloccare i molesti sbarchi alla faccia dei soliti disfattisti, che sapevano bene che quelli che non partivano erano intimiditi, minacciati, reclusi in lager, oggetto di torture e sevizie, deportati nel deserto, informazioni queste accessibili a chiunque non voglia fermarsi a sentire invece di ascoltare e guardare invece che a vedere.

E adesso è già ripresa la solita lagna del siamo stati lasciati soli  da un’Europa cui abbiamo giurato ubbidienza e servitù, ma volontaria a differenza degli schiavi della tratta libica, tanto che mai abbiamo avuto il coraggio di dire no, di spezzare le catene dei fiscal compact, di reclamare la restituzione di quanto diamo agli strozzini per pagarci l’ammissione e mantenere l’iscrizione al club, di riappropriarci della sovranità estorta con minacce e ricatti del racket, che pretende il sacrificio di democrazie e autodeterminazione sull’altare  di una  élite (gruppi dominanti di finanza, banche, multinazionali, lobby)  che ha prodotto una deterritorializzazione, una denazionalizzazione, una fluidificazione del potere che affida alle classi dirigenti “cartografiche” e alle loro campagne elettorali compiti esecutivi di killeraggio e massacro sociale.

Soli ci avevano già lasciati da tempo, trattandoci da espressione geografica pigra, indolente e cialtrona, da sud codardo e accidioso condannato ad annettersi a continenti sfruttati e depredati per la creazione di un bacino di subalterni fino alla schiavitù, un esercito da spostare qua e là in perenni migrazioni dove il dio mercato chiama.

Non possiamo chiamarci fuori, non verremo assolti per la nostra correità solo perché siamo inconsapevoli vittime,  se già ci facciamo comprare e vendere, se continueremo a crederci padroni di noi stessi e liberi e migliori, quando accettiamo lo stesso destino e subiamo la stessa infamia di quelle vite nude oltre il Mediterraneo. Oggi a loro domani a noi, con un domani che è già qui.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

E adesso povero sorcio

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Quando penso agli italiani che ogni giorno si sentono minacciati nella loro identità e nella loro appartenenza a una civiltà con annesso stile di vita superiore, da etnie, abitudini e tradizioni incompatibili a loro dire con democrazia, libertà individuale, progresso, invece di prendersela con i loro carnefici, me li immagino come topini di laboratorio costretti a arrampicarsi su e giù per le scalette delle loro gabbie sempre meno dorate, pungolati nella loro dissennata corsa da rate, mutui, bollette e i mille capestri pensati per avvilirli, annientarne forza e indipendenza, ricattarli e impoverirli per farne sudditi annichiliti e animali spossati dal loro inutile affannarsi.

Adesso mi succede di vederne una nuova di cavia che si agita, corre su e giù, lancia squittii ormai inascoltati pensando siano ruggiti.  Perché non si tratta di un leone ferito e nemmeno di un cinghialone morente, è un sorcio che non ha conosciuto nobiltà nella vittoria e che mostra la sua miseria nella disfatta.

Non dirò povero Renzi nel vedere la sua ricerca di prove della sua esistenza, della possibilità, ormai remota, di resurrezione mentre insegue l’aborrito populismo, lancia risibili editti e scomuniche, invoca misure poliziesche, repressione e respingimento, o  cerca tribune e platee sempre meno influenti e sempre più ridotte, che, doveva saperlo, altri topi che aveva intorno hanno abbandonato da tempo la nave, fossero famigli per loro natura sleali, compagni di merende che ritengono di non aver mangiato abbastanza, affini e quindi come lui dediti a tradimento e abiura, celebrati censori a mezzo servizio e augusti giustizieri che si accorgono solo ora della trama oscura di misfatti nella quale agivano l’illustre babbo e l’acclamato amichetto del cuore.

Non dirò povero Renzi! di uno dei peggiori prodotti commerciali ridotto a esibirsi sugli scaffali dell’outlet della politica. Troppo dobbiamo imputargli: essere stato l’esecutore solerte di quella strategia che ha combinato debito pubblico sempre più ingente e impoverimento sempre più diffuso e devastante per esercitare un controllo sociale definitivo, con l’aiuto di misure e leggi speciali, il rafforzamento artificiale dell’esecutivo, lo smantellamento della rete dei controlli e l’esautoramento del parlamento, mentre diventavamo sempre più labili influenza e autorevolezza degli stadi intermedi, sindacati, stampa, organismi rappresentativi e partecipativi. A lui e alla sua cerchia di ministri si deve la poderosa ripresa in grande stile del sacco del territorio grazie al miserabile impegno investito nella difesa e protezione (dei 9 miliardi venduti ai giornali dallo sfrontato dittatorello due anni fa, sono stati trasferiti alle regioni solo 110 milioni), in virtù della priorità data sulla carta e non solo a megalomani progetti, già costosi nella fase di annuncio perché mettono in moto spese e  appetiti, perché promuovono alleanze scellerate tra imprese e amministratori creando le condizioni per corruzione e voto di scambio, mediante leggi che prevedono l’alienazione del bene comune attribuendo rilevanza alla rendita e alla proprietà privata. A lui dobbiamo la riforma  che ha mostrato inequivocabilmente  l’intento di cancellare  il lavoro per ripristinare le condizioni della schiavitù, con i suoi ricatti, l’intimidazione, la fine di valori legati a aspirazioni, talenti, vocazione e il volontariato obbligatorio  per  consolidare l’unico diritto sopravvissuto quello alla fatica, ma precaria, incerta, condizionata da racket e caporalato.  È stato lui il “demiurgo corrotto” che ha soffiato vita in banche intossicate, le stesse che mentre derubano i risparmiatori, riciclano indisturbate il “denaro sporco”, di cui droga, prostituzione, caporalato, traffico di esseri umani sono l’alimento, nell’intreccio velenoso di capitale finanziario e malavita.

Non dirò povero Renzi! Per carità. Se lo meritava di restare solo da quando, come avviene per i caratteri naturalmente distruttivi, ha messo in piedi la recita del guerriero solitario in lotta contro il male, del cavaliere senza paura che agisce per il bene rappresentato dal cambiamento e si attende il giusto riconoscimento tramite incoronazione referendaria, dell’avventuriero che sfida regole e leggi per far trionfare il suo progetto.

E mai vorrei cadere nella trappola di quei fini osservatori del costume nazionale già molto attivi, che a ogni caduta di despota, quando la testa rotola giù dal busto marmoreo ne approfitta non per denunciarne le colpe, ma per metterci sul lettino dello psicoanalista esprimendo schizzinosa deplorazione per la plebe ingrata, per il popolo incline per natura a omaggiare il potente e denigrarne la figura postuma, per la massa infida e la sua indole a servilismo e conformismo, che le stesse alate penne hanno alimentato e consolidato, contribuendo a creare l’icona positiva del vincente che si batte contro velleità e critiche di frustrati, parrucconi, disfattisti. È che bisogna guardarsi da chi trasforma le responsabilità del potere in colpe collettive, in chi manovra la livella in modo che criminali e vittime si mescolino, corruttori e comprati, imbonitori e creduloni accomunati dagli stessi vizi che una angusta antropologia attribuisce alla nostra identità nazionale.

Su un sentimento provo una lontana affinità con Renzi e i suoi: se ci hanno odiato tanto, è legittimo che lo stesso odio lo riserviamo a loro.

 


Mamma mia!

Anna Lombroso per il Smplicissimus

Possono stare tranquille  quelle categorie che temevano di essere neglette e trascurate. Anche loro avranno diritto al loro dipartimento del Pd dedicato, a condizione però che il loro status e i conseguenti benefici che ne potrebbero derivare siano confermati da una consacrazione officiata a suon di dopobarba, cognac e cioccolatini, siano papà, segmento di pubblico particolarmente considerato e  celebrato di questi tempi per i meriti conquistati con i loro insegnamenti di vita, nonni, irrinunciabili per via del loro ruolo sostitutivo di servizi e accudimento, donne con speciale attenzione per quelle che avverano il proverbiale auspicio: la piasa, la tasa e la staga in casa, salvo alcune incidentali eccezioni che comunque rispettano il primo dei tre comandamenti piacendo tanto da meritare sconsiderati abbracci con l’ammissione  a compagini moralmente ineccepibili, rifugiati a stabilire una volta per tutte che si tratta degli unici ospiti tollerati.

Da anni avevo fatto mio un verso di Enzensberger: ai tempi del fascismo non sapevo di vivere ai tempi del fascismo. Mi ricredo, oggi ci vengono offerti innumerevoli indicatori che non ci concedono ignoranza o inconsapevolezza e ci impongono di tenere gli occhi bene aperti: provvedimenti repressivi che moltiplicano e incrementano le disuguaglianze, misure indirizzate a rafforzare l’egemonia di poteri proprietari, leggi corrotte per praticare la necessaria indulgenza nei confronti di corruzione, clientelismo, familismo largamente legittimato per gente molto in alto e elargito come ultima difesa autorizzata per poveracci, sessismo, razzismo e xenofobia sdoganati come tutela sociale e identitaria degli autoctoni contro le invasioni barbariche, autoritarismo applicato col rafforzamento del regime e la cancellazione di stati intermedi, della rappresentanza e  della partecipazione, alimentazione della paura per favorire il governo del ricatto, dell’intimidazione e della volontaria rinuncia a diritti e conquiste in nome di una malinteso stato di necessità, come tante volte capita di scrivere in questo blog (ultimamente anche qui: https://ilsimplicissimus2.com/2017/07/18/disgraziani-di-regime/)

Si tratta di interventi scopertamente intesi a spargere i gas di una propaganda che non si perita più di nascondere la vera natura di un regime che da noi assume le fattezze delle sciagurate icone del passato, generali a tavolino smaniosi di vestire divise, stivaloni e pennacchi per andare portare in giro la superiore civiltà grazie a alleanze sventurate con tiranni feroci, federali aspiranti a diventare sceriffi, spioni da condominio  in attesa di salvaguardare la nostra cyber sicurezza, personaggi insomma che confermano la vena nazionale a combinare farsa e tragedia, il ridicolo con il drammatico, come certe giovani italiane di oggi, nemmeno giustificate dall’età, certe “petaccine” che circolano dei talk show, nelle assise del partito unico e purtroppo anche in parlamento, pronte a dare le fedi per armare la guerra indispensabile a garantire la pace secondo la Pinotti, a brandire libro e moschetto di quella Buona Scuola che deve addestrare gli ubbidienti Balilla di oggi e domani, e,  finalmente, impegnante ripopolare la nazione, dedite al sacrificio come Cornelia, orgogliose  figliare e fiere di ridare vigore, meglio se virile, alla progenie avita e alla razza italica minacciata dall’osceno meticciato.  Incarichi cruciali e delicatissimi quelli di madre, da svolgere come succedeva nelle caverne di Altamira, mentre i babbi cacciano, fanno la guerra, scopano in giro per distrarsi come è concesso antropologicamente ai maschi di tutte le latitudini, portano a casa i danè, dettano le regole sennò sono botte, rifacendosi così delle umiliazioni che subiscono quando sono fuori dalla grotta.

Nessuno, a cominciare dalle mamme,  potrà dire adesso che non sapeva di essere tornato sotto il fascismo.

 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: