Annunci

Archivi tag: alta velocità

Tav, l’Inutile che piace agli Inutili

Tav, il cantiere di Saint Martin de la PorteAnna Lombroso per il Simplicissimus

Cito dal Corriere: “Oggi il professor Marco Ponti, presidente della commissione che ha prodotto l’analisi costi- benefici sulla Tav verrà audito in commissione Trasporti alla Camera: «Sono contento, credo di aver fatto un buon lavoro…», sarà il suo incipit”. L’autorevolezza del documento che declassa l’alta velocità ferroviaria Torino-Lione a opera inutile, dalla «redditività impalpabile», troppo costosa al punto da «produrre perdite per 7 miliardi di euro», è stata già aprioristicamente  impugnata da Francia e Ue bollandolo quale “verdetto annunciato” con “l’illusione ottica dell’obiettività”: un teorema prodotto «a uso interno del governo», o meglio di quella parte che aveva bisogno di spendere la moneta politica di un dossier in un clima politico assurto, cito ancora la prestigiosa testata, a “fuoco amico elevato a prassi ordinaria che rende facile anche individuare le prossime scorribande a portata di mano dell’anima più oltranzista dei 5 Stelle …. Il guaio è che in questa storia di ripicche e di concorrenza elettorale, di Tav azzerate e di navigator senza patente nautica, ci va di mezzo il Paese”.

E infatti il capogruppo della Lega  alla Camera Riccardo Molinari, ha definito la cancellazione della Tav «un’ipotesi non percorribile»,  subito imitato dal presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, che mette sul tavolo il dato dei «50 mila posti di lavoro a rischio», in totale sintonia con Cgil-Cisl e Uil: «Vanno garantiti gli investimenti già fatti», ricordano  inviando a Palazzo Chigi le immagini dei 200 mila di piazza San Giovanni, che non dovevano aver capito che con la gita a Roma sottoscrivevano anche il sostegno alla Tav e l’adesione alla scelta politica di Salvini.

Insomma è andata come previsto, eppure tutti sembrano sorpresi più che dalla sfrontatezza conservatrice dei 5Stelle che vogliono ostacolare il progresso e mettere a rischio la nostra reputazione di Paese moderno leader nel consesso mondiale, dalle conclusioni cui arrivano i tecnici chiamati a pronunciarsi. Come se i resistenti della Val di Susa  fossero dei  terroristi situazionisti, o dei montanari rozzi forti solo della loro cultura contadina, interpreti in odor di animismo di fenomeni naturali, fasi lunari e gravidanze, abbaiare dei cani e alluvioni, volo d’uccelli e terremoti. E come se fossero altrettanto inaffidabili quanto strumentali  le affermazioni contenute in un rapporto commissionato da un precedente governo  In un documento  di “Verifica del modello di esercizio per la tratta nazionale lato Italia – Fase 1 – 2030”   prodotto dall’Osservatorio Torino – Lione  nel quale gli stessi tecnici incaricati da Palazzo Chigi fanno marcia indietro,   ribaltano  tutti i presupposti presi a pretesto per la realizzazione ad ogni costo della grande opera e ammettendo che è di fatto inutile perché la linea già esistente non solo è ampiamente sufficiente ma sovradimensionata: “Non c’è dubbio, infatti, che molte previsioni fatte quasi 10 anni fa, in assoluta buona fede, anche appoggiandosi a previsioni ufficiali dell’Unione Europea, siano state smentite dai fatti, soprattutto per effetto della grave crisi economica di questi anni, che ha portato anche a nuovi obiettivi per la società, nei trasporti declinabili nel perseguimento di sicurezza, qualità, efficienza”.

Il fatto è  che numeri, analisi, dati, previsioni, fino ad oggi avevano la stessa credibilità degli oroscopi di Branco, delle profezie dalla Pizia, delle superstizioni dei montanari, dei pronostici del lotto in Tv e delle assegnazioni delle agenzie di rating.  Non si conosce l’entità  definitiva del costo dell’opera e nemmeno quella dell’attuale stato di avanzamento, meno che mai è possibile quantificare a quanto ammonterebbero le spese in caso di scioglimento dei contratti già stipulati, un calcolo che attiene più a Nostradamus che al parere dell’Avvocatura dello Stato che pare non sia in grado di quantificarlo dopo una prima di ipotesi di 400 milioni di euro, poca cosa se dovessimo fare un conto della serva di quanto si dovrebbe investire per il completamento dell’intervento.

E resta nel contesto della radiose e immaginifiche visioni di un ideologia che ha sostituito la democrazia con il  modernismo, il socialismo con il progressismo come sempre è accaduto nei regimi fascismi, quando il passo coi tempi va in sincronia col passo dell’oca, gestito in maniera propagandistica e compensativa rispetto ai diritti e alle speranze sottratte e quando le  grandi opere non sono realizzate al servizio della gente, bensì per lasciare un’impronta incancellabile, il pronostico sui vantaggi ambientali del trasporto di merci – che di questo si tratta con buona pace della signorine Felicita dei Flash mob torinesi – su ferro e attraverso gallerie scavate nella montagna con un – anche quello  imprecisato impatto – in un tempo nel quale l’assetto planetario degli scambi commerciali ha determinato forti cambiamenti spostando l’asse principale verso nord e verso est. E dimostrando che non ci sarebbe nessuna convenienza a   passare per il Frejus o il Monte Bianco invece che da Ventimiglia.

Un documento del coordinatore per il progetto Laurens Jan Brinkhorst, ripreso dalla rivista francese  Reporterre  spiega che in futuro per trasportare le merci fra Italia e Francia (quelle stesse che secondo i nostri fan richiederebbero un tunnel di oltre 50 km nelle montagne) potrà essere utilizzata la linea ferroviaria esistente, recentemente ristrutturata e gravemente sottoutilizzata. Le merci, pochissime oggi, anche se aumentassero di tre-quattro volte nel futuro, transiteranno tranquillamente sui binari e nella galleria attuali.

Altrettanto aleatoria è la prefigurazione delle ricadute occupazionali. Gli “800 operai attualmente impegnati”  secondo la stampa  sono 530 in Francia, oltre 250 sono invece impiegati di Telt, la società italo-francese incaricata di realizzare l’opera  10 soltanto sono quelli di Chiomonte. Altre 280 persone sono impiegate tra società di servizi e di ingegneria nella stessa società pubblica che si occupa della realizzazione della Torino-Lione.  E mentre industriali, sindacati, Pd, Lega e Forza Italia si strappano i capelli sui ” 4 mila posti a rischio”, numero risultato di studi-parametro effettuati sui dati relativi a cinque opere geognostiche terminate in Francia, una corretta valutazione parla al massimo di 720 l’anno con una media di 470 nei dieci previsti. Ancora più arbitrarie le valutazioni sull’occupazione indiretta, se pensiamo che le analisi sugli impatti economici dell’opera, come ha ricordato Chiamparino, sono state  sette in 22 anni,  nessuna delle quali però  ha fornito risposte  anche perché “si tratta per definizione di studi teorici, basati su calcoli e modelli astratti applicati di volta in volta a scenari specifici”. Molto meno aleatorie sono le supposizioni sulla qualità dei posti di lavoro, per loro natura a termine in quanto legati all’attività di cantiere, e comunque appartenenti alle categorie del lavoro manuale secondo Sohn Rethel, quello che sarebbe destinato a scomparire sostituito da efficienti robot ma che all’occasione viene propagandato e rimpianto per la sua funzione di anestesia tramite fatica e ricatto delle facoltà legate alla coscienza di classe.

Le precedenti abiure dei 5Stelle non confortano, troppe volte il cedimento alle intimidazioni  è stato rivendicato come solido realismo e maturo senso di responsabilità e già ieri il ministro Toninelli ha sommessamente fatto riferimento al peso sulle decisioni del governo della valutazione dei costi per l’interruzione dell’opera. Sarebbe invece ora di calcolare quando costa alla collettività e alla democrazia un intervento che rappresenta il bottino più ghiotto per gli attori delle rinnovate tangentopoli, aziende e un ceto dirigente che traggono e imputano al debito pubblico le risorse necessarie alla sua realizzazione e al consolidamento delle loro funzioni e poltrone. Il tutto grazie a  un format di architettura finanziaria e contrattuale, che affida in concessione la progettazione, costruzione e gestione dell’opera di “interesse generale” ad una società di diritto privato (Spa), ma con capitale tutto pubblico. La Spa pubblica nel modello TAV serve soltanto quindi per  attribuire al contraente generale (il privato) il pagamento oggi del 100% del costo della progettazione e della costruzione e di accollare a sé (il pubblico) il rischio del recupero dell’investimento e della gestione dei debiti.

Dovremmo essere tutti No-Tav per dire Si al dirottamento di quegli investimenti in trasporti sostenibili ed efficienti per i pendolari e in tutte le nostre geografie, nel risanamento e nella salvaguardia del territorio che anche in quei territori viene sacrificato alle ragioni del profitto, della speculazione, del cemento.

Dovremmo essere tutti No-Tav per dire Si a quelli che oggi chiedono la verità e il risarcimento per quanti sono stati bollati come terroristi se anticipavano i pareri scientifici e  tecnici sull’inutilità di un intervento per il quale si rubano i soldi dalla tasche di un Paese già impoverito.

Dovremmo essere tutti No-Tav per dire Si a chi si oppone a un sistema feroce  che condanna i territori a morire  di abbandono  in nome della libera circolazione di capitali, eserciti, merci, come condanna la gente a fuggire dalle proprie terre e dalla proprie case, in Val di Susa e ovunque ha portato guerra e fame e povertà.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Attenti al placebo

cerusiciAnna Lombroso per il Simplicissimus

Fate conto di essere dentro Addio alle armi, e proprio nell’ospedale dove la bella e trepida Catherine porta soccorso ai soldati feriti a Caporetto. Infatti ce n’è uno giovane che si dispera dal dolore. Il chirurgo deve tentare l’operazione,  chiama Catherine e “anestetico”, grida, ma l’infermiera scuote la testa: è finito. Allora il vecchio medico inietta dell’acqua distillata nella vena del paziente: ecco la morfina ti farà bene, dice, e subito il volto del ferito mostra sollievo, gli occhi si chiudono pacificati e non saprete se si è assopito o è morto, dolcemente.

È l’effetto placebo. E anche se non siete là, nel romanzo a lungo vietato in Italia per i suoi contenuti disfattisti, quell’effetto lo dovreste conoscere bene, perché ogni giorno in qualità di pazienti ve ne somministrano un po’ sotto forma di gocce, supposte, iniezioni in pieno contagio della peste, non tanto per alleviare le vostre pene e gli spasimi delle ferite, né tanto meno quelli dell’arto fantasma (che in questo caso potrebbe essere il domani mutilato, la speranza, la dignità, il coraggio) ma per quietarvi, indurre un pacifico letargo mentre infuria il morbo. Oppure, meglio ancora, persuadervi che mentre siete sotto cura c’è qualcuno che pensa e agisce al vostro posto e che per il vostro bene vi propina quell’acqua distillata ai cui benefici siete obbligati a credere come a una mano santa, come a una carezza materna, o a uno sbuffetto paterno. O, peggio, farvi lamentare per un male che nemmeno c’è, così vi distraete dall’acciacco vero.

Come non credere che siano sotto l’effetto del placebo quelli che intorno al 27 gennaio si consolano che nell’orrore di tanti anni abbiano trovato posto e funzione redentiva alcuni “giusti” con la funzione di riscattare masse di scimmiette intente a non vedere, non sentire, non parlare, così come si appagano oggi che sindaci in precoce campagna elettorale si mostrino con la fascia della disubbidienza e qualche presidente di regione, magari già in veste di candidato, inizi la procedura di ricorso alla Corte Costituzionale del decreto del più empio dei ministri, aspirando a far dimenticare che nulla di ciò è stato fatto in occasione di altre leggi razziali del passato anche recente, né tantomeno con i codici Minniti che estendeva il concetto di “razza” da emarginare e cui togliere prerogative a tutti i soggetti a rischio di qualsiasi etnia e colore, purché poveri, come ebbe a dire Cassius Clay che smise di essere negro quando diventò miliardario. E così come si sentono a posto con la coscienza quando qualche cittadino per bene accoglie gli espulsi due volte, dalla loro terra e perfino dai centri di “accoglienza”, così da far sentire tutti italiani brava gente anche se non si è regolarizzata la badante, se non si è messo il casco in testa al muratore pagato in nero, se gli unici stranieri che si pensa non svalutino la proprietà e non offendano il decoro del rione sono gli americani caciaroni e ubriachi ospiti del B&B del terzo piano.

E non vi pareva un placebo l’erogazione della paghetta di 80 per un popolo di ragazzini scapestrati e mal cresciuti, in modo che si balocchino mentre  i grandi possono scialacquare in profumi di gran soldi per banche criminali, opere criminali, aerei e bombe criminali, che tanto l’unico diritto/dovere concesso è quello di consumare, di subire ricatti per conservare il salario da spendere per quel succedaneo della vita che è la sopravvivenza, resa più amabile da qualche “capriccio” una tantum per adulti e anche per piccini abilitati a ricevere immeritatamente il bonus “cultura”.

E in cosa avranno intinto quella zolletta di zucchero per farci digerire i grandi eventi e i grandi interventi che riassumono in sé tutti i paradossi più insensati: lavoro sotto forma di volontariato, mangiatoie e greppie laddove le mense delle scuole sono una palestra di esclusione e non si arriva a fine mese e si ripristina l’usanza del tazzone di caffelatte la sera, stadi per circensens quando manca il pane, alta velocità per il trasporto di beni di lusso: più assorbenti che tartufi, e die pacchi di Amazon, mentre nella capitale della cultura c’è una stazione come monumento inutile ma non ci sono binari né treni, il Mezzogiorno è tagliato fuori, propaggine dell’Africa che non va aiutata a casa sua, i pendolari di ogni latitudine vivono ogni giorno un’odissea faticosa e umiliante.

E non cominciate a sospettare che sia un placebo quello che vi stanno facendo assumere,  se invece di immaginare il ripristino di diritti e conquiste del lavoro cancellati, se invece di mettere le basi per una politica dell’occupazione che, tanto per fare un esempio, impegni professionalità e tecnologie, risorse umane e economiche nella salvaguardia del territorio, nella riqualificazione del tessuto abitativo e dei trasporti delle città, della tutela dei beni artistici e del paesaggio, l’unica cosa che si concede, ormai inevitabile. E se invece di continuare a premiare con aiuti e agevolazioni lo spirito di iniziativa di imprese campate di assistenzialismo, inclini a reati accertati in materia di sicurezza e compatibilità ambientale, solite a esportare capitali e a delocalizzare aziende dalla sera alla mattina, mobilitate unicamente a investire nel tavolo da gioco della roulette finanziaria per appagare l’avidità degli azionisti, intente a propinarci la menzogna che siamo tutti vittime dell’egemonia dei robot per non sviluppare invece quei servizi, vecchi e nuovi, dall’assistenza all’ambiente, consumati dalla inesausta guerra contro il welfare, per non introdurre tagli dell’orario di lavoro, per non favorire lo sviluppo di attività incipienti, ma ancora poco valorizzate, si adotta necessariamente, obbligatoriamente una misura, quel “reddito” inevitabili nel momento in cui la disoccupazione e la precarizzazione generalizzata mettono a rischio la domanda e dunque i profitti , ma che dall’altro sancisce la fine del senso stesso del lavoro come valore, come espressione di talento e garanzia di autonomia, in una società talmente dominate  dalle élite e posseduta dall’ideologia del profitto e dalla teocrazia del mercato che l’unica vera libertà è quella della sopravvivenza assicurata non più da diritti e regole, ma dall’elemosina.

Una volta si diceva attenti a non prendere caramelle dagli sconosciuti, poi si consigliò anche di non farsi appioppare incautamente i sogni. Adesso non ci sono più concessi nemmeno quelli, quindi attenti anche al placebo.

 

 

 


Scantonare le responsabilità

 Anna Lombroso per il Simplicissimus

Sarebbe ora di smascherare una volta per tutte la straordinaria capacità di comunicatori di Renzi e della sua cerchia: sparate, annunci, retorica, bugie, falsificazioni,  omissioni, esagerazioni sono potenti  solo  in presenza di un pubblico che se le beve, solo presso un’audience di babbei creduloni che vogliono a tutti i costi farsi prendere per i fondelli.  Che prima hanno dato credito ai silenziatori, quelli che hanno raccomandato di astenersi da giudizi, dubbi, preoccupazioni, esercizi mnemonici a proposito del recente passato, per dedicarsi interamente all’elaborazione del lutto, alla muta pietas, perché pare debba vigere un bon ton delle catastrofi che impone la morigerata continenza di logica, ragione, critica, soprattutto se quest’ultima potrebbe avere l’effetto di disturbare manovratori e decisori.

E adesso si beano  del consiglio non disinteressato di affidare in regime di delega la fattiva ricostruzione a gente “pratica”, di fiducia del governo a cominciare dai magistrati, ormai largamente impiegati per aggiungere un pizzico di legalità a cerchie di impresentabili, chiamati a fare da spaventapasseri per scoraggiare incursioni troppo smaniose o troppo esplicite di rapaci, incaricati di dare una ripulita, anzi un camouflage a speculazioni e operazioni opache già avviate. Ma molto meno caldeggiati e incoraggiati nello svolgimento delle loro funzioni: che quando si mettono in testa di fare davvero i pm, i giudici, in sede giudiziaria o amministrativa, allora pare venga fuori quella vena disfattista, irriverente, nichilista, insomma “rossa”.

Da ieri  la soluzione per contrastare la penetrazione della criminalità, l’invadenza del malaffare, l’egemonia della corruzione  e della speculazione più velenosa è nelle mani, tanto per fare un esempio, del procuratore antimafia che ci rassicura: non si ripeterà lo scandalo Irpinia, dimenticando quello dell’Aquila, oltre al particolare non trascurabile che l’ultimo appalto per la scuola di Amatrice era stato dato a un consorzio  di ditte sotto inchiesta nel capoluogo abruzzese, e, che, tanto per fornire una informazione in più è stato attivo nella realizzazione delle fondamenta dell’Expo. E del presidente dell’Anac Cantone, che con spericolata protervia sostiene che il modello  cui guardare per la ricostruzione del Centro Italia deve essere l’Expo.

Di primo acchito uno spera che sia un modello sì, ma da evitare, invece no, invece viene indicato come caso di successo. Malgrado sia stato un   grande evento inutile e fallimentare, malgrado sia stato oggetto del desiderio, della cupidigia e dei traffici di varie tipologie criminali, malgrado abbia esercitato una pressione sconsiderata su territorio e risorse, malgrado intere investite da pratiche “lucrose” siano regredite a terra di nessuno in offerta a speculatori e predoni, malgrado, come avviene per Olimpiadi e Giochi e Luna Park affini,  infrastrutture vere o di cartapesta, sussistano come monumenti a futura memoria innalzati per celebrare megalomania e malaffare, malgrado la kermesse ad uso di pizzicagnoli istituzionali e velenose multinazionali abbia finito per imbandire una tavola sì.  Ma  per commemorare il lavoro, convertito in volontariato della servitù, per soddisfare gli appetiti di varie imprese diversamente o esplicitamente mafiose, alcune delle quali, malgrado l’adoperarsi del Commissario convinto ancora che Milano sia la capitale morale, hanno continuato a far parte sia pure inquisite, sia pure in odore di corruzione, sia pure in odore di mafia, delle cordate che si erano aggiudicate appalti sbrigativi e emergenziali.

Purtroppo i format replicabili ci sono, eccome e tutti negativi. Se   alacri malviventi di imprese attive nel Consorzio Venezia Nuova, l’esemplare più perfetto di una emergenza dilatata e gonfiata per legittimare potrei speciali, leggi eccezionali, deroghe diventate norma, e malgrado inchieste troppo lunghe, detenzioni troppo brevi, tempi di prescrizione complici, fanno brillantemente parte di cordate e associazioni impegnate nelle alte velocità, nelle Grandi Opere di Incalza, nelle Vie d’Acqua, nei Nodi Ferroviari, nella Salerno- Reggio, nei Passanti, nelle Metropolitane, con i soliti sospetti che girano di appalto in appalto, di progetto in progetto, come comparse, prestanome, burattini o burattinai, entrando e uscendo di galera, omaggiando orologi, consulenze, strenne, intercettati, ascoltati, derisi, ma sempre là, in odore di complicità inquietanti come in sentore di alte protezioni. E se è ormai sempre più labile il confine che separerebbe un’economia “legale” –  quella appunto dei soliti sospetti onnipresenti in ogni aggiudicazione, in ogni banca che propone alle sue vittime fondi avvelenati e derivati tossici, nelle parole di un manager che oscenamente richiama all’imperativo morale di agire con coscienza, ma anche in un governo che dopo una  erogazione di 1 miliardo il primo anno per la ricostruzione dell’Aquila, dal terzi al quinto non ha trasmesso il becco di un quattrino, o che, in ottemperanza alla legge del 2009,  che prevede  l’erogazione di un miliardo in dieci anni, ha stanziato per il   2016  la cifra irrisoria di 44 milioni mentre lo Sblocca Italia, gioiello del renzismo   assegna  3,9 miliardi in cinque anni alle Grandi Opere,  e l’autostrada Orte-Mestre dovrebbe costare 10 miliardi (2,5 già stanziati) – da quella esplicitamente criminale delle mafie.

C’è poco da fidarsi, se questo terremoto viene quarant’anni dopo quello del Friuli e 36 dopo quello della Basilicata e della Campania e come se non si fossero mai verificati, se nulla è stato fatto per prevenire i rischi, se lo smantellamento della rete di vigilanza e controllo ha messo nelle mani delle imprese facoltà arbitrarie e discrezionali, competenze tecniche esclusive, la possibilità di affidamento di incarichi progettuali e perfino peritali a cerchie “familiari” e clientelari, se i soggetti abilitati all’accertamento dei danni sono gli stessi incaricati della verifica dei lavori, comprese quelle sottoposte a indagine giudiziaria, se a differenza di quello che succede quando si restaura un appartamento, nelle opere pubbliche il vero business consiste nello sforare il budget, nell’allungare i tempi di realizzazione, nell’intervenire sul progetto con varianti e aggiustamenti profittevoli.

Allora è meglio, invece di delegare, essere presenti, parlare, gridare, denunciare, imporre l’osservanza delle regole di accesso alle informazioni e il rispetto delle leggi sulla valutazione di impatto, sugli appalti, sullo snellimento della burocrazia, che non sia solo aggiramento licenzioso. Se non possiamo sperare di battere la collera della terra che trema, dobbiamo voler fare tutto l’umanamente possibile perché non l’abbiano vinta, la sua furia e chi se ne approfitta, sulle nostre vite, le nostre memorie, la bellezza dei nostri luoghi.

 

 

 

 


Quei pupazzi di paglia di Firenze

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Una voragine di circa duecento metri per sette di larghezza si è aperta sul Lungarno Torrigiani, tra Ponte Vecchio e Ponte alle Grazie, in pieno centro a Firenze. A provocare il cedimento sono stati due guasti ad un tubo dell’acqua: il primo avvenuto nella notte, il secondo quello che ha provocato il crollo del tratto di Lungarno, alle 6.30 di questa mattina. La rottura più grave ha causato anche l’allagamento della voragine sommergendo in parte le vetture cadute all’interno. Il Lungarno è stato chiuso al traffico e due palazzi sono stati evacuati, migliaia di famiglie sono senz’acqua ed anche le scuole della zona.

Perfino il mio pc è stanco di scrivere sotto dettatura concetti ormai confinati nelle geografie dell’ovvietà più trita: si promuovono grandi opere e non si effettua la manutenzione di territorio e patrimonio artistico e paesaggistico, si favorisce l’emergenza in modo da legittimare misure eccezionali, poteri speciali, commissariamenti extra legem, poteri straordinari, strumenti e soggetti facilmente permeabili a corruzione, interessi privati, licenze, abusi e speculazione.

E mi vien fatto di aggiungere una banalità in più: che oggi difficilmente assisteremmo ad una mobilitazione di angeli del fango, a un cordoglio universale per i mali di una città che fa parte dell’immaginario collettivo, considerata un bene universale, se siamo proprio noi a dare il cattivo esempio, se collaboriamo a trascuratezza, indifferenza, oltraggio, magari non direttamente, magari soltanto, ma non è poco,  dando consenso a barbari contemporanei, che da qualche pulpito condannano la Jihad per le sue efferate cancellazioni di bellezza e memoria, picconando in patria,  nella quotidianità e tramite riforme a leggi, istruzione, cultura, opere d’arte, espropriandoci dei beni comuni come dei diritti, che dovrebbero essere nostri e inalienabili, dati in prestito da chi verrà dopo.

Sono gli stessi che esibiscono in continua ostensione i riconoscimenti dell’Unesco, dispensati spericolatamente e a piene mani e buoni per la commercializzazione e la mercificazione ad uso di turismo anche vandalico, per lo più scappa e fuggi, consumato il tempo di un selfie, distrattamente mentre si pigiano i tasti di un cellulare, o per propagandare improbabili tonnellate di lardi di Colonnata, fagioli di Lamon, pomodori di Pachino, pistacchi di Bronte e olive di Taggia, vera rappresentazione mediatica dei più fuorvianti slogan di un ceto di ignorantoni che scoprono Pompei da presidenti del Consiglio, quando decidono che bisogna pubblicizzare all’estero Firenze tramite marchio affidato a agenzie di famigli, proprio come l’intelligence e lo spionaggio, quelli che ripetono come un mantra: il patrimonio artistico italiano è il nostro giacimento, il nostro petrolio, e sarà per quello che gli si addicono tanto le trivelle. Si, perché l’Unesco per loro è autorevole a intermittenza, credibile se aiuta il marketing del Paese, inattendibile – proprio come parrucconi, costituzionalisti, gufi, disfattisti, partigiani, sovrintendenti  tutti taroccati e misoneisti – se lancia un allarme su manchevolezze, inefficienze, incuria, incapacità di governo nazionale e locale.

Così a Firenze proprio come a Venezia, è stata stesa una prudente cortina di silenzio e di sbrigativo oblio su una lettera pervenuta da Parigi al fratellino piccolo del sindaco d’Italia, quel Nardella noto per vantare amicizie affettuose nel mondo della cultura, si, ma di impresa, che grazie a lui può usare a piacimento e per pochi quattrini chiese, palazzi, piazze, luoghi di importanza storica e artistica, sottraendoli agli inutili cittadini, contribuendo così a rafforzare quella visione di città e cittadinanza come merci, prodotti, derrate. In quella missiva senza misericordia si chiedeva contro al chiede spiegazioni al sindaco Nardella della svendita di edifici monumentali pubblici e della loro trasformazione in appartamenti; del progetto di parcheggi sotterranei nel centro storico; della prevista linea tramviaria sotto il Duomo; dello spericolato passaggio del tunnel dell’alta velocità che minaccia la fortezza cinquecentesca e l’arco dei Lorena. All’accusa di voler fare di Firenze un Luna Park, di usare la bellezza per fare cassa, di governarla come non merita nemmeno un outlet, il sindaco ha dato come tutta risposta l’emanazione di un’ordinanza per proibire “la trasformazione della città in un suk”, attribuibile alla presenza estranea e molesta di rivendite di kebab e banchetti, insomma un provvedimento che puzza, di leghismo, ben più dell’incriminata carne di montone, visti i bersagli delle ruspe, le stesse usate per abbattere per legge e riforma il carattere, l’assetto urbano, l’immagine di città d’arte.

Come? Centinaia di migliaia di metri quadri di edifici monumentali, pubblici e privati, sono messi all’incanto  (almeno 59 immobili di pregio già venduti) e  valorizzati perfino in rete e dallo stesso sindaco nelle fiere internazionali della speculazione, appoggiando le mire di società e agenzie “amiche.   Parcheggi interrati  fortemente voluti dalla giunta,  servono a potenziare    le trasformazioni in residence a cinque stelle di grandi complessi immobiliari. I residenti abbandonano la città storica, gli appartamenti sono trasformati in B&B o affittati agli studenti stranieri mentre quelli italiani  sono conferiti in periferia. Attrezzature e servizi pubblici sono allontanati dalla città storica, i presìdi sanitari chiusi, il trasporto pubblico privatizzato grazie al Vangelo secondo Matteo, è allo sbando, col centro escluso dai percorsi dei bus dirottati su corsie che ne ostacolano la traiettoria, in modo da limitarne l’accesso solo al turismo di lusso, quello delle limousine, che arriverà più copioso grazie a un aeroporto insensato, immaginato come inarrestabile motore di affari opachi.

C’è da sospettare che la prima reazione del sindaco e del suo premier sia quella di annunciare una benefica totale privatizzazione dell’azienda che eroga il servizio idrico, colpevole, per quell’inefficienza indissolubilmente legata al settore pubblico, fatta di clientelismo e familismo, aberrazioni che pare trovino un terreno favorevole in Toscana, del nuovo disastro. E allora facciamogli sentire la nostra di risposta: qualche mese fa è uscito un libro che si intitola   Urbanistica resistente nella Firenze neoliberista: per Unaltracittà 2004-2014, di Ilaria Agostini, che dà conto di alcune iniziative, appunto, di resistenza di chi non vuole che la sua città sia ridotta a un affare al servizio di appetiti rapaci e insaziabili. Facciamogli sapere che i partigiani veri oggi sono anche questi, capaci di dire di No.

 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: