Annunci

Porno mondo

CIS:DYCE.1113Sulla pornografia si è scritto moltissimo e di tutto sia per difenderne i supposti diritti, sia  per esercitarvi ogni tipo di moralismo  moralismo e tuttavia gli infiniti discorsi non ne colgono l’aspetto principale che in buona sostanza potrebbe definirsi una delle forme di alienazione dalla realtà: potremmo parlare anche di porno mondo perché questa prospettiva vale ormai per qualsiasi ambito o settore dove l’immagine si sostituisce all’esperienza diretta o indiretta e fa aggio su di essa, anzi la condiziona e la fagocita. Essa è un fenomeno esclusivamente moderno, prima del Seicento non esisteva, anche se qualche primo accenno lo si può trovare dopo il naufragio della letteratura greco romana imperiale che dopo i  Virgilio e gli Orazio lasciò il posto ai ricchi salottieri, ai cuochi e a una manualistica erotico allusiva che ebbe come campionessa l’egiziana Elefantiade, amata dall’imperatore Tiberio. Il grande specchio in bronzo ritrovato a fine Ottocento in una villa sull’Esquilino e conservato oggi all’Antiquarium del Celio, con le sue decorazioni erotiche di carattere descrittivo più che simbolico, è probabile testimone di una proto pornografia che tuttavia rimase circoscritta ai ricchi e si esaurì ben presto risucchiata dal declino.

Ma è significativo che i primi segnali compaiano in corrispondenza con l’allargamento del mondo e la contrazione dell’esperienza personale in favore della narrazione e lasciasse disorientata la libido. Tutto questo però ritorna nella sua accezione contemporanea nel 700, dopo alcuni brevi lampi  come quelli dell’incisore bolognese Marcantonio Raimondi, ma con la disponibilità di ben altri mezzi a cominciare dalla stampa, per poi arrivare alla fotografia, al cinema, al 3d, sai prossimi sistemi sensoriali e all’alienazione virtuale. Esso corrisponde all’esplosione del mondo che si allarga all’intero pianeta, alla conseguente presa di potere della borghesia e alla rivoluzione industriale, insomma a tre forme diverse di estraniazione, dalla comunità, dalla tradizione, dall’esperienza diretta e dal lavoro: si tratta di un processo, di una progressione in cui tutto diventa estraneo e nel quale dunque vicino e lontano si appiattiscono perdendo prospettiva, diventano indifferenti in sé e dipendenti dall’emotività soggettiva. Parlo un tanto al tocco, ovviamente e non potrebbe essere diversamente vista la complicata storia dell’ alienazione da Hegel ad oggi, ma è chiaro che vita e narrazione finiscono per coincidere, schiavitù e libertà personale si confondono o sono due aspetti quasi coincidenti, gli uomini si disgiungono, tutto diventa merce e nulla è più per sé, così che anche le persone diventano oggetti, Oggetti anche di fantasie, perché no: la pornografia nei suoi vari stadi ne è una perfetta e fedele testimone. Siamo diventati guardoni perché non possiamo più uscire da noi stessi. La famosa battuta di Woody Allen alla domanda “che fai dopo aver fatto l’amore?” , “sgonfio la bambola e la ripongo nell’armadio” è tutto fuori che un assurdo.

Se ci si emoziona con se stessi invece che con gli altri che con gli altri perché prediligere il reale dove ci si trova nella spiacevole situazione di dover avere un rapporto umano non del tutto controllabile , quando invece a distanza si può espandere all’infinito il proprio io? Perché non passare a un’altro video quando quello che stiamo guardando non ci stimola abbastanza? E certo questo sarebbe nulla se anche tutto quello che accade e che ci viene mostrato in ogni ambito non soggiacesse alla medesima logica della pornografia : in effetti oggi la politica e le idee rassomigliano molto alle bambole gonfiabili, ne sono un correlativo cognitivo e riponiamo tutto in un armadio dopo aver consumato un rapporto di indignazione o di giubilo o di disgusto visto che si è consumata la scissione tra l’uomo e il suo mondo e siamo desideranti anche di continui eventi, ingordi consumatori di fatti, di numeri, di immagini che hanno un senso solo in rapporto a noi. In realtà potremmo anche dire che la pornografia non influisce in maniera negativa o positiva -a seconda dei pareri e dei contrapposti moralismi – sulla sessualità, ma è al contrario uno prodotto della stessa. non ne è un tralignamento, ma la verità nascosta. Paghiamo l’accrescimento della nostra miserabile eudemonia attraverso le merci con l’estraniazione: possiamo amare solo in quanto possiamo manipolare e siamo manipolati in quanto incapaci di amore. La reificazione delle catene procede assieme all’astrazione della vita.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: