Annunci

Archivi tag: Marx

Incivili, ma civilizzati

MEvol1_25227-800x589Forse potrebbe apparire sorprendente che il termine civilizzazione ( col nostro significato di civiltà ) sia stato coniato in Francia e abbia cominciato a diffondersi nelle lingue europee solo a partire dal Settecento come termine distintivo tra gli abitanti dell’Europa e i selvaggi, buoni o cattivi che fossero, esposti alla colonizzazione o alla schiavitù, ma in ogni caso all’ipocrita tentativo di civilizzarli forzatamente. Pare sorprendente soprattutto a noi italiani che il termine civiltà sia così tardo, visto che lo abbiamo da due mila anni come derivazione da civitas e dal relativo civilitatis, anzi volendo proprio proseguire su certe scie che hanno origine nel Primato morale e civile degli italiani di Gioberti se ne potrebbe far risalire l’uso a condizioni analoghe, quando i romani si dovevano confrontare con i barbari del nord. Comunque dopo l’epoca napoleonica e i Reden an die Deutsche Nation di Fichte, il libro più equivocato di tutti i tempi, Bibbia a parte, in Germania nasce una contrapposizione tra Kultur che noi possiamo tradurre come civilità e Zivilisation, dove la prima rappresenta i valori e la visione del mondo di una comunità e la seconda invece solo le forme esteriori o episodiche di una società che spesso sono anche una forma di menzogna. Ma a ben pensarci il fatto che nelle lingue europee civilizzazione che per noi significa portare la civiltà (la parola fu in auge durante il fascismo) stia tout court per civiltà conferisce a questo concetto un inquietante substrato imperialistico.

Comunque questa distinzione, molto interessante per la dinamica delle egemonie culturali,  ha disgraziatamente avuto maggior spazio nel pensiero conservatore e di destra, benché avrebbe potuto benissimo far parte anche dell’apparato marxiano come distanza fra realtà e complesso astratto – universalistico della borghesia secondo il cui dogmatismo le cose non si possano cambiare, così sono sempre state e così sempre saranno. Su tutto questo si potrebbe leggere Costanzo Preve, ma non voglio farla lunga e cominciare invece ad entrare nel concreto con un esempio abbastanza facile: quando si fanno le guerre con il pretesto di portare democrazia, così come una volta si sterminavano e sfruttavano le popolazioni “selvagge” in nome dell’evangelizzazione, possiamo toccare con mano il significato di civilizzazione, cioè imporre una forma senza avere né la forza, né la costanza (il tempo è denaro del resto) di operare sulla cultura di un’area. Questo però non è solo un modus operandi colonial imperialistico, è il sintomo che alcune costrutti politico – istituzionali, fanno sempre meno parte della cultura di origine dei missionari armati fino ai denti per essere ormai solo forme di civilizzazione, ovvero una sorta “di educazione “,  il bon ton della struttura reale del potere. Non ho scelto a caso l’analogia con le missioni inviate in tutto il mondo: esse divengono più ossessive e globali via via che il credo portato al buon selvaggio sta uscendo dalla cultura profonda dei colonizzatori per trasformarsi in pura etichetta sociale o identitaria.

E’ pur vero che anche le forme di civilizzazione hanno un senso e a loro volta condizionano la struttura di base e vi si impastano così come il protestantesimo, nato dalle esigenze della grande borghesia del Nord di benedizione divina del profitto e della ricchezza, ha influenzato molte modalità del discorso pubblico: per esempio il principio di responsabilità individuale, ipostasi dell’etica del capitalismo,  è quello grazie al quale gli sfruttati si auto colpevolizzano, mentre la società nel suo insieme si assolve. Ma il fatto che la cultura della democrazia moderna  nata da appena due secoli, si sia trasformata in etichetta lo dimostra il fatto che in buona parte del continente europeo, si vota per un parlamento che non  ha alcun potere: in questo caso la ritualità è solo una forma di trascinamento “magico”  senza alcun effetto concreto, serve solo alla conservazione del potere non diversamente dalle funzioni religiose che non hanno alcun’altra ragione se non se stesse perché ciò a cui dovrebbero essere riferite non viene davvero creduto e men che meno operato da nessuno e hanno sostanzialmente un valore apotropaico.

Non può certo stupire il fatto che la Ue sia esplicitamente priva di ideologie ( salvo un richiamo del tutto incongruo e peraltro paradossale all’identitarismo cristiano tanto che non mi stupirei se si arrivasse al Gott mit Uns) dal momento che la sua ideologia è solo se stessa e ciò che essa permette alle classi dominanti. La civiltà – cultura che esprime è quella del pensiero unico, la civilizzazione – forma è quella della democrazia che per sua stessa natura dovrebbe essere l’esatto contrario. E lo si vede benissimo da questa traslazione di centralità dal politico al religioso, in quanto dimensione individuale. Insomma potremmo chiamarla falsa coscienza se non fosse che abbiamo superato la fase in cui la democrazia rappresentativa poteva essere considerata un’ideologia messa a coperchio del potere del capitale: anzi la rappresentatività democratica in quanto realizzata solo all’interno dello Stato nel quale si condensa anche il concetto di diritto sociale e non solamente individuale, non è più funzionale all’ultra capitalismo finanziario, anzi lo ostacola. Perciò essa viene sostituito da un fumoso globalismo che paradossalmente accusa gli stati e specie quelli nazionali di essere la sentina di tutti i mali, scimmiottando vecchie tesi che nel mondo attuale non hanno più senso, semplicemente perché il nemico è cambiato o meglio ha cambiato tattica. Ma per capirlo avremmo bisogno di essere civili e non solo civilizzati.

Annunci

Crimini veri, falsa coscienza

coscienza_1Anna Lombroso per il Simplicissimus

A volte ho la tentazione di pubblicare un brano scelto del povero Gramsci, che circola nell’immaginario collettivo solo per via della nota citazione di condanna che chi non mette l’ultimo “je suis…” sul profilo, o di altri illuminati,  per godermela a leggere invettive e censure degli opinionisti della tastiera.

Oggi verrebbe bene diffondere con un nom de plume qualche scritto di Marx (col rischio che venga attribuito a Fusaro, il Moccia della filosofia) sulla falsa coscienza, tema quanto mai attuale di questi giorni e che in pillole facili da digerire tra un micetto e la foto della parmigiana di mammà, sta a significare quella ideologia artificiale confezionata e indotta da tutte le forme di dominio sociale e politico quando hanno bisogno di un impianto di valori di riferimento  in grado di sostenere e giustificare  la loro supremazia. E’ i sostanza una specie di copricapo sulla testa del potere   che serve a legittimare e far condividere il suo ordine sociale perchè venga assorbito e sintetizzato da chi subisce quel dominio fino a far sì che se senta parte.

Apriti cielo, figuratevi se qualcuno dei lettori avrebbe il coraggio di ammettere la sua fidelizzazione e militanza nelle schiere dei falsocoscienti,  così bene incarnati dagli accoliti e dalle vestali del “politicamente corretto”, intenti in queste ore a raccogliere firme e fondi per la difesa della strenua ribelle via mare che in una botta sola ha saputo colpire il sovranismo e pure la sovranità di uno Stato, stando bene attenta a sceglierlo tra le canagliette europee cui non si deve il rispetto riservato al suo di origine o all’affine Olanda, in quanto pigro, indolente e  fascista a guardare al suo passato e pure al suo presente, evidentemente qualitativamente e quantitativamente meno limpidi di quelli germanici.

Inutile dire che dei profughi, quelli salvati dalla capitana e quelli diversamente “sommersi” arrivati per altre strade meno epiche, non sono tenuti ad occuparsi una volta portati in un campo, in un centro, in una lager amministrativo, perchè quello che conta è che si sia compiuta la liturgia simbolica di trarli dalle acque per poi poterli dimenticare, figure di sfondo nella scaramuccia interna cui viene ridotta la politica e le sue scadenze.

Elezioni europee ( e c’è da capirlo, trattandosi dell’insediamento di un organismo senza poteri), trattati capestro, approvvigionamento di armi, obbedienza all’impero e partecipazione alle sue imprese coloniali, opere transnazionali imputate a noi, militarizzazione di porzioni di territorio nazionale da parte di stati esteri, che si comprano a prezzi scontati fette di coste, immobili di pregio, impunità e immunità nei confronti di leggi  e interesse generale, tutto diventa oggetto di guerricciole per bande, tra  fazioni che a guardar bene non differiscono, se non nella proposta di uscire dal sistema di sfruttamento saltando sul carro della modernizzazione che invece ne garantisce la sopravvivenza e l’accumulazione grazie alla creazione di nuovi bisogni anche morali e esistenziali in sostituzione di diritti, che idealizza il volontariato in modo da contribuire alla demolizione del welfare in favore del capitalismo compassionevole, che propaganda un femminismo esaltandone gli aspetti individualistici per sostituire il conflitto di classe con quello di genere e prospettando un riscatto basato sulla sostituzione dei  maschi con donne meritevoli nei posti di comando, navi comprese, partiti e ministeri, fondi monetari, imprese speculative.

Salvini o i croceristi sulla Sea Watch hanno modalità differenti, ma i pietosi visitatori del Pd dimenticano che gli accordi infami con despoti e tiranni in nome della nuova cooperazione con l’Africa, sono frutto dei loro governi;  i respingimenti italiani e quelli tedeschi hanno solo apparenze diverse:   la Bundesrepublik è stata storicamente generosa con i profughi, quando servivano come forza lavoro dequalificata, ma la linea dell’accoglienza di Angela Merkel è durata pochi giorni, convertita nella mancia a Erdogan perché si tenesse i siriani e rispedisse i migranti in Grecia o in Italia, preferibilmente sedati e ammanettati. La comandante ribelle e il trucido ministro specularmente inseguono obiettivi simbolici e propagandistici, a una la candidatura al Nobel della pace all’altro quello  all’Ignobel della ferocia.

I fascisti da parata dei quali si teme  tanto l’affermazione si distinguono da quelli veri di ieri, oggi e domani, perchè stanno petto in fuori e mani sui fianchi come Farinacci, perchè digrignano i denti, perchè emettono fetidi umori che evocano la violenza e sopraffazione, ma gli uni e gli altri grazie all’occupazione ideologica esercitata dal progressismo che ha avvicinato le etichette del riformismo di centro sinistra a quelle liberali fino a farle coincidere, sono associati e concordi nella inevitabilità del capitalismo, nella disperata resa allo status quo, nella ineluttabilità della globalizzazione, quando è invece vero che l’eliminazione dei concetti di popolo, nazione, sovranità e la segmentazione dei cittadini in sudditi appartenenti a gruppi in conflitto per l’accesso a servizi, istruzione, informazione, è il successo della pratica politica di imperi e regimi coloniali.

E infatti i raccoglitori di firme in calce si guardano bene dall’avviare una petizione per la nazionalizzazione dell’Ilva, che forse intendono come involuzione sovranista? unica strada invece per risarcire anche eticamente una città martire nella quale lavoratori e cittadini  si sono ammalati, sono morti, dalla quale sono fuggiti proprio come i profughi e avendo uguale diritto a essere salvati, per gli interessi di un padronato,   che prima  ha approfittato degli aiuti elargiti dallo Stato italiano senza mai impiegarli per modernizzare e risanare gli impianti,  per poi metterli all’incanto quando ormai erano diventati i monumenti dell’incuria e dello sfascio infrastrutturale e ambientale. E i guardiani della legalità irridono il velleitarismo, che forse intendono come populismo? di chi esige l’impugnazione dei termini dell’accordo fra amministrazione pubblica e industria  che prevede di sollevare i nuovi proprietari da responsabilità giuridiche ascrivibili alla vecchia proprietà.

Come se il dramma dell’Ilva fosse un incidente casuale sulla strada del progresso venuto alla luce con il governo degli incompetenti che non sanno come rigirarsi nell’ordine costituito messo in piedi da gente navigata, saputa e cosmopolita che ha concesso i nostri beni accompagnati dai benefits di bassi salari, mobilità, cancellazione di conquiste e garanzie, impunità delle leggi sulla sicurezza e la tutela ambientale a aziende straniere.  

E’ questo il mondo che vogliono dove le leggi e gli imperativi morali li fanno loro, padroni delle coscienze e dei rimorsi, come lo sono dei ricatti.


Cesarini contemporanei

renzi-cesareOggi ho voglia di fare un po’ d’ordine nei cassetti sottosopra e dedicarmi a termini ingiustamente desueti dopo aver conosciuto una grande fortuna, ma che invece sono categorie molto utili a definire la realtà contemporanea e l’emergere di nuove forme di autoritarismo: si tratta di bonapartismo e cesarismo, nate nella Francia, a metà dell’Ottocento e tema di molte riflessioni sia da parte di Marx, che di Engels, come di Otto Bauer, Max weber o August Thalheimer, ma soprattutto di Gramsci. I due termini sono stati usati quasi sempre e impropriamente come sinonimi, ma ne voglio proporre una interpretazione in parte diversa rispetto a quelle già stratificate e che può  illuminare sia il recente passato (per recente intendo dall’Illuminismo in poi) sia soprattutto la contemporaneità in maniera meno stereotipa e di fatto risalente a un secolo fa. Ma soprattutto eliminare molte confusioni portate dal mediocre spirito del tempo.

Basta riferirsi agli eventi e dai personaggi da cui prendono il nome: Napoleone prende il potere con un colpo di stato ponendo fine al regime del direttorio e cominciando fin da subito a porre le basi per l’istituzionalizzazione del suo potere che viene sancito poi con un plebiscito. L’ascesa di Bonaparte e il suo effimero impero sono l’esatto contrario del governo del popolo per cui era scoppiata la rivoluzione, ma si realizzano grazie allo stato di assedio della Francia da parte delle potenze assolutiste. Difficile oggi, dalla prospettiva dalla quale guardiamo, rendersi conto dell’emergenza che si viveva allora, ma tutta l’ascesa napoleonica è possibile  dentro la sensazione di difendere la rivoluzione ancorché ne fosse la negazione. Si tratta dunque di un tipico regime d’assedio dove un personaggio nemmeno particolarmente carismatico – noi lo percepiamo in maniera deformata a posteriori – prende il potere in nome del suo contrario e lo conserva grazie al fatto che favorisce comunque la traslazione tra la vecchia classe dominante e la nuova.  Ci sono molti esempio di bonapartismo, intenso in questo senso, non escluse le nella sostanza esperienze comuniste che sono vissute costantemente  sotto accerchiamento e nelle quali la dittatura del proletariato si esprimeva non attraverso i soviet, ma una dittatura burocratica di emergenza, come a suo tempo spiegò benissimo Trockij.

Completamente diverso è il cesarismo: il suo personaggio ispiratore, al contrario di Napoleone, non attua alcun colpo di stato, anzi lo rifiuta apertamente nonostante la possibilità di vincere qualsiasi tipo di plebiscito e mostra il massimo rispetto e grande devozione per le istituzioni repubblicane nonostante sia in realtà il vero padrone di Roma. Il suo potere e la sua leadership si insediano non nell’emergenza, ma al culmine dell’espansione che mette in crisi gli assetti di potere precedente: Cesare ne accelera il declino reale, ma non ha alcun bisogno di contrastarlo apertamente, anzi questo avrebbe potuto far sorgere resistenze inaspettate e portare l’intero senato a pugnalarlo invece di un pugno di cospiratori o magari suscitare tumulti popolari e una nuova guerra civile. Anche quando con Augusto l’assetto imperiale fu formalizzato, le vecchie istituzioni continuarono ad esistere e a detenere in modo rituale il potere, benché i suoi membri scendessero da 900 a 600. E questo durò per circa seicento anni, nonostante l’assemblea non fosse nient’altro che l’espressione di un lobbismo all’antica e infine di un disperato ricordo. Non a caso gli imperatori di Roma erano tutti Cesari proprio per mantenere una certa ambiguità in mezzo al despotismo.

Come si vede il cesarismo è una forma di autoritarismo e di leaderismo molto lontana dal bonapartismo che in epoca recente potrebbe essere attribuita a De Gaulle o ancora più vicino a Orban: è invece molto più vicina ai regimi e ai leader che esprimono il declino della democrazia, ossessivamente attaccati all’aspetto formale delle istituzioni quanto più essi ne possono e ne vogliono programmaticamente prescindere attraverso la manipolazione mediatica globale e l’acquisizione pronta cassa dell’intelligenza: non c’è bisogno di conquistare le Gallie, la Britannia, né colare a picco i pirati che infestavano il mediterraneo, occorre solo il megafono padronale in grado di concentrare contenuti puramente emozionali. Quindi apparentemente il termine cesarismo non si adatta bene a queste situazioni, se non in casi estremi come potrebbero essere quelli di Bolsonaro o di Macron, Ma non dimentichiamoci che tra pochi giorni andremo in processione alle urne per eleggere rappresentanti che non rappresentano nulla, un Parlamento completamente privo di potere, come se la democrazia non fosse che una nuda proprietà residuale i cui riti devono bastare a se stessi.

C’è un’altra differenza pragmatica divide i due concetti e le due forme di autoritarismo: il bonapartismo nasce normalmente in seguito a vicende belliche o a situazioni che le simulano, mentre il cesarismo ha bisogno di alimentare continuamente guerre per garantirsi e difendere un surplus necessario alla pace sociale, spesso intraprese sotto il capitolo della sicurezza, anche andando dall’altro capo del mondo, sia situazioni di ostilità per tenere sulla corda le opinioni pubbliche con un mix di paura e di tracotanza. Ovviamente il cesarismo in questa accezione è nemico di qualsiasi forma di democrazia plebiscitaria e/ o populista proprio perché mette a rischio la sua natura di potere dietro le quinte: al contrario della chiacchiera accademico – pubblicistica che si è sviluppata a partire dagli anni ’90 del secolo scorso nel tentativo di tipizzare la post democrazia, Il cesarismo è l’esatto contrario della governanza plebiscitaria perché  rischia di mettere in crisi le istituzioni, svelandone sempre più la natura di scenario e le macchine teatrali che ormai vi si nascondono dietro.


Lettera alle professoresse

24b4fbd7285efc1eb7db86d4656cfa7b  Anna Lombroso per il Simplicissimus

Da tempo alcune donne ammesse e annesse a vario titolo al sistema di potere hanno smentito le speranze riposte nelle qualità di genere: sensibilità, spirito di servizio e abnegazione, cognizione del valore della dignità e del rispetto che le si deve, conquistato con lacrime e sangue come succede a minoranze non numeriche, ma sottoposte a una pratica millenaria di discriminazione, ed anche l’onestà, che si credeva rientrasse nelle prerogative di quella metà del cielo che era stata dispensata da negoziazioni opache per la conservazione di posti, privilegi, rendite.

Parlo di lady Poggiolini e del suo pouf, di una brillante imprenditrice ai vertici confindustriali nota oltre che per alcune vicende giudiziarie, per aver caldeggiato l’applauso agli assassini della ThyssenKrupp, di una ministra che per salvare il babbo imprudente si prodiga per l’esonero da responsabilità di banche criminali, di un’altra che sostiene la bontà delle guerre come motori di pace e che in questa veste si fa vendere armi taroccate, e in questi giorni anche della potente consigliera di un influente ministro che si sarebbe conquistata fiducia e gratitudine dell’alta personalità grazie all’assunzione del figliastro nell’azienda del fidanzato, che pare siano finiti i tempi dei rolex e i rampolli d’oro esigono quelle garanzie negate ai figli di nessuno.

L’elenco potrebbe continuare a lungo, non dimenticando la Fornero, l’avvicendamento delle distruttrici della scuola pubblica in forma bipartisan, la burbera sindacalista che ritrovava il sorriso ai meeting castali di fianco ai profeti dell’austerità, Madame Lagarde che raccomanderebbe misure sociali per togliere di mezzo i molesti e dispendiosi anziani, facendoci rimpiangere le scorribande  viriliste del predecessore, e poi qualche zarina dei clan, qualche funzionaria delle Asl addetta alla compravendita di invalidità, qualche “caporala” e pure qualche moglie che denuncia le imprese furfantesche del coniuge solo in odor di corna, o qualche mammà che ha accompagnato la figlia poco più che adolescente fino al portone prestigioso di Palazzo Grazioli.

Perché sarebbe anche ora di dire che se i maschi stanno ben volentieri collocati nel ruolo di pretesa superiorità, assegnato loro dalla cultura patriarcale, facendosi servire anche e, soprattutto, se sono a loro volta servi, dimentichi quindi di ogni elementare forma di solidarietà e coesione di classe, è altrettanto vero che per alcune donne la pretesa inferiorità e subalternità sociale e culturale rappresenta anche quella una cuccia ben riscaldata, nella quale dispensarsi da responsabilità personali e collettive. Soprattutto se quella cuccia è situata nei palazzi, se qualche maschio influente  elargisce buoni bocconcini e gustosi croccantini, talvolta meritati non per preclare virtù e competenze ma per l’indole a scodinzolare, che accomuna peraltro femmine e maschi intenti a scalate ambiziose, dediti a qualsiasi rinuncia, prima di tutto all’orgoglio, pur di non rinunciare all’affermazione di sé e delle proprie vocazioni e pretese.

È una vecchia storia, mentre è recente un fenomeno che permette a una notabile in quota rosa criticata o denunciata per comportamenti inopportuni se non illegittimi, soprusi, prevaricazioni di gusto squisitamente e vigorosamente virili, di rivestire in tempo reale i panni della vittima di arcaici pregiudizi sessisti, di rigurgiti machisti espressione inevitabile della rinascita di un fascismo che interpreta valori reazionari e repressivi.

Succede ormai quasi quotidianamente, sicché censurare motivatamente il comportamento di una donna carogna, rientra in quella sfera di tabù governati e difesi dall’ideologia politicamente corretta. Ma non è sempre così,  perché anche questa regola può essere inficiata dall’appartenenza della vituperata a una cerchia politica, ad una fazione avversa da quella degli abituali collegi di difesa organizzati a seconda della fidelizzazione ai due schieramenti in campo, a quelle due tifoserie che vorrebbero imporre a tutti prove di fedeltà e affiliazione e conseguente arruolamento forzato.

Così anche quelle che doverosamente avevano denunciato l’atteggiamento deplorevole del governo sul revenge porn, avevano omesso l’altrettanto doveroso soccorso a una vittima di fazione opposta, e  pare così che non si sia tenute a mostrare il minimo sindacale di solidarietà a una sindaca che è certamente una iattura per il suo stesso movimento ma  cui sono stati dedicati  titoli oltraggiosi, mentre abbiamo visto sprecarsi la generosa sorellanza per mogli di golpisti affetti da ossessioni turpi, per la cricca di mezzane procuratrici di merce scollacciata per l’utilizzatore seriale, folgorate  tardivamente quando il munificente cavaliere ha stretto i cordoni della borsa,  e perfino per nipoti del despota criminale risparmiate anche quando pretendono severe misure contro i pedofili, all’infuori di quelli di famiglia.

Il fatto è che se si è riservata disapprovazione ai professionisti dell’antimafia, le stesse obiezioni andrebbero rivolte a chi dimentica l’obbligo della laicità e fa professione di pregiudizio anche favorevole, trasformando la militanza in mestiere, l’attivismo in impiego, l’impegno in ricerca di consenso, visibilità personale, addirittura remunerazione. Succede per quell’ambientalismo che si è collocato nella ideologia green e che pretende di contrastare profitto e speculazione con gli strumenti del mercato, succede con l’umanitarismo  che predica accoglienza anche esercitata tramite organizzazioni non del tutto trasparenti e finanziate da ben noti bricconi globali o enti e imprese commerciali, senza mai mettere in discussione l’ imperialismo e le sue guerre di rapina, comprese quella cooperazione fatta di sfruttamento e trasferimento di corruzione e malaffare.

E succede anche quando nell’arcipelago femminista alcune isole scelgono battaglie di emancipazione e riscatto che non mettono in dubbio il modello e il sistema che discrimina, emargina e colpisce le donne non solo in casa e nei rapporti personali ma in quelli di produzione, nel lavoro, nella società.

Qualcuna si è offesa perché ho chiamato queste “aberrazioni” femminismo di mercato (qui:https://ilsimplicissimus2.com/2019/03/30/oscurantismo-medievale-e-femminismo-di-mercato/ ):  era probabilmente più educato chiamarlo femminismo liberal. Perché non saprei come altro chiamare quella appartenenza, ideale e non solo,  a un’area post tutto, post comunista, post socialista, post radicale che ha abbandonato o mai intrapreso ogni logica di classe, come se fosse  “vecchiume da maschi”,  per sposare valori e principi dell’ideologia dominante, quella che vorrebbe farci intendere che una volta acquisiti e consolidati diritti ormai inalienabili si può passare ad altri “aggiuntivi”, quei diritti civili cari alla cerchia europeista o da grande mela e che non pregiudicherebbero al pieno dispiegarsi del capitalismo. Facendo intendere la più infame delle menzogne e che i bisogni e i diritti siano sottoposti a gerarchi e graduatorie, che una volta conquistati non vengano meno, che sia possibile e forse opportuno toglierne uno per  conservarne altri.

A suo tempo fummo incantate, senza sputare né su Hegel né su Marx, dall’ipotesi che la donna per la sua specificità, una volta liberata  dai gioghi della cultura patriarcale, avrebbe liberato anche il maschio.

Ma è davvero possibile? Davvero pensiamo che la raggiunta parità salariale riscatti tutti da mestieri che ci svalutano, precari e umilianti per vocazione, talento e  aspettative? Davvero pensiamo che più indagini e protezione da violenze e stupri, e che più severità nei percorsi giudiziari ci affranchi da leggi di ordine pubblico e da un sistema di amministrazione della giustizia per persegue i poveri, indigeni e stranieri, criminalizzandoli a priori? Davvero pensiamo che basti cancellare leggi che stabiliscono la proprietà e il dominio maschile sulla femmina della specie, per sopprimere magicamente quelle che a permettono di trattare corpi e ingegno come merci deteriorabili, di commercializzarli e trasferirli dove fa più comodo al padrone? Davvero pensiamo che per combattere la più tradizionale declinazione concreta del capitalismo, il fascismo con la sua triade dio-patria-famiglia, basti estirparne il radicamento dai rapporti di forza uomo -donna- padri, madri-figli- figlie, quando è stata riservata indifferente accettazione alla distruzione delle stato sociale, della scuola e dell’istruzione pubblica e laica, alla abrogazione delle garanzie e dei diritti del lavoro? O che attribuire un valore alla riproduzione e alle attività di cura e assistenza, svolti tradizionalmente dalle donne e oggi imposti nuovamente senza possibilità di scelta, ci riscatti quando invece le reintroduce nei meccanismi della sfruttamento e della mercificazione.

È vero a qualcuna ( e dovremmo pensare così tutte) non bastano il corporativismo, il sindacalismo femminile, lo sciopero con il rifiuto  non solo del lavoro retribuito ma anche quello di cura e perfino di quello dell’attività riproduttiva”. A qualcuna (e dovremmo pensare così tutte) non basta un’azione che punti alle “pari opportunità di dominio”, per sostituirci meccanicamente ai maschi nello stesso sistema di potere. A qualcuna (e dovremmo pensare così tutte) non basta neppure l’integrazione automatica dei nostri bisogni nella lotta di classe, anche se è necessario e doveroso e irrinunciabile essere in prima linea in quelle battaglie per l’ambiente, la salute, il territorio, la legalità, il sapere.

Non accontentiamoci di poco, non  accontentiamoci di una metà del cielo ciascuno, vogliamolo tutto per tutti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: