Annunci

I padroni della verità, la verità dei padroni

DAgfPhcW0AAArxuLa discesa in campo di Matteo Renzi nella mischia liberticida delle cosiddette false notizie, ossia il pronunciamento di un cazzaro assoluto di nomignolo e di fatto, ci potrebbe far pensare che questo neo maccartismo liberista si ripresenti per la seconda volta nella storia sotto forma di farsa. Ma così non è innanzitutto perché il senatore Joseph MacCarty era anche lui un eccezionale sparaballe: si era fatto eleggere taroccando le carte e presentandosi come un eroe di guerra mentre all’inizio della sua celebre campagna aveva vantato di possedere una lista di 205 persone filocomuniste che lavoravano al dipartimento di stato. Così lanciò una bomba che soltanto in un secondo tempo esplose su Hollywood, lasciando le uniche tracce visbili alle nuove generazioni. Peccato che quella lista semplicemente non esistesse.

La seconda ragione è che in realtà il maccartismo non è mai morto, ha soltanto costituito la prima clamorosa esplosione della guerra fredda e della ragion di stato contro la democrazia, mettendo in luce la necessità di conformare tutta la comunicazione all’ideologia americana, a una sorta di realismo magico del capitalismo in salsa Usa che si è poi affermato grazie ai meccanismi di mercato che ovviamente tendono a riprodurre se stessi e a fare cartello quando non monopolio.  Finita la prima fase d’attacco, evocato un pericolo, indicato un nemico, tutto è stato trasferito dalla cronaca al sottofondo dove nulla appare, ma tutto rimane.

Il fatto che esso riesploda di nuovo in maniera conclamata riemergendo dal fiume carsico della storia e dal cartongesso di ipocrisia sotto il quale è rimasto nascosto – questa volta non sotto forma di anti comunismo populista, ma come aperta e tracotante confutazione della libertà di espressione – significa che si è di nuovo in una fase critica, nella quale il controllo dell’informazione e l’ideologizzazione massiva della popolazione, non può tollerare nemmeno le critiche marginali. Una volta completata la conquista della comunicazione verticale, giornali, televisione, cinema è intervenuta la rete a rompere le uova nel paniere del pensiero unico e dell’impero. Certo, non appena si è percepito il pericolo, le oligarchie sono subito passate al contrattacco condotto con i soliti sistemi consentiti dal capitalismo estremo: concentrazione in poche mani, manipolazione borsistiche, sistemi monopolistici, dilagante pubblicità occulta che si presenta sotto forma di contenuti oggettivi, ingaggio di persuasori apparente neutrali se non addirittura alternativi e infine censura attuata dai motori di ricerca e dai social che apertamente stanno emarginando i contenuti critici, sia che provengano da singoli siti, sia da sistemi informativi molto più grandi e complessi, come per esempio la russa RT. E adesso si sta passando alla fase legislativa destinata a sancire questa realtà da una parte intimorendo i singoli con sanzioni assurde, dall’altra, come sta avvendendo proprio in queste settimane in Usa, cancellando qualsiasi obbligo di “neutralità” o di tutela della privacy da parte dei provider e degli altri attori della rete.

Tuttavia proprio il fatto che solo una piccolissima parte dell’informazione possa costituire un pericolo per le verità ufficiali, tanto da indurre l’oligarchia di comando a costruire un complesso meccanismo di censura che concili la massima efficacia con la minima compromissione possibile con , testimonia del fatto che il “sistema occidentale” nelle sue varie espressioni e strumenti, si trovi in una fase di equilibrio così instabile che anche un minimo spostamento di fattori può determinare la dissoluzione del disegno di disuguaglianza ontologica alla base delle ideologie e delle antropologie neoliberiste. Basta poco per far saltare tutto: una nuova bolla, una nuova crisi o anche semplicemente la ribellione per via di realtà a quella endemica che si è determinata, nonostante i pietosi tentativi statistici di nasconderlo e le bugie per via matematica che rassomigliano molto ai tentativi fatti per trasformare in complottismo eretico le teorie eliocentriche. E questo nonostante la presa soffocante del consumismo e il tentativo di creare un progressivo analfabetismo sociale e funzionale.  A tutto questo si deve aggiungere l’incertezza per i mutamenti di potere economico e produttivo che si stanno imponendo a livello planetario e che tendono a relativizzare sempre più i produttori della falsa notizia globale e un capitalismo cartaceo che sa di dover attendere il suo redde rationem.

Non è raro, andando a zonzo nella storia, incontrare situazioni in cui il massimo potere coincide anche con la massima fragilità o anche contesti in cui il passaggio sostanziale di regime avviene senza apparenti traumi formali. Due condizioni che definiscono con precisione il periodo che stiamo vivendo: la fine della democrazia con l’estinzione della libertà di espressione che è la sua radice, lasciandone solo le vestigia formali, così come il feroce tramonto dell’impero nel momento della sua massima estensione e della sua impotenza espressiva o proiezione ideale.  Tutto il resto è fake.

 

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

9 responses to “I padroni della verità, la verità dei padroni

  • Anonimo

    “nella mischia liberticida delle cosiddette false notizie”

    in tema di libertà di pensiero e di opinione suggerirei ai fanatici europeisti , nel senso di fanatici della UE turbo capitalista, (!) PDioti , forza-itaGlioti e compagnia briscola , di inspirarsi alla cultura tedesca (della serie… se non la capiscono in italiano, proviamo a cantargliela in tedesco):

    Mi piace

  • diderot39

    Rispondo a Bertu, con parziale e volontaria giustificazione (ma non scusa), della rilevata inconsistenza concettuale in certi articoli, nell’ignorare la controparte sovietica in fatto di censura e ostracismo.
    Chi scrive ha conosciuto l’USSR da ragazzo e poco dopo al primo impiego, quindi in gran parte ignaro, allora, dei conflitti fisici ed ideologici che accompagnarono la rivoluzione.
    Tuttavia, al tempo dell’epico e drammatico inizio dell’USSR la censura ideologica si presentava come necessità pragmatica, visto che:
    1. Il mondo esterno aveva dichiarato guerra alla Russia.
    2. Ogni deviazione ideologica poteva trasformarsi in aperta ribellione
    3. Le priorità di sviluppo non erano tali da favorire quanto si può (approssimativamente) definire consumismo.
    4. Il fatto (abitualmente ignorato), che molta dell’intellighenzia, all’alba della rivoluzione, era talmudista – ‘geneticamente’ carica d’odio verso i ‘goyms’, e specialmente verso il regime zarista. Regime che era stato costretto a limitare, sia pure con solo parziale successo, lo strapotere sionista. Non mi dilungo, ma sul perchè e percome del fenomeno e’ istruttivo leggere il volume di Soljenitzin “Deux Siecles Ensemble,” di cui fino a poco fa, il monopolio culturale sionista ha proibito la traduzione in inglese in Occidente – o il capitolo “La questione ebraica” nel volume “Diario di uno scrittore” di Dostojevski.
    5. La censura e la guerra a potenziali “eresie” capitaliste diminuirono gradualmente a cominciare dalla fine dei ’50 – anche se l’Occidente non diminuì, da parte propria, l’ossessione anti-egalitaria, con tutti i conseguenti massacri (Vietnam, South America etc.). Quindi il pericolo di un’inversione neo-liberal ‘capitalistica’ nell’ USSR non e’ mai finito.
    Inoltre, dal ’50 in poi, i talmudisti furono rimossi dal governo – vedasi la massiccia emigrazione talmudista in America e Israele. Del resto, i talmudisti avevano prima dichiarato guerra allo Czar. E quando l’USSR cercava in qualche modo di uniformarsi a un regime “democratico” (virgolette per indicare semplificazione grossolana), i talmudisti furono la falange d’attacco per la distruzione dell’ USSR.
    Chi vuole può verificare la lista dei ‘rivoluzionari’ che annullarono il referendum del Marzo 1991 (che riconfermava l’Unione Sovietica con il 78% dei voti), e che condussero il colpo di stato contro la Duma, con l’ubriacone (e sionista) Yeltzin al timone. Il numero dei morti è ancora incerto, ma alquanto superiore a quanto dichiarato.
    6. Come sappiamo, la Russia piombò in un inimmaginabile regime di miseria – con la ricchezza pubblica letteralmente rubata da oligarchi, la maggior parte dei quali erano (sono) sionisti.
    7. La dichiarata ‘guerra’ (fredda al momento, ma non si sa mai) alla Russia, ha condotto alle condizioni attuali.
    8. Non e’ purtroppo chiaro (alle colonie occidentali, EU compresa) che gli USA sono in pratica una colonia talmudista, ormai senza nemmeno bisogno di maschere. Lo stesso New York Times, in mano ai talmudisti da 115 anni, può pubblicare testate come quelle del talmudista David Brooks, dal titolo che si spiega da se’, “The Jewish Takeover of America.” Per non parlare dell’11 Settembre, che neanche un’allodola crederebbe sia stato opera di 19 arabi cui piacevano le droghe, l’alcohol, gli spogliarelli e le spogliarelliste.

    Mi piace

  • Bertu

    Alla redazione
    Sono affezionato e fedele lettore di questo blog già da tempo poiché ne apprezzo l’elevato livello culturale in grado di partorire punti di vista non comuni, ma qui (proprio come in altre testate idiosincratiche di propaganda tipo Antidiplomatico o Contropiano) non trovo mai un giudizio lontanamente oggettivo sugli abomini dei regimi comunisti nella storia. In campo di tabù e verità rivelate a proposito sarebbe molto educativo parlare dell’esperienza sovietica della Pravda, sempre che questi articoli nascano davvero da un amore per le le libertà e i diritti individuali e collettivi e non invece dal solito trito e ritrito anti-occidentalismo.
    Vi ritengo onesti e coerenti, ma lo sfondo teorico della rivista potrebbe essere reso più chiaro ai lettori tramite una confessione di fedeltà a certe note e mostruose ideologie (indi per decenza smettere tout court di parlare di democrazia e altri valori liberali) oppure un abbandono delle stesse ammettendo di essere sostanzialmente dei socialdemocratici sensati e dotati di umanità, sebbene giustamente incazzati e pronti alla resistenza civile.
    Vi continuerò a leggere in ogni caso per il valore del vostro lavoro

    Mi piace

    • Anonimo

      Non si è mai visto totalitarismo o autoritarismo comunista al potere in Italia, perche ci si dovrebbe preccupare particolarmente di questi fenomeni , allora?

      Perche non preoccuparsi principalmente del dominio USA in itaGlia, che tante distorsioni democratiche ha già prodotto ?
      Chi dice che comunismo-socialismo e democrazial non si possano coniugare…un esempio a caso, il Venezuela, tanto osteggiato dagli USA proprio in quanto socialista, ed in fine anche democratico, ma NON PRO-USA.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: