Annunci

Eurexit all’inglese

200469324-001

E’ veramente straordinario l’attaccamento al fantasma dell’Europa, il che appunto ne evoca l’essenza di natura morta quanto a ideali e democrazia e ne sottolinea invece il decisionismo al servizio di poteri e interessi economici: in questi giorni si sta discutendo sul “pacchetto” richiesto dal premier britannico Cameron per tentare di non essere sommerso nel referendum sulla Brexit che a quanto pare è di gran lunga la prospettiva preferita dai sudditi di sua Maestà. Ma per salvare in qualche modo il feticcio della Ue e dei suoi meccanismi oligarchici, Bruxelles dovrà di fatto dichiarare morta la stessa Ue. Londra infatti pretende di rimanere formalmente nell’unione continentale solo a patto che questa si tenga ben lontana dalle bianche scogliere di Dover e chiede ufficialmente di non essere costretta ad altri passi verso l’integrazione, il riconoscimento che la Ue è un’area multi monetaria sventando così future richieste di entrata nell’euro, di negare il welfare ai cittadini comunitari che lavorano nella perfida Albione e una legislazione separata per le banche e i centri finanziari britannici, oltre ovviamente al mantenimento di  quella normativa fiscale “diversa” e abnorme per un’ Unione di qualsiasi tipo, grazie alla quale la Gran Bretagna riesce a succhiare ormai da due decenni le linfe vitali del continente, spacciando questa rapina per un proprio dinamismo liberista. Esattamente, sia pure in senso contrario con i dazi protezionistici, costruì l i prodromi della rivoluzione industriale sulla rovina dell’India

In due parole la Gran Bretagna chiede di restare in Europa uscendo definitivamente dall’Europa, offre la possibilità di evitare una frattura formale purché sia garantita quella sostanziale. Non so in che misura tutto questo sarà accettato da Bruxelles, ma è probabile che vi sarà una quasi completa capitolazione di fronte alle richieste inglesi, vista la crisi politica che sta attraversando l’europeismo di marca franco – tedesca, assediato ad est dagli Usa e dalla loro colonizzazione in funzione antirussa, all’interno dalla reazione all’austerità e dai problemi della migrazione, a sud dal riesplodere del debito e delle resistenze popolari ai governi burattinati dal milieu finanziario. Del resto i trattati che hanno costituito la maggiore rapina di sovranità di bilancio e di autonomia politica sono legati alla moneta unica perciò non riguardano se non marginalmente la Gran Bretagna che ha conservato la sterlina: è facile che ci si accontenti di poter mantenere al laccio l’Italia, la penisola iberica e il fritto misto tra nordico, frisone e centro europa dei piccoli Paesi.

In ogni caso è evidente che il disegno europeo si sta clamorosamente sfilacciando visto che per tenerlo in piedi in qualche modo occorre negarne i presupposti, ovvero quell’insieme di aspirazioni  via via sostituite da meccanismi di potere sempre più lontani dalla democrazia e dalla partecipazione. Dunque non importa se è necessario buttare  a mare ciò che l’Europa ha rappresentato per salvare ciò che è diventata, la fisionomia, sociale, politica e di potere che ha acquisito: nel caso britannico sembra contare soprattutto che non siano i cittadini a decidere  anche se poi, proprio per evitare questo esito infausto, nelle segrete stanze si fa esattamente e forse anche più di quanto essi chiederebbero. La questione vitale è che non ci sia una frattura formale e popolare, non che questa avvenga nella sostanza.

A un livello generale ci si dovrebbe chiedere come mai l’Europa venga vissuta in maniera così negativa, come una palla al piede piuttosto che come un’opportunità: ma chi si dovrebbe fare questa domanda sono proprio i colpevoli, quelli che le ragioni le conoscono a menadito.  Però dal punto di vista operativo vedo che tutti i critici a parole delle politiche continentali non solo non parlano di ciò che sta avvenendo, ma nemmeno sembrano rendersi conto che il divorzio di fatto inglese aprirebbe la possibilità di ridiscutere i termini dei trattati visto che un membro importante e storico dell’Unione se la sta svignando all’Inglese. Invece parrebbe che prevalga la paura di disturbare i manovratori in un momento delicato.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

4 responses to “Eurexit all’inglese

  • Paola

    come se questi in Europa ci fossero entrati mai! Uno strazio sentirsi tutti i dolorosi dibattiti dappertutto dove ti giri quassu`! E a me viene slo voglia di prenderli a sberle…….

    Mi piace

  • learco

    Esistono diversi Stati americani, come il Maryland e il Nevada, che sono da anni centri off shore.
    C’è un libro semplice e meraviglioso che descrive nei dettagli la rete dei paradisi fiscali, che a cerchi concentrici controlla il flusso di denaro in uscita da ogni Paese del mondo e lo aspira verso la City di Londra e Wall Street: “Le isole del tesoro” di Nicolas Shaxson, edito nel 2012 da Feltrinelli.

    https://pierluigifagan.wordpress.com/2012/12/17/le-isole-del-tesoro/

    Mi piace

  • learco

    La Gran Bretagna, anzi il miglio quadrato della City, territorio sacro dei banchieri, in cui neppure la regina può entrare senza consenso, è un paradiso fiscale a cui fanno capo tutti i centri off shore mondiali; è la testa del vampiro che succhia le risorse del globo.
    Il governo inglese, che dai tempi della Thatcher è un burattino guidato dalla finanza, non può mettere a rischio l’indipendenza dei banchieri a causa dell’Europa:

    http://espresso.repubblica.it/plus/articoli/2015/01/12/news/gran-bretagna-il-paradiso-fiscale-piu-efficiente-d-europa-1.194246

    Mi piace

    • Roberto Casiraghi

      Faccio notare che ultimamente sono gli Stati Uniti a darsi molto da fare per diventare il maggiore paradiso fiscale del mondo. Una città di 200.000 abitanti, Reno nel Nevada, è la nuova sede di tutti i transfughi della Svizzera come rivela l’ultimo numero di Forbes, la rivista-bibbia del capitalismo. Capitanata da Rothschild, che intende guidare la costruzione e lo sviluppo di questo nuovo inaspettato super-paradiso per ricchi, l’iniziativa poggia sul fatto che nessuno ha il potere di mettere all’indice gli Stati Uniti per cui è stata creata una struttura che vista dalle altre nazioni è un’entità americana a tutti gli effetti e dunque inattaccabile. Ora finalmente capiamo a cosa mirasse la persecuzione delle banche svizzere e di altri paesi europei operata in questi anni dagli Stati Uniti con il pretesto di “combattere l’evasione fiscale” ! Si veda tra l’altro anche il seguente articolo: http://www.zerohedge.com/news/2016-01-27/how-rothschilds-made-america-their-private-tax-fraud-backyard

      Liked by 1 persona

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: