Archivi tag: von der Leyen

Di che sesso è la verità?

fotoAnna Lombroso per il Simplicissimus

Nella notte di Capodanno del 2016, a Colonia,  decine di donne denunciarono alla polizia innumerevoli casi di pesanti molestie inflitte loro da un’orda di immigrati ebbri di alcol e libertà sconosciuta, si disse, a che professa una religione repressiva incompatibile con gli usi e i comportamenti della nostra superiore civiltà.

Incidenti e violenze caratterizzarono quelle ore e solo mesi dopo, undici per l’esattezza, il Parlamento della Renania ricostruì gli avvenimenti imputandone la responsabilità alla cattiva gestione dell’ordine pubblico, ma se andate a rivedere commenti e giudizi emessi a posteriori resta immutata la deplorazione e la condanna per la furia bestiale degli islamici infedeli ai danni delle “nostre” donne indifese, a dimostrazione che – come disse a suo tempo l’allora vice segretaria del Pd, Debora Serracchiani – l’oltraggio a firma dello straniero merita riprovazione superiore di quello nostrano.  E che l’islamico ospite è guardato con ammirazione e accolto con gratitudine ma solo se compra armamenti, se occupa coste, se finanzia squadre di calcio, se regala diamantoni a attricette e si aggiudica opere d’arte, hotel e intere aree di metropoli occidentali in aste manovrate, mentre è inviso se raccoglie pomodori, si arrampica su impalcature, peggio che mai, se vende parei in spiaggia o lava vetri ai semafori.

Minore condanna viene quindi riservata all’orda di casa nostra, dei nostri Palazzi e dei nostri studi televisivi, provvista dei crismi e della benedizione di santa romana chiesa che in quanto a sessismo non teme rivali, e sotto l’etichetta di una democrazia che a fasi ricorrenti si interroga sulla qualità e quantità di diritti erogati alle donne, non sempre conciliabili con il recupero di una triade, Dio, Patria e Famiglia,  obbligatoria in momenti di crisi, a cominciare da quello di parola, che alcune ochette presuntuose vogliono arrogarsi immeritatamente invece di rispettare tre comandamenti che uniscono simbolicamente tutte le culture patriarcali: la dona? la piasa la tasa e la staga in casa (la donna? Piaccia, taccia e stia in casa).

Si tratta di fenomeni non isolati che suscitano biasimo se l’oggetto delle violenze verbali possiede quella visibilità, notorietà e autorevolezza, che consente strumenti, canali e tribune per difendersi che la Donna Qualunque non ha a disposizione, avvolta dalla spirale di silenzio  che penalizza chi si sottrae a regole e convenzioni del conformismo, chi se la tira e se la vuole.

Lo stesso silenzio complice che   si rompe  quando censura queste forme di discriminazione e soperchieria affiorate come iceberg, mentre sotto  si consumano disuguaglianze e sopraffazioni esaltate in questi tempi dalla “crisi”, differenze di remunerazione, di trattamento e carriera, con il concorrere  dei credo liberisti intesi a  persuadere della  bontà della rinuncia a vocazioni, talento, ascesa professionale, garanzie per far posto ai maschi del nucleo familiare che guadagnano di più e che non pesano sui bilanci aziendali con permessi per le malattie dei genitori o dei figli, con i permessi per gravidanze e allattamento, ma soprattutto per beneficiare delle opportunità di part time, mobilità e smartworking, adempiendo con abnegazione e spirito di sacrificio ai doveri che le leggi di  natura tornate in auge per via dell’egemonia della sopravvivenza, impongono: cura, assistenza, governo della casa, sostegno alla didattica a distanza.

Ma c’è un effetto collaterale che motiva la tolleranza esercitata nei confronti del sessismo erogato a forti dosi da personaggi che godono di cattiva reputazione utile ai loro successi di critica e di pubblico, e che grazie alle loro belluine e disarticolate esternazioni sono molto presenti su stampa e talkshow, in veste di incarnazione del male, del razzismo, della xenofobia come se si trattasse di categorie ideologiche e “morali” indipendenti dal regime totalitario che stabilisce leggi di mercato, di ordine pubblico e deontologiche.

Si tratta dell’impiego che hanno imparato a farne quelle donne che ricoprono ruoli di potere – ormai in numero addirittura prevalente in Europa, Merkel, Lagarde, Von Der Leyen – quando diventano oggetto di critica per comportamenti, convinzioni, decisioni pubbliche o per la correità in misure e atti compiuti ai danni dei cittadini, e ancora di più delle cittadine, a dimostrazione che la rivendicazione e ostensione di squisite qualità di genere connaturate: sensibilità, indole alla cura, solidarietà, compassione, appartengono alla retorica e alla cassetta degli attrezzi di sfruttatori, speculatori, padroni delle ferriere senza le abituali disparità di sesso, anzi con maggiore e più sfrontata tracotanza quando il tallone di ferro consiste in un tacco 10.

Gli esempi nostrani non mancano. Dall’esibizione di amor filiale e creditizio della ministra che provvede a salvare a un tempo babbo e banche criminali, all’altra ministra che accusa di giovanile parassitismo i figli choosy altrui confezionando una irresistibile carriera per la rampolla, dalla ministra (un’altra) che si è fatta strada esponendo in bella mostra il suo passato bracciantile mentre condanna alla resa lavoratrici in sciopero, fa da relatrice alla legge Fornero, ammazza pensioni, promossa dalla stessa di cui sopra che tanto i pensionati preferisce farli fuori perché pesano sul bilancio statale alla pari con la superiore in grado e prestigio Madame Lagarde.

Fino  alla ministra (ancora) che dopo aver dichiarato impotenza, incapacità e inadeguatezza in veste di commissaria straordinaria nel cratere del terremoto, fa da testimonial per una ripresa del cemento grazie ai cantieri delle Grandi opere e della Grande Speculazione,  a quella, ex e mai rimpianta al dicastero della  Difesa, quella che ha sostenuto nelle parole e negli atti la necessità di fare la guerra, venderla e esportarla per guadagnarsi la pace, bella ricca e profittevole per produttori di armi, aziende che internazionalizzano morte, repressione, furto, abuso e povertà, in modo che poi possano essere subito attive altre ministre firmando provvedimenti e leggi per contrastare le invasioni e per replicare obbedienti patti sottoscritti con tiranni e despoti assassini.

Ormai qualsiasi donna in vista può godere del privilegio del sostegno di altre donne e in caso di attacco personale, a smentire che la complicità sia un monopolio virile da camerate di soldati,  doccia di atleti, mentre invece sia un vizio femminile l’invidia velenosa, di una coesione che si materializza in forma bipartisan, vedi mai che serva in futuro, donando alla vittima uno status di intoccabilità per via dell’appartenenza di genere che doverosamente la dovrebbe risparmiare da critiche, rilievi e accuse. Il fatto è che le minoranze nel guadagnare consapevolezza, nell’uscire dall’emarginazione fisica e culturale nella quale sono state costrette, soffrono di un disturbo della crescita, quel coltivare e maturare pregiudizi positivi, non meno dannosi dei preconcetti negativi.

Se ne parla molto di questi tempi negli Usa, la patria dell’ipocrisia puritana che ha contagiato alla pari neoliberismo e “riformismo”, dove  alla faccia di milioni di disoccupate (le catene delle vendite online non le apprezzano né come magazziniere né come addette alle consegne), di sfrattate in forma reiterata per le varie bolle, di malmenate di tutte le etnie,  dove tra la metà di marzo e la fine di maggio, il 47 per cento degli adulti maggiorenni quasi tre quarti della percentuale costituito da donne,  ha perso il reddito da lavoro, dove si è creata una competizione insana tra lavoratrici agricole locali e immigrati e tra questi e le loro donne, per via di una diatriba che verte sull’interrogativo se in caso di molestie, stupri, violenze si debba sempre e comunque credere a tutte le donne.

Lo spunto l’ha dato l’accusa  di molestie sessuali mosse da Tara Reade, ex assistente del Senato e difesa dallo studio legale che ha rappresentato negli ultimi anni diverse vittime di Harvey Weinstein, a  Joe Biden, improbabile e scialbo candidato democratico alla Casa Bianca, che fa venire in mente i competitor che mette in campo il Pd quando vuol far vincere uno della Lega o di Forza Italia.

Lui ha sempre negato ogni responsabilità, forte del fatto che negli archivi del senato non ci sarebbe traccia della denuncia per sexual arrassement che la presunta vittima avrebbe presentato nel 1993 a un non meglio identificato Ufficio del personale di Capitol Hill.

Ma sul nuovo scandalo pruriginoso non si è registrata quella unanime reazione di condanna solidale degli anatemi contro Hollywood Babilonia, dando il destro ai repubblicani di attaccare l’ipocrisia del movimento #Metoo e dei suoi slogan, accusato di “credere a tutte le donne solo finchè attaccano qualcuno in linea con il presidente Trump,  a tutte le donne se hanno una laurea o di più”, insomma a quelle che rappresentano  quel radicalismo oggi interpretato dalle élite culturali, dai creativi, dall’industria dello spettacolo.

Ha risposto alle accuse Susan Faludi, giornalista Premio Pulitzer,che ribatte chè è legittimo anzi doveroso alle donne “che vengono uccise nonostante abbiano denunciato i partner o gli ex violenti, o alle segnalazioni di stalking che non vengono prese sul serio dalla polizia, per poi finire con un omicidio”. Mentre dare fiducia indiscriminatamente sulla base del genere, sostenere che le donne in quanto tali e in quanto minoranza destinata a ruoli di vittima dicano sempre al verità, è “una trappola per togliere credibilità al movimento delle donne, fatta scattare dal potere”.

E  di trappole pronte a scattare ce ne sono e tante, da quando al riconoscimento pubblico dei ditti degli uni consegue il disconoscimento delle prerogative e aspettative di altri,  contribuendo a distrarre da altre battaglie, quelle che riguardano il riconoscimento del fatto che le donne non sono l’unico segmento di popolazione esposto a condizioni di precarietà e privazione dei diritti, o dalla considerazione che quelli che vengono identificati come minoranze di genere e sessuali,  si differenziano per classe, religione etnia, tanto che  la liberazione dei sommersi dovrebbe essere necessariamente anticapitalistica e dunque antifascista, antirazzista e laica.

Altrimenti hanno ragione quelli che contestando il mito della presunta superiorità etica del genere femminile,  denunciano il carattere classista e razzista del femminismo occidentale e la sua natura narcisistica e autoreferenziale,  che dispiega un revanchismo che non pagano solo i maschi – magari meritatamente – ma anche le donne di classi e etnie “inferiori” e che  porta acqua a quello che è stato definito progressismo neoliberista: l’alleanza tra fermenti, antifascismo di superficie, multiculturalismo, femminismo “clintoniano” in voga anche da noi, e il “capitalismo cognitivo”.

Quello cioè  della rivoluzione digitale,  dei creativi retrocessi a classe disagiata cornuti e mazziati ma compiaciuti della loro superiorità culturale e morale,  a Tribeca come sui Navigli, cosmopoliti perchè mangiano sushi, vestono etnochic, abitano in uno scantonato promosso a loft, poi si fanno sfruttare facendo gli “imprenditori di se stessi”, strizzando  l’occhiolino a diseredati, a Wall Street e perfino a Farinetti.

 


La perfetta commissaria

Merkel Birthday Congratulations At Weekly Government Cabinet MeetingAl momento della sua elezione a capo della commissione europea in Germania ci furono non poche polemiche sul’ascesa al trono di un personaggio che nel corso della sua vita politica e in particolare sia come ministro del lavoro che della difesa aveva mostrato di essere una totale nullità il cui unico merito era quello di essere amica stretta della Merkel oltre che figlia del presidente per 13’anni della Bassa Sassonia e pronipote di industriali tessili infaticabili sfruttatori di lavoranti russe, nonché prolifica moglie di Heiko von der  Leyen, ultimo rampollo di una famiglia di nobiltà  relativamente recente nei cui stabilimenti per la seta a Krefeld si verificò nel 1828  “la prima rivolta operaia della storia tedesca” , come scrisse Marx, a causa delle condizioni di lavoro particolarmente dure.  Insomma tutto un quadretto di ricchi figli di famiglia e figli d’arte perfetto per l’arredamento dell’oligarchia europea  Per la verità Ursula Getrud von Der Leyen nata Albrecht  aveva brillato di luce propria in due occasioni, quella in cui fu accusata di plagio per la sua tardiva tesi di laurea in medicina che per fortuna di eventuali pazienti non ha mai esercitato e quella in cui aprì le esportazioni di armi all’Arabia Saudita proprio agli inizi della guerra con lo Yemen. E se vogliamo concludere il quadretto era presente a Firenze, in qualità di emissario dell’amica cancelliera, quando  insieme a Blair forzarono il Pd ad accogliere la candidatura di Renzi (vedi qui).

Ora si scopre, nel completo silenzio dell’informazione, che quando è stata eletta alla presidenza della Commissione europea Ursula era già da mesi sotto indagine da parte di una commissione del Parlamento di Berlino  perché, da ministra della Difesa, avrebbe  aggiudicato contratti del valore di milioni eludendo la legge sugli appalti pubblici”, una cosa che è stata tenuta segreta per far sì che la cocchina della Merkel fosse eletta e che tuttora è difficile leggere sull’informazione italiana. Ma recentemente ci sono stati degli sviluppi visto che la commissione parlamentare ha scoperto che il telefonino di servizio che Ursula usava per le sue funzioni ministeriali è stato cancellato per ragioni di “sicurezza” dallo stesso ministero della Difesa nonostante il fatto che fosse stato richiesto come materiale di prova fin dal febbraio scorso. Il ministero ha traccheggiato per mesi dicendo che lo smartphone era stato smarrito, per riapparire adesso con la memoria cancellata. In questo modo non si è riusciti a comprendere fino in fondo la rete attraverso cui si decidevano gli appalti e il motivo per cui sono stati assunti molti consulenti esterni profumatamente pagati. Certo è uno scandalo, ma in ogni caso visto che la von der Leyen, come capo della commissione gode della totale impunità farebbe poca differenza: qualcuno anzi avanza il sospetto che la candidatura della signora bene sia stata avanzata dall’amica Merkel proprio per sottrarla alla giustizia, cosa del resto non nuova nell’ambito europeo il cui parlamento funge anche da refugium peccatorum. E certo può anche darsi che questo abbia pesato nella scelta, ma non bisogna nemmeno dimenticare il ruolo simbolico della signora come rappresentante tipo dell’elite: doppiamente erede di padroni delle ferriere, espressione del dilettantismo svagato dei ricchi che passano da quello a quell’altro senza aver ma bisogno di impegnarsi visto che dappetutto trovano benevolenza e negazione vivente di quel “merito” che si pretende esclusivamente dalle classi subalterne. Ursula in qualche modo è l’incarnazione della disuguaglianza e delle sue ragioni, la faccia gradevole e accettabile del muro sociale che l’Ue va costruendo e allo stesso tempo e del tutto priva di prospettive proprie, un sempòio di perfetta mimesi ambientale, un pongo allo Chanel numero 5 per il potere reale. In  certo senso si potrebbe dire che è il leader perfetto per il sardinismo. Solo è meglio non chiamarla sul cellulare, potrebbero essere guai.


Stile di vita, l’ultimo biscottino

images (1)Prima o poi doveva accadere che si mostrasse in tutta la sua inquieta e ambigua opacità, è bastato che sul trono di Bruxelles salisse una persona ancora più mediocre delle precedenti,  perché divenisse lampante il vuoto ideale e culturale della costruzione europea o per meglio dire il suo futile riferimento non alle speranze che avevano alimentato il sogno continentale e nemmeno all’etica del capitalismo, ma al suo look in salsa ordoliberista. Adesso che abbiamo un commissario alla protezione dello stile di vita europeo, per giunta e per sberleffo greco, adesso che ci è stata inferta quest’ultima americanata idiota, possiamo valutare meglio la consistenza dell’unione. Infatti non c’è niente che sia tanto lontano dalle prospettive politiche e sociali, ma così vicino invece al  controllo sociale  come l’espressione “stile di vita”, un modo di dire  che è stato infatti adottato dal centro dell’impero, talvolta sotto forma di way of life,  per proporsi come riferimento a modelli di atteggiamento e di comportamento considerati come unici ammissibili o possibili.

C’è da chiedersi se tutti gli europei abbiano lo stesso stile di vita e chi sia così poco avvertito da crederlo, se questa non sia che espressione di cecità, di scarsa acculturazione oppure l’imposizione del modello tedesco, ma l’importante in questo caso è comprendere che l’espressione tende a ribaltare i termini logici della politica: i comportamenti non derivano da idee, ideali e progetti, ma sono questi ultimi a derivare dai comportamenti o comunque ad essere secondari rispetto ad essi. Il che in soldoni si traduce in questo: potete pensare pensare ciò che volete, purché il vostro atteggiamento sia quello imposto e non pensiate di metterlo in questione e tanto meno di agire per un loro cambiamento. Storicamente “stile di vita”  di cui parla Max Weber ha avuto appunto il significato  di schema di vita distintivo dello status sociale e connesso al riconoscimento del prestigio, concetto poi ripreso dall’americano (di origine norvegese) Thorstein Veblen il quale benché vissuto a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento ha messo l’accento su una piaga della contemporaneità, ovvero su uno degli stili di vita tipicamente americano che consiste nel “consumo vistoso” come modo per distinguersi dai ceti inferiori e di imitazione di quelli superiori, uno degli ingredienti fondamentali del consumismo attuale. In poche parole lo stile di vita è la negazione di qualsiasi pensiero di  trasformazione sociale, anzi della politica stessa ed è qualcosa che riguarda esclusivamente gli individui ancorché sia un regolatore sociale collettivo.

Questa nuova fumisteria europea ha subito suscitato polemiche e in particolare la portavoce del governo francese, Sibeth Ndiaye di origini senegalesi, si è detta “personalmente molto dubbiosa” sull’intitolazione dell’incarico, ma persino Amnesty international ha avuto qualcosa da dire in quanto la cosa suscita l’idea di una sorta di imperialismo e di emarginazione culturale proprio nei confronti di quei migranti provocati che sono al cuore del politicamente corretto. Tuttavia è abbastanza evidente che  tutto questo deriva dall’idea centrale di globalismo, nata in Usa, nella quale non conta più quale sia il colore della pelle e la forma degli occhi o persino la religione purché questo non interferisca con il pensiero unico e con le regole comportamentali, profili di azione e organizzazione gerarchica prodotta dal sistema di produzione: non esiste altra cultura al di fuori di questa e tutto il resto non può che essere aspetto marginale o folcloristico. Ecco perché la creazione di un commissario allo stile di vita ha un sapore orwelliano e costituisce di fatto l’abbandono della maschera sociale che in un primo momento l’Europa si era data, ma che poi si è dissolta nell’accettazione totale del pensiero unico neo liberista. E non a caso ciò è accaduto con l’ingresso nelle stanze del potere continentale di una tipica rappresentante di quella elite parassitaria, senza alcuna vocazione o talento, che si costruisce esclusivamente attraverso le relazioni con i pari. Da semplice amica della Merkel ne è diventata esecutrice e alla prima uscita in proprio ha fatto ciò che si attende da una  collegiale di alto livello quale è stata ed ha continuato ad essere prima interessandosi di archeologia, poi di economia, quindi di medicina senza mai concludere nulla ed entrando per caso in politica, nonostante fosse figlia d’arte con un padre per quindici anni chiacchierato presidente della Bassa Sassonia oltre che vicedirettore della Bahlsen, quella dei biscotti. E adesso ci becchiamo i pasticcini della figlia.


Tutto bene

famAnna Lombroso per il Simplicissimus

Tutto bene. Adesso che il ridicolo bestione ebbro di mojito si è fatto fuori da solo, lui che  per più di un anno ha impersonato con entusiasmo l’unica incarnazione contemporanea del Male Assoluto, riconquistato lo status di umani e antifascisti,  possiamo finalmente dormire sonni tranquilli al sicuro nelle nostre tiepide case.

Tutto bene. In attesa che si riaprano, ospitali e generosi,  i nostri porti per dare ricetto  confortevole al nuovo sale della terra, il  governo guarda con dolce aspettativa alla possibilità di riprendere Mare Nostrum sottoscritto con controparti nè legittime nè legali di  Stati in disfacimento che traggono proventi organizzando la tratta dei loro cittadini, o all’opportunità di avviare quella nuova e profittevole cooperazione in Africa  immaginata da Renzi e da Minniti intrecciando rapporti commerciali ed economici con despoti grazia all’esportazione coloniale di guerra, rapina e corruzione, o all’eventualità non remota di accordarsi con l’Ue per la riapertura dei confini (i sorrisi tra Conte e Von der Leyen non lasciano dubbi) in previsione di un sistema di sanzioni per i paesi che non collaborano alla redistribuzione, che altro non sarebbe poi che la possibilità di “risarcire” l’Italia per i migranti che sbarcano sulle sue coste, secondo un meccanismo di mercato che aggiorna il tradizionale schiavismo.

Tutto bene. Possiamo continuare a dormire tranquilli nelle nostre tiepide case, che resta in vigore il decreto sicurezza bis chiamato così anche se non ve ne eravate accorti, perchè  bissava le misure di ordine pubblico e di gestione dell’immigrazione del passato aggiungendo il suono della grancassa: quelli che manifestano e protestano, quelli  che si “travisano”  con una sciarpa per proteggersi dai lacrimogeni, quelli  che si tengono un casco in testa in caso di non inusuali pestaggi  sono promossi a pericolosi criminali da galera insieme a quelli che offendono il ministro in carica con striscioni  o tirano un sasso sulle vetrate di Banca Etruria. Alla pari con quelli che disturbano in decoro – purché non si tratti di scritte che inneggiano al duce – meritevoli di Daspo.

Tutto bene. Ormai l’alta velocità non è nemmeno più in agenda perchè come disse   il promettente Calenda di allora Corrado Passera nel 2013, ormai è fatta grazie a più buchi che il groviera, all’accondiscendenza di chi non la voleva, rimossa come una piccola vergogna che si deve far presto a dimenticare e a far dimenticare. Se per caso con le liste di nozze vi siete guadagnati una crociera, il nuovo governo vi rassicura: se i molesti gufi impediranno il passaggio davanti a San Marco, potrete sempre sfiorare la Serenissima per altra via, scavata all’uopo dall’irrinunciabile concessionario di tutte le opere mai finite, in atto o previste a Venezia.

Tutto bene. Se avete la sventura – è il caso di dirlo – di essere agricoltori o di lavorare in una impresa agricola adesso ci pensa l’ex bracciante a compiere il prodigio di trasferire il Jobs Act dalle fabbriche e dagli uffici nei campi, dovrete quindi essere appagati da salari degni del Bangladesh anche se avevate pensato di essere nati dalla parte giusta – o più iniqua – del pianeta. E ci pensa sempre lei a far eradicare i vostri ulivi “minacciati” dalla xilella per far posto a cultivar più consone alla festosa globalizzazione e a condimenti fusion, così come provvederà a far posto anche tramite alleanze e patti alle sementi delle multinazionali che come sciacalli si aggirano a Castelluccio, Norcia, Amatrice.

Tutto bene. Se non siete degli sfigati campani, calabresi,  lucani, può essere che, anche in mancanza del leader secessionista, le vostre regioni partecipino della lotteria che mette in palio sontuose privatizzazione consegnando alla scuola a pagamento, alle cliniche predatorie, l’istruzione e la cura, introducendo parametri di ripartizione delle risorse arbitrari e discrezionali, grazie alla appropriazione “indebita” del residuo fiscale, la differenza cioè fra quanto i cittadini versano allo Stato centrale per il pagamento delle tasse e quanto ricevono come trasferimenti dallo stesso Stato centrale, da parte anche dei primi in classifica per evasione.

Tutto bene. Mica vi eravate spaventati di una possibile Italexit carica di minacce, vero? MIca avevate creduto e temuto che in veste di Davide si volesse tener testa al mostro europeo e ai suoi diktat ispirati dall’intento di indebolire con l’impoverimento progressivo le classi lavoratrice e di esautorare le democrazie? Non c’è da preoccuparsi,  questo governo spera di durare e ha fatta propria le tecnica giù usata qui e altrove che è poi quella di consegnare i poteri e le competenze economiche e non solo  a un  decisore sovranazionale: è l’Europa che ce lo chiede, in modo da abiurare al dovere di decidere e governare e da farci ingoiare il rospo nella necessità, dell’austerità, della implacabilità di un presente e di un futuro senza speranze e senza alternative.

Questo post è dedicato ai funzionari del MenoPeggio, a chi pensa che certe dimestichezze siano inoffensive, che passino senza colpo ferire e si dimentichino come il bacio al mafioso, che certe intese siano temporanei cerotti sulle ferite e non un contributo alla cancrena e che qualche santo abbia messo fine a una peste che traeva origine da un brutto sorcio cui è stato sufficiente tendere una trappola in cui è caduto per la troppa gola di cacio. E temo sia solo la prima puntata, perchè nulla fa supporre che si torni indietro, per cancellare Buona Scuola, sfregio delle conquiste del lavoro, restrizione dei diritti, smantellamento dello Stato sociale … e della democrazia.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: