Archivi tag: servizi

Fratelli di Trojan

 Anna Lombroso per il Simplicissimus

Prendete due fratelli con un nome improbabile, Occhionero. Aggiungete che l’uomo è un dichiarato e orgoglioso massone. Poi c’è un capo della Polizia Postale che viene rimosso di brutto perché avrebbe sottovalutato la portata della trama oscura e, era inevitabile,  il sospetto che qualcuno possa aver coperto una talpa che avrebbe operato proprio nel ventre buio dei servizi.  Adesso metteteci l’improvvisa rivelazione che i due, definiti dalla stampa e dai bene informati “affaristi da strapazzo” da mesi sarebbero penetrati nelle mail di una lunga lista di personalità molto in vista, compresi la Brambilla, Latorre, Sacconi e perfino Capezzone. Ah, dimenticavo, la sceneggiatura prevede che dietro ci siano  tenebrosi burattinai, capirai con quei nomi!  e che obiettivo della coppia  fosse probabilmente quello di rivendersi le succulente informazioni frutto della loro attività criminale, anche con intenti destabilizzanti viste le fosche simpatie piduiste.

Pretenderemmo qualcosa di più di questo canovaccio per un  brutto telefilm in questi tempi di ripresa orwelliana, quando la Cia si lagna delle ingerenze, quando crea scandalo non il reato informatico di una candidata alla presidenza dell’impero, ma la   denuncia e il disvelamento e diventa colpevole non chi l’ha commesso ma chi l’ha reso noto. E quando ognuno di noi è seguito, monitorato, controllato in ogni azione, operazione e consumo, senza difesa che, si sa, hanno diritto alla privacy solo i potenti. Tanto che c’è da sospettare che serpeggi gran malumore tra mezze figure – meno ancora di La Russa o Capezzone – trascurate dalle cospirazioni degli Occhionero.

È che non possiamo aspettarci granché ormai da macchine del fango, da complotti e congiure orchestrate da sceneggiatori dilettanti come quelli attuali. Tanto che si capisce subito cosa  si nasconde o si mostra, la tempestività  sospetta dell’epifania, a cominciare dalla ostinata proterva con la quale vengono montati brutti film da proiettare sui nostri schermi per distrarci da altre  divulgazioni somministrate invece con oculata prudenza, come le liste di certi risparmiatori Mps e soprattutto dei generosi e benefici vertici che li hanno favoriti, utili a comprendere, vedi mai, la combinazione perversa – quel “bel brand” come lo definì Renzi invitando a fidarsi – tra poteri forti, politica cialtrona, vigilanza latitante, elusione delle regole che ha segnato il fallimentare bilancio del processo di privatizzazione del sistema bancario italiano.

E infatti non a caso lo scandalo dei due “fratelli di Trojan” scoppia quando slittano i tempi dell’apertura dell’inchiesta parlamentare, per quel che vale, dell’emendamento che dovrebbe rendere pubblici tutti i nomi, l’importo dei finanziamenti, le garanzie sulla cui base sono stati erogati e da chi, prima che tutti noi versiamo l’obolo del salvataggio.

E infatti non a caso lo scandalo scoppia quando monta il processo di criminalizzazione della rete, colpevole di ogni misfatto, dove circola e si nutre l’odio, dove si manipola l’informazione e si dà spazio a menzogne e bufale, dove si nutre l’ignoranza grazie alla semplificazione del linguaggio e l’infantilizzazione della comunicazione, dove prolifera la violenza, e così via. tutti mali che sarebbero nuovi ed estranei al contesto politico, alla società, alle relazioni.

E infatti non a caso si va affermando in tutti i modi una nozione di privato egemonica da contrapporre a quella di pubblico, da promuovere nell’economia, espropriando la collettività dei beni comuni, alienati insieme a stato sociale e servizi, a istruzione e assistenza, a risorse e territorio. Un privato da tutelare fino allo spasimo se autorizza un fumus a copertura di segreti di stato, o meglio di governo e padronato anche grazie alla manomissione su dati, numeri e statistiche, se la riservatezza serve a oscurare la conoscenza di cattive compagnie e cattive azioni di politici e amministratori, se il pudore spetta a noi, mentre a loro è concessa la più svergognata sfrontatezza, se il silenzio è legittimato se cala su conflitti di interesse, malaffare, favoritismi, corruzione.

E infatti non a caso lo scandalo scoppia quando dopo aver smantellato la rete di controlli contro speculazione, affarismo, vigilanza a tutela del territorio, l’aspirazione sarebbe quella a incrementarli sulle operazioni finanziarie con l’esito che conosciamo,  sulle transazioni anche tra Pa e privati, ricorrendo ovviamente a qualche altra autorità superiore, qualche Cantone da sbandierare, qualche Antitrust che possa liberare tutto il suo istinto repressivo della libertà di espressione e di circolazione di informazioni.

E difatti il più intervistato in questi giorni è il compagno di merende del segretario del Pd, esponente di spicco della cerchia renziana, quel Marco Carrai già compagno di Risiko dell’ex premier che non si arrende, che dal nulla ha creato società che fatturano milioni, ha ottenuto incarichi in partecipate pubbliche e fondazioni politiche (l’Open del premier), è diventato un lobbista potente con entrature internazionali, proprietario di startup che fanno sorprendenti affari d’oro, così poliedrico sa essere l’uomo giusto per tutti i posti giusti della “famiglia”: aeroporti, e-commerce benedetti dai ministeri competenti, “strumenti bancari e finanziari”, ma soprattutto il cyber spazio, tanto da essere stato il candidato favorito per dirigere una struttura “dedicata” alle dirette dipendenza di Palazzo Chigi, una specie di  servizio per controllare e gestire i servizi. Sembrava non gli fosse andata bene: ma la rinuncia sua e del suo padrino era probabilmente temporanea, se ora si è creata una emergenza ad hoc per ridare lustro a proposta e designazione sperate, in modo da rafforzare un esecutivo penalizzato dall’esito referendario con un cortile in più dove far scorrazzare  gli spioni di governo e in modo da tappare occhi, bocca e orecchie dei veri spiati, noi. E anche il naso, per non farci sentire la puzza.

 

 


Hollande Killer

 Anna Lombroso per il Simplicissimus

Va a capire se fanno più paura i sospetti di indole criminale e propositi sanguinari condannati a morte senza processo da Hollande anche fuori dal suolo patrio o la sua intelligence, che in assenza della necessaria perizia investigativa, è stata autorizzata in questi giorni a fare giustizia sommaria di almeno 40 soggetti a alto rischio nel corso di missioni speciali da svolgere in nome della legittima difesa collettiva.

L’ometto dell’Eliseo, come spesso succede a individui affetti da un fisico poco atletico  e da una personalità ancor meno eminente e carismatico, ha scoperto il bello dell’autoritarismo più cupo in sostituzione di ragionevole autorevolezza: a lui si deve la svolta forte dello stato di eccezione “necessario” e stabile ben oltre l’emergenza che legittima come inevitabili restrizioni di libertà e diritti in nome dell’ordine e della sicurezza. E ora in prossimità della detronizzazione e a due anni da Charlie Hebdo realizza il suo incubo muscolare e  mette una pezza sulla credibilità perduta dei suoi servizi dopo innumerevoli fallimenti, tra operazioni mirate, non abbastanza se era sbagliato luogo e tempo della missione, sconcertante trascuratezza nei controlli e nella vigilanza su espliciti simpatizzanti della Jihad dediti al turismo in aree calde,  una tendenza estrema al grilletto tanto facile  da rendere impossibile l’accesso a informazioni cruciali.

Così si viene a sapere che ha autorizzato esecuzioni extra giudiziarie di supposti aderenti all’ideologia del Califfato fuori dai confini, per neutralizzare bersagli eccellenti, stanziali o di passaggio in territori un tempo appartenenti alle geografie coloniali francesi e oggi obiettivo di imprescindibili missioni di rafforzamento istituzionale, export di democrazia, aiuto umanitario secondo le regole Nato. E non c’è poi da stupirsi se intorno a certe misure eccezionali e a certi interventi contro svariati nemici Numero 1 si sbizzarrisce il fronte dietrologico tirato a cimento da disorientanti ritrovamenti sui luoghi degli attentati di copiose documentazioni attestanti identità, curricula criminali e frequentazioni di commissariati  e galere dei poco misteriosi killer, la non ardua rintracciabilità dei loro arditi spostamenti secondo una mobilità resa possibile da una stupefacente latitanza di vigilanza e accertamenti, e così via.

Il fatto è che laddove tutto è confuso, quando il “cattivo” trae la sua forza dal fatto di essere elusivo, sfuggente, capace di incarnazioni le più diverse. quando è sempre più impervio legittimare i costi umani, economici e sociali di guerre di aggressione contro Afghanistan, Iraq, Libia, strategia di destabilizzazione come in Siria, tracotanti presenze militari e appoggio a despoti sanguinari. Quando, tra l’altro, il Nemico Pubblico è stato e sarà magari un comodo alleato, finanziato proprio dai governi delle sue vittime transnazionali, sostenuto da alcuni dei migliori amici dell’Occidente ivi incluso un paese membro della Nato e aspirante all’ingresso nell’Ue, è difficile dimostrare che quella che si sta conducendo è una guerra giusta, rispettosa di imperativi morali e giuridici, in quanto difensiva della civiltà.. e che civiltà, quella che usa menzogna e trasformismo come sistema di governo, sicché Bin Laden era un fratello se combatteva i sovietici in Afghanistan e il terrorista più efferato se ispira gli attentatori delle Torri Gemelle e gli islamisti che compivano stragi a Damasco erano benevolmente definisti “ribelli anti Assad” dalle generose cancellerie per essere retrocessi a macellai feroci se usano lo stesso trattamento a civili di Bruxelles o Parigi.

Non è una novità e dovremmo preoccuparci, perché certe esecuzioni in giro per il mondo e non solo in America Latina hanno rivelato che agli occhi e al giudizio dell’impero il tremendo e aberrante flagello del terrorismo  poteva assumere le fattezze di sindacalisti e oppositori, se la “sicurezza” della scuola americana ha forgiato le élite più repressive e ferine del Guatemala, del Salvador, del Cile, dell’Argentina,  dell’Honduras, dove la formazione dell’esercito, delle polizie, dei servizi, ma soprattutto degli squadroni della morte,  era a cura della Cia che insegnava i modi e gli usi della giustizia sommaria, delle necessarie condanne a morte senza processo.

Non c’è nulla di buonista nel reclamare il rispetto delle leggi. E nemmeno nel dire che se il terrorismo è l’assassinio di persone innocenti per conseguire fini politici, come dovremmo chiamare guerre condotte per scopi economici, sopraffazione e sfruttamento in cui ancora più numerosi e altrettanto innocenti individui, regrediti a effetti collaterali, vengono ammazzate? E che nome dare a altre forme non meno cruente di conflitto, la riduzione di servitù dei lavoratori, il ricatto come strumento di potere, l’intimidazione come mezzo di persuasione, la limitazione di prerogative e diritti, la cancellazione di assistenza e cura, la dilapidazione e la svendita di beni comuni? E non è affine alla sovversione più cruenta corrompere le leggi per la difesa di interessi particolari, promuovere emergenze e nutrire minacce e paure per autorizzare regimi e misure speciali e illegittimi, irridere valori e principi etici per imporre il comando del più forte? Attenti a dirlo però, potrebbe esserci un ometto che digrigna i denti e comanda di farvi star zitti in qualsiasi modo.

 

 


La baia dei Porci in attesa del referendum

porciMentre spero vi prepariate a votare sì, il referendum mi ha quasi fatto dimenticare che proprio oggi cade  il 55° anniversario della Baia dei Porci, ovvero il tentativo di invasione di Cuba da parte degli Stati Uniti, mediante un esercito mercenario – come fu costretto ad ammettere Kennedy una settimana dopo – che tuttavia fallì miseramente in 70 ore nonostante la copertura aerea proveniente sia dalla Florida che dal Nicaragua. L’episodio che oggi pochi ricordano o che comunque viene considerato minore fu in realtà la cruna dell’ago che determinò tutta la storia successiva ponendo le basi politiche e psicologiche sia per la crisi dei missili, sia per l’assassinio di Kennedy, sia per l’ascesa a un potere pressoché inedito dei servizi di intelligence che ancor oggi fanno e disfanno la geopolitica di Washington oltre ad essere importanti per quella interna, sia la deriva bellica del Vietnam con tutte le successive conseguenze. Soprattutto fu il momento in cui le elites Usa cominciarono a puntare sempre più sulla forza militare piuttosto che sulla persuasione consumistica che dal “mondo libero” irradiava su quello comunista.

Le ragioni di questi effetti spropositati rispetto all’entità dei fatti affondano nella storia del secolo precedente, nei suoi aspetti forse peggiori e soprattutto nel fatto che gli Usa consideravano Cuba un loro protettorato, che erano intervenuti a favore dei proprietari terrieri incazzati con la Spagna di cui l’isola era un vicereame per la sua scarsa capacità di donare le ribellioni e si rivolgevano sempre più a Washington per avere protezione. Questo nonostante il fatto che l’isola godesse di uno status piuttosto avanzato rispetto agli stessi Usa, basti pensare che nel 1860 il 39% della popolazione nera cubana era formata da uomini liberi contro l’11 % della Virginia. Comunque sia nel 1898 gli Stati Uniti fecero saltare l’incrociatore Maine di fonda all’Avana (come oggi è dimostrato, vedi nota)  per avere la scusa di dichiarare guerra all’ignara  Madrid e prendersi sia Guam che Portorico che le Filippine, inaugurando di fatto il proprio impero marittimo. La stesa Cuba divenne possedimento Usa fino al 1902 quando fu varata un’ipocrita indipendenza che nella stessa costituzione prevedeva l’intervento del grande vicino per ciò che concerneva la finanza e le relazioni con estero.

La rivoluzione di Castro ebbe perciò un impatto enorme sottraendo Cuba, l’origine dell’impero, alla sudditanza americana e per di più tramite una di quelle sollevazioni popolari che avevano permesso agli Usa di divenire il protettore della grande e parassitaria borghesia isolana. Insomma uno smacco di proporzioni mai viste per Washington, oltre che un segnale di debolezza ideologica,  che doveva essere riparato ad ogni costo, anche se nelle condizioni della guerra fredda non si poteva cancellare l’onta con un’operazione militare aperta e ci s’ inventò la farsa degli esuli cubani che erano poi i rampolli . Cuba accettò l’offerta dei missili da parte di Kruscev , gestita poi in modo pessimo dal leader sovietico che esautorò Castro Da ogni decisione, proprio per aver modo di difendersi da una nuova grande invasione apertamente preparata e affidata a una Cia epurata dai vecchi della seconda guerra mondiale e in mano a un gruppo fanatizzato che successivamente farà da traino al Vietnam e alla creazione delle falangi terroriste antisovietiche. Gruppo che si incisterà e si riprodurrà nei servizi di intelligence fino ai giorni nostri con la sua mentalità cinica ed estremista oltre che con la pretesa di autonomia dal potere politico. Anche se entrambi sono finiti sotto lo stesso padrone.

Insomma quell’avvenimento che quasi non è più ricordato ha invece una sua parte anche nelle vicende di oggi che sembrano far parte di un altro mondo. Ma è nella Baia dei Porci che si è formato un atteggiamento, una mentalità che vediamo operare soprattutto nella spinta sempre più chiara verso l’opzione militare, nella creazione dal nulla o dal poco di formazioni armate, nella organizzazione di proteste guidate e di terrorismi elusivi. Nomen omen, si vede.

Nota  La Costituzione americana vieta espressamente di aggredire per primi uno stato estero. Di qui una straordinaria serie di incidenti provocati o indotti per poter essere dalla parte dell’aggredito. Nel caso specifico una commissione d’inchiesta americana stabilì nel 1987 che in realtà gli spagnoli non ebbero alcuna responsabilità nell’ attentato al  Maine  e che l’esplosione sarebbe avvenuta “a causa di esplosivi fatti collocare troppo vicino alle caldaie dal capitano della nave”. Una verità alla fine rivelata autonomamente prima che divenisse un caso di menzogna storica e di stato.

 


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: