A -tonti

Era inevitabile che accadesse, che  nel vasto oceano delle sciocchezze contemporanee si formasse un simbionte tra ignoranza caprina e politicamente corretto: così alla riapertura del Congresso americano il deputato democratico Emanuel Cleaver, ha pronunciato una  preghiera pubblica (è anche pastore metodista)  terminando con Amen, ma aggiungendo subito dopo Awoman. Il poverino che rappresenta a pieno il livello culturale medio dell’americano di fine impero pensava che il men di Amen  significasse “uomini” e dunque irritato per questa discriminazione  ci ha aggiunto una donna. Per tutta la vita ha pronunciato parole sacre cui non comprendeva il significato senza nemmeno curarsi di approfondire gli armamentari base delle sue prediche.  Certo anche così la conclusione è piuttosto carente perché avrebbe dovuto aggiungere anche A- gay e tutta la sfilza di definizioni, oppure includere tutto in A- Lgbt che certo parrebbe un po’ troppo riassuntivo  e comunque avvilente per le persone che devono subire queste definizioni. Comunque non intendo occuparmi di un subnormale linguistico d’oltreoceano né del suo dozzinale  imperialismo da  che lo porta a credere che tutto sia inglese, bensì di quelli nostrani: perché se il buon pastore Cleaver che tra l’altro significa mannaia pensa che amen c’entri con uomini, da noi molte parole latine vengono pronunciate come se fossero inglesi da generazioni completamente ignare ormai della lingua di Roma, ma anche dell’italiano stesso usato in modo così rozzo e stentato che viene messo in crisi dalla minima consecutio.

Abbiano qui un ribaltamento della aneddotica marxiana: all’inizio questi storpiamenti si presentavano come farsa nei film di Totò e oggi si presentano come il dramma dell’ignoranza e della sudditanza. Non abbiamo infatti solo le parole degli spot i vari “plas” al posto di plus, primium invece di premium, giunior invece di iunior, ma anche l’immancabile ” midia” invece di media che viene largamente usato anche dalla schiera degli intellettuali da tv, per non dire di tiutor invece di tutor,  odit invece di audit, come se già non bastasse il moltiplicarsi di anglicismi usati soprattutto per evitare di dire qualcosa di esatto e di specifico, per essere vaghi  e vacui, per apparire smart e acculturati dentro uno spaventoso provincialismo. E non basta perché questa anglo genuflessione  sii attua anche sulle  lingue diverse rispetto all’italiano: Netflix e compagnia pullulano di doppiaggi dove i nomi francesi o tedeschi o scandinavi o slavi sono inglesizzati togliendo al sub spettatore medio il terrore di dover scoprire qualcosa di diverso dalla sua sudditanza quotidiana. Tra l’altro la diffusione dell’inglese che è senza dubbio la meno complessa tra le lingue indoeuropee, l’ha ulteriormente semplificata  e oggi alcuni linguisti segnalano la sua uscita dal novero delle lingue flessive per entrare in quello delle lingue isolanti, sostanzialmente un pidgin di se stessa. Per carità ogni lingua ha una sua ricchezza e ci sono parole inglesi di cui non potremmo fare a meno, ma ce ne sono molte, molte  di più delle quali si potrebbe benissimo fare a ameno essendo più generiche e meno incisive rispetto alle nostre e complessivamente più rozze.

Ma evidentemente sono più adatte al declino intellettuale contemporaneo che fa dell’indistinto e del semplicemente suggestivo il suo fulcro. Chissà magari domani si terminerà con Atonti.

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

4 responses to “A -tonti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: