OhMama, l’America profonda in agonia

Oggi mi limito a pubblicare una lettera che sta facendo il giro dell’America, scritta da una madre appartenente a quella classe media che sta sprofondando e che si firma OhMama. Ho trascurato riferimenti che non dicono nulla al lettore italiano o europeo, ma al di là delle singole tesi espresse la trovo significativa di una rabbia che gira a vuoto, che non ha il minimo aggancio politico, concreto o anche solo ideale, che si trova a mezza strada fra la ribellione e la rassegnazione  E’ una rabbia che non arma il futuro, ma finisce per alimentare il caos e il declino e che non appartiene solo agli Usa, ma all’intero occidente in questa terribile caduta degli dei.

“Sono nata alla fine della Generazione X e all’inizio della Millennial, sono cresciuta in una città della classe media. La vita era bella. La nostra casa era modesta ma i compleanni e il Natale erano sempre generosi, andavamo in vacanza ogni anno, avevamo due auto e c’erano abbastanza soldi per me per prendere lezioni di danza e per la scuola d’arte. Sono cresciuta pensando che essere americana fosse il regalo più grande che una persona potesse avere. Sono cresciuta pensando che il nostro paese fosse forte, onesto e vero come mio padre. Sono cresciuta pensando di essere libera. Ma da adulta, ho assistito alla rovina del mondo in cui ero cresciuta. Ho visto come la nostra valuta e la nostra economia siano  state spudoratamente corrotte oltre la redenzione. Da quando ci siamo sposati, io e mio marito per due volte abbiamo visto i nostri risparmi  mangiati da quel mercato in cui ci avevano detto di investire e ora che le pensioni non esistono più e noi lavoratori comuni siamo soli dovremo lavorare fino alla morte, perché anche la previdenza sociale che abbiamo pagato è stata derubata.

Ho visto i nostri rappresentanti eletti entrare nel Congresso come persone normali e andarsene come multimilionari. Ho visto mio marito operaio alzarsi ogni giorno a un’ora maledetta e tornare a casa con un mal di schiena che, preghiamo, lo lasci invecchiare tutto intero. Al di fuori di scarpe, calzini e biancheria intima, quasi tutto quello che indossa la mia famiglia è stato comprato usato. Non andiamo in vacanza da 12 anni.

Non abbiamo telefoni cellulari, cavi o qualsiasi tipo di servizio di streaming, solo una linea fissa e Internet. Non mangiamo quasi mai fuori. Faccio giardinaggio e allevo pollame per uova e carne che vendo, assieme ad altre cose cose su Etsy la sera.  Eppure è appena sufficiente per pagare le bollette che aumentano ogni anno mentre la qualità del servizio e la longevità delle merci diminuiscono. Quello che ho appena descritto è la vita che puoi vivere con 60mila ( lordi) dollari l’anno. Se si considerano tutte le tasse federali, statali e locali più le tasse di registrazione, le tasse sui salari, su Medicare e servizio sanitario, quasi un terzo di ciò che guadagna la mia famiglia viene preso dal governo ogni anno. Ciò che resta non va lontano, quanto basta per coprire il minimo indispensabile e risparmiare un po ‘per quando il lupo ulula alla porta. Ho visto l’assicurazione sanitaria della mia famiglia distrutta. La nostra assicurazione sul mercato privato, che dovevamo avere perché il datore di lavoro di mio marito è troppo piccolo per avere un piano di gruppo, è diventata illegale. Ci è stata lasciata la possibilità di acquistare un piano Obamacare con franchigie insostenibili e massimali ridicoli o di pagare una multa allo stesso governo che ha distrutto la nostra assistenza sanitaria per non aver acquistato il piano governativo che non possiamo permetterci. Ora abbiamo un’assicurazione a breve termine che non è affatto un’assicurazione, e vivo nel timore che uno di noi si ferisca o si ammali di qualcosa per cui non c’è rimedio nell’armadietto dei medicinali.

Ho visto l’educazione, già sommaria quando ero bambina, diventare uno scherzo a tutto campo con studi di matematica del tutto privi di matematica, ma premi per tutti. La mia famiglia ha subito un enorme colpo finanziario (per il Covid ndr) mentre nostro figlio è costretto a rimanere a casa . Almeno sarà in grado di fare matematica vecchio stile abbastanza bene da vedere quanto la stanno avvilendo. Mi sono seduta e ho tenuto a freno la lingua perché mi hanno definito deplorevole e amara e mi hanno detto che non l’avevo educato bene. Sono stata definita  razzista e xenofoba, una stupida e persino appartenente un “brutto popolo”. Mi è stato detto che ho dei privilegi e che ho un pregiudizio intrinseco a causa del colore della mia pelle, che il mio amato marito e padre fanno parte di un orribile patriarcato. Nemmeno un accidenti di questo è vero, ma se oso dire qualcosa al riguardo, sarà usato come prova del mio razzismo e della mia fragilità bianca.

Cresciuta in un ambiente repubblicano, mi sono tappata il naso e ho votato per Bush, il sangue blu del Connecticut che parla texano il quale ci ha mentito in 2 guerre e ci ha dato l’antipatriottico Patriot Act. Ho votato per McCain, l ‘”eroe” sociopatico neocon, uccello canoro che ha silurato il tentativo di uccidere l’Obamacare che sta uccidendo finanziariamente la mia famiglia. E ho votato per Trump, che, se non ha fatto nient’altro, ci ha almeno regalatoo un clamoroso applauso al Bronx contro gli  ipocriti della convenzione democratica. Grazie per questo signor Presidente, a nome di tutti noi. Dio ti benedica per questo. E ora ho visto le persone che odiano me e il mio ceto, che invocano la nostra distruzione rubare palesemente e apertamente le elezioni e poi dire che ci hanno illuminato, che questo era onesto . Sto guardando mentre il partito repubblicano non fa niente al riguardo: probabilmente sono sollevati dal fatto che Trump se ne vada  in modo che possano tornare al loro vero lavoro di riempirsi le tasche e fare lobby per i loro padroni aziendali. Sto osservando mentre i media, in un modo che farebbe arrossire Stalin, mettono a tacere chiunque osi mettere in dubbio la legittimità di questa farsa che chiamano democrazia. Lo so, è una repubblica, ma sono così stanca di spiegare alle persone che tanto vale arrendermi e unirmi a loro nell’ignoranza.

Non voterò più: hanno reso molto chiaro che la mia voce non ha importanza. Hanno deciso che ciò di cui ho bisogno è un pedofilo geriatrico che non dovrebbe essere investito di nulla di più importante della scelta tra tapioca e budino di riso in casa di riposo, un verme da divano che si scaglia contro il razzismo pur essendo un discendente di proprietari di schiavi.

Sono libera di smembrare un bambino nel mio grembo e ucciderlo perché “il mio corpo è la mia scelta”, ma Dio mi maledica  se non mi coprirò la faccia con una coperta di sicurezza degna di Linus carica di germi o se rifiuterò che si iniettino sostanze chimiche nel mio corpo o in quello di mio figlio. Posso essere trollizzata in rete, licenziata, evitata e distrutta per aver osato osare che ci sono solo 2 sessi come dimostrato dal Dna, ma non per credere che una malattia con un tasso di sopravvivenza del 99,9% per la maggior parte degli umani è una pandemia mortale per cui vale la pena uccidere un’economia.

Ho finito. Non chiedetemi di impegnarmi per la bandiera, o salutare le truppe, o sparare fuochi d’artificio il 4 luglio. È uno scherzo malato, contorto, straziante, questo cadavere gonfio e irriconoscibile di una repubblica che una volta era la nostra. E non sono sola. Non sono sicura di come le cose possano funzionare quando milioni di cittadini non sentono più alcuna lealtà verso o dalla società in cui vivono. Sono stata cresciuta per essere una signora, e le donne non imprecano, ma fanculo a questi figli di puttana, all’inferno per quello che hanno fatto a me, al mio e al mio paese. Tutto ciò che noi Joe Blow ( sinonimo di persona comune ndr ) americani volevamo era un piccolo pezzo di terra per crescere una famiglia, un lavoro per pagare i conti, e almeno un’illusione di libertà, e anche quello era troppo per questi parassiti. Vogliono tutto, mente, corpo e anima. Accidenti a loro. Accidenti a tutti loro.”

 

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

One response to “OhMama, l’America profonda in agonia

  • Bruno B.

    Quando gli americani saranno consapevoli del male ricevuto dai “fratelli maggiori”, sarà il più grande pogrom del storia.
    Spero con tutto il cuore che quel giorno venga presto.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: