Minestra di cavoli neri

Saia mussI critici della gastronomia politica, del calibro di Monti e della Pascale, mai satolli di sparare sciocchezze vuoi accademiche vuoi di trucco e parrucco , assicuravano  che il nuovo ristorante Sardine apertosi in zona Leopolda serviva ricette gourmet, ancorché così segrete da non poter essere messe in menù  e invece, come spesso accade, ci troviamo di fronte a piatti di recupero, a un immangiabile minestrone, messo assieme con tutti gli scarti di cucina, compresi quelli andati a andati a male: dentro le sardine confluiscono mano a mano prima le madamine Si Tav, transitate attraverso Giovanna Giordano Peretti, la tenutaria del renzismo a Torino e infine persino Casa Pound e i suoi picchiatori sul cui antifascismo e anti sovranismo c’è da giurare. Non c’è da meravigliarsi: fin dal primo istante agi occhi di chi non è ancora disposto a bersi qualsiasi sciocchezza, il sardinismo è apparso  come un fenomeno di pressione e confusione politica teleguidato dai poteri che tengono nelle grinfie il Paese:  tutto, a cominciare dal più noto propalatore ittico, guarda caso un lobbista del petrolio e delle trivelle, passando per le non credibili modalità di mobilitazione e finendo con la furbesca esiguità degli intenti,  ne denunciava l’origine. Ma ora, dopo queste confluenze che ne sottolineano  l’assurdità e l’insincerità politica, si può andare oltre e dire  che si tratta di un’azione pura azione di marketing politico. Infatti non sono Casa Pound e i Si Tav a travestirsi da sardine, ma sono queste ad essere travestire da movimento politico.

Dopo la caduta del governo a doppia trazione  Cinque Stelle – Lega e il passaggio dei primi a un’alleanza col peggior nemico di sempre ovvero col Pd, il movimento fondato e sfondato da Grillo, si è di fatto dissolto, gassificato e come una stella alla fine della sua vita e ha cominciato a perdere i suoi strati esterni, la parte più qualunquista, ma proprio per questo più portata a sentirsi orfana e disposta ad accettare qualsiasi caramella pur di tornare in piazza, di essere nuovamente protagonista di qualcosa e di non dover meditare sui motivi si un fallimento. Si sa che a una delusione segue un periodo di intensa ricerca di un partner, sia pure il più improbabile e il marketing politico lavora su queste reazioni automatiche, non certo su idee e prospettive. Insomma c’erano le tutte  le premesse e lo spazio perché un nucleo accortamente mobilitato dal sistema non si arenasse subito, sulla propria nullità e non innescasse una specie di reazione controllata grazie al carburante disponibile. Questo effetto naturalmente poteva essere possibile solo a patto di nascondere l’origine e di avere un’assoluta assenza di contenuti, per raccogliere gente da ogni parte e allo stesso tempo dedicarsi interamente a un  “nemico”  che poteva venire buono sia per i delusi dei Cinque stelle che per l’elettore piddino infarcito di nominalismo politici. La presunta mobilitazione in rete era un’esca per i primi, che potevano rammemorare gli antichi fasti, e un alibi per i secondi che possono così essere non schegge del potere parassitario, ma ggente tra ggente.

Questo ci dice come sia facile agli asset attuali del potere, forti dell’informazione e della comunicazione, mettere in piedi movimenti completamente artificiali e senza alcuna direzione, buoni solo come pratica di sfogo e come massa di manovra di emergenza. Del resto le parole del sardone che capeggia il banco di questi pesci, il trivellatore Santori, esprime alla perfezione il suo concetto di democrazia e di politica quando dice “Politica con la P maiuscola significa delegare a qualcuno che è competente.” Juncker non avrebbe saputo dire di meglio, tanto è stupida questa idea che fa in sostanza della politica un problema di obbedienza alle elites. Verrebbe da chiedersi di cosa è esperto Santori per ricevere qualche investitura. Ma una cosa è certa: chi è così stupido, così rozzo da voler delegare qualcosa a un servo ottuso del genere?

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

One response to “Minestra di cavoli neri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: