Archivi tag: elite

Marione er cazzaro

Sono ormai 15 o 20 anni che la razza padrona è venuta allo scoperto mettendo sotto accusa la democrazia in nome delle elite e della loro capacità di avere cognizione e visione dei problemi a fronte di un popolo bue incapace di autogoverno. Era in buona sostanza anche il concetto fondativo di un’Europa al riparo dei capricci dei popoli, come come chiaramente espresso nel Manifesto di Ventotene che del resto pochi hanno letto e quei pochi hanno fatto finta di non capire. Ma ecco che ogni tanto qualche membro di questa elite di prescelti viene colto a delirare e a dire stupidaggini strappando il sipario sulla loro presunta superiorità e mostrandoli nella loro desolante realtà intellettuale.  L’altro giorno è toccato a Mario Monti, oggi capo coviddaro dell’Europa, che durante una discussione su La 7 interferendo con il meteorologo Sottocorona ha cominciato a vaneggiare di sovranismo o addirittura di irredentismo perché nelle previsioni del tempo è inclusa la Corsica. Difficile rintracciare nelle cronache un intervento senza capo né coda come questo, tipico di chi sniffa pesante.

Probabilmente nella testa confusa di un uomo che decenni ha incassato una considerazione del tutto immeritata  questa penosa e confusa sceneggiata è stata pensata come una sorta di avvicinamento al popolo per via meteorologica senza minimamente avere il sospetto di poter fare semplicemente la figura del cretino. Vi consiglio di andare a recuperare la scena nel talk della Merlino perché è davvero una cosa da Totò , compreso l’incipit che riguardava i gradi nell’aviazione militare. Io mi domando ma se Monti non fosse nato in una delle più grandi famiglie di banchieri e fosse stato un cretino qualunque invece di essere un cretino d’oro, cosa farebbe ora? Perché poi gratta gratta questa famosa elite è di fatto ereditaria e subisce lo stesso destino delle dinastie nobiliari o ereditarie: diventano ottuse e incompetenti ( Monti ne è un sublime esempio), molto più di quel popolo disprezzato che tuttavia è in grado di vedere le previsioni del tempo facendosi domande coerenti e non idiote.

 


Biopotere

Enrico_II_di_Francia_che_cura_gli_scrofolosi_(miniatura_XVI°)Nel 1978 Michel Focault inventò la parola “biopotere” per esprimere l’evoluzione storica dai regimi assolutistici all’età contemporanea: il passaggio da una concezione in cui il “sovrano” inteso nel suo significato simbolico passava dal potere di far morire e di lasciar vivere, al potere di far vivere e di lasciar morire. Non ho molta simpatia per le visioni socio – storico – psicanalitiche che appaiono sempre collegate alla mera individualità e hanno perciò bisogno di una “struttura contrattuale” palese o intrinseca per concepire la società che è vista sostanzialmente una collezione di individui, mentre personalmente ritengo che siano gli individui ad essere un prodotto sociale, che l’insieme determina il particolare e non viceversa: perciò non fui molto convinto da quella tesi, tanto più che il potere ha sempre a che fare con la sacralità e dunque anche con la guarigione come dimostra il fenomeno dei re taumaturghi. Ma era comunque un’idea interessante perché nella gestione delle grandi masse l’elemento puramente biologico assume un’importanza cruciale e per qualche verso, se da una parte sembra svolgere un ruolo positivo, come molti commentatori pensano, dall’altro può risospingere verso l’assolutismo e le forme immediatamente repressive tipiche dell’Ancien regime, come nel caso in cui si debba far fronte a una minaccia vera o sostanzialmente falsa che sia, dividendo la popolazione in buoni e cattivi e comunque reprimendo le libertà precedentemente concesse.

E’ precisamente la situazione nella quale ci ritroviamo e chissà che l’aver rispolverato l’espressione Stati Generali che fa appunto fa parte dell’assolutismo, non sia una sorta di lapsus freudiano da parte di un governo che agisce senza più il Parlamento, ma in generale in tutto l’occidente proprio il biopotere è stato ciò che ha permesso di fondare uno stato di eccezione che viene spacciato come temporaneo, ma che in realtà, almeno nelle intenzioni  è destinato a permanere e a lasciare le sue pietre miliari. Non a caso la metodologia con cui si  è arrivato a questa situazione è quella messa a punto ormai da decenni in quella che Naomi Klein ha chiamato politica dello choc: si tratta essenzialmente  di utilizzare il triangolo di Karpman che implica l’uso delle proiezioni emotive del triangolo “‘oppressore –  vittima  – salvatore”. Sia che si trattasse di terrorismo, come di nazioni recalcitranti nel far parte del sistema globalista, veniva presentata una minaccia, si operava in modo che i singoli si sentissero vittime dopodiché arrivava il Leviatano che si proponeva come salvezza, non senza prendersi la sua libbra di carne strappandola alla libertà e a ciò che rimaneva della democrazia.  In questo caso la minaccia non viene da altri, ma dal biologico stesso ed ecco che il potere separa le persone, le confina, prende l’occasione per distruggere ciò che si ritiene pericoloso come la scuola e paradossalmente proprio la tutela sanitaria universale. Che poi le minacce siano reali, create ad hoc, determinate dalle politiche di sfruttamento planetario e di ingerenza oppure raccolte per strada, moltiplicate dal megafono mediatico e asseverate da una scienza in gran parte legata al potere poco importa: il punto centrale è che il senso di debolezza e di affidamento al potere soccorritore consentano di attuare una ristrutturazione dell’architettura sociale senza incontrare eccessive resistenze.

Molto più dei vecchi spauracchi la pandemia che finora ha contagiato circa un centesimo delle persone che di solito prendono la normale influenza, permette la manipolazione delle relazioni sociali basate sia sulla fiducia e che sul sospetto allo scopo di controllare le relazioni di prossimità e distanza. Da quando la crisi pandemica ha imposto la sua narrazione, le relazioni sociali tra le persone sono  diventate diffidenti e paranoiche: ognuno è impegnato a sentirsi cauto sulle intenzioni degli altri mantenendosi alla distanza stabilita dal biopotere  di cui tutti sono sono obbligati a fidarsi, con il rischio di considerare come frutto di una una mente cospirativa ogni obiezione razionale e di punire ogni mancata obbedienza. Se abbiamo vissuto storie paradossali in cui pensionati andati per per spiagge e boschi deserti sono stati  braccati con mezzi più imponenti che se si fosse alla caccia di un boss ( ma che dico, quelli sono stati liberati) non si è trattato di un incidente, è stato voluto perché la volontà repressiva fosse compresa e interiorizzata da tutti.  E tuttavia , un’altra cosa appare chiara: le elites hanno perso il controllo della narrazione che hanno imbastito, il sistema nel suo complesso si è rivelato una formazione frattale nella quale l’incompetenza è ribadita ad ogni livello: sono stati messi in crisi i flussi di capitali, è stata spezzata la fede nella crescita infinita, mentre crescono il malcontento e la disillusione verso un concetto chiave degli ultimi vent’anni, ossia che le elite di comando hanno comunque una capacità di controllo da cui il popolo si deve tenere lontano. Quando saranno finalmente chiari i disastri compiuti in nome di un pericolo artificialmente agitato, il potere non potrò più contare sul consenso o sulle illusioni, ma solo sulla mera forza. 


Brutti, sporchi e cattivi

bruttiAnna Lombroso per il Simplicissimus

Ieri una intelligente giornalista del Fatto Quotidiano, che poi è l’unico giornale che si può ancora leggere, benché ottenebrato dal culto della personalità del presidente Conte, ci ha reso partecipe della sua scoperta, sia pure con un certo ritardo su teorie storiche, filosofiche e psicoanalitiche, che le masse avrebbero sete di sangue, che esigono il sacrificio, l’ostensione e il culto dei loro martiri, così come  le società anche le più civili hanno bisogno di eroi.

Tutto vero e accertato, per carità, stupisce solo che se ne sia accorta in occasione delle esternazioni oltraggiose ai  danni di Silvia Romano, che, a suo dire, ma condivido largamente l’ipotesi tristemente suggestiva, avrebbe avuto celebrazioni unanimi se fosse arrivata sullo scudo, oppure macilenta e provata. Mentre pare non sia moralmente sopportabile che al suo arrivo abbia esibito con orgoglio l’abito tradizionale del luogo della sua reclusione e simbolico dell’appartenenza religiosa, che abbi fieramente rivendicato la sua conversione, che fosse sana addirittura più dei detenuti da virus come rivelava il suo sorriso   mostrato  anche nelle immagini della prigionia.

E dire che Daniela Ranieri, di lei si tratta, avrebbe potuto avere la stessa  rivelazione nei mesi scorsi quando il “governo migliore, se non perfetto”, che ci sia stato concesso dalla Provvidenza  per gestire l’emergenza, ha offerto  come in un rito barbarico a una  plebe ignorante, fanciullesca per irresponsabilità e  sventatezza, l’immolazione di alcuni in qualità di vittime del dovere e dell’abnegazione,  costretti a testimoniare del loro spirito di servizio, negli ospedali, nelle fabbriche, negli uffici e nei supermercati, nuove cattedrali della modernità, esponendosi  come agnelli mentre il resto del gregge stava a casa a assistere allo spettacolo online dei gladiatori nell’arena del virus.

Lei se la prende, e ha ragione, con gli odiatori, con le penne sessiste e qualunquiste, che fanno però da altoparlante ai borborigmi di pance oggi più vuote di prima, e che nessuno sta a ascoltare, che si sentono, pensate un po’, autorizzate dalla carestia immanente, dalla chiusura di piccole imprese, dalla sospensione di lavoretti part time, a porsi delle domande meschine sulle destinazioni di milioni concessi alla faccia del no alle trattive coi terroristi vigente per Moro come per i privati sequestrati dalla malavita, come se è domandato per altri, molti di più, elargiti, anche quelli di tasca loro, per il salvataggio di banche criminali, per l’acquisto di armamenti farlocchi, per l’aiuto dato alla sanità privata.

E’ che ormai  è quasi banale osservare che da anni la lotta di classe si consuma alla rovescia: ricchi e superricchi contro sfruttati. E adesso ci tocca anche vedere il populismo alla rovescia mosso dalle élite, che sbrigativamente possiamo definire come espressione del progressismo neoliberista, contro un ceto numeroso, ma appunto senza parola se si escludono esternazioni sui social o nelle Tv del dolore, e senza ascolto, salvo quello delle destre estreme.

Sono quelli cui una minoranza che rivendica superiorità morale, oltre che sociale e culturale, rinfaccia ogni giorno di essere una massa maleducata, ignorante, volgare, razzista, rancorosa, feroce, riottosa e accidiosa. Tutti vizi che una società civile acculturata e razionale, moderna e cosmopolita colloca sotto l’ombrello ideologico del “populismo”, un ombrello che si augurano si rovesci sotto le sferzate del vento della rinascita che dovrebbe seguire il cigno nero, come continuano a chiamare impropriamente  una epidemia, prevedibile e prevista, gonfiata a dismisura perché possa declinarsi secondo le regole di un sistema di governo mondiale, che promuove le crisi a emergenza in modo da dottare leggi speciali, applicare provvedimenti eccezionali, incaricare autorità straordinarie svincolate dal controllo democratico.

Insomma tocca proprio dar ragione a chi ha detto che populista è l’epiteto negativo che la sinistra appioppa per designare il popolo quando quest’ultimo smette di accordarle fiducia.

La verità però è che chi fa questo uso del termine, da anni ha rinnegato l’appartenenza a quel contesto, ha legato la sua sopravvivenza elettorale e culturale a un profondo stravolgimento, se non proprio capovolgimento, dei valori di testimonianza e rappresentanza degli sfruttati, convertendo la solidarietà in carità,  l’internazionalismo in cosmopolitismo, l’egualitarismo in meritocrazia, la coesione comunitaria in individualismo, l’autodeterminazione, caposaldo di una identità di popolo e di rispetto costituzionale,  in antistatalismo.

Non poteva essere diversamente se  chi si riconosce e milita per formazioni ridotte a parodia della sinistra,  non condivide e neppure conosce più le condizioni esistenziali: reddito, qualità dei servizi sociali, luoghi di vita, collocazioni e mobilità  sociale, dei ceti disagiati,  disprezzandoli per quello che affiora dai social, dalle interviste dei talkshow: il loro linguaggio e i loro convincimenti politicamente scorretti,  che diventano gli indicatori per la interpretazione dei comportamenti elettorali. Che infatti dimostra come dagli anni Cinquanta a oggi come, mentre in passato i voti degli strati meno abbienti e meno acculturati andavano a sinistra e quelli degli strati medio alti andavano al centro e a destra, oggi  le preferenze di voto si siano capovolte.

Non c’è proprio da stupirsi se abbiamo, per una volta uso il pronome noi, che le preferenze della “gente”, bloccate da leggi che hanno retrocesso le elezioni a sigillo notarile, premino la destra esplicita e rivendicata, quando è stata cancellata la rappresentanza parlamentare dei loro  bisogni da parte di un sedicente “riformismo”  posseduto dall’ideologia liberista che ha abiurato ogni aspirazione anticapitalistica, limitandosi all’impegno nominalistico e al minimo sindacale, per i “diritti civili”, come se quelli fondamentali fossero al sicuro, conquistati e inalienabili.

In tanti sostengono che il capitalismo nella fase attuale sembra pronto al suicidio. È improbabile, vista la sua capacità di risorgere come una fenice con altre ali e altre penne e nuova ferocia, mentre è sicura l’eutanasia, nemmeno tanto dolce di una sinistra che con  la sua dipartita ha prodotto la delegittimazione della democrazia, la demolizione dei principi delle carte costituzionali uscite dalle resistenze nazionali, e quella che è stata chiamata la secessione delle élite, appunto, ripiegate nella conservazione, ormai solo apparente, di beni, privilegi, accesso a carriere e opportunità, istruzione, grazie ai quali vivificano la percezione di un primato sociale e morale.

Ma si tratta di una supremazia labile e effimera, già minacciata dal rinnovarsi dell’austerità che consegna i paesi al sistema bancario e finanziario, aiutata da governi e partiti (o quel che ne resta) interpreti e testimoni di una scrematura beneducata, civica, tollerante, ragionevole e che reclama  un’autorità lontana e indifferente ai bisogni di quella gente incattivita, rancorosa, ignorante, rozza. Quella  che va educata col bastone più che con la carota, per proteggere chi si muove sotto le insegne della civiltà, del realismo e dell’amore per “diritto di nascita”,  confinando e annientando quei fermenti che si agitano ai “margini”, come li definisce qualche sociologo, ostili e inumani, risentiti perché per propria colpa non si sarebbero meritati di conservare o di conquistare lo status di ceto medio.

E come non sospettare che serva a questo l’attuale sospensione di una normalità che già costituiva il “problema”, la minaccia ripetuta ossessivamente che lo stato di emergenza dichiarato e prolungato si possa ripetere diventando forma corrente dell’esercizio del potere, la eventualità che il parlamento  venga sostituito di fatto da un management della crisi permanente con l’inevitabile, spacciata come doverosa,  rimozione dei diritti e dello stato di diritto, per tutti, cittadini italiani e ospiti temporaneamente sottratti alla pena dell’invisibilità e dell’irregolarità.

Come vuole chi, dalle poltrone dei palazzi, dai desk dei giornali, dai divani davanti alle sgargianti serie che ritraggono il declino dell’Occidente, è convinto che l’abbandono del popolo al suo destino antropologico segnato dal regresso a condizioni animali, sia un elemento distintivo morale e marcatore di superiorità, autorizzando i “migliori” a odiare i “peggiori”, poveri, sporchi, brutti, cattivi. Appestati.

 


Il grande accattone

unnamedSe si va su qualsiasi canale Rai è onnipresente una scritta in sovrimpressione nella quale si dice “Aiuta la Protezione civile nella lotta contro il Covid” e si dà naturalmente l’iban bancario affinché si doni generosamente. Ma un momento… non dovrebbe essere la protezione civile ad aiutare i cittadini che già sono caricati di tasse, a meno che  non siano ricchi  o evasori ? Che protezione civile è quella che ad ogni occasione deve essere sostenuta da donazioni come fosse una sorta di Onlus nella quale la solidarietà viene equivocata con la carità? Dov’è finita la buona amministrazione che dovrebbe mettere a bilancio i fondi necessari , dove sono i 30 miliardi Conte, che fine hanno fatto i fondi europei di cui alcuni dementi favoleggiano avendo scambiato l’ennesimo quantitative easing della Bce come una sorta di aiuto diretto? E dove sono i fondi europei peraltro pagati anticipatamente che l’Ue sarebbe obbligata a fornire in caso di calamità?  Quella scritta è offensiva, rappresenta il livello miserrimo  dello Stato che fa la questua approfittando del buon cuore di quei cittadini che nel frattempo sta portando alla rovina con provvedimenti assurdi e del tutto inutili a fermare un contagio che si stava diffondendo già prima della sua comparsa ufficiale. E paradossalmente in giro si vedono solo anziani, ovvero proprio quelli che sono a rischio, ma che sono costretti ad avventurarsi per le strade visto che le loro fonti di collegamento col mondo esterno sono state disseccate dalle grida governative e dalla detenzione domiciliare di coloro che hanno poco o nulla da temere dal Covid, mentre i servizi di consegna a domicilio stanno collassando sotto il peso della repentina crescita di richieste. Per non parlare della caduta dell’assistenza sanitaria che si sta letteralmente squagliando per tutte le altre patologie, comprese quelle più gravi. Alla fine ci saranno più morti per i provvedimenti anti Covid che per il Covid.

Ormai è fin troppo chiaro, anche prendendo i dati che arrivano dall’Istituto superiore di Sanità, ma anche che provengono da tutto il mondo: si sta facendo del catastrofismo senza catastrofe dopo aver terrorizzato la popolazione per quella che in sostanza  è un’ondata di sindrome di tipo influenzale particolarmente severa e per la quale non sembra che vi siano molti più decessi quelli di che mediamente si verificano nella stagione invernale nella più completa indifferenza, salvo in qualche ristretta zona nella quale per motivi che andrebbero ben accertati – per esempio una presenza endemica di meningite che costringe a vaccinazioni intensive, il virus assume una maggiore aggressività. Si sa che ci sono delle motivazioni precise quando gli indici di mortalità sono sballati:  o errori di diagnosi, magari non del tutto innocenti, oppure motivi sanitari reali. Per esempio in Iran si è notata una letalità maggiore ( ma c’è anche per l’influenza,cosa che ovviamente  non fa notizia) per il fatto che molti anziani sono reduci dalla decennale guerra con l’Irak e hanno i polmoni lesionati dai gas che gli Usa fornivano in abbondanza a Saddam Hussein prima di impiccarlo. Ma ancora peggio si sta evocando una catastrofe inesistente per provocare la catastrofe reale del Paese e darlo in pasto agli squali.  Che ci sia una direzione informativa in tutto questo è confermato anche da alcuni indizi secondari: cosa sappiamo dell’epidemia in Emilia – Romagna che praticamente  mai compare nella continua saga ansiogena che ci fornisce l’informazione? Quasi nulla  eppure la regione vien subito dopo la Lombardia per numero di casi accertati e supera di gran lunga il Veneto, ma evidentemente il regno piddino va tenuto fuori dai riflettori della crisi.

Non è una sindrome solo italiana: dovunque si sta premendo sull’acceleratore della paura, facendo balenare alla gente un nemico mortale e invisibile per il quale chiedere la protezione a qualunque costo. In un’intervista di qualche giorno fa Naomi Klein, riferendosi direttamente all’esperienza americana,  ha detto che : ” La “dottrina dello shock” è la strategia politica per utilizzare crisi su larga scala i modo da far avanzare politiche che approfondiscono sistematicamente le disuguaglianze, arricchiscono le élite e indeboliscono gli altri evitando che le crisi cedano il passo a momenti organici in cui emergono politiche progressiste. Se sei un economista del libero mercato, capisci che quando i mercati falliscono, ti presti a un cambiamento incrementale che è molto più organico del tipo di politiche di deregolamentazione che favoriscono le grandi imprese.” E da noi questo “cambiamento incrementale” sarà permanente, è inutile illuderci che passata la buriana, fallite centinaia di migliaia di piccole imprese, svenduto il Paese alla finanza euro tedesca, le restrizioni alla vita pubblica, comprese quelle che riguardano la libertà di espressione, diventeranno permanenti nell’ambito di un dispotismo emergenziale che cercherà di arginare le rivolte con il dispositivo militare.  Se pensate che non sarà così, allora dovreste urgentemente curarvi, il virus lo avete già anche se non lo sapete.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: