Europa e ricordi di scuola

DSCN3607-1Da bambino  fui impressionato studiando quella strana storia fatta solo di eventi privi di cause che viene impartita nelle scuole, quando venne presentata al vituperio degli alunni la frase del principe di Metternich secondo cui l’Italia era solo un’espressione geografica. Ne fui impressionato perché ad esporre questo concetto era il primo ministro di un impero dove nel giro di 50 leghe cambiava lingua e cultura: come era possibile dunque una simile considerazione che scorgeva la pagliuzza altrui e non la  propria trave? Per giunta la duplice monarchia non poteva essere nemmeno un’espressione geografica come lo Stivale, ma era qualcosa che stava a cavallo delle Alpi e del Danubio, senza alcuna logica geopolitica se non quella di un potere feudale che era surfetato a se stesso e che tuttavia, nel contesto degli ideali europeistici, tentava di essere rivalutato come esempio di una costruzione sovranazionale. Poco importava se ai bei tempi il Lombardo – Veneto con un decimo della superficie imperiale e un settimo della popolazione, contribuisse per un terzo alle entrate di Vienna nell’ambito di un intensivo sfruttamento o se i contadini delle terre slave fossero ancora obbligati ai “robota”, cioè al lavoro obbligatorio  e se complessivamente il sistema politico era senescente, raffazzonato e refrattario a qualsiasi riforma in senso liberale e costituzionale.

In realtà chi ha avuto successivamente l’occasione e la curiosità di studiare la storia sa bene come queste suggestioni, anche accompagnate da un alone nostalgico, abbiano ben poco a che vedere con la realtà: l’impero si sosteneva grazie al dominio dell’elemento tedesco e al suo peso nella Confederazione germanica. Quando l’ascesa della Prussia si fece irresistibile strappando all’ Austria parte delle terre tedesche ma soprattutto rendendola marginale all’interno del mondo germanico, non ci fu altra soluzione per la doppia monarchia se non rifugiarsi in un rapporto quasi paritetico e inquieto con l’Ungheria il cui senso finale era continuare il dominio economico – politico sulle altre aree. Dunque non furono le spinte centrifughe dei nazionalismi a distruggere l’impero, bensì l’indebolirsi dell’elemento dominante che lo teneva assieme. Questa potrebbe essere la scoperta dell’acqua calda, ma è interessante perché mette in crisi uno degli esempi di integrazione e convivenza, guastato dai nazionalismi che in modo esplicito o sussurrato  ci vengono portati per rendere plausibile l’idea dell’unità europea, nonostante le grandi faglie culturali e linguistiche che attraversano il continente.

Ci sono tre filoni principali dell’europeismo, nessuno dei quali è direttamente collegato alla democrazia o al progresso sociale: il primo che potremmo chiamare “esogeno” comincia con Kant che propose una paradossale unificazione degli eserciti del continente come sistema per evitare ogni conflitto. Si trattava ovviamente di un  puro grenz begriff, di un concetto limite di fatto irrealizzabile che esprimeva tuttavia per la prima volta il disagio di un’europa continentale in cui si cominciavano ad avvertire i segni di declino. Sebbene al tempo questi segnali fossero deboli e diversissimi rispetto all’oggi essi hanno giocato un ruolo, quanto meno psicologicamente importante dopo la prima guerra mondiale e soprattutto dopo la seconda: l’idea di aver perso il dominio e di doversi mettere insieme non in vista di un disegno sociale o politico, ma semplicemente per resistere alle pressioni esterne ha dato paradossalmente forza a un’unione che era principalmente progettata e voluta dal tutore americano e in ragione dei suoi interessi geopolitici.

Il secondo filone è quello emerso dopo la grande la guerra con il piano del conte Kalergi (non a caso ex notabile austroungarico) e che ha avuto un suo seguito modernizzato nel Manifesto di Ventotene: qui l’idea è quella di un’unificazione economica che impedisca la guerra e in qualche modo regoli la democrazia troppo esposta ai voleri popolari. Che i vincoli economici dovessero ricalcare la teoria e la pratica capitalistica non è nemmeno detto in maniera esplicita tanto era di per sé intrinseco all’idea stessa che al fondo proponeva di sostituire la cultura di mercato a tutte le altre raggiungendo una sorta di omogeneità. Anche qui ci troviamo di fronte a un’impossibilità pratica ovvero quella di conciliare un assetto paritario con le differenze sociali e produttive delle varie aree, ponendo in sostanza il via alla corsa delle egemonie. E del resto mettere insieme Paesi con pochi milioni di abitanti a quelli con 80 milioni, Paesi con tradizioni assolutamente divergenti, con economie dissimili e diseguali, con 25 lingue diverse non può portare ad altri esiti.

Il terzo filone, il più longevo, è quello che in qualche modo  prende i due primi e li trasforma in maniera aperta in volontà di potenza: si va da Carlo Magno, a Carlo V a Napoleone e a Hitler: Europa come fantasma in sedicesimo dell’impero universale, o Europa cattolica o Europa francese e o Europa tedesca: tutti alla fine naufragati per le medesime ragioni per cui anche i primi non hanno avuto seguito o si sono trasformati in strumenti di dominio oligarchico se non addirittura in guerre sotterranee. Il fatto è che tutte queste idee non nascano dalla volontà di unione, ma in qualche modo dalla sua necessità vera, presunta o suggerita, se non imposta dall’esterno e ne determinano il fallimento.

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

One response to “Europa e ricordi di scuola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: