Annunci

Roulette russa con la tempia degli altri

obbligazioni-mps-1Oggi voglio divertirmi a ritornare indietro nel tempo, addirittura a più di un secolo fa, alla primavera del 1915, quella in cui entrammo nella grande guerra e per giunta dalla parte opposta rispetto alle alleanze siglate in precedenza, mettendo una pietra tombale sulla credibilità del Paese. Bene in quella primavera nella quale ci si era appena ripresi dal più forte terremoto mai avvenuto in Abruzzo e che aveva fatto 30 mila morti di cui 10 mila solo ad Avezzano  le cose stavano così: i socialisti in nome dell’internazionalismo si opponevano ad entrare nel grande massacro in cui lavoratori di diversi Paesi si sarebbero scannati fra di loro; i cattolici con alla testa Benedetto XV erano generalmente contrari alla guerra sia perché originata all’individualismo liberale, sia anche perché parteggiavano istintivamente per una potenza cattolica come l’Austria la quale poteva rappresentare un valido sostegno contro la laicità moderna incarnata dalla Francia anticlericale e repubblicana; anche Giolitti socialdemocratico in nuce, che aveva ancora parecchio seguito nel Paese era contrario alla guerra perché riteneva l’Italia del tutto impreparata a un conflitto di quelle dimensioni. Dunque la stragrande maggioranza degli italiani era contraria all’entrata in guerra, ma tutto fu inutile contro la volontà dell’elite di comando, compresa la fortissima pressione della Germania sull’Austria perché cedesse il Trentino e dichiarasse Trieste città libera.

Ma allora chi voleva a tutti i costi la guerra? A parte qualche “socialista” alla Mussolini o  qualche esaltato come D’Annunzio o i futuristi, per prima cosa gli industriali e la borghesia afferente che si raccoglieva attorno all’area lombardo torinese, perché nel conflitto vedevano ottimi affari e con quelli maggior potere. E poi i liberal conservatori con forti venature massoniche che si erano artatamente intestati gli ideali risorgimentali, nonostante Mazzini non c’entrasse proprio niente con loro, tanto poco che gli impedirono di diventare deputato annullando per due volte la sua elezione nel collegio di Messina. Pure la casa reale, in un primo tempo titubante e per giunta in affari con compagnie britanniche, si era decisa per la guerra soprattutto dopo che le sconfitte austriache sul fronte orientale sembravano far sperare in un conflitto più facile del previsto e con promesse di gloria per Vittorio Emanuele III. Insomma a favore della guerra era proprio quell’ambiente cosmopolita ed elitario che oggi chiameremmo globalista, il quale in teoria l’avrebbe dovuta aborrire e questo, mutatis mutandis, vale un po’ per tutti gli altri belligeranti. Ma  alla fine di 40 anni di pace ininterrotta in Europa, scontata dalle popolazioni coloniali degli altri continenti,  le lotte sociali si erano inasprite e la razza padrona riteneva che la guerra potesse essere una buona occasione per ristabilire l’ordine che vedeva compromesso e magari acquisire nuove rendite.

Questo in realtà non è un salto nel passato, ma un ritorno al futuro perché il medesimo impasto di tensioni e di condizioni si sta riproponendo oggi, sia pure sotto forme aggiornate, ma ancora ben riconoscibili: sanzioni, riarmo e aumento delle spese militari, distruzione del diritto internazionale, tentativi di sovvertimento dei governi scomodi o non troppo accomodanti, l’assalto politico-militare ai Paesi con risorse naturali come il Venezuela e l’Iran e non facilmente penetrabili da multinazionali di ogni settore il cui potere è diventato immenso, desiderio di instaurare una nuova era di disuguaglianza in nome del mercato e del profitto, ma anche tentativi di ribellione, crescita esponenziale di nuove potenze economiche, sfilacciamento e crisi delle istituzioni create per favorire l’ordine nuovo liberista. Le elites occidentali si sentono sull’orlo del disastro e la loro tracotanza è quella della paura tanto da aver ormai inserito la guerra globale tra le opzioni praticabili perché i suoi effetti per così dire maltusiani, oltre alla enorme distruzione di mezzi  di produzione potrebbe consentire di tornare a una sorta di punto zero.  Oddio con qualche titubanza: il futurologo Douglas Rushkoff, racconta di essere stato chiamato e profumatamente pagato da alcuni iper ricchi a una consulenza privata e immaginava che gli chiedessero di investimenti e affari a lungo termine. Invece le domande, anzi la domanda posta era sempre: “Cosa faremo quando il denaro non varrà più nulla?” Vabbè che si tratta di americani e che non fanno direttamente parte della squadra di comando, nondimeno questo folclore milionario dimostra l’atmosfera da fine epoca che regna fra la classe dominante.

Ma come sempre nessuno pensa che possa succedere davvero e in qualche modo si presta al gioco che ha come sbocco il conflitto generalizzato. Tollerare cinicamente o per illusione di correttezza  i nazisti ucraini, le imprese di Guaidò in Venezuela, il terrorismo di marca occidentale in Medio Oriente, essere d’accordo le sanzioni contro la Russia o con i dazi punitivi e i diktat significa appunto entrare nella corrente che porta alla guerra senza nemmeno accorgersene, senza capire che c’è chi gioca alla roulette russa con la tempia degli altri. Finché non sarà troppo tardi.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: