Annunci

Cala il sipario sui “ballerini” del Russiagate

this-week-in-russiagate-2Adesso è diventato ufficiale: il russiagate era una pura invenzione messa a punto dal clan Obama per favorire Hillary Clinton, con la sua camera armadio piena di ossa spolpate, nella corsa alla presidenza. Il procuratore speciale Robert Mueller, ha completamente smontato due anni di balle a valanga sui presunti legami criminali di Trump con Mosca. Per un certo periodo non passava giorno che questa narrazione si arricchisse di indiscrezioni e di false “prove decisive” per una  tesi completamente campata in aria e del resto anche del tutto dissonante con la personalità e le idee – chiamiamole così – dell’inquilino della Casa Bianca. Una campagna a tappeto estesa anche all’Europa delle oligarchie dove ci sono stati squallidi e ridicoli tentativi di imitazione, che si basava tutta su illazioni stravaganti, su fumi densi, ma senza arrosto, che creava lo spettro di hacker russi presenti ovunque e inarrestabili, responsabili di qualsiasi malefatta come la Brexit, la vicenda catalana e persino la sconfitta di Renzi per mano populista. Tutto questo insieme infame, ridicolo e idiota oggi viene in qualche modo rinnegato dagli stessi che l’hanno alimentato nelle centrali dell’informazione, i quali, come se nulla fosse, svicolano all’inglese dalle bugie propalate con tanta generosità. Ma subito pronti come misirizzi a nuove imprese narrative, come per esempio la Botteri, pasionaria impudente del Russiagate che sarà spedita a Pechino a illuminarci con le sue verità prese dai notiziari della Cnn che ognuno di noi può vedere in proprio.

Bene capitolo chiuso, ma che si lascia dietro tre problemi aperti, entrambi da far tremare le vene e i polsi: il primo è il fatto che questa campagna condotta senza alcun appiglio reale, abbia potuto convincere milioni di persone che il più “amerikano” dei presidenti fosse nient’altro che un burattino nelle mani di Putin a testimonianza del fatto che basta ripetere più volte una balla stratosferica perché essa sia creduta e diventi per semplice presenza parte del mondo reale. Il secondo problema consiste invece in una domanda legittima: anche volendo concedere un qualche ipotetico diritto alla bugia in campagna elettorale, una volta finita questa questa fase, la narrazione truffaldina avrebbe dovuto essere smontata e messa nell’armadio degli scheletri, invece essa ha continuato ad essere utilizzata nella speranza di poter ribaltare il risultato delle elezioni portando a una possibile prospettiva di impeachment per Trump, il che costituisce il metodo di cui gli Usa si servono per i loro scopo imperiali, segno che la democrazia è in grave pericolo proprio nel Paese che la vuole esportare come pretesto ed è calpestata proprio da chi si presenta come suo servitore.

Entrambi questi due problemi che alla fine hanno sputtanato le dinastie reali del partito democratico e lasciano una speranza per Sanders – non tutto il male viene per nuocere-  ci portano al terzo: la vasta linea di fuoco organizzata per tenere in vita il Russiagate anche dopo l’appuntamento elettorale suscita il dubbio che nascondesse anche un altro obiettivo, ovvero quello di evitare che si giungesse a un accomodamento con Mosca dopo la vicenda ucraina e l’intervento russo in Siria. Uno stato di conflitto latente e di belligeranza marginale è infatti negli interessi della macchina economica americana concentrata sulla produzione nonché vendita forzosa di armi alle proprie colonie e in quelli della classe dominante che deve aizzare sentimenti perversi di ostilità per evitare che il malcontento esploda e si concentri sulle questioni interne: è il vecchio sistema di creare un nemico esterno come diversivo, un giocare col fuoco che spesso provoca ustioni mortali. Il neoliberismo funziona ormai con i muri, quelli al Messico di Trump e quelli a Mosca dei suoi avversari di merende, quelli economici contro la Cina e quelli padronali contro il Venezuela, per non parlare dei muretti a geometria variabile dell’europa . Mai tanti muri sono alla fine scaturiti dalla caduta di un muro.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

One response to “Cala il sipario sui “ballerini” del Russiagate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: