Annunci

I barbari nella fortezza

00eaa1edb443cec097b461ac9b9733cb

Manifestazione in Cile contro l’aumento della denutrizione e della fame in uno dei Paesi modello del liberismo sud americano. Una dimostrazione di giornata delle tesi espresse in questo post

Mi fa rabbia, ma allo stesso tempo pena per la pochezza intellettuale, la continua quasi ossessiva insistenza sugli ignoranti al governo, come se tra l’altro prima avessimo avuto Pericle e non la gentucola che conosciamo, esperta più che altro in mazzetteria aggravata e grandoperismo da crollo.  Del resto il termine stesso di ignoranti denuncia il primitivismo di certe considerazioni da bottega del caffè virtuale, perché questi non sono affatto ignoranti, non più dei predecessori comunque, ma hanno una qualità diversa e  peculiare che li distingue: sono dei barbari e non potrebbe essere diversamente perché se fossero “civili” nell’accezione reazionaria e globalista che il termine ha assunto, non potrebbero rappresentare ciò che in effetti sono. Dopo quarant’anni di neoliberismo conclamato e di progressiva macelleria sociale, la battaglia politica deve per forza trovare nuovi canali che non sono quelli degli azzimanti imbecilli al servizio dei padroni delle ferriere i quali continuano a spacciare le ragioni del mercato e del profitto come uniche realtà fondanti, attraverso le modalità e la retorica a cui siamo purtroppo assuefatti.

D’altra arte i barbari dilagano oltre i confini quando l’avversario si è indebolito e la sua cultura ha esaurito la forza propulsiva: siamo dunque nel pieno di quelli che vengono chiamati “momenti Polianyi” (vedi nota) in cui le forze politiche tradizionali cominciano ad essere considerate come nemiche delle classi popolari e sono sostituite da nuovi soggetti la cui caratteristica è quella di non essere assimilabili alle mappatura politiche precedenti: nel caso specifico di sostenere un ritorno alla sovranità popolare e del sistema di garanzia della cittadinanza fondata sullo stato e non su una vacua e indefinita governance. Essi devono per forza essere barbari visto che la civiltà è oggi definita dal globalismo neoliberista ed è in questa incubatrice che si sono formale le classi dirigenti della politica, ma l’ignoranza non c’entra proprio nulla, tanto che, per fare un esempio, la tedesca Afd è nata nelle università, ancor meglio nelle facoltà di economia e sociologia  ed lì che trova il suo radicamento progettuale.

Ci si può anche rammaricare che la sinistra in’Europa occidentale e segnatamente in Italia non sia stata capace di afferrare il momento e di costituire un canale di trasmissione per queste forze per il momento Polianyi che si preparava, ma ciò è accaduto probabilmente per l’incapacità di elaborazione del pensiero di Marx, frenata in qualche modo dall’esistenza di un cosiddetto socialismo reale, dunque dal legame a  un’ortodossia di fatto che permetteva angolature diverse, ma non allargamenti di orizzonte, una condizione che si che si è poi perpetuata e acuita negli anni successivi. Così alla fine queste sinistre residuali hanno concordato con il pensiero neoliberista sull’inesistenza del popolo  anche se non ancora della società come credevano sia la Thatcher che Reagan. e la cosa è stata ribadita recentemente anche da Panebianco al quale risulta quasi impossibile scrivere qualcosa di sensato rispetto alla realtà e non ai propri interessi di carriera e di ceto. Ora dire che esistono solo le classi e non i popoli è un po’ troppo semplicistico e alla fine questa forma di facile elementarismo ad oltranza viene sussunta e arruolata nei gorghi dall’entropia culturale neoliberista che ha tutt’altra origine e tutt’altri scopi. Va detto a questo proposito che le teorie cosiddette liberali sono nate in ambito anglosassone e successivamente imposte dall’impero, vale a dire che sono state espresse in una lingua dove non esiste una chiara distinzione fra popolo e gente (ricordate il berlusconismo?) tanto che il Confucio del neo liberismo, von Hayek, pur essendo un nobile austriaco, ha scritto tutte le sue opere principali in inglese essendo di fatto impossibile concepirle senza l’ambivalenza del termine people. Ora che il Volk (popolo) non sia la Leute (gente) può anche portare in certe condizioni e per gli errori delle forze popolari che dovrebbero contrastare questi esiti invece di favorirli in nome del mercato, come purtroppo è accaduto 80 anni fa, ad avere ein Volk, ein Reich ein Führer, ma non bisogna dimenticare che la con la “Ggente” del globalismo ci sono state nel mondo circa 200 guerre (alcune delle quali grottescamente fatte sulla base della separazione su base etnica come in Jugoslavia) e oltre 50 milioni di morti ad essere proprio prudenti.

Il fatto è che la Gente indistinta è facilmente manipolabile e schiavizzabile, si può  tentare di convincerla che la democrazia è lusso, quasi un intollerabile eccesso, mentre i popoli con la loro rete di relazioni di base sono un osso molto più duro, non è facile ridurli a Panebianco e acqua come i singoli desideranti dispersi e incatenati al mercato. Perciò stiamo come nella fortezza Bastiani, insensatamente ammaliati dalla routine mentale, ma privi di senso senza i barbari.

Nota  Karl Polanyi (1886 1964) è il fondatore dell’antropologia economica e ha studiato in modo molto approfondito il rapporto tra economia, società e  Stato. La sua opera fondamentale è “La grande trasformazione”,  la cui tesi centrale è che l’ “utopia liberale”  portata dal capitalismo consisteva nella tendenza irresistibile alla mercificazione totale dell lavoro, della natura, del denaro e delle relazioni sociali mentre il mercato autoregolato era il mezzo e lo scopo di subordinare la società e lo Stato alla logica dell’accumulazione capitalistica. Egli ipotizzò un movimento ciclico prima  caratterizzato dalla realizzazione di politiche radicali pro-mercato e dopo dalla reazione della società contro di esse, soprattutto verso le sue enormi sofferenze sociali provocate da quest visione. In questo senso la globalizzazione capitalista vive già in questo ciclo di risposta a partire dalla crisi del 2007 ed è  percepita come predatoria, alienante e sempre più incompatibile con i diritti sociali, la democrazia e con la dignità umana. Ovvio che da questa situazione ci sono solo due vie d’uscita: o l’autoritarismo oligarchico o la democrazia sociale.Non ci sono terze vie e i tentativi di vecchie classi dirigenti delle forze popolari di resistere nell’ambiguità sono fallimentari. 

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

6 responses to “I barbari nella fortezza

  • Anonimo

    Bagnai minimizza la portata di una politica fiscale improntata mistificatoriamente e semplicisticamente ad un principio di mera proporzionalità ( come peraltro, non è, ancor più gravemente, nella logica della tassazione unica o falt tax), e NON al principio di progressività, propedeutico a gran parte di politiche economico-fiscali mirate alla redistribuzione dei redditi ed all’implementazione di politiche ispirate dal principio di uguaglianza sostanziale.

    Il sedicente “de sinistra”, se ne frega, sostanzialmente di quelli che sono i problemi delle classi che lui definirebbe dei “poracci”.

    Mi piace

  • Anonimo

    Al minuto 24′ circa, Bagnai dice che la fat tax è un’imposta proporzionale, con disinvoltura… sta dicendo, indirettamente a lui, Non interessa la redistribuzione dei redditi TRAMITE TASSAZIONE PROGRESSIVA!

    Mi piace

    • Anonimo

      Quale derivazione logica, implicita del (s?!)ragionamento di Bagnai, Sedicente (!!) di sinistra ( se è per quello, pure Renzie e Veltroni si definivano di sinistra…), che definisce SEMPLICISTICAMENTE (ed in modo dissimulatorio o del tutto riduttivo…), la flat tax , come imposta proporzionale, c’è, che Bagnai nella sostanza se ne sta Fregando del Principio di Uguaglianza Sostanziale sancito dall’art.3,co. 2° della Costituzione, se ne frega in Sostanza delle difficoltà delle classi subalterne !

      Mi piace

  • adelante

    ottimo post: chiaro, consapevole, realista

    Mi piace

  • Anonimo

    “Ovvio che da questa situazione ci sono solo due vie d’uscita: o l’autoritarismo oligarchico o la democrazia sociale.Non ci sono terze vie e i tentativi di vecchie classi dirigenti delle forze popolari di resistere nell’ambiguità sono fallimentari.”

    la (triste?) realtà…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: