Annunci

Baracca e zuccherini

downloadMentre le  imbarcazioni dei migranti galleggiano nel mediterraneo come sugli alberi le foglie, in Adriatico, anzi a Venezia si è svolta una grande e suggestiva sfilata delle barche di iperlusso della -Ferretti Yacht per la gioia di quegli stessi ambienti che strillano per l’accoglienza indiscriminata dei migranti, ovvero di chi subisce direttamente le conseguenze di un sistema di guerre e di rapina che poi produce oggetto di lusso per l’1% della popolazione.

Raro trovare una più plastica e corretta rappresentazione dell’ipocrisia neo liberista, ma anche dell’asservimento degli stati a queste logiche. La gioiosa manifestazione marina per milionari di tutto il mondo è stati infatti accompagnata da un passaggio delle frecce tricolori, tanto per aggiungere anche lo choc di caccia a bassissima quota a una città che già fatica a esistere. Il pretesto per fare questo spot dai costi stratosferici e pagato da tutti i cittadini è stato il centenario dell’abbattimento e della morte di Francesco Baracca l ‘asso dell’aviazione italiana nella prima guerra mondiale, nonché inventore e fautore della tecnica di mitragliamento intensivo delle truppe di terra che ancora oggi, sebbene con mezzi diversi, è la tecnica bellica di elezione. Un vero peccato però che Francesco Baracca sia nato a Lugo di Romagna e sia morto a Nervesa della Battaglia e che dunque Venezia c’entri come i cavoli a merenda. Né si può seriamente sostenere che la città abbia bisogno di questo tipo di promozioni quando il vero problema è semmai quello di moderare l’orda turistica. Dunque la richiesta delle Frecce tricolori da parte del club intitolato al nostro Barone rosso, per sorvolare e imbandierare Venezia nel giorno degli yacht in allegra sfilata, acquista proprio quel sapore di svilimento non solo di uno stato che si presta a fare da sponsor ad aziende private con i soldi di tutti, ma anche della memoria o di quel poco che ne è rimasto, messa a disposizione degli uffici commerciali della tale o della talaltra azienda. Del resto episodi di questo tipo accadono quotidianamente con la cessione  a prezzi stracciati per non dire vergognosi di monumenti ceduti per eventi privati: il circuito affari – politica si alimenta anche con questo tipo di mazzette.

Si tratta solo di uno degli aspetti di mercatizzazione del patrimonio storico culturale che ormai come filosofia viene “messo a disposizione”. Per esempio a Venezia dopo le frecce tricolori sarà il turno il Zucchero che dopo aver comprato casa nella città lagunare si sente in diritto di pretendere e ottenere di occupare Piazza San Marco per due serate di concerto. Il prezzo del biglietto per partecipare a una singola esibizione  è di 50 euro a cranio per un incasso totale che non potrà essere inferiore al milione di euro, almeno facendo qualche conto sui numeri forniti dall’organizzazione, ma il cantante per poter avere questo scenario unico al mondo passerà al Comune solo 70 mila euro. Per render la cosa persino grottesca i soldi di questa elemosina andranno all’iniziativa respect enjoy Venice, partorita dalla cervice del sindaco Brugnare: basta dirlo in inglese e non vi accorgerete di essere presi per i fondelli, anzi vi sembrerà una cosa seria. Ma non lo è di certo visto che il Comune per primo non ha rispetto per la città e la considera una sorta di giacimento di balocchi a disposizione di ogni tipo di compravendita per poi dare qualche Zucchero o zuccherino ai cittadini. Ma non c’è nulla di più amaro vedere un Paese svenduto in questo modo.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

2 responses to “Baracca e zuccherini

  • dani2005dani

    Povera la mia Venezia….che schifo.
    Qualche giorno fa sono dovuta intervenire su twitter dove molte persone tra cui noti e ignoranti giornalisti hanno glorificato l’evento del 1989 con i PINK FLOYD a Venezia.

    UNO SCHIFO, un orrore, una violenza inaudita a una città delicata e fragile, dove si dovrebbero usare le pattine e parlare sottovoce…

    Intanto il concerto fu in contemporanea al REDENTORE una festa tipicamente venezuiana, fatta di ponti di barche tra Venezia e l’isola della Giudecca, dove di mangia a lume di candela sulle rive…e poco distante il caos dei PINK FLOYD (io li adoro), luci, fumi…

    Giunta di “sinistra”, per dire e loro hanno iniziato lo sventramento di Venezia.

    Due giorni dopo, uscendo di casa (abitavo là) per andare al lavoro, fui sommersa da un tremendo odore di piscio. Un odore devastante, lo sporco ancora in giro, molti commercianti e semplici cittadini vandalizzati dai “simpatici fan” che oltre a pisciare e sporcare, hanno “simpaticamente” spaccarto porte, vetrine e messo colla nelle serrature…tanto Venezia è una finzione, si può giocare con una finzione, vero?

    Giove Pluvio ci ha per fortuna fornito di una settimana di pioggia dopo l’evento, cancellando l’odore di piscio che entrava anche nelle case…Venezia è un centro storico, con moltisismi locali, perlopiù piccolissimi, e con deroga all’obbligo del bagno pubblico. All’epoca unic bagni pubblici erano in Piazzale Roma presso l’Accademia. Tutti e due lontani dal concerto…

    Una organizzazione sconcertante…
    https://www.ilgazzettino.it/nordest/venezia/pink_floyd_25_anni_fa_concerto_incubo_sogno-499872.html

    I PITURA FRESKA, ironizzarono con una nota canzone che allego

    Mi piace

  • Anonimo

    “Ma non lo è di certo visto che il Comune per primo non ha rispetto per la città e la considera una sorta di giacimento di balocchi a disposizione di ogni tipo di compravendita per poi dare qualche Zucchero o zuccherino ai cittadini. Ma non c’è nulla di più amaro vedere un Paese svenduto in questo modo.”

    Panem (poco) et circenses (lautamente retribuiti…).

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: