Annunci

Confindustria di malavita

2605431692Mancava la ciliegina sulla torta di questa tornata elettorale di spettri, ma ci ha pensato Confindustria a procurarla e a presentare una specie di piano beffa, una vergognosa presa in giro diventata subito grottesco appiglio argomentativo nei programmi della politica collaterale. Tenetevi perché l’imbroglio è anche peggio di quello del nigeriano con l’eredità da milioni di dollari bloccata in banca. Questi che non riescono a racimolare i soldini per salvare il loro Sole 24 ora vogliono ingannare l’uomo della strada facendo baluginare un piano di 250 miliardi di investimenti in cinque anni a patto però che:

  • “Non si smontino le riforme fondamentali” (leggi job act, politiche di compressione  dei salari e ulteriore smantellamento della dignità del lavoro)
  • Si attui un programma basato su modernizzazione, semplificazione ed efficienza ( il solito vacuo rosario che apparentemente non vuole dire nulla, ma fra le righe significa deregolamentazione selvaggia nel campo degli appalti e delle grandi opere e ulteriore abbassamento dei contributi  che le aziende versano ai lavorati, delle indennità, della decenza)
  • Che lo Stato passi da “erogatore di servizi a promotore d’iniziative di politica economica” (leggi distruzione di scuola, sanità, welfare residuale in cambio di privatizzazioni selvagge).

Già di fronte a questa pervicace, avida e ingorda ottusità da padroncini delle ferriere vengono i conati di vomito, ma viene anche la voglia di prenderli a schiaffi quando si scopre che il piano faraonico dovrebbe permettere una crescita del pil di appena il 12% in cinque anni, vale dire che di fatto non determinerebbe alcuna reale ancorché magra crescita produttiva, ma risulterebbe dal semplice giroconto finanziario di questi soldi recuperati nel computo del Pil . Però ci vorrebbe davvero la mazza da baseball quando si apprende che di questi 250 miliardi di investimenti nemmeno un euro  verrebbe dagli imprenditori, ma tutto dal settore pubblico. E che essi insomma si accaparrerebbero  tutto senza dare niente.

Infatti 93 miliardi dovrebbero arrivare dalla Ue attraverso la mitica emissione di Eurobond già rifiutata a suo tempo e quindi possiamo considerarli pura fuffa retorica messa lì a gonfiare le cifre, mentre 120 dovrebbero arrivare dallo stato in forme però che non suscitino l’alt di Bruxelles, non si configurino cioè come aiuto di Stato e scelgano quindi quelle strade opache e trasversali che tanto piacciono ai padroncini nostrani. Rimangono infine 38 miserabili miliardi che gli imprenditori fingono di voler raggrabellare per il bene del Paese:  purtroppo non hanno la minima intenzione di mettere sul piatto questa mancia perché la cifra dovrebbe invece arrivare dai piccoli risparmiatori che sarebbero fortemente consigliati se non costretti a sottoscrivere “fondi immobiliari innovativi” derivanti dalla gestione di edifici pubblici conferiti dagli enti locali”. Quando essi si riferiscono a investimenti privati non intendono se stessi, ma i correntisti portati a supportare  la svendita del patrimonio pubblico. Semmai i padroncini interverrebbero in un successivo acquisto speculativo una volta che questi titoli siano divenuti carta straccia come non è probabile, ma praticamente certo. Davvero una bella pensata quella dei piani stratosferici fatti con i soldi degli altri, anzi con la vita degli altri perché è fin troppo ovvio che questi enormi sforzi di bilancio pubblico, in presenza dei trattati capestro europei e del pareggio di bilancio obbligatorio per Costituzione finirebbero, per eliminare il tutto il welfare residuale per arricchire ulteriormente un branco di pescecani in grande disagio quando si deve competere, quando si deve innovare o fare ricerca, ma a proprio agio quando si tratta di rapinare tutti con la complicità della politica di basso servizio .

Ora è chiaro che in un sistema informativo totalmente dominato da due imprenditori e dalle loro emanazioni politiche oltre che dai neocon americani, pieno di mercenari a chachet e di ilari incompetente a 360 gradi, ci si può anche illudere di dar da bere la storia del nigeriano all’uomo della strada. La cosa fondamentale però è che abbiamo una razza padrona che crede ancora ai feticci ideologici degli ’80 sopravvissuti in stato vegetale alle diverse crisi nonostante ogni evidenza. Uno di questi è che conta solo l’offerta e non la domanda, quindi occorre favorire solo la prima; una stupidaggine allo stato purissimo, priva di qualsiasi contenuto razionale, ma che allude solo a interessi politici. Di questa levigata ottusità è la strada che porta da una sola parte: quella del declino, anzi del disfacimento.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

5 responses to “Confindustria di malavita

  • Anonimo

    “La cosa fondamentale però è che abbiamo una razza padrona che crede ancora ai feticci ideologici degli ’80 sopravvissuti in stato vegetale alle diverse crisi nonostante ogni evidenza. Uno di questi è che conta solo l’offerta e non la domanda, quindi occorre favorire solo la prima;”

    https://it.wikipedia.org/wiki/Supply-side_economics

    Mi piace

  • Anonimo

    Un partito di sinistra , in una condizione di stagnazione economica e pesante disoccupazione per provvedere ad una qualche forma di redistribuzione del reddito (!!), PIUTTOSTO DI STARE A SENTIRE LE BAGGIANATE PADRONALI, provvederebbe ad innalzare le aliquote delle varie imposte, tipo ires ed irap, ad esempio.

    L’IRES potrebbe tornare ad avere le aliquote corrispondenti del 2000, quando si chiamava IRPEG.

    Per l’IRAP adrebbero innalzate ugualmente le aliquote.

    Mi piace

  • Anonimo

    “erogatore di servizi a promotore d’iniziative di politica economica”

    Ma questi non erano quelli, che , quando COMODAVA a loro, dicevano che lo Stato non doveva intervenire per regolamentare gli squilibri economici ?

    Mi piace

  • Anonimo

    “”Questi che non riescono a racimolare i soldini per salvare il loro Sole 24”

    Dopo queste poche parole poteva fare a meno di proseguire oltre….LI AVEVA GIÀ ESAUSTIVAMENTE QUALIFICATI.

    Mi piace

  • Porzia

    Il cialtrume confindustriale resta mostruosamente identico a se stesso, anzi, peggio, si riproduce per clonazione per i decenni a venire.
    Forse sino al momento in cui un’inaspettata evoluzione tecnologica renderà obsoleto il concetto stesso di lavoro/tempo salariato.
    Oppure se, in singolare controtendenza, la Storia della Repubblica, apparsa originariamente in forma di farsa, si concluderà in tragedia con conseguente “taglio” delle elites de’ noantri…

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: