Annunci

Effetto Corbyn

jeremy-corbynLa cosa migliore che mi sia capitata questa settimana è essermi accorto di un grave errore commesso parlando delle elezioni britanniche: fidandomi delle posizioni che c’erano state al momento del referendum sul Brexit, immaginavo che Corbyn, l’unico vero vincitore delle politiche della setttimana scorsa, fosse rimasto sulle blande posizioni favorevoli al Remain, il che naturalmente poneva non pochi interrogativi sul senso da dare alle elezioni inglesi e sulla sincerità nel Labour nel proporre una nuova grande stagione di interventi pubblici e di nazionalizzazioni, nel quadro però di un’Europa che di fatto li vieta, presa com’è dall’ossessione privatistica.

La cosa mi è parsa così strana che mi sono andato a leggere qualche discorso elettorale di Corbyn e ho scoperto che in realtà il leader laburista, senza che queste informazioni giungessero al lettore e tanto meno al telespettatore, aveva già fatta propria la linea del Brexit fin dall’inizio della campagna elettorale, sostenendo che il Regno Unito può star meglio al di fuori della Ue e ribadendo questo concetto in tutte le occasioni anche se distinguendosi nettamente dal brexit xenofobo e proponendo logiche diverse rispetto al blocco dell’immigrazione che era nei sogni dei conservatori. La direzione principale delle sue proposte ha battuto invece sul salvataggio del sistema sanitario pubblico che i conservatori vorrebbero cancellare e l’intervento dello Stato nell’economia che sembra essere il babau di Bruxelles:  “ci impegneremo anche a rimpatriare i poteri da Bruxelles, per permettere al governo britannico di sviluppare una vera strategia industriale, essenziale per l’economia del futuro”.

In questo modo tutto ha più senso: non si è trattato di un ripensamento popolare rispetto alla Brexit, ma di un ripensamento della sinistra inglese in merito al feticcio europeo che – le parole sono quelle di Corbyn – di fatto rende minimi gli spazi per le politiche sociali, impedisce ai governi di intervenire ponendo come barriera le norme sugli aiuti di stato e nel complesso ostacola ogni possibilità di riprendere il controllo del mercato attraverso i contratti collettivi’ diffondendo così “l’ uso senza scrupoli del lavoro interinale e del finto lavoro parasubordinato“. Corbyn con la sua vittoria ha colto due piccioni con una fava, perché da una parte ha sconfitto lo sgradevole e petulante blairismo che si era impadronito del Labour come uno spirito maligno, ma per la prima volta nella sinistra fonda una nuova equazione: ossia la Ue come principale ostacolo alle politiche sociali e di sviluppo.

Tutto questo  dimostra che la sconfitta politica della May non ha nulla a che vedere con un ripensamento dei britannici sulla Brexit, così come è stato detto, ma invece ha tutto da spartire con la possibilità di ritornare a fare politiche sociali, salvandole dalla devastazione neo liberista.  La priorità del Labour nei negoziati con la UE rimarrà il pieno accesso al mercato unico europeo, ma nel quadro di un recupero di sovranità da Bruxelles per riportarla a Londra, così che  il governo possa intervenire a favore delle industrie che navigano in acque incerte. La difficoltà della sinistra ad abbandonare il feticcio europeo, anche quando esso si è dimostrato totalmente funzionale per non dire prezioso alla lotta di classe alla rovescia, è dimostrata anche dal fatto che i più noti esponenti dell’area progressista inglese, quelli che di solito vengono letti anche fuori dai confini, hanno quasi nascosto sotto il tappeto questa parte del discorso di Corbyn, mentre la stessa cosa è a ccaduta per quelli dello schieramento avversario che evidentemente non avevano alcun interesse a farlo: dopotutto la May voleva sfruttare il Brexit per fare il pieno di voti e poi gestirlo chissà come.

Da notare che su questa linea la vittoria è arrivata anche con il boicottaggio dei giovinastri blairiani che hanno inzeppato il partito e come grazie a questo la Gran Bretagna si trovi a rappresentare un’evoluzione politica positiva rispetto alla Francia conquistata da Macron proprio grazie all’esitazione di parte della sinistra sull’Europa neo liberista e al passo indietro compiuto dalla Le Pen nelle ultime due settimane. Per non dire dell’ Italia dove i pasticci parlamentari e informatici dei Cinque Stelle ormai entrati nella stanza dei bottoni, hanno del tutto disilluso l’Italia ribelle e dove sarà molto difficile ricostruire un’opposizione che di certo non può nascere da rottami e rottamati del Pd, nè dai bottegai della destra.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

2 responses to “Effetto Corbyn

  • Anonimo

    “”Meloni esclusa.””

    😀 🙂 😀

    Mi piace

  • dani2005dani

    OTTIMO.

    Guardi che il post precedente, sulla confusione elettorale dell’UK non era così sbagliato, rispecchiava quanto detto e comunicato sul tema.
    Ma lei ha approfondito, perchè un comportamento così illogico da parte dei britannici era insensato.
    E infatti non esiste alcun comportamento illogico.
    I britannici sono stati chiarissimi.
    Finalmente uno di sinistra.
    Fuori la fuffa guerrafondaia blairiana.
    Corbyn, al contrario del confuso Sanders, sta creando un vero movimento.

    “Per la prima volta nella sinistra fonda una nuova equazione: ossia la Ue come principale ostacolo alle politiche sociali e di sviluppo.”

    NITIDO. PRECISO.

    I progetti comunitari assorbono soldi dai vari Stati e obbligano a investirli dove pare a loro, con rigidissimi procedimenti, e appesantimenti.
    Dal 2009 al 2016 l’Italia ha dato 138.000.000.000 DI EURO, a fronte di un ritorno, con precise indicazioni di cosa e come fare, di meno di cento.
    38.000.000.000 SONO DIVERSE FINANZIARIE. Perduti, andati a chissà chi, a Polacchi e altri Paesi dell’Est intransigenti con i migranti ma arraffattori di Fondi UE.

    La fissa del libero mercato, Bolkenstein, una strage.

    Le PMI italiane, infrastruttura industriale, vengono depredate perchè a loro arrivano solo piccoli aiutini con la scusa che non SI POSSONO DARE AIUTI DI STATO (è il libero mercato, bellezza). Una ditta in crisi non trova il 50% per realizzare che ne so, un efficientamento energetico. Non ha proprio soldi, nemmeno per pagare le fatture energetiche. Quindi i soldi messi in campo per gli efficientamenti energetici sono tutti fermi.

    Altra fissa: l’efficientamento energetico. In un Paese come l’Italia dove il 70% dell’edilizia ha valore storico architettonico o paesaggistico, dove c’è un altissimo rischio idrogeologico, dove è altissimo il rischio sismico (solo Italia e Grecia hanno problemi sismici) esattamente che me faccio dell’efficientamento energetico? Ho altre priorità, curare il Patrimonio storico e architettonico, curare il Paesaggio e evitare troppi danni da mancata prevenzione sismica. Storia e terremoti non sono problemi che affronta l’UE, non sono affari suoi, non se ne preoccupa. D’altro canto Francia e Germania non sanno nemmeno cosa sia un terremoto.

    La viltà dell’Italia che si fa mangiare banche e infrastrutture strategiche dai francesi, ma quando vuole morsicare, con Fincantieri, qualche porto francese, APRITI CIELO, Macron si è opposto ancora di più di Hollande. Certo bello sentire l’Inno alla gioia prima della Marsigliese, ma poi, nei fatti, la cosa è ben diversa. E il nostro governicchio tace e subisce.

    La doppiezza tedesca, che impedisce tutti i cosiddetti “aiuti di Stato”, portando alla rovina le nostre importantissime PMI (tra l’altro poco informate, scollegate, poca ricerca, tanta furbizia inutile, la parola FILIERA questa sconosciuta) ma lei, la Germania, se li permette eccome, nascondendoli in forme diverse (come cercherebbe di fare l’Italia ma è poco furba). Tipo le infrastrutture energetiche come gli elettrodotti. La gran parte della produzione da fonte rinnovabile era al Nord, verso il Baltico, mentre la Ruhr era in basso. Andavano dispersi questi Gj…come riprenderli visto che l’infrastruttura energetica di trasmissione elettrica era privata (eh beh, il mercato libero) e non coordinabile e non possibili GRANDISSIMI investimenti per creare nuove linee di trasmissione e riportare il tutto al consumo? Semplice. Hanno ristatalizzato l’infrastruttura di trasmissione…E le banche? Noi il bail in, loro invece…i nostri soldi.

    L’euro ha impovertito il ceto medio, spingendolo verso il basso, mentre i grandi ricchi sono ancora più ricchi. Tutto deve essere privatizzato, e se nelle Pubbliche Amministrazioni metti degli idioti yesmen, che non li tocchi nemmeno quando hanno combinato inenarrabili disastri (convincendo il popolo, il cittadino medio basso, che allora la Pubblica Amministrazione NON FUNZIONA) e poi alla fine, con l’aiuto dovizioso di media allineati, tutti a dire PRIVATIZZIAMO…

    Quanti film, non hollywoodiani, non spettacolari e rimbambenti, di fantascienza hanno visto un Futuro governato da un solo Potere globale che è fatto dalle cosiddette CORPORATION? A loro della Giustizia, dell’Ambiente che gli frega? C’è un racconto di fantascienza, Asimov forse, dove un unico cittadino, in rappresentanza di tutti, ovviamente PRESCELTO, vota per tutti. Robot, significa OPERAIO, mica altro e mica necessariamente di acciaio o plastica.

    Corbyn pare opporsi a questo disegno, ma lui parla per gli inglesi e Putin parla per i russi, così il capo cinese e indiano.

    Intanto brucia un grattacielo.

    Macron dopo due anni di terorrismo “islamico” si è prontamente insediato.

    Noi il terrorismo lo abbiamo avuto per primi, dal 1969 fino al 1993/4.

    E infatti adesso abbiamo un popolo vile, timoroso, inebetito da oltraggi alla pubblica istruzione, e BEN QUATTRO PARTITI DI DESTRA. Meloni esclusa.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: