“Vi ho salvato dal comunismo”. Berlusconi lo dice e lo ripete in continuazione da 17 anni, l’ultima volta due giorni fa. Lo fa dire e ripetere dai suoi in maniera ossessiva tanto che la parte politicamente abulica del Paese ha introiettato questa fesseria e la ripete a pappagallo senza nemmeno sapere ciò di cui parla: nel gioco di specchi della ripetizione, la consapevole menzogna diventa un’inconsapevole verità.

Ma arriva sempre il momento del contrappasso e così in questi giorni gli emissari del premier e di Tremonti sono a Pechino a supplicare che il potente impero rosso, formalmente comunista, non venda quel 18% di bpt italiani in suo possesso, anzi ne compri di nuovi e investa nelle residuali grandi aziende italiane. Cosa questa che ovviamente dovrà avere una consistente contropartita sulla cui natura non è difficile fare un’ipotesi: l’Italia come testa di ponte per l’industria cinese in Europa.

Se il parossistico appello all’anticomunismo avesse un qualche significato e non fosse soltanto un agitare spettri e specchietti per le allodole, per il Cavaliere sarebbe uno smacco gigantesco andare a chiedere proprio alla potenza comunista di salvare l’Italia. Se le allodole potessero pensare chissà quale giudizio darebbero su stesse e sul loro uso di comunista come un’offesa. Ma è una questione puramente astratta: se potessero pensare non sarebbero state allodole di Silvio.

Ma anche se i libri di Tremonti avessero un senso, dovrebbe essere un grave smacco per il ministro dell’economia andare con la mano tesa a Pechino, quando per anni ha denunciato il pericolo di colonizzazione dell’Europa da parte della Cina.

Così adesso Berlusconi dovrebbe dire, vi ho salvato dai comunisti italiani (ma chi, il conte Max?) e vi ho salvato grazie ai comunisti cinesi. Tutto torna però: il non senso del berlusconismo si arrende alla realtà e i suoi dazebao si rivelano per quello che sono sempre stati: carta straccia.