Archivi tag: Urss

Sos, Servizio Obbligatorio di Sudditanza

groù Anna Lombroso per il Simplicissimus

Devo fare una pubblica ammissione  della colpa che insieme al populismo pare essere diventata la più odiosa. La mia carriera di sovranista è cominciata molti anni fa, quando bambina per mano ai miei genitori sfilavo scandendo “fuori l’Italia dalla Nato” e quel che è peggio ho continuato così anche quando il compagno D’Alema ci trascinava festosamente in una delle campagne belliche più  infami e ingiustificate, quando l’alleanza ci costrinse a comprare armamenti pena l’allontanamento invece di investire in servizi e tutela del territorio, quando intere regioni hanno subito l’oltraggio di essere convertite in aree militarizzate, in poligoni di tiro dove far divertire generali e truppe americane con war games che non sperimentano in patria per via degli innegabili danni che producono, ma anche per farci sentire ancora dal 1945 il peso del tallone di ferro dei “liberatori”.

Non avevo capito però che questo significasse essere sovranista, mentre avevo iniziato ad averne consapevolezza quando mi sono infuriata per la volontaria abiura dal potere decisionale in materia di scelte  economiche imposto con la sottoscrizione del patto di sudditanza del fiscal compact, e dunque con la rinuncia a una identità statale in favore di una “nazione” superiore, la cui appartenenza impone  l’abdicazione e l’abbandono volontario di prerogative e diritti, ma soprattutto responsabilità. Tanto è vero che da anni l’impotenza e la cattiva volontà di governi trovano un alibi ed una motivazione proprio in quei vincoli che non premettono di “servire il popolo” per dipendere e soddisfare le esigenze di una entità dispotica.

Ed è probabilmente proprio a motivo di ciò che la condanna del sovranismo è trasversale e coinvolge quelli che lo reputano una professione di fede “economicistica”  che si  basa sulla convinzione demiurgica e illusoria che è solo il recupero della sovranità monetaria a poter generare crescita, grazie al ruolo egemone accordato alle banche centrali, alla facoltà di sottrarsi da vincoli monetari anche permettendo la svalutazione delle divise nazionali,  prescinde dall’esistenza di classi sociali e dunque dei possibili effetti redistributivi di queste misure. Ma è abbracciata anche da chi lo interpreta come l’arcaico cascame della Destra nazionalista.

Ora anche quella bambina che gridava ai cortei “Nixon boia” era in grado di capire che c’è poco da fidarsi delle censure teoretiche opposte dagli economisti  verso altri economisti e altre liee di pensiero, avendo a che fare con una scienza dell’improbabile e dell’imprevedibile, quando ogni crisi si verifica come un fulmine a ciel sereno inatteso, che rompe l’equilibrio dell’unica certezza che ispira i premi Nobel e i governi dell’impero, che il mercato si regola e si cura da sé con i suoi meccanismi, che le emergenze e i fallimenti sono l’effetto  di politiche fiscali o monetarie errate, troppo lassiste e permissive.

E quella stessa bambina anche se non era posseduta  dal mito della superiorità morale e sociale dell’Urss  era già consapevole che in mancanza di meglio, che nella improbabilità di una rivoluzione per di più permanente, la sovranità economica dello Stato potesse interpretare e rappresentare gli interessi della classe degli sfruttati,  lottando contro il capitale reo  dell’impoverimento delle classi subalterne e della perdita delle loro facoltà decisionali.

Ma oggi avere questa consapevolezza non è così facile e immediato: troppi danni ha fatto l’ideologia neoliberista in termini di percezione e perfino di semantica. Poteri e competenze dello Stato sono stati stravolti per favorire la sua conversione in entità soggetta alla tirannia e alla vigilanza del mercato, inviso in qualità di esattore e gradito quando svolge pietosa opera di aiuto compassionevole alle imprese e al padronato con sovvenzioni e leggi in favore delle rendite e del profitto, sfiduciato dai cittadini  e ridimensionato anche nell’immaginario  in favore del sovrastato cui è obbligatorio continuare ad aderire, pena l’espulsione dalla modernità cosmopolita che ci regala l’Erasmus, la Tav, i bombardamenti recanti con sé rafforzamento istituzionale e democrazia nelle lontane province che hanno osato costituirsi troppo a ridosso di basi Nato e pozzi petroliferi.

Così si è fatta strada una vulgata che  per sovranismo intende unicamente le istanze di rivendicazione autonomiste su base nazionale (Quebec, Irlanda, Palestina, ecc.),  o la perversa determinazione di un paese a uscire da un contesto penalizzante, dunque sinonimo per l’opinionismo politicamente corretto di impulsi irrazionali e fascisti, tanto che la Treccani ne dà una decodificazione che pare dettata da un guru delle Sardine come di un “atteggiamento mentale caratterizzato dalla difesa identitaria del proprio presunto spazio vitale”, alla pari con altre perversioni del passato sopravvissute solo tra frange psichicamente deboli, comunisti, anarchici, antagonisti persuasi che esista ancora la lotta di classe anche se si muove all’incontrario e che ci si è esercitato intorno per diagnosticarlo come patologia perfino Recalcati, che non perde un colpo nell’indicare come la salute dell’inconscio dipenda strettamente dalla possibilità di addomesticare il capitalismo e addolcirlo purgandolo dalla sua avidità, dalla “febbre della gola” rispetto, cito,  al “carattere ascetico della ritenzione anale”.

Non deve stupire: denuncia ancora una volta l’eclissi del pensiero e dell’azione della sinistra perdente o arresa all’ordoliberismo, arruolata o sgominata dal pensiero unico che consolida la convinzione del carattere di “legge naturale” incontrastabile del capitalismo.

Eppure una “sovranità” che si esprima come volontà di un Paese e del suo popolo non è e non deve essere necessariamente nazionalismo, se parla di autodeterminazione, se la sua distinzione tra interno ed esterno non si sviluppa come xenofobia ma come capacità di disegnare uno spazio del quale il soggetto politico è responsabile, con la facoltà di decidere sulla pace e sulla guerra, sulle alleanze e le ostilità, senza doversi assoggettare a interessi e domini “altri”, annettersi a aree di influenza e intese squilibrate.

Ma ormai sembra che non si possa sfuggire al vassallaggio imposto anche da un sistema giuridico internazionale che legifera ed è vincolante per i soggetti che agiscono sullo scenario globale, tanto che l’Onu si incarica di esercitare azioni di polizia e ingerenze, tanto che tribunali penali internazionali decidono di perseguire i supposti autori di reati sottraendoli ai tribunali dei singoli paesi e facendo esplodere il conflitto tra diritti umani e diritto nazionale e internazionale, aggirando le leggi degli Stati in favore di quelle del soggetto che ha prevalso in qualità di guardiano e giudice.

Il fatto è che la sovranità soprattutto se rappresenta una voce che non vuole essere coperta dalle cannonate, è una cosa seria e non dovrebbe essere lasciata nelle mani né dei mercanti né dei loro commessi  del supermercato globale.


Le capre di Strasburgo e la falsificazione storica

Donazio0ne di Costantino

La Donazione di Costantino il più celebre dei falsi storici

Forse l’equiparazione tra nazismo e comunismo che il parlamento europeo nella sua esplicita natura di megafono delle oligarchie, ha suscitato troppo clamore per poter essere doverosamente analizzata e non lasciare spazio alla cultura equivoca che l’ha generata. Io per primo non l’ho fatto, preso dall’ira, ma scioccamente perché raramente è dato di esaminare un documento che con tanta ipocrita ingenuità sveli le travature elitarie e ideologiche sulle quali si regge la costruzione europea, ma al tempo stesso sia la prova del nove della caduta di cultura politica e cultura tout court che è uno degli effetti desiderati e realizzati del pensiero unico neo liberista. Questa equiparazione nasce da semplificazioni che sono vere e proprie falsificazioni della storia, ma immerge le proprie radici nell’ambiente capitalistico il quale tollerò di buon grado, anzi con non tanto velata simpatia il nazifascismo mentre demonizzava il comunismo e per tutti gli anni ’30 sperò che il primo fosse un rimedio e un ostacolo per l’altro mentre ora sta cancellando le tracce dell’apporto decisivo, anzi fondamentale dell’Unione sovietica nello sconfiggere le forze dell’asse.

Cominciamo con considerazioni generali che sembrano sfuggire a quei acrobati del lobbismo che sono i cosiddetti parlamentari europei, parlamentari in senso pieno perché siccome non contano nulla possono solo parlare e fare un retorico sissignore al potere. Pensare di equiparare il nazifascismo al comunismo è una bestemmia storica, perché il primo rimane un’episodio durato una ventina d’anni in Italia e appena 12 in Germania, senza alcun significativo sviluppo culturale successivo se non il tentativo di minimizzarne le colpe con il negazionismo o di consideralo un male necessario per combattere  il comunismo che è la sostanza del revisionismo. Il comunismo è invece un movimento che ha 150 anni di storia, che ha rappresentato uno dei poli essenziali del pensiero filosofico e politico, che ha portato l’emancipazione e il riscatto per centinaia di milioni di persone, che ha decine di correnti, visioni e interpretazioni, che si è opposto con successo alle potenze capitaliste per 70 anni con l’Unione Sovietica, che è stato alla testa di decine di movimenti di liberazione e di decolonizzazione ed oggi è la dottrina ufficiale della più grande potenza industriale del pianeta. Solo un pugno di ometti ignoranti e servili può circoscrivere il comunismo a Stalin.  Dunque accomunare nella damnatio memoriae la svastica  alla falce e martello è semplicemente un’idiozia. 

Il pretesto con il quale si è tentato di giustificare questo sconcio è il patto Molotov -Ribbentrop che per un breve periodo segnò una sorta di tregua tra Germania hitleriana e Unione Sovietica, ma senza inserire questa vicenda nel contesto generale del tempo, il tentativo  di farne il cardine del ragionamento – si fa per dire –  risulta del tutto inconsistente e di fatto ha la stessa valenza di una falsificazione. Facciamo un passo indietro e andiamo al 1937  quando Lord  Halifax, ex ministro della guerra e al momento trait d’union fra il governo e la Casa reale, vola da Hitler ed esprime la simpatia britannica verso le rivendicazioni tedesche che erano l’incorporazione dell’Austria, il ritorno al Reich dei Sudeti cecoslovacchi oltre a ampie zone della Polonia, compreso il porto di Danzica. Inoltre egli dice al Führer, esprimendo un pensiero comune che la Germania è il baluardo dell’Europa contro il comunismo. E’ appunto alla luce di questa visione delle cose – la quale fu anche all’origine di quella prudente benevolenza che permise a Mussolini di conquistare l’Etiopia – che si possono comprendere gli eventi successivi. Infatti sia il governo inglese che quello francese ( e naturalmente quello italiano che si apprestava a firmare il patto d’acciaio) lasciarono cadere nel vuoto la proposta dell’Unione sovietica di un accordo per garantire la Cecoslovacchia che senza i Sudeti sarebbe stata una facilissima preda. Passano due anni, l’Austria viene risucchiata e così pure l’intera Cecoslavacchia, rendendo evidente il fatto che di Hitler non ci si poteva fidare: così Parigi e Londra che due anni prima avevano completamente snobbato Mosca cominciano seriamente a preoccuparsi del fatto che il loro baluardo finisca per per mangiarseli vivi o comunque divenire un concorrente troppo forte. Così fanno qualcosa di inaudito per i governi occidentali di allora e sembrerebbe pure di oggi: nel ’39 danno vita un  negoziato segreto con Mosca per trovare un accordo di difesa militare che doveva anche comprendere, in caso di ostilità, l’invio di 2 milioni e mezzo di soldati sovietici al confine tedesco (vedi nota): tuttavia mentre il governo di Mosca rispondeva  immediatamente ad ogni passo e proposta della trattativa, i governi occidentali ci mettevano settimane prima di fare il passo successivo. Ma l’Urss non poteva aspettare a lungo perché  nell’estate del ’39, circostanza questa ignota ai più, i suoi corpi d’armata migliori erano in estremo oriente al comando del Maresciallo Zukov per fermare le truppe di invasione giapponesi che occupavano la Manciuria e volevano spingersi fino ad inglobare la Mongolia che perciò aveva chiesto l’aiuto di Mosca. Fu una guerra vera che fece oltre 70′ mila morti e feriti e il cui scontro principale cominciò il 20 agosto: l’Urss aveva perciò un disperato bisogno di sicurezza immediata e quando si rese conto che  Gran Bretagna e Francia tiravano per le lunghe, sempre frenate da pregiudizio ideologico, fu costretta a firmare un patto di non aggressione con la Germania, tanto più che nelle mire esplicite di Hitler c’era proprio la conquista della vaste pianure russe, cosa questa che rivalutava agli occhi delle elite capitaliste la figura del cancelliere e le spingeva alle concessioni.

Dunque sono state proprio le potenze occidentali a favorire anzi a rendere necessario quel patto e  tutto il castello equiparativo, già di per se grossolano e insignificante, cade miseramente nella stessa sostanza dalla quale è nata. E lascio a voi immaginare quale sia.

Nota Poiché la Polonia è stata, assieme alla frittura mista baltica, il principale sponsor del documento, è interessante notare come gli occidentali la considerassero solo come corridoio per il passaggio di truppe, cosa che peraltro accade oggi con gli americani che ne fanno un territorio di scontro avanzato e ampiamente sacrificabile.


La storia scritta dalle talpe

Code-Breakers-website-cropCi si può adattare a ogni condizione e ad ogni cosa ma per quanto ci si possa fare l’abitudine, la stupidità coglie sempre di sorpresa, specialmente quando è accompagnata dalla malafede in un coacervo nel quale non si sa bene dove comici l’una e finisca l’altra. Leggendo un saggio su Alan Turing, il padre dell’informatica, in pratica assassinato dal governo britannico per la sua omosessualità, si rimane sconcertati:  il grande matematico, ai suoi tempi castrato chimicamente, viene onorato attraverso una grossolana balla storica che probabilmente è buttata lì sia per fare un’ ammenda non richiesta e del tutto inutile, sia per suggerire il fatto che siano state solo la Gran Bretagna e l’America a sconfiggere Hitler e il nazismo. Com’è noto Turing fu uno dei personaggi eminenti di  Bletchley Park, il centro che la Gran Bretagna aveva allestito negli anni della guerra  per decifrare i codici dell’Asse e in particolare quelli creati da Enigma la macchina cifratrice  tedesca e  soprattutto la Lorenz SZ40 un sistema aggiuntivo che oggi chiameremmo a 5 bit che tuttavia era così grande e pesante che era riservata solo agli alti comandi sui vari fronti. Per la verità i codici Enigma erano stati parzialmente decifrati dai polacchi  già prima dello scoppio della guerra e il trafugamento di una macchina di questo tipo, rese più facile il compito ai britannici che com’è loro costume sanno imporre bene la loro merce, specie quella intellettuale. 

Ad ogni modo per onorare l’opera di Turing, anche al di fuori dei meriti specifici, viene detto che la decifrazione dei codici militari tedeschi ha accorciato la guerra di 3 o 4 anni. Raramente si possono leggere stronzate simili, che intanto non hanno alcun senso sul piano del rigore di pensiero visto che un calcolo del genere è plausibile solo al bar dopo un’orgia alcolica, ma sono completamente e apertamente false: com’è noto le armate dell’Unione Sovietica avevano raggiunto Berlino già ad aprile del ’45, dopo aver preso Budapest e Vienna, visto che tutto il sistema militare tedesco, follemente guidato da Hitler, stava crollando: anche senza lo sbarco in Normandia  l’armata Rossa che ormai disponeva di una schiacciante superiorità di uomini e di mezzi sarebbe arrivata in Francia entro l’estate. Anzi lo sbarco cui oggi si attribuisce la vittoria finale fu concepito proprio per evitare questo esito considerato ovviamente nefando dalle elite occidentali. In realtà  i sovietici rallentarono la loro offensiva proprio per ottemperare allo spirito degli accordi di Yalta e anche perché sapevano che più avanzavano in Europa, più avrebbero dato forza al partito, in sostanza guidata da Churchill, che ipotizzava una continuazione della guerra contro l’Urss. Va sottolineato che leggendo le cronache del bunker di Berlino si ha chiarissima l’impressione che fosse proprio questa confusa speranza  ad animare i gerarchi nazisti e lo stesso Hitler in un’inutile resistenza: essi si illudevano, guadagnando tempo, che si aprisse una frattura fra gli alleati, cosa che avrebbe potuto risollevare in qualche modo le sorti della Germania. Senza dubbio anche i bombardamenti terroristici degli anglo americani sulle città tedesche contribuirono al crollo, ma furono poca cosa se confrontati alla sconsiderata condotta di guerra voluta dal Führer che, contro il parere di tutti gli alti comandi, mandò inutilmente al massacro intere armate invece di farle ripiegare verso le posizioni più tenibili. 

Ad ogni modo la decifrazione dei codici è stata senza dubbio utile, ma certo non decisiva, visto che l’avanzata alleata da ovest fu lenta e faticosa, costellata anche da rovesci come l’offensiva tedesca sulle Ardenne e il totale fallimento dell’operazione Market Garden, ma soprattutto sono insensate perché la guerra fu sostanzialmente decisa sul fronte orientale. Però è proprio questo che non si vuole ammettere perché la sconfitta del nazismo è il mito fondativo dell’impero americano e della sua pretesa di eccezionalità con la quale viene giustificata ogni nefandezza: riconoscere il contributo essenziale e determinante nella vittoria dell’Urss sarebbe come darsi la zappa sui piedi. Anzi è meglio far finta che che sia stato un elemento marginale o addirittura di intoppo: di questa narrazione fanno parte sia la cazzata su Turing ed Enigma, sia il documento votato del Parlamento europeo che si ricorda solo del breve accordo Molotov – Ribbentrop e scorda i patti stipulati dall’occidente con Hitler. Questa è la vera carta straccia della storia.


Sciarada Curda

image_20180728phf9101Qualcuno si è stupito e indignato del fatto che gli Usa abbiano abbandonato i curdi che vivono nella parte nord della Siria e li abbiano esposti ai nuovi attacchi di Erdogan -voglioso di impadronirsi di una fetta di territorio siriano – dopo averli abbondantemente sfruttati in funzione della loro strategia medio orientale. Ma questo non deve certo stupire visto che Washington ha sempre abbandonato gli amici che si sono fidati e non hanno mai dimostrato di avere la benché minima propensione al rispetto del diritto internazionale se non nella misura in cui esso coincida con i propri interessi. Ma che gli americani con inglesi al guinzaglio non siano mai stati amici dei Curdi è una storia vecchia che si può far risalire a  un secolo fa, a dopo la prima guerra mondiale nella quale la Turchia, si trovò coinvolta nella sconfitta degli imperi centrali nonostante un’accanita resistenza e storiche vittorie contro le truppe britanniche.

Con il trattato di Sevres del 1920 , che ribadiva l’accordo di massima tra le le potenze dell’Intesa, sottoscritto a Sanremo nell’aprile del 1920, la Turchia veniva privata non solo dei territori arabi, ma anche di alcune porzioni di Egeo in favore della Grecia e della sovranità sui Dardanelli, mentre si prometteva, sia pure in termini vaghi la possibilità per i Curdi di creare un loro stato. Tuttavia questa prospettiva non entusiasmava affatto il presidente americano Wilson, molto più determinato ad essere il padre tutelare di uno stato armeno a cavallo di Anatolia e Caucaso di cui fece anche disegnare i confini dalla Commissione King-Crane: tale stato avrebbe infatti assunto la funzione di cuscinetto fra la Russia e il medio oriente, mentre uno stato curdo avrebbe solo destabilizzato l’area. In realtà sebbene il trattato fosse stato firmato da quattro plenipotenziari turchi, non ebbe alcun seguito visto che il parlamento ottomano era stato sciolto mesi prima e il sultano Mehmet VI non aveva più alcun potere reale, essendo stato deposto da Ataturk. il quale  aveva intrapreso una nuova guerra per riappropriarsi dei territori ceduti alla Grecia oltre che del Bosforo e dei Dardanelli. Questa guerra di riconquista non fu per nulla  contrastata dai membri dell’Intesa per vari motivi, a cominciare dalla stanchezza dopo il grande massacro della grande guerra, dal fatto che Francia, Gran Bretagna e Italia avevano già ottenuto soddisfazione delle richieste, ma soprattutto per il fatto che le risorse disponibili erano state incanalate contro un nuovo grande nemico: l’Unione sovietica. In questo quadro non era più opportuno avere una Turchia debole e si lasciò Ataturk completamente libero di di riprendersi parte dei territori persi e infierire sulle popolazioni che avevano avuto promesse di autodeterminazione.

Così tre anni più tardi, a Losanna, venne riconosciuta gran parte  delle riconquiste del  sultano laico di Ankara, compresa la cancellazione della parte anatolica dell’Armenia di Wilson mentre la parte restante, da sempre sotto l’impero russo  era diventata una repubblica sovietica. Dei Curdi non si parlò più per esplicita volontà americana che ormai avevano la leadership indiscussa sull’Europa, un po’ per evitare nuovi conflitti con la Turchia che a quel punto diventava un baluardo contro il comunismo, un po’ perché i territori abitati dai Curdi erano ricchi di risorse petrolifere e si preferiva vederle sparse fra vari stati e mandati coloniali senza doversela vedere con unico soggetto nazionale. In questo contesto non può sorprendere il fatto che sia stata proprio l’Unione sovietica a creare il partito democratico curdo dopo la seconda guerra mondiale favorendo con la propria presenza militare anche la creazione di una repubblica popolare curda con capitale Mahabad in un territorio di confine fra Iran, Iraq e Turchia. Fu un esperimento che durò due anni e finì in pratica con il ritiro delle truppe sovietiche a seguito di un accordo con Teheran e la sconfitta di Mustafa Barzani, il condottiero della piccola repubblica che disponeva di appena 1200 uomini. Il comandante riuscì con una lunga marcia a raggiungere il territorio dell’Urss. Ma le fratture politiche e tribali tra i curdi stessi hanno reso arduo ogni successivo progetto.

Dopo di allora è stato tutto un susseguirsi di colpi di mano, vaghe promesse che non avevano alcuna consistenza e inganni che servivano ad ottenere l’appoggio delle formazioni curde nelle varie e intricate guerre mediorientali. Tuttavia il quadro sostanziale e geopolitico della situazione non è molto cambiato rispetto al secolo scorso e non si vede perché gli Usa dovrebbero favorire un processo che essi stessi hanno depennato a suo tempo dall’agenda internazionale. I curdi così come gli arabi furono semplicemente ingannati  e ora una certa ostilità fra queste due popolazioni fa comunque gioco. Una cosa è certa: lo stato curdo non verrà dall’occidente.

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: