Archivi tag: stile di vita

Stile di vita, l’ultimo biscottino

images (1)Prima o poi doveva accadere che si mostrasse in tutta la sua inquieta e ambigua opacità, è bastato che sul trono di Bruxelles salisse una persona ancora più mediocre delle precedenti,  perché divenisse lampante il vuoto ideale e culturale della costruzione europea o per meglio dire il suo futile riferimento non alle speranze che avevano alimentato il sogno continentale e nemmeno all’etica del capitalismo, ma al suo look in salsa ordoliberista. Adesso che abbiamo un commissario alla protezione dello stile di vita europeo, per giunta e per sberleffo greco, adesso che ci è stata inferta quest’ultima americanata idiota, possiamo valutare meglio la consistenza dell’unione. Infatti non c’è niente che sia tanto lontano dalle prospettive politiche e sociali, ma così vicino invece al  controllo sociale  come l’espressione “stile di vita”, un modo di dire  che è stato infatti adottato dal centro dell’impero, talvolta sotto forma di way of life,  per proporsi come riferimento a modelli di atteggiamento e di comportamento considerati come unici ammissibili o possibili.

C’è da chiedersi se tutti gli europei abbiano lo stesso stile di vita e chi sia così poco avvertito da crederlo, se questa non sia che espressione di cecità, di scarsa acculturazione oppure l’imposizione del modello tedesco, ma l’importante in questo caso è comprendere che l’espressione tende a ribaltare i termini logici della politica: i comportamenti non derivano da idee, ideali e progetti, ma sono questi ultimi a derivare dai comportamenti o comunque ad essere secondari rispetto ad essi. Il che in soldoni si traduce in questo: potete pensare pensare ciò che volete, purché il vostro atteggiamento sia quello imposto e non pensiate di metterlo in questione e tanto meno di agire per un loro cambiamento. Storicamente “stile di vita”  di cui parla Max Weber ha avuto appunto il significato  di schema di vita distintivo dello status sociale e connesso al riconoscimento del prestigio, concetto poi ripreso dall’americano (di origine norvegese) Thorstein Veblen il quale benché vissuto a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento ha messo l’accento su una piaga della contemporaneità, ovvero su uno degli stili di vita tipicamente americano che consiste nel “consumo vistoso” come modo per distinguersi dai ceti inferiori e di imitazione di quelli superiori, uno degli ingredienti fondamentali del consumismo attuale. In poche parole lo stile di vita è la negazione di qualsiasi pensiero di  trasformazione sociale, anzi della politica stessa ed è qualcosa che riguarda esclusivamente gli individui ancorché sia un regolatore sociale collettivo.

Questa nuova fumisteria europea ha subito suscitato polemiche e in particolare la portavoce del governo francese, Sibeth Ndiaye di origini senegalesi, si è detta “personalmente molto dubbiosa” sull’intitolazione dell’incarico, ma persino Amnesty international ha avuto qualcosa da dire in quanto la cosa suscita l’idea di una sorta di imperialismo e di emarginazione culturale proprio nei confronti di quei migranti provocati che sono al cuore del politicamente corretto. Tuttavia è abbastanza evidente che  tutto questo deriva dall’idea centrale di globalismo, nata in Usa, nella quale non conta più quale sia il colore della pelle e la forma degli occhi o persino la religione purché questo non interferisca con il pensiero unico e con le regole comportamentali, profili di azione e organizzazione gerarchica prodotta dal sistema di produzione: non esiste altra cultura al di fuori di questa e tutto il resto non può che essere aspetto marginale o folcloristico. Ecco perché la creazione di un commissario allo stile di vita ha un sapore orwelliano e costituisce di fatto l’abbandono della maschera sociale che in un primo momento l’Europa si era data, ma che poi si è dissolta nell’accettazione totale del pensiero unico neo liberista. E non a caso ciò è accaduto con l’ingresso nelle stanze del potere continentale di una tipica rappresentante di quella elite parassitaria, senza alcuna vocazione o talento, che si costruisce esclusivamente attraverso le relazioni con i pari. Da semplice amica della Merkel ne è diventata esecutrice e alla prima uscita in proprio ha fatto ciò che si attende da una  collegiale di alto livello quale è stata ed ha continuato ad essere prima interessandosi di archeologia, poi di economia, quindi di medicina senza mai concludere nulla ed entrando per caso in politica, nonostante fosse figlia d’arte con un padre per quindici anni chiacchierato presidente della Bassa Sassonia oltre che vicedirettore della Bahlsen, quella dei biscotti. E adesso ci becchiamo i pasticcini della figlia.


Combattenti per l’Occidente: paghetta e rossetto

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Sarò più Franti che Garrone, ma non mi sono mai piaciute le operette morali sotto forma di letterina paterna alla prole, fossero del babbo di Enrico, di Einstein che vuol mostrare affezione al figlio che non ha riconosciuto in tram dedicandogli un mese all’anno di partecipata vicinanza, fossero di boiardi in temporanea eclissi (ve lo ricordate il risentito Celli che istigava il figlio a esportare i suoi talenti?), perlopiù ben accomodati su comode poltrone, in aziende o salotti borghesi o autorevoli giornalini dalle quali si augurano di garantire alla dinastia una dorata continuità. Mentre non abbiamo notizia di padri che – è dimostrato dalla storia – hanno impartito lezioni di etica, coraggio, libertà non essendoci pervenute missive di papà Cervi, o del babbo di Albino Albico, operaio, ammazzato a 24 anni, di Achille Barillati, 22 anni, studente di economia e tati altri prima di loro.

Oggi ha grande successo di pubblico quella di una soave  e alata penna molto apprezzata benché Massimo Giannini, come tanti altri, non abbia dimostrato una grande lungimiranza e qualità di osservatore quando,  orfano del grande nemico ci ha messo un bel po’ per avere contezza che quelli dopo erano quasi peggio, sorpreso dalla rivelazione tardiva di una sgangherata indole all’autoritarismo più becero e di una plebea indifferenza per legalità e legittimità delle sue azioni e che, ciononostante, si fa portatore per toccanti istruzioni per l’uso di mondo indirizzate alla figlia in procinto di imbarcarsi nella perigliosa avventura di un Erasmus a Parigi, irta di rischi agli occhi del padre apprensivo quanto – parrebbe – una traversata in barcone verso Lampedusa. E che l’ardita giovinetta affronta equipaggiata di tutto compreso il beauty con gli indispensabili mascara e rossetti.

La commovente epistola del babbo in apprensione passa in rassegna i pericoli cui si espone la giovinetta alla quale però non si devono tarpare le ali: zainetti inquietanti, tir minacciosi, furgoni impazziti, quelle attrezzature di morte nelle mani di coetanei della fanciulla che, non si capisce ancora perché, si mostrano irriconoscenti delle condizioni benevole nelle quali sono cresciuti e si rivoltano contro inermi  e innocenti quasi uguali a loro in una tempo nel quale la paura da liquida si è fatta solida e concreta a Nizza, a Barcellona, a Parigi.. e, sarebbe bene ricordarlo, a Aleppo, in Irak, in Afghanistan, in Siria, in Libia e in tanti posti dove qualcuno rivendica di difendere l’Occidente, proprio come Giannini si augura sappia fare la figlia, un domani, meglio di noi. E poco ci vuole, ammesso che il nostro modello di vita, la nostra civiltà così come l’abbiamo ridotta per uniformarsi a malintese necessità  sia proprio la migliore possibile e non abbia bisogno di aggiustamenti.

Il senso della lettera si colloca nel filone molto frequentato di questi tempi dalle  menti più illuminate: malgrado le ragionevoli preoccupazioni, malgrado sia probabilmente indispensabile inasprire controllo sociale, l’imperativo è quello di vivere come prima che la minaccia dei sanguinari macellai dell’Islam venissero a macchiare le strade del nostro sangue.

Forse si dovrebbe rispondere  al sensibile mittente che proprio per via di tutto quello che succede intorno a noi, l’imperativo dovrebbe essere quello di vivere meglio invece, reclamando che ci vengano restituite garanzie a conquiste cancellate, diritti e prerogative di libertà e democrazia dispersi anche in nome di quella pretesa tutela di un stile di vita che invece ha incrementato disuguaglianze, differenze, ingiustizie, prevaricazioni e ricatti.

Bisognerebbe ricordare a lui e a tutti i padri e le madri in pena per i loro figli che nascono  e crescono già condannati a essere debitori per malaffare, corruzione, dissipazione di beni e risorse comprese quelle ambientali, già senza speranza di vedere appagate aspettative e vocazioni, già disillusi che dovremmo cercare il meglio per le generazioni a venire e non il mantenimento dello statu quo  perché è davvero in corso una guerra di civiltà, ma non è stata dichiarata solo da eroi mutatisi in terroristi, da gente comunque già sorvegliata, ma incredibilmente lasciata libera di agire, viene dalle oligarchie che dal terrorismo e dalle guerre ricavano lo spazio e i modi  per rendere sudditi i cittadini.

Se una lezione dovremmo imparare e impartire è quella di aprire gli occhi prima che qualche implacabile e imprevedibile “fatalità” ce li chiuda per sempre.

 


Madre Coraggio in discoteca

Anna Lombroso per il Simplicissimus

In questi tempi di eclissi dell’utopia in favore della realpolitik, dell’eroismo sopraffatto dalla doverosa cautela, comportamenti, atteggiamenti e sentimenti  normali assumono fattezze epiche.

È il caso della condizione di genitori in questi giorni rivendicata dalla corporazione dei procreatori che accampano l’esclusiva della preoccupazione per le generazioni a venire, il monopolio della necessità e della responsabilità di guardare lontano, come se un atto naturale consumato senza nessuna competenza e preparazione e poi lo svolgersi dei giorni potessero fossero capaci di suscitare da dentro lungimiranza, ragionevolezza, buonsenso, spirito di servizio e indole alla solidarietà e al pensare e all’agire in nome dell’interesse generale dei contemporanei e dei cittadini futuri. E dire che in molti si sono via via convinta che i rami secchi invece  liberi da condizionamenti personali, sviluppino una più elevata capacità di misurarsi col  domani di tutti e non solo della progenie.

Subito dopo i fatti di Manchester le televisioni hanno intervistato più di una coraggiosa madre che si vantava con orgoglio di aver sfidato la paura e il rischio, accompagnando  figlie adolescenti ad un concerto a Milano: non si può cedere all’intimidazione, dicevano, non vogliamo  certo che i nostri figli cambino le loro abitudini e  rinuncino alle  libertà, quindi siamo qui ad accompagnarli. C’è da auspicare che si resti solo sul terreno del ridicolo, che una, peraltro non remota e improbabile entrata in guerra nella sua prima fase più tradizionale non ci faccia assistere alla partenza di laureati alla Bocconi, di masterizzate alla Luiss, di manager dell’accoglienza o reduci da viaggi formativi in pizzerie londinesi, che vanno al fronte accompagnati da mamme e papà trepidanti , altro che “torna con lo scudo o sullo scudo”. C’è da augurarsi, ma è altamente improbabile, che tutte le prove di abnegazione e audacia dei genitori contemporanei si limitino ad andare  a prendere a scuola se piove, alla balera se sono le tre di notte, ai concerti della Antonia Grande.

Quelle mamme intrepide che hanno sfidano il pericolo e il timore per accompagnare le figlie in modo che non si privino di un concerto, peccato non averle viste scendere a manifestare perché la loro prole viene privata dell’istruzione pubblica, della assistenza medica, del dentista con l’irrinunciabile apparecchio per i denti, contro il Jobs act che nega loro un lavoro appagante e giustamente remunerato con relative  prospettive di crescite e di carriera, per un ambiente sano e una condizione abitativa dignitosa, per reclamare al tutela di un territorio oggi esposto a saccheggio e trasandato, o, nell’ipotesi, quanto mai realistica, che facciano già parte di riservisti che potrebbero essere chiamati alle armi in una di quelle spedizioni “umanitarie e esportatrici di democrazia, contro le guerre di conquista e razzia cui ci chiamano i detentori del nostro desiderabile stile di vita occidentale. Proprio quello  che hanno esportato colonizzando anche il nostro immaginario e i nostri sogni e le nostre aspettative, mostrandocelo come il migliore dei mondi possibili, mentre dietro all’iconografia di festosi consumi e domestico benessere si   nascondono nuove e vergognose miserie, quell’arrampicarsi funesto e instancabile da cavie in gabbietta per pagare mutui,  fatture e bollette, quel consumarsi di dissapori feroci vissuti in ambienti confinati perché se è difficile l’amore, lo è ancora di più non volersi più bene.

Mette  paura constatare quali strade percorra la paura molto solida e come e dove venga indirizzata verso obiettivi e con motivazioni che non lasciano dubbi sul fatto che se esistono davvero un complotto e  una macchinazione sono quelli organizzati per ottenebrare giudizio e ragione, sicché  la pietas è un esercizio intermittente e discrezionale  che fa piangere per i bambini di Manchester e non per quelli di Baghdad, Aleppo,  né  tantomeno per quelli naufragati, che, nel caso di fossero salvati, avrebbero invaso i nostri Rio Bo rubandoci pane e lavoro,  per aizzare diffidenza e rancore verso paurosi stupratori di differenti etnie, per nutrire il timore nei confronti di un terrorismo barbaro e bestiale, distogliendoci da quello in abiti occidentali, legale e autorizzato, mosso dal totalitarismo economico e finanziario, che comunque, anche quello, bombarda, uccide, affama e fa  suicidare proprio come kamikaze senza il paradiso delle urì.

Viene da pensare con una certa nostalgia ai pericoli e alle paure di generazioni passate: mica solo della guerra fredda, dell’atomica, delle invasioni marziane. Pure quelle continuamente rammentate, fare il bagno dopo pranzo al mare, le vipere in montagna, la bibita gelata che fa venire la congestione, le mosche e il tifo, la crema nel cannolo che fa venire la salmonella, le gran sudate dopo una corsa e la mortale aria di fessura, il sangue dal naso e innumerevoli tremendi contagi e contaminazioni.

È che, allora, madri apprensive a padri assenti intanto conquistavano, dopo la Costituzione che la Boschi voleva smantellare per combattere cancro e terrorismo, lo Statuto dei Lavoratori e l’articolo 18, la scuola dell’obbligo, l’assistenza sanitaria, il divorzio, il più amaro dei diritti, quello che toglieva l’interruzione di gravidanza dai territori del crimine e della clandestinità, il servizio civile, tutti quei beni comuni cui ci stanno facendo rinunciare in ossequio alle menzogne della post verità e  in nome della post libertà.

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: