Annunci

Archivi tag: Senato

Il Re-intronato

gio Anna Lombroso per il Simplicissimus

Possono stare sereni i lettori dei settimanali per famiglie, gli amanti delle cronache dai palazzi reali, i nostalgici di monarchie  sia pure corrotte e esangui, ma dotate di invidiabili tratti aristocratici, compresa la sobrietà di chi ha già tutto, grazie ad appannaggi e rendite, e la severità di chi per lignaggio o dispotismo non deve rendere mai conto dei suoi atti in virtù di inespugnabili immunità

Re Giorgio, forse immortale, certo irriducibile, non è tornato, semplicemente non è mai andato via, è sempre in sella al suo destriero in qualità di monumento equestre in mezzo a Piazza Italia. E  chi si fosse ingenuamente immaginato per lui gli anni dolenti forse, ma gentilmente e modestamente appartati di un Cincinnato a Via del Boschetto, adesso si dovrà convincersi che l’abdicazione era un atto formale, un sapiente beau geste interpretato per restare a fare quello che gli è sempre stato caro, manovrare dietro le quinte,  senza responsabilità e oneri svolgere ruoli di suggeritore prima, di burattinaio poi, tirando i fili di pupazzi per i quali prestava un’opera di padre padrone pronto ai rabbuffi e agli scapaccioni, ma prodigo di consigli e scusanti, così come si voleva nel remoto impero ai cui ordini si è prestato con spirito di servizio ben remunerato. E imitabile nel gestire negoziati opachi e trattative segrete, come nel diffondere letargici quando vibranti messaggi di pacificazione, di quelli che dovrebbero riconciliare doverosamente  le vittime con i carnefici, nei panni di nocchiero di quelle “stesse barche” dove staremmo tutti, peccato che a noi come sul Titanic non  spettino scialuppe e salvagente.

È tornato  e in qualità di più anziano componente di Palazzo Madama, quel Seanto che aveva tentato con le sue truppe di radere al suolo,  ha aperto la seduta inaugurale. Ieri  aveva anticipato l’evento con una delle sue fastose autocelebrazioni raccolta dal Corriere e nella quale si è presentato  come arbitro. Per cercare, ha detto,  di “dare ragione dei cambiamenti dettati dal voto e indicare le possibili prospettive per la formazione di un governo, prerogative che poi chiaramente spetteranno al presidente Sergio Mattarella, e riguardo la tenuta del Paese in questo nuovo scenario politico”.

Stiamo freschi, con un arbitro da partite vendute al crimine delle calcio scommesse e all ‘imperio delle società calcistiche.

E infatti chi si fosse preso la b riga di ascoltare la prolusione del vegliardo, non avrebbe dubbi per via di un pistolotto a metà tra la riedizione del messaggio di fine anno compreso l’esordio del secondo settennato e un editoriale di Scalfari, a riprova che non tutte le ciambelle riescono col buco e a volte la vecchiaia non rende saggi ma solo più intronati. E pure più acidamente cattivi e irriconoscenti, tanto che spudoratamente ha messo in castigo gli inadempienti  partiti delle maggioranza che hanno governato, ma che oggi hanno ricevuto l’ostracismo del popolo deluso, come se tutto si fosse svolto in forma aberrante e accelerata dalle sue dimissioni in poi, quando è venuto meno il suo provvidenziale ruolo di vigilate della democrazia.

Altrettanta altera riprovazione ha riservato a noi, plebaglia riottosa che ha espresso un voto di evidente contestazione, come un fanciullino viziato che sente lontani i genitori dalle sue vicende personali, dai suoi sogni e i suoi trastulli. E quindi adesso, anche se non ha usato gli stessi termini, saranno cazzi di chi andrà a governare, a cominciare dai movimenti che hanno avuto vita facile quando vivevano nella beata e irresponsabile condizione di criticare e che adesso saranno alle prese col fare. Non è mancato il rituale monito intimidatorio del re carolingio ]]]]]a ricordare l’impegno per tutti di riconoscersi nell’Europa, colpevolmente sentita da qualche immaturo e sconsiderato ribellista come una gabbia di vincoli e imposizioni, quando invece sarebbe una meravigliosa e progressiva opportunità di civiltà e benessere,

Già quando non passava gli esami da procuratore il ragazzo Napolitano reduce dall’altrettanto inopportuna appartenenza ai Guf, aveva dimostrato di essere un po’indolente. E anche oggi ha fatto copia incolla con l’indimenticato discorso del liscia e bussa che aveva anticipato la sua “risalita” al trono. Quello, insomma, del  bastone e della carota, offerta ma a condizione di affidarsi alla sua autorità e al suo comando.

Per carità, se tanto ci dà tanto, se per caso ci fosse l’intento di “intronarsi” nuovamente, ci tocca guardare a Mattarella come a un faro per i naufraghi della democrazia.

Annunci

Er fornaretto e i mangiapane a tradimento

afa12cdc-a394-11e4-808e-442fa7f91611Non so bene se ridere o se piangere quando leggo l’indignazione dei soliti noti contro la sindaca Raggi per essersi presa Raffaele Marra come braccio destro (anzi “fedelissimo” come dicono i giornali di sistema) oggi in carcere assieme al Palazzinaro Sergio Scarpellini il quale gli avrebbe pagato un appartamento in cambio di favori al tempo della giunta Alemanno. Marra allora era a capo del Dipartimento politiche abitative del Comune di Roma così come in seguito, sarà capo di gabinetto di Marino. Ma ridere o piangere non c’entra tanto con il fatto che oggi la Raggi viene accusata di essersi fidata di Marra quando da almeno un decennio il personaggio è stato coccolato dalle amministrazioni capitoline di destra e di sinistra, quanto con il ruolo di Scarpellini che dovrebbe essere ben conosciuto dai parlamentari italiani e dunque dal sistema di potere nel suo complesso.

A rivelarlo, in un accesso di indomabile schizofrenia, è lo stesso Corriere della Sera che si straccia i panni per la Raggi, ma poi in un altro articolo – affinché non si mettano le polemiche in relazione ai fatti – rivela che Marra non è che una rotella nel meccanismo corruttivo della Seconda Repubblica di cui Scarpellini era uno dei motori ausiliari: la grande fortuna del palazzinaro comincia infatti 19 anni fa, quando nel ’97 Luciano Violante, allora presidente della Camera, decide che bisognava dare a tutti deputati un ufficio nel centro focale di Roma, vicino a Montecitorio insomma. Occorreva  trovare palazzi in affitto e così la Camera di rivolse alla Milano 90 srl di Scarpellini, cosa assolutamente inesplicabile e grottesca perché Scarpellini gli immobili non li possedeva, ma con in tasca l’accordo con Montecitorio che prevedeva un canone annuo di circa 70 miliardi di vecchie lire ( 36 milioni di euro) ovvero il doppio dei prezzi di mercato, andò in banca e trovò facilmente credito per comprare  sull’unghia Palazzo Marini, primo nucleo di un affare sempre più grande via via che gli immobili si aggiungevano e gli affitti aumentavano. Tanto più che il Parlamento gli affida pure e senza alcuna gara, i servizi di portierato, ristorazione e manutenzione degli stabili adibiti a onorevoli studi.

Ci vuole poco a fare i conti e a vedere che con i soldi passati a Scarpellini in questi anni (quasi 600 milioni di euro)  la Camera avrebbe potuto comprare  gli spazi in questione realizzando un bel risparmio e acquisendo gli immobili al patrimonio pubblico. Ma certo il palazzinaro si sdebitava vendendo al prezzo di un piatto di lenticchie appartamenti di pregio dando un aiutino come nel caso Marra, una beneficenza così apprezzata che egli viene contattato per acquistare anche l’albergo Bologna e trasformarlo in studi per 80 senatori: costo 160 miliardi di lire, più di ottanta milioni di euro.Successivamente trova altri 3000 metri quadri vicino al Panhteon, messi maluccio, sempre per i senatori. E cosa fa ? Li acquista, si fa pagare dal Senato una sontuosa ristrutturazione da 9 mila euro al metro quadro, che certamente ha coperto più volte le spese di acquisizione e poi glieli affitta.

La cosa non si ferma al Parlamento, la febbre di lussuosi studi per un buon numero di renitenti alla scuola, si attacca anche alla Regione Lazio: pure lei scopre di avere bisogno di un lussuoso appartamento vicino a Montecitorio e invece di cercarselo da sola affida il compito a Scarperllini, che anche in questo caso non ha nulla sottomano, ma forte dell’accordo affitta i locali dall’Inpgi, ovvero la cassa pensione  dei giornalisti, per 2,1 milioni l’anno e poi lo subaffitta per quasi 10 alla Regione. Di certo il Comune di Roma non poteva rimanere indietro nella nobile gara per assicurarsi i preziosi servigi del palazzinaro: così affitta da lui un palazzo per farne la sede dei gruppi consiliari e un altro per le commissioni del consiglio comunale per la modica cifra complessiva di quasi 20 milioni di euro l’anno.

Sono tutte cose ben note da tempo, quanto meno uscite sui giornali nel 2013 sotto il nome di scandalo degli affitti d’oro, finito poi in nulla grazie a codicilli a tradimento nelle leggi di stabilità tanto che lo stesso Scarpellini, detto Er fornaretto, ammise in un intervista: “In 13 anni ho distribuito 650mila euro a bianchi, rossi e verdi. Io non sono né di sinistra né di centro o di destra, sono di tutti”. Ma come tutti quelli che fanno beneficenza ama la modestia e l’understatement perché solo nel caso Marra ne sono volati 300 mila. Benché non fosse così ovvio che Marra facesse parte integrante del giro, è inesplicabile la ragione per cui Virginia Raggi che nel 2013 fu in prima fila nel denunciare lo scandalo degli affitti scarpellineschi e avrebbe dovuto stare sul chi vive, si sia attaccata a una rotellina di quel sistema di cui il palazzinaro non è che uno degli attori. Ma diciamo è anche inesplicabile che il padrone di casa di Camera e Senato, sia pizzicato solo ora e per un caso del tutto marginale, quando è evidente che molte delle operazioni condotte negli ultimi due decenni con le principali istituzioni del Paese puzzano in maniera insopportabile.

E’ pure inspiegabile alla luce della ragione, la differenza che esiste tra il peloso clamore del caso Raggi,  rispetto all’olimpica benevolenza di cui viene trattato il caso Sala che è accusato in prima persona di un caso di gravissima corruzione. Ma forse si tratta solo di cambiare luce e di vedere il tutto allo stroboscopio dell’indecoroso disfacimento della Seconda Repubblica, del suo ceto politico scadente fino all’inverosimile, della corruzione di cui si fa promotore di emergenza in emergenza, dello spaventoso declino del Paese, del tentativo di attribuire anche alle forze anti sistema le proprie stesse tare, mentre si cerca di esorcizzare e di normalizzare il No al referendum, di non ascoltare il primo vero tocco di campana a morto.


E’ ufficiale: il referendum è una truffa

three-card-monteIl referendum costituzionale diventa ufficialmente una truffa: non che non lo fosse prima, ma adesso con il rinvio a dopo le urne della proposta 5 stelle sui tagli agli stipendi dei parlamentari, lo è diventata in modo palese, dichiarato, mostrando come il risparmio sulle spese ufficiali della politica sia soltanto un pretesto, uno specchietto per allodole native e per gli allodolati da televisione. Votando il provvedimento pentastellato infatti si otterrebbe un risparmio di 61 milioni all’anno, dunque molto più consistente dei miseri 49 milioni derivanti dallo scasso del Senato e della democrazia: il fatto di rinviare la discussione nel periodo successivo alla consultazione, quando lo si potrà bocciare senza conseguenze, non potrebbe far risaltare più chiaramente la menzogna di Renzi e del suo progetto oligarchico.

Purtroppo trattandosi dei 5 stelle tutta la sinistra, cui ormai riesce difficile persino farsi furba, ha ignorato totalmente l’evento, come se si trattasse di un fatto marginale, come se fosse l’ennesima commedia attorno alla casta e ai suoi privilegi. Invece si tratta di una cosa molto più grave perché nel testo della scheda elettorale compare in maniera irrituale e probabilmente illegale (che aspettarsi da un parlamento che è di per se stesso illegale?) il riferimento al contenimento dei costi: “Approvate il testo della legge concernente disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costo di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del Cnel e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione?” Come si vede è un  misto di tecnicismo grossolano e generico, nel quale non compare mai la parola Senato che invece è quella principale del pasticcio renziano, mentre viene messo in primo piano uno slogan avvelenato, ovvero quello che riguarda l’ipotetico contenimento dei costi della politica che come si vede potrebbe essere raggiunto molto più facilmente e molto più incisivamente senza alcuna manipolazione della carta fondamentale.

Con il rinvio della legge sui tagli agli stipendi dei parlamentari, si è passati da una situazione nel quale si poteva essere certi del tradimento dalle macchie di fard sul colletto, a una nella quale si trova il partner a letto con un altro: di fatto il rifiuto di metodi più indolori di contenimento dei costi, mostra senza alcuna possibilità di dubbio che lo scopo della riforma è un altro, ovvero fare del Senato una camera non elettiva e a disposizione del governo, una camera sottratta alle scelte dei cittadini e “donata” alle logiche di potere e di mercato. La verità del referendum viene di fatto messa a nudo e rivela il dramma della democrazia in Italia, ma la situazione è ormai talmente degradata che si fa fatica ad accorgersene e ad uscire dalle logiche dei minimalismi e degli egoismi ideologici. Se poi si tiene conto che la manipolazione costituzionale si lega  a una riforma elettorale elettorale che farà anche della camera un’ assemblea sorda e grigia di nomina governativa. il quadro si completa.

Certo tutto il referendum è confuso perché si gioca a rimpiattino su concetti diversi e ambigui, dentro una totale mancanza di verità, compresa la questione di lana caprina tra vecchio e nuovo presa di peso dalla sub cultura dei telefilm della Fox, per non parlare dei manifesti per il Sì prodotti dal piddì e pagati con i soldi di tutti i cittadini, o delle grandi manovre trollesche in rete : ma almeno questo triste episodio della discussione negata sugli stipendi degli onorevoli può fare chiarezza su intenzioni e moventi a meno che, come diceva la mia maestra delle elementari non si abbiano gli occhi foderati di “prosiutto”.  Ma niente paura dopo le urne, quando saranno sbaraccate tutte le promesse bugiarde di questi giorni, (non è un caso che sia stata rinviata a dopo il referendum la discussione sulla legge di stabilità), si svenderà il Paese  e si procederà a soffocare la democrazia con un cuscino di parole, di prosciutto ce ne sarà poco e molti non potranno più proteggersi la vista. Sarà però troppo tardi, non si potrà più dire no.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: