Archivi tag: segregazioni

Covid a la carte: i governi scelgono il menù pandemico

La cartina che vedete a fianco mostra la diversa diffusione del virus nell’ Europa e possiamo vedere che praticamente tutta la Germania, l’Austria e la Danimarca hanno un numero di contagi molto minore del Covid ad onta che le misure di segregazione siano meno severe che nei Paesi dove il coronavirus sembra diffondersi con maggiore velocità. Come è possibile questo? Come fa il virus a riconoscere le frontiere? Ma il realtà esso non c’entra nulla, sono i governi in combutta con le autorità sanitarie e decidere quale livello di allarme si deve creare. Non è soltanto aumentando il numero di tamponi per trovare più positivi, ma è soprattutto stabilendo a quanti cicli di amplificazione del segnale chimico debbano essere sottoposti i test Prc ( reazione a catena della polimerasi ), i tamponi insomma. Siccome le molecole virali eventualmente presenti  sono pochissime, devono essere “moltiplicate” per poter essere facilmente rilevate, secondo un meccanismo utilizzato anche per la lettura del Dna. Sorvoliamo sulla tecnica con cui avviene tale moltiplicazione, quello che ci interessa in questo contesto è che a una maggiore amplificazione corrisponde un risultato più incerto o errato come generalmente accade per tutti i segnali ottici o acustici che dopo un certo limite divengono solo rumore. Così non stupirà apprendere che i test in Germania e in Austria sono mediamente moltiplicati 25 volte mentre altrove lo sono 40 o 45 volte trovando dunque molti più contagi, almeno secondo quanto ha rivelato il clinico francese Leopold Durocher.

Peccato però che oltre le trenta “moltiplicazioni” come ha detto più volte Kary Mullis, l’inventore della tecnica Prc per la quale ha ricevuto il Nobel, il responso non è solo inaffidabile, ma è proprio privo di senso potendo rilevare qualunque cosa, altri virus, spezzoni molecolari di ogni genere, persino parti di microbi: in questo modo è possibile trovare un numero di positivi adatto alle misure che si vogliono prendere. Come si fa a sapere quante volte è stato amplificato il tampone? In realtà non viene scritto nei responsi, ma un buon indizio può essere il tempo che intercorre tra l’effettuazione del tampone e il risultato: oltre le 48 ore siamo certamente a livelli di amplificazione di 40 volte, dunque privi di qualsiasi senso. La cosa è molto importante da molti punti di vista: per prima cosa viene leso il diritto alla salute dei singoli cittadini che si vedono diagnosticare la presenza di un virus che nel 90% dei casi nemmeno c’è, determinando perciò situazioni di stress, di ansietà, di allontanamento dal lavoro e dalla vita civile, se non addirittura di cure inutili o mal mirate. Qui non siamo nel campo del semplice errore, sempre possibile e in certa misura inevitabile, ma del vero e proprio dolo perché si usa uno strumento diagnostico oltre i propri limiti intrinseci e dunque in maniera scorretta: bisognerebbe perciò chiedere che almeno nel risultato del tampone sia indicato il numero delle amplificazioni, dato vitale per poter giudicare la consistenza o meno del responso e dunque anche per poter difendere la propria salute. L’altra è che in realtà le misure di segregazione, di distanziamento o di ubbidienza simbolica come le mascherine non sono dovuti ai livelli di diffusione di un virus che, ormai si sa è piuttosto debole, ma sono invece i livelli di diffusione ad essere regolati in ragione delle misure da prendere per scopi che con la sanità hanno poco o nulla a che vedere.

Capisco che all’uomo della strada, soverchiato dalla forza arcaica del “lo dicono tutti” e quindi disposto a credere qualsiasi cosa purché essa sia generalmente condivisa,  l’inversione tra causa ed effetto possa sembrare sorprendente e difficile da digerire, ma è l’unica logica ravvisabile nell’usare degli strumenti diagnostici in maniera volutamente impropria che tra altro finisce per impedire o rendere più difficoltosa la conoscenza intorno all virus. Del resto su quest’uso folle dei tamponi oltre i loro limiti euristici la polemica si era già sviluppata in Usa, provocando le reazioni di Kary Mullis, ma in Europa trova in un certo senso la sua conferma quando la diffusione segue confini nazionali in maniera così precisa da essere impressionante e da poter essere sovrapposta a una cartina politica.


Sussurri, grida e balle d’autore

Kari Sylwan, Harriet Andersson.

Quando si è giornalisti del padrone, si è anche malati del padrone e così si è certi che per sparare cazzate non c’è alcun bisogno di documentarsi, anzi c’è proprio bisogno di non sapere:  cosi Massimo Gannini, direttore de La Stampa, edito dagli stessi che fabbricano mascherine e che sulla pandemia ci lucrano, ha passato qualche ora al Policlinico Gemelli per essere risultato positivo al coronavirus, cosa che in pratica non significa nulla visto che i tamponi sono del tutto inaffidabili, anzi non sono concepiti per le diagnosi come da mesi dice invano quel negazionista del loro inventore che si rifiuta di dare ascolto ai redattori dei media di regime che ne sanno evidentemente molto più di lui.  Non hanno senso perché rilevano la presenza di frammenti di moltissimi virus.  Subito dimesso, il prode cantore della pandemia, positivo, ma non malato, ammesso che sia sano dirigere La Stampa, ha voluto controbilanciare questa indiretta testimonianza della debolezza del virus narrando delle urla dei malati di Covid che avrebbe sentito durante la sua permanenza in ospedale: peccato che se ci sono patologie che impediscono di urlare siano proprio quelle polmonari di ogni tipo e dunque anche di quelle presuntivamente attribuite al Covid. Forse avrà sentito le urla di altri malati completamente trascurati perché medici e infermieri, i nostri eroi,  ornai fanno il meno possibile e si trastullano con i tamponi, guadagnando anche di più.  Bene, ritenta la prossima volta e magari informati prima.

Ma del resto siamo ormai al di là dello specchio di Alice: per esempio la nuova ordinanza che impone di indossare la mascherina anche all’aperto salvo che si sia in luoghi isolati, concetto peraltro non ben definito o se si fa attività motoria o sportiva. Peccato, mi tocca dirlo per la seconda volta in poche righe, che secondo l’Oms, da cui costoro dicono di trarre ispirazione definisce l’attività motoria come “qualunque movimento determinato dal sistema muscolo-scheletrico che si traduce in un dispendio energetico superiore a quello delle condizioni di riposo”. Vale a dire che anche il semplice camminare o al limite anche stare in piedi fermi bilanciandosi sui due piedi sono attività motoria,  quindi per farla non c’è bisogno di  “andare a fare esercizio fisico nel parco con scarpe da ginnastica e tuta” che secondo un sondaggio tra i poliziotti romani sarebbe l’dea che questa evoluta parte della società ha di attività motoria. D’altronde che coerenza ci potremmo aspettare da una messinscena che viene giustificata dal governo con due argomenti contrapposti e per giunta contraddittori in sé : il primo è che non dobbiamo perdere i vantaggi acquisiti con le segregazioni di primavera e il secondo che i contagi tornano ad aumentare (per forza, fanno più tamponi). Ma quali sarebbero allora questi vantaggi se dobbiamo rifare tutto come prima? Tra l’altro l’argomento che le terapie intensive sarebbero prese d’assalto è una sciocchezza perché la stragrande maggioranza dei casi non ha nemmeno bisogno di ospedalizzazione e semmai le terapie intensive potrebbero riempirsi di pazienti trascurati, anzi abbandonati a se stessi in questi mesi.

Evidentemente però, soverchiati dal regime di terrore pandemico la maggioranza delle persone stenta ancora a comprendere cosa sta davvero accadendo: lo si capisce dalla caterva di associazioni dell’artigianato o del commercio che supplicano l’esecutivo di non ritornare a misure draconiane di segregazione  che affonderebbero anche le piccole aziende che fino ad oggi hanno resistito: non hanno capito che le “misure” sono prese proprio per ottenere questo effetto, per spazzare via i piccoli e sostituirli con le grandi organizzazioni, le multinazionali, ovvero con quella governance che ha trovato nella pandemia fasulla il pretesto per una grande ristrutturazione sociale e l’eliminazione di un’economia reale che fino ad ora aveva resistito alla finanziarizzazione. Le richieste sono perciò irricevibili dal governo e men che meno sono sottoposte al buon senso perché alla fine è chiaro che chiusure obbligate e segregazioni sono state vendute come un modo per uscire presto sono state fin da un inganno. D’altronde anche la recente tornata elettorale ha dimostrato che non c’è una reale comprensione delle dinamiche in atto e che a molti sfugge come le assurdità che stiamo vivendo siano una rottura del patto sociale che in qualche modo aveva resistito al vincolo esterno e alla perdita di sovranità. Quarant’anni di caduta vertiginosa della cultura politica e della cultura in generale hanno infine prodotto l’effetto che qualcuno si attendeva: l’incapacità di resistere.


Servitù volontaria da virus

13clt2-f01Più vado avanti e più rivaluto ciò che a suo tempo non mi sembrava degno di particolare attenzione. Per esempio quella frase nell’ Anti Edipo di Gilles Deleuze e Félix Guattari  che  diceva “le masse non sono state ingannate.  a un certo punto, in certe condizioni, volevano il fascismo ed è questa perversione del desiderio gregario delle masse che deve essere spiegata ”. Una posizione che riassume e attualizza Spinoza il quale si domandava perché gli uomini combattessero per la loro servitù come se si trattasse della loro libertà. Ed è un interrogativo che mai come oggi sembra incombere, perché la propaganda finché si vuole, il martellare a lutto, le cifre sparate senza senso e senza ritegno come in una lotteria, tutto questo di certo conta, ma non si può prendere in giro tutti o quasi per molto tempo e credo che le persone abbiano avuto tutto il tempo di comprendere che il coronavirus non costituisce il pericolo che si vuole far credere e di certo la sua patogenicità scarsa o addirittura nulla per il 99,4 per cento delle persone, non giustifica il panico o le misure prese contro la sua diffusione che hanno di fatto interrotto le costituzioni, annullato le libertà più elementari, fatto crollare le economie  e messo in moto perversi affari a metà tra sanità deviata e controllo di popolazione che si tenterà di imporre dopo l’estate all’arrivo delle prime influenzine rispolverando il mostro o riproponendo la macchina della paura con qualche altro rappresentante dell’infinito pool virale.

Chi vive in Usa ha anche avuto modo di constatare come tutta la macchina della propaganda pandemica si sia completamente arrestata allo scoppio dei primi moti dopo l’assassinio di Floyd, come se la pandemia terribile e priva di scampo al mattino  fosse di nessun conto a mezzogiorno, salvo tornare a fare capolino due settimane dopo con l’abbassarsi della tensione: un indizio fin troppo chiaro della forzatura che viene attuata. E tuttavia c’è quasi la volontà di credere nel Covid, come se da qualche parte della loro mente le persone non riuscissero a sottrarsi al totalitarismo patologico, come se  esso fosse persino desiderato e valesse la pena di inaugurare la caccia ai dissidenti o quelli che non vogliono i distanziamenti sociali e le inutili mascherine come loro simbolo.  Come se quel “nulla sarà come prima” fosse una speranza e non invece la palese promessa  di un nuova cattività. Nessuno ha detto esattamente cosa sarebbe successo, anzi abbiamo assistito a una ridda di ipotesi spacciate per verità di volta in volta diverse, stupidaggini numeriche, allarmi, totale scomparsa di qualsiasi altra patologia, eppure  la stragrande maggioranza delle persone più che credere a tutto questo incredibile Barnum, ha voglia di crederci e dunque ha deciso di obbedire all’ordine di stare zitta e di seguire le misure di contenimento per quanto assurde, idiote e inutili possano essere.

Si potrebbe anche pensare che l’angoscia accumulata dentro il sistema neoliberista sia di tale forza  che il dramma annunciato arrivi persino ad essere visto come liberatorio: che l’accettazione della repressione possa in qualche modo surrogare un senso comunitario andato perduto, ma vissuto paradossalmente solo attraverso la contemporanea assunzione del nemico senza mascherina e negazionista delle fesserie vomitate dalla grande informazione: oppure percepito come una sosta nella macchinazione desiderante del capitalismo nella sua dimensione consumistica, insomma una vacanza dal desiderio. Quasi verrebbe da pensare che il nulla asfissiante nel quale si vive possa essere riempito di “qualcosa” magari terribile, ma comunque qualcosa. D’altronde non esistendo da qualche parte un dittatore visibile tutti diventano in un certo senso portatori del totalitarismo patologico e dunque si sentono politicamente corretti e in qualche modo liberi.  Tale interpretazione sconfesserebbe Deleuze e Guattari, il cui libro del ’72 rimane pur sempre uno zibaldone indigesto nel quale ogni frase è notevole e l’insieme inutile, ma insomma potremmo trovare mille ragioni e teorie di questa resa, ma di certo al fondo si può scorgere un fondo settario e rituale nella sottomissione, quasi un apparato religioso che ha i suoi testi sacri in un scienza completamente snaturata e produttrice non di dubbio, ma di dogmi, con i suoi vescovi in forma di virologi da salotto, i suoi sacerdoti dell’intellighenzia proni a smentire tutto ciò che avevano detto fino a pochi giorni prima e i suoi missionari,  con la sua terra promessa, ovvero il vaccino che rischia di diventare il vitello d’oro. E lo stesso accade per altri capitoli della mediocrità contemporanea: vediamo gente che s’inginocchia contro il razzismo, inventando una liturgia azionista al posto di un cambio di sistema.  Pare proprio che l’era contemporanea sia quella della genuflessione perché una società privata di speranza e di ragione non può che vivere di idolatrie il cui carattere è quello di non poter essere messe in discussione. sono la forma di identarismo globalizzato.

Del resto è evidente che si tratta di una condizione non recuperabile dentro il contesto dell’ubbidienza: il “virus mortale” potrebbe essere  qualsiasi  virus, qualsiasi agente patogeno che il potere può mettere in campo ogni qualvolta possa apparire opportuno e vantaggioso, sia che si tratti della irrequietezza dei ceti popolari e medi, sia che si tratti di un governo sgradito o di nuove mattanze sociali. Darsi per malati non guarisce da nulla.


La cura del dottor Goebbels

esercito-coronavirusSe non puoi più promettere il paradiso, spalanca le porte dell’inferno. Mi piacerebbe poter dire che si tratta di una antica perla di saggezza è invece è una considerazione talmente innestata nel presente da parere inattuale: è quasi una costante che quando le grandi illusioni falliscono il potere costituito non  passa ad obiettivi più modesti, ma al loro esatto contrario. Una ritirata progressiva porterebbe alla crisi di paradigma e alla contestazione degli assetti di potere, mentre il ribaltamento improvviso delle prospettive è talmente scioccante da annichilire ogni reazione. Situazioni simili sono studiate in psicologia sperimentale, ma anche al di fuori della provetta ce ne sono parecchi esempi  e forse il più vicino nel tempo è quello della battaglia di Stalingrado e il successivo celebre discorso  di Goebbels sulla guerra totale: il regime hitleriano avrebbe potuto minimizzare la disfatta, ma ben presto lo stesso avvicendamento delle truppe al fronte avrebbe spalancato la verità e la gente, sottoposta a bombardamenti quotidiani e a continui sacrifici,  si sarebbe chiesta che fine avessero fatto il Reich Millenario, l’infallibilità del Führer, le folgoranti vittorie degli anni precedenti per le quali aveva sopportato ogni tipo di vessazione. Si sarebbe insomma creato uno spazio per i generali, impazienti di mettere fine alla guerra e impossibilitati a condurla con criterio incalzati e minacciati dai deliri di Hitler.

Goebbels ebbe così l’idea geniale di non nascondere nulla e anzi di drammatizzare all’estremo la situazione e suggerire l’idea di una imminente invasione russa e bolscevica contro la quale bisognava mobilitare tutte le risorse e di creare una nuovo stile di vita dal quale qualsiasi libertà anche quella di andare al bar doveva essere abolita. Il giorno prima si vinceva an allen fronten, il giorno dopo era la catastrofe: questo fu il baratro cognitivo che permise al regime di sopravvivere alla fine delle sue nefaste illusioni e a durare fino all’estremo. Quello della guerra totale è un discorso che andrebbe letto non fosse altro che per la straordinaria similitudine con la successiva retorica Nato, ma immagino che i lettori si chiederanno cosa c’entri tutto questo con l’oggi. C’entra eccome perché la pandemia per le elite un po’ come è un po come la Stalingrado per Goebbels: le oligarchie dominanti, ormai rarefatte a poche migliaia di attori principali, si sono rese conto che il loro sistema è sull’orlo del collasso sotto ogni punto di vista, sanno che il crollo se non imminente è inevitabile e sanno anche che un numero sempre maggiore di persone è ormai consapevole che il futuro migliore fatto balenare loro a patto di deporre le armi della speranza e delle lotte sociali, era ormai dietro le spalle. Si è così colta un’occasione, la comparsa di un virus naturale o artificiale, diffuso ad arte o sfuggito per errore, tutte dinamiche secondarie da questo punto di vista, per creare  lo choc della pandemia e cercare di ribaltare il tavolo dove cominciavano a perdere. Avrebbero potuto scegliere molte altre occasioni , le epidemie del 2017 o quella del 2009, o del 2001, ma è solo oggi che le crepe si sono fatte evidenti su molti piani da quello geopolitico dove la nazione guida del neoliberismo è stata imbrigliata nelle sue mire, arenandosi nel pantano mediorientale, la formidabile ascesa della Cina, ma anche di altri Paesi emergenti, le bolle borsistiche ormai giunte al parossismo, le “rivolte” popolari che hanno innescato la brexit o moti di contestazione permanente contro una disuguaglianza ormai spaventosa, l’impossibilità di domare facilmente come in passato regimi eretici come il Venezuela o di poterne ricattarne altri come l’Iran, la stessa resurrezione della Russia e infine l’inatteso successo di una forma di capitalismo non globalista negli stessi Usa hanno suggerito di sfruttare a fondo l’occasione. 

Qualcosa di non troppo difficile avendo in mano praticamente tutta l’informazione e per giunta anche la ricerca medica che dipende ormai quasi per intero dai soldi delle multinazionali del farmaco e può confondere più che chiarire,  essendo soci di maggioranza, anche se occulti (ma poi nemmeno tanto) di quasi tutti governi occidentali, avendo le redini della finanza e dei ricatti: media trasformati in bollettini di guerra, diffusione quotidiana di panico, numero di decessi gonfiati a dismisura, processioni di bare esibite come trionfo della morte, segregazione, mascherine inutili e dannose, ma segnale di sottomissione al culto pandemico e spersonalizzazione, distanziamento sociale che vieta ogni manifestazione, messa in mora delle Costituzioni, stato di polizia, tentativo criminale di bloccare terapie efficaci a basso costo, delirio vaccinale. Tutte cose che alla luce dei dati peraltro disponibili sembrano una pura follia e che peraltro si sono dimostrate inutili, ma che in realtà sono stati strumenti molto efficaci per creare diffidenza e scontro laddove si stavano coagulando nuove aggregazioni sociali, per rendere impossibili le reazioni collettive, condanna ai domiciliari davanti a un continuo effluvio dei prodotti ipnotici della società dello spettacolo. Troppo per poter guardare ai numeri con un minimo di lucidità.

Questo è destinato ad azzerare gran parte della classe media da dove veniva la principale forza di contestazione e non poteva essere ottenuta se non attraverso un choc cognitivo che riferisse ad altro il fallimento della società neoliberista e l’impoverimento di enormi masse di persone ormai non più in grado di opporsi alla tecnocrazia  e a una governance che trasforma l’emergenza in normalità, la normalità in un incubo ben ordinato e ogni dubbio in eresia da stroncare.  Per fermare l’ assalto della pandemia ideologica e antropologica, ci sono ormai pochissime armi: solo le reazioni caotiche sempre presenti nelle vicende storiche e la divisione del mondo in più placche geopolitiche può metter in crisi il progetto della crestocrazia.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: