Annunci

Archivi tag: precariato

Il fattore B

Auguri della Presidente della Camera dei deputati ai dipendenti

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Basta, faccio autocritica: esiste davvero un complotto mediatico contro la presidente della Camera. Dev’essere così per forza, perché i giornali e i talkshow con tutta evidenza omettono di informarci su quotidiane battaglie dell’On. Boldrini per la parità di remunerazione nel lavoro, per le tipologie di contratti anomali: part time, precariato, caporalato, che interessano soprattutto le lavoratrici che si vorrebbe convincere  si tratti di opportunità e non di capestri e ricatti legali, per i tagli operati su assistenza e welfare che comportano l’inevitabile espulsione dal mondo del lavoro delle donne, per la riduzione dell’accesso a diritti conseguiti con battaglie di anni a cominciare dalla tolleranza del fenomeno dell’obiezione di coscienza e così via.

Si deve trattare davvero di una congiura volta a consolidare la percezione della separazione e della distanza siderale della politica, delle sue cerchie e dei suoi addetti a vario titolo, dalla “politica della vita”, se invece quotidiani e talk show ci danno conto di una diatriba interna alle cosiddette caste e corporazioni. Nel caso in oggetto si tratta  dell’insurrezione delle dipendenti della Camera contro la determinazione della loro Presidenta di imporre la declinazione di genere “al femminile” delle mansioni svolte e dichiarate sul bag, il cartellino plastificato insieme a foto e nome: funzionaria, archivista, etc..

In particolare si sono ribellate le numerose dipendenti che svolgono incarichi di segreteria parlamentare e che, scopriamo oggi, hanno in passato ingaggiato cruente battaglie infine vittoriose,  per imporre trionfalmente  di essere definite “segretario parlamentare” al maschile. Protestano con l’appoggio dei sindacati interni perché le nuove regole redatte con la collaborazione del Comitato pari opportunità, costituirebbero un grave passo indietro verso definizioni discriminatorie: «non appare superfluo ricordare – hanno scritto in una lettera inviata alla Boldrini – che la denominazione al maschile del termine segretario scaturisce da rivendicazioni sindacali volte a superare una concezione riduttiva di una professionalità che, fino ad allora, veniva associata alla funzione di persona tuttofare», rivendicando come la loro lotta del passato  le abbia affrancate da una innegabile condanna alla subalterna gregarietà.

Pare si sia adombrata e molto la Presidenta, che mediterebbe di introdurre finalmente a Montecitorio il “diversity management”,  colpita crudelmente nella sua personale volontà pedagogica di imporre il rispetto della differenza di genere anche alle più riottose, e che andrebbe magari estesa a chi proprio non lo vuole esercitare:  mondo di impresa, sindacati e partiti, ancora alle prese con le annose quote rosa e con la generosa integrazione di femmine diversamente maschi, che non si può dire altrimenti di prestigiose icone, che combinano civettuole attitudini muliebri con una invereconda indole alla sopraffazione, al sopruso, alla tracotanza virile.

Beate, viene da dire, le esodate, le disoccupate, le precarie, da sempre declinate al femminile che non sembrano avere quel problema. È d’uopo però informare le privilegiatissime dipendenti della Camera toccate da una insperata fortuna – probabilmente non è sempre frutto di meriti e qualità- e la loro Presidenta il cui sguardo pare essere affetto da una inguaribile miopia –  che il riscatto e il riconoscimento che lavoratrici, precarie, madri, cuoche, infermiere  e consulenti part time, pensionate strozzate dai debiti, risparmiatrici di banche infedeli, contadine sottoposte al racket dei caporali, sono altri, che la loro rabbia è pari a quella degli uomini, disoccupati, esodati, sottopagati, ma con un bel po’ di collera in più,  lo scontento per il tradimento di altre che vivono in condizione di immeritata intoccata superiorità, gratificate da privilegi inalienabili e spesso indegnamente conseguiti per appartenenza, dinastia, censo,  quando i diritti di troppe  e troppi sono ridotti a elargizioni arbitrarie  o ridotti a memoria della lotta di un tempo sempre più lontano.

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Una donna per nemico

Scultura di Paola Grizi

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Nemmeno il Sole 24 Ore, recentemente ricredutosi sulla benevolenza di padronato e governo per via di burrascose  vicende interne,  ha avuto il coraggio di esultare per i dati resi noti dall’istat sul  tasso di occupazione delle donne (15-64 anni) che a giugno ha raggiunto il 48,8%, il valore  più alto dall’avvio delle serie storiche (dal 1977).

Tuttavia, sottolinea il quotidiano che di rosa vede oramai solo la sua carta, per integrare a pieno le donne italiane nel mercato del lavoro c’è ancora molta strada da fare: in base ai dati Eurostat, l’Italia è agli ultimi posti nel confronto europeo (solo la Grecia fa peggio). E addirittura ammette che l’incremento è largamente attribuibile alle “opportunità” offerte dai contratti a termine, da quelli stagionali ( i dari sono di giugno) insomma ai benefici introdotti dal precariato selvaggio e perfino dal caporalato, mentre invece gongolano Gentiloni e Poletti per la conferma della bontà del Jobs Act che ha riavviato la crescita.

C’è poco da stupirsi che a cogliere le occasioni d’oro della mobilità, dei contratti anomali, del sottobanco, del part time senza orari e senza stanza di Virginia Woolf siano le donne.  E non solo perché a pesare sul dato dell’occupazione femminile italiana – lo dice sempre l’Istat –  c’è anche la difficoltà nel conciliare il lavoro con la famiglia: nel 2016 – in base agli ultimi dati degli ispettorati del lavoro – 30mila donne hanno dato le dimissioni dal posto di lavoro in occasione della maternità, ricordando che in Italia ci sono 22,5 posti in asilo nido ogni 100 bambini tra 0 e 3 anni, ben al di sotto dei 33 posti indicati come obiettivo strategico dalla Unione europea.

Ma anche perché la crisi e l’ideologia che l’ha creata e ne cura la manutenzione ha favorito anche in questo caso la cancellazione di conquiste reali e morali, il rispristino di capisaldi – patriarcali e misoneisti,  in modo che l’espulsione delle lavoratrici dal mercato assuma il desiderabile significato di un prezioso ritorno a rimosse leggi di natura, di un auspicato recupero della tradizione e della cultura della superiore civiltà occidentale minacciata dal meticciato anche nelle sue radici cristiane, tutti tanto caldeggiati dal partito unico della nazione da fargli istituire dipartimenti in difesa della mamma e della razza che la procreatrice oggi riottosa  è tenuta a salvaguardare e perpetuare, da ridurre i diritti legati alla maternità cosciente e consapevole se la legge 194 è largamente inapplicata a causa dell’obiezione di coscienza, se la rete dei consultori è sempre più sottodimensionata.

E d’altra parte chi più delle donne è “destinato” a assoggettarsi a forme di lavoro che sconfinano nel volontariato, che implicano l’abiura di talenti e aspirazioni, che contemplano sacrifici e rinunce a ambizioni e desideri dettati dalla consapevolezza delle proprie qualità e dei propri meriti, come per secoli e secoli hanno fatto dentro le mura di casa, persuase che la loro fosse a un tempo un destino biologico e una missione nella quale si fondevano sentimento e dovere: ha avuto successo lo stravolgimento di ogni valore del lavoro tanto che cancellate le conquiste e i diritti frutto di lotte, l’unico diritto rimasto è quello alla fatica e l’unica conquista l’accesso a un’occupazione sia pure precaria, instabile e incerta, grazie a stage, tirocini, esperienze di praticantato, straordinari non pagati, volontariati e le innumerevoli forme di gratuità e in virtù della cessione di prerogative, sicurezze, visione del futuro.

E se il lavoro non retribuito o sottopagato è stato funzionale all’accumulazione capitalistica e allo sfruttamento coloniale non è azzardato dire che la guerra di classe alla rovescia di chi ha contro chi ha sempre di meno, sta vincendo tutte le sue battaglie instaurando antiche e nuove forme di schiavitù, fatta di massima provvisorietà, salari più bassi, alto grado di disciplinamento a causa  di ricatti e intimidazione. E se gli uomini si vedono imporre sempre più spesso condizioni e contratti un tempo appannaggio quasi esclusivo di donne, giovani e immigrati, questi, donne, immigrati, donne, scivolano sempre più giù nelle voragini profonde e soggette a discrezionalità, arbitrarietà, esposti a paura, solitudine, sopraffazione, alla mercé di quelle menzogne che hanno la potenza di condizionare comportamenti e atteggiamenti, compromettendo dignità e volontà, se il salario ha assunto la forma di una ricompensa che premia soggezione a ubbidienza, se il prestarsi gratuitamente è imposto come necessaria gavetta, se la richiesta di riconoscimenti e meriti è intesa come incauta velleità e sfrontata pretesa e se una pretesa necessità obbliga a dismettere il rispetto di sé, le proprie aspettative.

Se non è troppo tardi, è ora di sostituire la docilità con la collera, e ridare all’amore il giusto valore a cominciare da quello che dobbiamo a noi stessi e alla nostra libertà-

 

 

 

 

 


Siamo uomini o caporali?

arance_675Anna Lombroso per il Simplicissimus

Nei giorni scorsi  sono state arrestate sei persone nell’ambito dell’inchiesta sulla morte di fatica di Paola  Clemente, 49 anni, bracciate nei campi intorno ad Andria con una paga di 2 euro all’ora. La sua giornata cominciava  alle 2 di notte, quando andava a prendere l’autobus per arrivare alle 5.30 a San Giorgio Jonico (ne avevamo scritto qui: https://ilsimplicissimus2.com/2015/08/05/a-sud-di-nessun-nord/).   A casa, dove la rivedevano non prima delle 3 del pomeriggio, in alcuni casi anche alle 6, portava  27 euro al giorno.

Nel provvedimento cautelare che ha portato al fermo di tre dipendenti di un’agenzia di lavoro interinale di Noicattaro, il titolare della ditta addetta al trasporto delle braccianti agricole e una donna che aveva il compito di controllare le lavoratrici sui campi, tutti residenti nel Barese e nel Tarantino, si può leggere il racconto di un’altra bracciate  che conferma   la natura criminale dello   sfruttamento a cui sono sottoposti  i lavoratori anche da parte delle agenzie interinali: “Una volta sul pullman, nel momento in cui venivano distribuite le buste paga, ha detto la testimone, alle nostre lagnanze perché i conti non tornavano, ci hanno risposto che non dovevamo lamentarci. Così nessuna ha più parlato, anche perché si ha paura di perdere il lavoro, anche io adesso ho paura di perdere il lavoro e di essere chiamata infame”.  Infame perché il ricatto e l’intimidazione svelati potrebbe farlo perdere anche a altri finiti nella  rete assassina degli stessi gangster.

Meglio di niente si dirà. Un po’ conforta che, sia pure nel timore di una prevedibile “indulgenza” tramite prescrizione,  siano stati assicurati alla giustizia i più appariscenti addetti al caporalato, quelli che sfruttano a pari titolo italiani e quelli che pare vengano qui a portargli via  la stessa fatica bestiale,  per una volta uguali nella disuguaglianza iniqua che è ormai la cifra del nostro sviluppo. Un po’ consola anche se finisce per redimere un governo e una politica che si sono occupato del caporalato più appariscente e cruento, quello arcaico perseguito con molte cautele e molti distingua grazia a un provvedimento tardivo e riduttivo che  “punisce con la reclusione da uno a sei anni e con la multa da 500 a 1.000 euro per ciascun lavoratore reclutato, chiunque recluta manodopera per destinarla al lavoro presso terzi in condizioni di sfruttamento, approfittando dello stato di bisogno dei lavoratori, e chi utilizza, assume o impiega manodopera, anche mediante l’attività di intermediazione di caporali, sottoponendo i lavoratori a condizioni di sfruttamento ed approfittando del loro stato di bisogno”.

Mentre continuano ad essere legali e dunque impunite  altre forme di caporalato, quella  miriade di “modelli” contrattuali, tutti imperniati su discrezionalità, arbitrarietà, elusione delle regole, ricatti e capestri, vaucher, tagliole, lettere in bianco e così via che animano il mercato del lavoro in una società che non lo promuove, non lo produce, non lo rispetta, non lo tutela, non lo vuole. Dove è preferibile la servitù,  con la sua mortificante instabilità, con lo stato di perenne incertezza, con una mobilità umiliante e spaesante che investe luogo e  status, determinando un  senso di isolamento e solitudine che condanna i lavoratori non sindacalizzati, persuadendoli  che la loro esistenza dipende da altri, che la libertà ha perso senso se non si hanno più diritti, diventati, nel migliore dei casi, elargizioni benevole.

E non sono mica meno cruenti questi altri profili  di “esaurimento” del lavoro e dei lavoratori, che assume forme patologiche fisiche e mentali fino ad arrivare al suicidio. Ma che trasforma in malattia la vergogna di subire, il senso di inadeguatezza, l’umiliazione di non veder riconosciuti talenti e esperienza, la mortificazione di prestarsi a un volontariato di chi non ha a beneficio di chi ha già troppo., l’onta di essere condannati allo status di addetti “accessori”, senza altro diritto che quello di accedere a “buoni”, quei vaucher che col loro successo infame hanno decretato la fine legale e giuridica di ogni speranza di garanzia e tutela,  se il 75% dei nuovi rapporti di lavoro sono precari, se l’occupazione secondo il jobs act è stata ridotta a un assistenzialismo statale alle imprese in un’economia senza domanda, grazie alla diffusione  dilagante di mansioni vincoli temporanei, provvisori e soggetti a minacce e coercizioni dentro e fuori il perimetro del lavoro subordinato e al  trasferimento di ingenti risorse pubbliche alle aziende.

Non è meno sanguinoso e crudele il processo di censura e autoregolamentazione imposto  ai cittadini e che deve convincere a chi vuole entrare nel mercato delle necessità di rinunciare a dignità, aspirazioni, aspettative, fino all’abiura di quella identità sociale data dall’appartenenza a comunità che si riconoscono a vicenda, che comunicano e esprimono speranze, bisogni e rivendicazioni.

Secondo un’aberrante mutazione che dovrebbe farci dimenticare la coscienza di classe e l’auspicio che non sia per sempre e inesorabilmente  quella che, pur stando dalla parte giusta, è dunque e per questo condannata alla sconfitta. Non arrenderci lo dobbiamo a Paola, a milioni di sfruttati, a noi stessi.

 

 


Guerra di posizione e declino catastrofico

324Antonio Gramsci pensava che i processi di cambiamento della società passassero attraverso la successione di guerre di movimento, spesso perdenti e di guerre di posizione nelle quali lo scontro non avviene per sfruttare le fasi critiche del ciclo capitalista, ma per affermare un’egemonia culturale che è la base per i reali e duraturi cambiamenti sociali. Ma sebbene Gramsci sia stato ampiamente dibattuto nella sinistra italiana, come in tutto il resto del mondo, la lezione pare che sia stata appresa dalla destra che a partire dalla seconda metà degli anni ’70 ha investito più che su semplici vittorie elettorali su un vero e proprio progetto egemonico di lunga durata che puntava a invertire il senso comune delle classi popolari, portando le vittime nel recinto del loro carnefice, come si potrebbe dire con un po’ di senno di poi.

Il fatto è che nel corso di questo conflitto di posizione le sinistre disorientate dalla decomposizione dell’Unione sovietica e dunque anche dalla crisi profondissima degli elementi più rigidi e inattuali del marxismo, ovvero il determinismo storico, hanno interpretato il loro ruolo come “resistenza” e non come contrattacco. Hanno pensato di poter contenere gli attacchi senza produrre alcuna nuova elaborazione e strategia, si sono fatte assediare perdendo terreno giorno dopo giorno fino a  che non sono state egemonizzate esse stesse dal pensiero unico lasciando dietro di sé solo delle enclaves o lasciando aperta solo la strada della disobbedienza, facilmente reprimibile o comunque contenibile. E’ per questo che si è potuto arrivare a stabilire disuguaglianze assolutamente folli e a situazioni inconcepibili fino a qualche decennio fa, trovando l’assoluta indifferenza quando non l’attiva collaborazione delle vittime designate e dei loro referenti politici e sindacali. Un recente studio di  Emmanuel Saez et Gabriel Zucman mostra che la metà più povera della popolazione americana possiede il 12% della ricchezza, mentre l’1% della popolazione più ricca nel possiede il 20%. Negli anni ’80 questo rapporto era del 20% contro l’11% . Per passare al concreto mentre negli anni 80 (a dollari costanti) il reddito della metà più povera era mediamente di 16 mila dollari l’anno, quello dell’1 per cento si aggirava attorno ai 432 mila mentre oggi è di 1 milione e 300 mila. Il tutto accompagnato da un arresto della mobilità sociale, oggi tra le più basse al mondo e che contraddice in pieno il famoso sogni americano. Più o meno la stessa cosa è avvenuta anche nei Paesi europei.

Ma questo è niente perché la regressione catastrofica e l’aumento esponenziale delle disuguaglianze si evince anche meglio da altri fattori: benché secondo l’Ocse la produttività sia aumentata di quasi tre volte sulle due sponde dell’atlantico nello stesso periodo preso in considerazione per la distribuzione del reddito, i salari sono rimasti al palo e anzi è esploso il fenomeno dei sotto salariati , ovvero di quella ampia e variegata fascia di persone con lavoro dipendente, continuativo, precario o episodico che guadagna solo i due terzi o meno del salario orario nazionale lordo. E, sorpresa, essi sono più numerosi proprio dove le cose sembrano andare meglio: se la media della zona euro è del 15, 9 % quella della Germania è del 22,5 %, quella britannica del 21, 3%, quella irlandese del 21,6, quella olandese del 18, 5, mentre è attorno al 15% in Spagna e Italia.  Va da sé che non è stato possibile ricavare il dato in Grecia dove non si sono nemmeno potute fare rilevazioni.

Si tratta di cifre impressionanti ancorché probabilmente edulcorate attraverso le ipocrisie statistiche, numeri che assieme al contemporaneo aumento della disoccupazione e alla messa in mora del welfare, denunciano l’impossibilità di coesistenza fra neo liberismo e democrazia, fra il laissez faire e la libertà, fra capitalismo economico e merito, insomma fra la realtà e la chiacchiera narrativa. Che impongono di salutare i signori che pretendono di fare solo resistenza ovvero tutti quelli illusi di poter cambiare grazie a qualche mobilitazione le logiche della Ue e dell’euro,  ma anche tutti quelli che pensano sia impossibile o indifferente un’uscita a sinistra da questi meccanismi.  Sono persone che hanno già perso la guerra di posizione, che sono già prigioniere dello spettacolo mediatico insensato e grottesco, ai quali di certo non si può chiedere di lavorare per creare una diversa egemonia culturale, di guidare una qualunque traversata del Mar Rosso a meno che non si tratti di una crociera. Fanno persino resistenza a quei rischieramenti resi inevitabili da una crisi endemica e non più ciclica del capitalismo finanziario di cui sono divenuti alla fine fedeli giannizzeri.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: