Archivi tag: laghi

Alitalia, tre costosi beccamorti

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Comunque vadano le cose, è difficile ipotizzare che fine faranno i 12.700 dipendenti dell’Alitalia. Possiamo invece star sicuri che almeno tre dei soggetti coinvolti ne usciranno comunque bene, perché gli  ammortizzatori sociali che tutelano la loro presenza perenne e garantita sul mercato funzionano a perfezione a riprova che la mobilità è un’opportunità solo per gli appartenenti alla nomenclatura dello sfruttamento, sempre in piedi, sempre liquidati profumatamente, sempre reintrodotti il quel circuito manageriali nel quale competenza fa rima con ubbidienza.

Si parla di quelle tre scimmiette collocate nelle poltrone “scomode” di Commissari straordinari, che intanto “fuori dal comune”  hanno gettoni, poteri, una referenza in più da esibire nel loro prestigioso curriculum di liquidatori, becchini, promotori di fallimenti e dispersione di patrimoni nazionali di lavoro, talenti, produzioni, professionalità, saperi. Insomma di quelli che fanno delle crisi aziendali una vera benedizione per padroni privati o pubblici che hanno promosso destini rovinosi per le aziende frantumandole o mettendole in vendita nell’outlet globale. E trasformando le produzioni in azionariati ben contenti di stare seduti nei loro opulenti uffici a contare i gettoni del casinò finanziario. O , nel caso di imprese pubbliche, convertendole in farraginose macchine clientelari mangiasoldi, inefficienti e improduttive, sì da alienarle e offrirle a poco prezzo a potentati privati, o, meglio ancora, per farle sparire, che si tratti di “fabbriche”, scuole, radiotelevisioni, orchestre, ospedali.

È infatti quella la loro vera abilità, quella di alacri esecutori al servizio di quella ideologia distruttiva e dei suoi sacerdoti che fanno la grana e incrementano il loro potere sulle macerie, del lavoro, del paesaggio, della democrazia, visto che ne fanno parte leader che non vogliono niente di durevole selva il loro trono, che cancellano la memoria per impedire la visione del futuro, che rottamano per ergersi su relitti, devastazione.

Per capire le origini di questa scelta, basta guardare i loro profili su Wikipedia e quell’inanellarsi di incarichi ben retribuiti e di prestigiose liquidazioni. Sui tre spicca Laghi, del quale apprendiamo che con quest’ultimo è arrivato al decimo mandato commissariale dopo Partecipazioni industriali spa, Ilva. Ilvaform, Ilva servizi marittimi, Innse cilindri, Sanac, Taranto energia, Tillet e Socova, più altri 4 da esplicito “liquidatore”, un record che ha fatto rabbrividire perfino i fustigatori a intermittenza dei giornaloni di regime, costretti a interrogarsi sulla irresistibile simpatia che questi governi nutrono per il conflitto d’interesse a guardare al fatto che sempre il Laghi tra i 24 incarichi annovera anche quelli di consigliere d’amministrazione della Compagnia aerea italiana, la società che nel 2009 fece rinascere proprio l’Alitalia ora commissariata e quello di rappresentante nel collegio sindacale di Unicredit, banca già azionista di Alitalia alla quale la disavventura nella compagnia aerea è costata 500 milioni.

E che dire delle referenze di Gubitosi, del suo  cursus studiorum maturato lei templi del sapere acchiappacitrulli compresi gli studi alla London School of Economics and Political Science e un master in Business Administration all’Insead di Fointanebleau, niente popò di meno, una lunga esperienza in Fiat dal 1986 al 2005, 4 anni come Ad di Wind Telecomunicazioni fino al 2011, cruciale per prepararla a una successiva felice “fusione”, poi in Rai, predecessore del beccamorto Campo Dell’Orto, incaricato della soluzione finale dell’azienda,  inoltre, per non smentire quali siano le qualità richieste per certe poltrone,  country manager e responsabile della divisione corporate and investment banking di Bank of America Merrill Lynch.

Nel trio il Paleari, laureato in ingegneria nucleare, recherà , secondo la nostra stampa economica indipendente,  l’insostituibile valore aggiunto della “sua esperienza accademica” in qualità di  professore ordinario di Analisi dei Sistemi Finanziari presso l’Università di Bergamo,  e di ex rettore dell’Università di Bergamo dal 2009 al 2015. Ma non preoccupatevi, è anche uomo di collaudata capacità imprenditoriale, avendo  fondato Universoft, azienda “spin off” dell’Università di Bergamo operante nel campo dell’analisi finanziaria e dello studio dei mercati borsistici mediante la creazione e l’uso di database proprietari.

Non hanno da stare tranquilli i lavoratori dell’Alitalia, compreso il personale di terra,  che hanno avuto il coraggio civile di dire No all’accordo che prevede quasi mille esuberi e la riduzione dell’ 8% degli stipendi del personale volante raggiunto sotto il ricatto dei libri in tribunale. E che con il loro No ci hanno restituito la speranza che non sia utopistica la resistenza a quei diktat di mercato che implicano la caduta nemmeno troppo lenta nell’abisso della povertà e della fine della speranza democratica per sancire l’egemonia della cupola malavitosa della finanza e delle multinazionali della fine del lavoro, delle produzioni, della qualità di servizi e beni. Perché a  sorridere saranno solo loro, il terzetto  che  in ogni caso si metterà in tasca  le percentuali sui ricavi, i compensi relativi alle procedure concorsuali: cessione di rami d’azienda   vendite di beni mobili e immobili, recupero crediti e tutto quanto pertiene l’attività commissariale vera e propria così, successo o no, se riuscisse a realizzare i 2,8 miliardi di attivo di bilancio di Alitalia Sai a fine 2015, il suo incasso si attesterebbe attorno ai 12 milioni di euro.

Abbiamo tutti poco da star tranquilli, i salvataggi che contano e sui quali  siamo obbligati a impegnarci entusiasticamente tutti, sono altri: per dare ossigeno a quella Compagnia della Morte chiamata Nato, i liquidatori di popoli e territori ci hanno fatto sapere che i 25 miliardi fino a ora stanziati  dal governo italiano non bastano più  e che è obbligatorio,  per essere ammessi alla tavola dei grandi distruttori di massa,  tassarci con almeno 40 miliardi.

 

 


I marziani esistono: siamo noi

alieno_di_mars_attacksMentre stiamo distruggendo la Terra, la Nasa, al fine di contin uare ad ottenere fondi, annuncia di aver trovato acqua su Marte. Qualche pozzanghera minima, ma anche le prove che forse per addirittura diecimila anni sono esistiti laghi e uadi: il che naturalmente ha scatenato la solita ridda di illazioni sulla vita aliena. Ora bisogna sapere che l’acqua è una delle sostanze più comuni nel sistema solare anche se in forma liquida stabile si trova soltanto sulla terra, pianeta nel quale la vita ci ha messo almeno un miliardo e mezzo di anni per svilupparsi nelle sue forme più arcaiche e semplici.

In realtà la scoperta di questi laghetti e laghi transitori esistiti nei crateri per un periodo che va da un secolo a diecimila anni è un passo indietro rispetto all’idea che un tempo la superficie marziana potesse ospitare abbondante acqua liquida, fiumi e mari: siamo arrivati all’ipotesi di piccole pozze d’acqua di durata minima su scala geologica. Dire che questo possa essere sufficiente allo sviluppo di forme di vita è davvero solo un azzardo mediatico perché in realtà non sappiamo nulla sui tempi di sviluppo di organismi viventi. Anzi sappiamo che sulla terra dove c’era un’enorme abbondanza di acqua, ma anche di composti organici che su Marte sono anch’essi rarissimi ci sono voluti almeno un milione e mezzo di secoli.  Del resto non si può nemmeno andare ad esplorare da vicino per la possibilità che vi sia una contaminazione da parte di forme di vita terrestri rimaste sul rover Curiosity.

Insomma a rigore la scoperta non aumenta le speranze di trovare vita marziana, anzi le riduce perché la famosa acqua c’è sì stata, ma in piccole quantità e per troppo poco tempo. In compenso però stiamo facendo di tutto per alterare le acque dei nostri oceani dove la vita non è solo una ridda di ipotesi formulate da scienziati alla ricerca di fondi. In quarant’anni si è dimezzata la quantità dei pesci, le barriere coralline sono al collasso, intere specie supersfruttate come il tonno rischiano l’estinzione, mentre i veleni che il sistema industriale e quello di estrazione emettono costantemente stanno profondamente cambiando le dinamiche della vita marina. Per non parlare dell’acqua dolce che viene ignobilmente sperperata sia in agricoltura che nelle attività manifatturiere che nei consumi personali provocando sempre più spesso il prosciugamento di laghi e l’estinzione di fiumi messi in crisi dai cambiamenti climatici dovuti alla “parte atmosferica” di inquinamento.

E’ necessario tutto questo? In gran parte no, esso è dovuto a incuria nella gestione delle risorse (vedi il 60% di acqua sprecata in agricoltura) come al mantenimento di un sistema folle di consumi inutili derivanti dalle conseguenze del  pensiero unico, del mercatismo assoluto, del profitto infinito. George Monbiot un notissimo giornalista britannico che si occupa di tematiche ambientali  ha fatto un elenco minimo e curioso di robaccia inutile per produrre le quali nelle vengono sprecate le risorse del pianeta: “uno scomparto frigorifero per uova che comunica col cellulare per farvi sapere quante uova sono rimaste. Un gadget per farle strapazzate, all’interno del guscio. Parrucche per bambine, per concedere a “bambine con pochi o senza capelli l’opportunità di avere uno stile di capelli stupendamente realistico”. L’i-Potty, che permette ai bambini di continuare a giocare sui loro iPad mentre imparano a farla sul vasino. Un capanno da 2000 sterline a prova di ragno. Una sauna di neve, in vendita negli Emirati Arabi Uniti, in cui è possibile  crearsi un paradiso invernale con un click. Un frigo per angurie su ruote: indispensabile per i pic-nic – o forse no, perché pesa più dell’anguria. Crema per sbiancamento anale, per… per la verità non voglio saperlo. Il “ruotatore” automatico per orologi, che ci risparmia il fastidio di girare la rotella del nostro lussuoso segnatempo da polso. Uno smartphone per i cani con cui si possono scattare foto da soli. Banane pre-sbucciate in vaschette di polistirolo rivestiti da pellicola trasparente; devi solo sbucciare la confezione…”

Alla fine i marziani esistono davvero: sono quelli che stanno distruggendo la terra semplicemente per aumentare i conti in banca di poche persone e per convincerci ad alimentare i loro profitti con ossessivi consumi che si spingono fino al ridicolo. La Nasa non serve.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: