Annunci

Archivi tag: Atac

Zero in condotta per i privatisti

ref Anna Lombroso per il Simplicissimus

Sono ben magre soddisfazioni quelle che si prendono i pochi che vivono una condizione sospesa tra i due litiganti, che si sottraggono all’arruolamento forzato nelle file dei contendenti e che ogni volta che scrivono o parlano sono invitati perentoriamente ad esibire il certificato di buona condotta, il curriculum, il diploma di laurea, lo stato civile e la dichiarazione dei redditi. Documentazione peraltro che, auspicano molti divini schizzinosi, dovrebbe essere esibita  al seggio elettorale per favorire una corretta selezione del pubblico dei votanti.

Così oggi ci consoliamo con l’ajetto per il non–risultato del referendum romano sulla privatizzazione dell’Atac assistendo alla livorosa  reprimenda dei fan del Si, che oltre a sfoderare il solito repertorio di lagnanze per brogli e truffe, se la prendono prima di tutto coi cittadini reprobi, ai quali avevano proposto una scelta salvìfica che li avrebbe risparmiati da attese, bus affollati, tariffe indecorose quanto la qualità dei mezzi, in virtù della liberalizzazione mettendo a gara la gestione del servizio ed affidandolo al miglior concorrente. E poi, ovviamente, con la Giunta, grazie alla benevola rimozione dei vent’anni precedenti, per essere stata “cedevole” arrendendosi al malaffare che circola, è il caso di dirlo, intorno all’azienda dei trasporti,  dall’opacità degli appalti, all’inefficienza, dal traffico, è in caso di dirlo, di consenso, al clientelismo e familismo, ma anche  per la mancanza di una comunicazione di servizio istituzionale.

Una informazione, francamente, l’avrei voluto anche io a proposito di quanto è costato ai contribuenti questo capriccio. Non lo sappiamo, ma saremmo stati disposti a spendere di più se a votare fosse stata tutta Italia,  chiamata a decidere su una scelta cruciale, tra il mantenere gestione e controllo pubblico sui servizi o consegnarli ai provati, proprio come è successo con il referendum sull’acqua. Non c’è da credere alle rimostranze perché si sarebbe impedito l’accesso alla conoscenza, parola  incompatibile con le loro convinzioni, per  chi ha ridotto la scuola a anticamera del precariato: meglio restare sul generico di uno slogan propiziatore del rimedio tramite gli untori, meglio non entrare nel merito, che costa lo sforzo di dire la verità sui costi e i benefici, sulle esperienze maturate, sui casi di insuccesso interni ed esteri.

I severi censori dell’ennesima vittoria del bieco populismo e del sovranismo piccolo-borghese, noti per appartenere a cerchie che hanno la fortuna di non salire mai su un bus, sulla metro, sui tram salvo nei film con Fabrizi controllore, men che mai sui mezzi di collegamento con le squallide periferie già nelle mani dei privati, ecologisti da Suv, che motivano la loro ripugnanza per il trasporto plebeo con il malfunzionamento, la ressa, i ritardi, che affliggono come è naturale e giusto, ceti inferiori che non hanno saluto meritare di stare a Via dei Coronari,  mentre gli tocca mescolarsi sul tram a moleste presenze inaccettabili se non in livrea e berretto di carta da muratore, si dolgono dell’indole romana alla ignavia, dell’istinto proverbiale alla indolenza, della vocazione alla paraculaggine  e al menefreghismo, che in questo caso sconfina nell’autolesionismo, conseguenza inevitabile per essersi sottratti alla loro pedagogia.

Ed è tutto uno sciorinare il  repertorio della politologia sotto vuoto un tanto al chilo sull’astensionismo che in questo caso è la cifra del disincanto democratico, mentre se vincono loro è un positivo segnale della maturità dell’elettorato che finalmente ci allinea con le repubbliche più mature.

Non dovrebbero comunque lamentarsi di questo: la de-politicizzazione della società e la neutralizzazione della democrazia rappresentativa  è il loro più poderoso  successo. E’ stata la loro ideologia che ha talmente  deteriorato le relazioni tra i cittadini e lo Stato e le istituzioni parlamentare e i ruoli intermedi, partiti e sindacati ricattati e fidelizzati,   da alimentare diffidenza, sospetto e risentimento consigliando l’affidamento a l’unico potere regolatore, il mercato. Sono loro che rivelando a orologeria gli arcana imperii, le miserie e i vizi della politica, la sua distanza remota e crudele dalle nostre esistenze, suggeriscono quanto sarebbe migliore un governo invisibile, manovrato in stanze asettiche di banche, studi legali, accademie, che agirebbe per il nostro bene, mentre noi formichine ci occupiamo dei nostri meschini problemi personali.

Sono loro che hanno ridotto l’esercizio  dell’opposizione a cerimonie di facciata inorridite per le mancanze di bon ton più che di lavoro, sdegnate per l’ignoranza dei congiuntivi più che per la manipolazione della realtà, razionalmente impegnati sul fronte di una immigrazione controllata quanto si sono astratti in occasione della correità in guerre che l’hanno provocata. Che condannano il riarmo in pigiama ma non quello degli stati criminali ben contenti di additare al pubblico ludibrio l’uomo nero che segrega emargina  e reprime, dopo avere applaudito che gli ha spianato la strada, che vuole la tav per mandare i rampolli a fare l’Erasums comodamente seduti in Executive mentre scorre il panorama delle  rovine che hanno provocato.

Certo, personalmente avrei preferito un sonoro No, non fosse altro che per la nostalgia che si prova per questa parola caduta in desuetudine per ragioni  di realpolitik, per paura di sanzioni e penali, per timore di dispiacere alla grande tirannia mondiale, per conquistarsi consensi padronali. Avrei preferito che ieri Roma fosse la capitale del paese dove il No suona, quando occorre.

 

Annunci

Atac-ati al tram

 

atca

C.Carrà: Ciò che mi ha detto il tram

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Si dovrebbero comminare pene severe per l’abuso della parola “intelligente”, consumata in tutte le situazioni, vacanze, materassi, lampadine, città, soprattutto da cretini che ci vogliono far diventare più cretini di loro. E talvolta sostituita da termini stranieri che dovrebbero dare autorevolezza a propositi osceni, come, per esempio, fare di Pompei una smart city, trovata fortunatamente caduta nel dimenticatoio frutto avvelenato di una meteora della politica anche quella obliterata dopo una effimera fortuna come aspirante leader alternativo.

Bisognerebbe farlo in fretta, anche prima di domani quando – se è vero che il problema di una città consegnata anche da questa giunta ai poteri forti, costruttori, chiesa,  immobiliaristi, finanza, e altri clan non diversamente criminali, è, come a Palermo, il traffico- i cittadini romani saranno chiamati a pronunciarsi per avere trasporti “intelligenti” e più efficienti grazie all’ispirato e salvifico intervento dei privati.

E appunto i fan del Si si pensano che siamo più cretini di loro e che ci beviamo questa fake smentita ogni giorno e in ogni latitudine. In Gran Bretagna dove la stagione thatcheriana delle privatizzazioni non è finita con la lady di ferro e i suoi insuccessi vanno dal continuo incremento della disoccupazione, al fallimento della gestione mista delle ferrovie voluta da Blair: i biglietti costano di più e il servizio è vergognoso, dalla Sanità occupata da esose assicurazioni, al sistema pensionistico; in Italia dove i ponti crollano perché si tutela il rapporto costi benefici e  o il risparmio su materiali,  manutenzione e vigilanza più che le vite umane, dove abbiamo speso di tasca nostra una trentina di miliardi per il salvataggio di banche private e dove Bankitalia è stata sottratta di fatto al controllo del governo e dunque dello Stato grazie al divorzio officiato da  Andreatta in qualità di ministro del Tesoro e dal governatore di allora  Ciampi, senza nemmeno interpellare il Parlamento e dando in pasto il Paese al mercato e alla speculazione. E in tutta Europa dove si segue la tendenza che viene dallo stato canaglia che ha fatto circolare la sua pestilenza nel mondo, e dove si gonfia a dismisura una crisi di un settore a alto contenuto sociale per offrire la soluzione sotto forma di benevolo intervento di investitori generosi, si tratti si salute, assistenza, pensioni, patrimonio culturale, infrastrutture, servizi.

La fuffa che vendono insieme ai nostri beni comuni, ai nostri immobili, alle nostre coste ha bisogno di certe cerimonie rituali per dare l’impressione che si ascolta la voce popolare, salvo poi tradirla come è successo con l’acqua  e come non deve succedere con i trasporti romani, ha un forte retroterra fideistico  secondo il quale l’avidità privata e finanziaria è l’unico motore della crescita, lo stato è  solo un grande peso, il popolo è di serie B obbligato a contribuire alla crescita e alla ricchezza di una scrematura di serie A.

E così chi dirà No è già condannato preliminarmente alla riprovazione in quanto misoneista, arcaico conservatore, bieco oscurantista e, non manca mai, gufo disfattista.

Come al solito il mantra dei promotori (Radicali, Fi e Pd romano) dovrebbe far breccia, grazie alla polarizzazione dei due corni della questione: monopolio vizioso, intervento privato virtuoso,  nella pancia della plebe malcontenta  che rumoreggia per via dell’oscena voragine di 800 milioni contratto da un ente occupato militarmente dalla malapolitica: voto di scambio, familismo, giri di poltrone con liquidazioni milionarie e che in cambio ai cittadini  offre attese millenarie, mezzi fatiscenti, rari, inefficienti soprattutto per quanto riguarda le periferie, che è bene ricordarlo, sono servite già da un’azienda interamente privata Tpl,   che gestisce più del  40% dell’offerta di trasporto, dimostrando emblematicamente con la sua inadeguatezza e improduttività che il rattoppo è peggio del buco.

Male ha fatto il Comune ad arroccarsi non dando la necessaria informazione con la speranza che il referendum vada deserto senza colpo ferire: ben altro avrebbe comunicare in difesa del proprio ruolo di tutela dell’interesse generale. Perché quella che viene proposta non è nemmeno una liberalizzazione bensì addirittura la vendita in blocco delle azioni dell’Atac S.p.a. (e le tre competenze ora disperse in tre aziende: Roma Servizi,    per la pianificazione della mobilità,Roma Metropolitana e la progettazione di metro e tram, e la stessa Atac che assolve altre funzioni insieme alla produzione, in particolare la gestione del sistema tariffario e delle proprietà dei depositi e delle infrastrutture) o la sua automatica sostituzione con una impresa privata vincente per sua natura – e l’esperienza lo ha dimostrato – interessata a convertire l’inefficienza in una rendita a proprio vantaggio, facendo pagare il conto ai cittadini con tagli ai servizi, ai  salari dei dipendenti e alla manutenzione delle vetture,  in aumenti tariffari ed esercitando ogni sorta di intimidazioni sul comune ricattato compreso il blocco dei trasporti. E peggio ha fatto la giunta Raggi, dopo i gesti simbolici da divino sprovveduto dell’onesto Marino,  a scaraventare l’azienda  nella procedura fallimentare seppure in forma concordataria con i creditori,  mettendo le premesse per una emergenza  che prevede le abituali misure eccezionali di “salvataggio”:  concessione, cessione   e svendita.

Non stupisce, ormai siamo abituati a una continuità col passato rivendicata in nome di una miserabile realpolitik per via della quale è impossibile dire di no, pensare soluzioni di rottura davvero alternative, alla fine meno costose delle minacciate penali e sanzioni economiche, politiche o “morali”.  Mentre invece era questo il momento di aprire, ebbene si, all’intelligenza proponendo un piano dei trasporti che si avvalga della tecnologia che oggi già permette di aggregare la domanda in tempo reale e di rispondere con un trasporto senza linee fisse, modificando il percorso per servire i cittadini che si muovono contemporaneamente nel medesimo bacino. Che si adegui a cambiamenti di stile di vita che suggeriscono di potenziare le formule di spostamento collettivo. Che faccia proprie le esperienze di città che hanno promosso la rete del ferro al posto degli autobus obsoleti che restano imprigionati nel traffico. E che preveda un vero risanamento con la sostituzione di vertici che hanno dimostrato incapacità e opacità, con soggetti di controllo e gestione svincolati dalla cosca del malaffarismo amministrativo, imprenditoriale e finanziario.

Si racconta che Gianni Agnelli interrogato sulle disuguaglianze sociali abbia risposto, e se ne intendeva, che uno dei discrimini fondamentali era il trasporto. E infatti si spostava non con le sue auto delle quali non si fidava, ma passando sulle nostre teste con elicotteri e arei di proprietà. Votare Si se non si è Agnelli o quella cerchia di cagnolini che chinano la testa dietro al lunotto delle macchine blu  in cambio di un passaggio in TV, tra starlette, cinepasticceri, funzionari in carico a stampa e partiti morenti,  commentatori e opinionisti un tanto al chilo, è autolesionista. E non è intelligente.

 

 

 

 

 


Morti ma contenti

 Anna Lombroso per il Simplicissimus

Vaucher, buoni, buoni soprattutto per drogare i dati dell’occupazione in modo che i lavori occasionali rientrino nelle statistiche e anche chi presta la sua opera un’ora alla settimana esce automaticamente dalla categoria seccante dei disoccupati. Mentre si riduce il numero dei contratti stabili a smentire la volonterosa propaganda dell’Istat, a sostegno del Jobs Act.

È che sono poco informati gli stregoni del governo, altrimenti imporrebbero per legge quelli che in alcuni paesi faro della civiltà si chiamano “redditi psichici”, forme di risarcimento emozionale e mentale per la cancellazione reale di diritti e garanzie. Si va da banche britanniche nelle quali anche il fattorino può fregiarsi del titolo di vice president, ai banconieri delle catene di fast food insigniti della qualifica di manager, come già fanno volontariamente camerieri di pizzeria a Londra o inservienti di B&b del babbo a Firenze, intervistati sulla giovane imprenditorialità nazionale,  dai grandi magazzini californiani nei quali anche i commessi hanno lo status di associati anche se non hanno conquistato ancora l’assistenza sanitaria, a altri succedanei o surrogati di prerogative offerti al posto del dovuto, dell’obbligatorio, dei diritti, fino alla trovata molto in uso in Giappone: una specie di punching ball con l’effige di un capo sui quali i fantozzi possono accanirsi a sculacciate o a quella altrettanto gratificante, raccomandata dalle linee guida per la soddisfazione dei dipendenti di alcune corporation, di incrementare la fisicità positiva tra capi e subalterni tramite vaci, abbracci e manate sulle spalle.

Ma anche qui non si scherza nel rendere concreto e praticato quel principio cui guardano i nostri “riformisti”, quello della necessaria collaborazione tra imprenditore e dipendente, tra padrone e lavoratore. Basta pensare alla politica previdenziale dei governi che si sono succeduti, talmente compreso della convinzione che “siamo tutti nella stessa barca” che ha prodotto un effetto aberrante, un abominio mai raggiunto prima. Da quando cioè il lavoratore è davvero diventato associato come nei centri commerciali californiani, o meglio investitore, conferendo i suoi soldi  in un fondo pensioni rappresentato nel consiglio di amministrazione della sua azienda con il diritto a votare processi di ristrutturazione, delocalizzazione e paradossalmente il suo stesso licenziamento. E sai che soddisfazione rovinarsi, come si direbbe a Roma, con “le mani sua”, un azionista che caccia il se stesso operaio, paradigma esemplare della scissione schizofrenica del capitalismo che si riverbera obbligatoriamente sulle sue vittime.

Era stato un ministro del centro sinistra riformista, quel fronte che ha provveduto a abbattere ogni tabù morale per imporre la legge di “libera volpe in libero pollaio”, a propagandare le prime azioni in favore di precarietà, mobilità, licenza di licenziamento, lavoro nero e conseguenti e inevitabili  morti bianche, grazie allo slogan marinaro di “siamo tutti nella stessa barca”. E dobbiamo a lui, Sacconi, insieme a una transfuga 5Stelle passata alla maggioranza, la proposta di una semplificazione del Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro, necessaria a “allinearsi ai cambiamenti intervenuti nei processi produttivi … che  offrono una continua evoluzione delle prassi e delle tecniche con cui rendere più sicuro il lavoro”. E vallo a dire a Giacomo Campo,  25 anni, morto nello stabilimento Ilva di Taranto schiacciato tra un rullo e un nastro trasportatore o ad Alleovi Antonio,   54 anni, elettricista dell’azienda di trasporto romana, folgorato  su un pantografo. O ai quasi 500 morti sul posto di lavoro, censiti da inizio  anno a luglio, grazie all’opera di osservatori indipendenti, primo tra tutti quello di Bologna, perché se il Pil ha l’Istat, le cosiddette morti bianche che più nere non si può, hanno il loro trasmettitore ufficiale  nell’Inail che non a caso annovera solo le vittime iscritte all’Istituto, omettendo irregolari, clandestini e quelli che rubano i posto agli italiani, bara compresa.

L’unica fabbrica davvero attiva  del Paese, quella delle menzogne, produce un fiction secondo la quale il mondo del lavoro non è più quello rigido della catena di montaggio  ed è giusto pretendere dai lavoratori autonomia di decisione, spirito di iniziativa, dinamismo e disponibilità al cambiamento. E di conseguenza se  un imprenditore ha dato ordine di allestire e attivare  tutti i sistemi di sicurezza e di prevenzione necessari, quelli garantiti dalle magnifiche sorti e progressive della modernità, ma avviene un incidente, non ha nessuna responsabilità. La colpa è di eventuali preposti alla sicurezza, perfino dello stesso operaio che ne è vittima, proprio come hanno preconizzato recenti sentenze che hanno spazzato via quelle epocale del 2011 sulla Thyssen, successivamente “impoverita” e delegittimata  quando è stata respinta nel 2014 l’ipotesi dell’omicidio volontario. L’obiettivo della “riforma” è naturalmente quello dare una mano ai padroni, vessati da norme e multe punitive della libera iniziativa, dell’imprenditorialità, tanto che il binomio Sacconi-Fuksa lo ammette e lo scrive con impunita e sfrontata faccia come il culo, se nella relazione sottolineano come oggi la sicurezza sia “un accessorio burocratico detestato perché subito dal timore di sanzioni sproporzionate”, che va sostituito da autodichiarazioni, da certificazioni volontarie, suffragate da organismi e figure cosiddette “indipendenti”, le stesse che accertano e autorizzano la  sostanziale eliminazione dell’obbligo di vigilanza a capo del datore di lavoro con l’auspicato “trasferimento della responsabilità a dirigenti, preposti e lavoratori stessi”.

La soap del lavoro defunto che produce altri morti tra i lavoratori, quelli soprattutto che sfuggono alla contabilità di regime e che aumentano malgrado il calo dell’occupazione, è sconfessata da un panorama fatto di precari, facchini, dipendenti di imprese di pulizia, braccianti agricoli, operai metalmeccanici, muratori di cooperative “opache”,  milioni di lavoratori per i quali la tecnologia  è rappresentata da un pc in azienda e la ristrutturazione del mercato ha significato un’intensificazione dei ritmi, della pressione psicologica, delle prestazioni richieste, dell’egemonia del ricatto e del dominio dell’alternativa tra salute e posto,  e quindi un aumento inevitabile dei rischi e delle malattie professionali.

È che più che sulla stessa barca, ci hanno messi sulla zattera della Medusa, come naufraghi che non vedono la salvezza in un porto sicuro. E allora, cosa ne dite di buttare in mare loro?

 

 

 

 

 


Sghignazio

bigE’ finita in farsa come del resto era quasi scritto nello scontro tra due dilettanti, il chirurgo nevrotico totalmente ignaro di amministrazione e il giovane rampante entrato direttamente nella cuna del potere, ma senza farsi le ossa. Anzi è finita in un Pap’occhio celebre film prodotto nel lontanissimo 1980  dal padre di Orfini. Il grottesco abbonda in questa vicenda, ma raggiunge vertici sublimi al di fuori di essa, nella polarizzazione assurda fra il marziano e il saggio, l’onesto e i corrotti, Renzi e l’antirenzi, la politica e gli affari, quando è del tutto chiaro che i contendenti fanno parte del medesimo sistema divenuto partito della nazione appunto perché ingloba in sé le logiche perverse stratificate nel tempo e le porta all’estremo limite grazie al moltiplicatore oligarchico europeo.

Se Marino fosse davvero estraneo a tutto questo avrebbe dato le dimissioni dopo l’esplosione di mafia capitale invece di rimanere e salvaguardare gli interessi elettorali del Pd e in sostanza il “patto della carbonara” per la spartizione di affari e mazzette; non si sarebbe fatto imporre nuovi assessori estranei e addirittura ostili a Roma , ma destinati a gestire i soldi del giubileo e le regalie della finanziaria per nome e per conto di Renzi; non si sarebbe fatto commissariare. Ha invece accettato la parte di feticcio dell’onestà perché le cose non sfuggissero di mano al milieu politico che tradizionalmente amministra e rapina la città.

Del resto a esaminare l’operato nel sindaco in questi anni non ci sono dubbi sulla sua appartenenza di fondo al sistema: dopo la pedonalizzazione dei fori imperiali all’insegna dell’improvvisazione e del dilettantismo e l’atto puramente simbolico del registro delle coppie gay, Marino ha ritenuto di aver sufficientemente esaudito le richieste di parte ideologica e si è dedicato ai servizi pubblici, cancellando 50 di linee di bus e rarefacendo molte altre, ha usato il machete per tagliare drasticamente l’assistenza domiciliare ai disabili, ha dimenticato le periferie ribollenti nelle quali non ha mai messo piede se non il giorno prima della caduta, ha dato il via agli sgomberi, si è scontrato più volte contro i dipendenti comunali, dopo aver lasciato intatta per anni la dirigenza dell’Atac autrice dei disastri nel trasporto pubblico, è partito lancia in resta contro gli scioperi dei lavoratori e solo in funzione della privatizzazione si è  risolto ad assumere un cacciatore di teste per far strage fra il management. Non si è nemmeno vergognato di umiliare le maestre d’asilo tagliando i salari, aumentando le ore di lavoro e tentando di mandare a casa 5000 precari, caso specifico di un piano generale di tagli ai servizi per dare l’arrosto ai privati. E come ultimo atto ha riempito l’Auditorium di immobiliaristi e della figlia di Caltagirone, in arte Casini.

Questo sarebbe l’anti Renzi e il personaggio per un eventuale riscatto della sinistra? Ma di cosa stiamo parlando? Durante il suo mandato, quando non era all’estero o a cena o quando ne aveva voglia ha esercitato la stessa logica autoritaria che alla fine si è rivolta contro di lui con Orfini che ha minacciato di non ricandidatura  i consiglieri riluttanti a firmare le dimissioni. E che contemporaneamente ha aperto la strada ad una coalizione elettorale difensiva con i dimissionari di riserva marchiniani, alfaniani e fittiani. Per difendere che cosa non c’è nemmeno bisogno di  dirlo.

In un certo senso Marino ha ragione a chiedere dove abbia sbagliato per ricevere questo trattamento visto che le poche cose che ha fatto sono in perfetta linea con le prassi governative. Ha sbagliato con gli scontrini e l’imprevisto col vicario di cristo che hanno reso impossibile presentare un sindaco, di incapacità imbarazzante e detestato dai romani, come campione di onestà. Marino credeva di essere ormai al sicuro su questo piedistallo di fortuna, ma è stato tradito dalla sua stessa leggerezza. Farne un campione antisistema è come prendere fischi per fiaschi e non capire come la logica dell’oligarchia si regge proprio sulla produzione di false alternative per sterilizzare quelle vere.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: