Annunci

Archivi tag: Argentina

Le lacrime dell’Argentina e gli avvoltoi

Donald+Trump+Mauricio+Macri+Trump+Meets+Argentine+dAqbVn8QDCnlL’Argentina dimostra una tesi sulla quale insisto ormai da diversi anni e che probabilmente sarà anche venuta a noia ai lettori: ovvero il fatto che il neoliberismo sia totalmente fallimentare nella realtà, ma viene tenuto in vita da una comunicazione mediatica globale che del resto è consustanziale al sistema: se tutto è mercato è chiaro che la narrazione sarà quella imposta da chi possiede la proprietà dei mezzi di comunicazione.  Dovrebbe essere ormai in un museo delle cere assieme alle sue varianti alleliche, come l’ordoliberismo europeo,  come un fossile vivente, ma tutte le volte che esso si scontra col mondo reale viene narrativamente resuscitato e rinverginato. In questi giorni le primarie presidenziali – una sorta di pre elezioni in vista di quelle vere – hanno decretato una disfatta  per il miliardario ultra conservatore Macrì sotto il cui regno la povertà ha raggiunto il 32%, i massicci licenziamenti seguenti alle liberalizzazioni selvagge hanno portato la disoccupazione al 10%, l’inflazione è arrivata al 48 per cento, i salari e le pensioni sono congelati e la crescita ha fatto segnare un meno 2,6%. Questo anche grazie ai suggerimenti dell’Fmi che ha anche dovuto fare il prestito più grande della sua storia in modo che si potessero pagare i noti fondi avvoltoio e mettere il cappio al collo del Paese.

Tutto assolutamente prevedibile, l’ennesimo fallimento delle teorie dei ricchi, ma ciò che sorprende è che l’Argentina ci era già passata e quasi negli stessi termini, senza che però questo abbia avuto alcun effetto cognitivo. Negli anni ’90 il Paese fu dominato dal liberista Menem sotto il quale  il debito estero, la crescita dei tassi di interesse, la disoccupazione e la forbice tra la minoranza ricca e la maggioranza povera del Paese crebbero a ritmi inarrestabili, toccando vertici mai raggiunti in precedenza. Ne seguì la crisi drammatica di inizio secolo che tutti conosciamo e che dopo una girandola di presidenti per un giorno, diede la vittoria a Nestor Kirchner, il quale cambiò del tutto rotta verso un peronismo moderato riuscendo a far ripartire il Paese che raggiunse  un aumento annuo del pil superiore al 10% anche se naturalmente il rapporto con l’Fmi fu pessimo, ma intanto le riserve internazionali del paese superarono i 30 miliardi di dollari e  la disoccupazione scese al 7,35% mentre venivano denunciati i crimini del regime militare cosa che Menem si era ben guardato dal fare. Inoltre Kirchner si collegò a Lula (Brasile), Chavez (Venezuela), Bachelet (Cile), Vazquez (Uruguay), Correa (Ecuador) e Castro (Cuba), per dare vita a un progetto di sviluppo economico e sociale indipendente dal padrone Usa. Nel 2007, anche per gravi problemi di salute, lasciò il posto alla moglie Cristina Kirchenr , già senatrice del suo stesso partito, la quale vinse le elezioni e proseguì in queste politiche, anche se con meno fantasia, determinazione e successo. La stampa cominciò ad attaccarla perché il debito pubblico era salito dal 45 al 52  del pil e successivamente non aveva pagato gli obbligazionisti dei fondi avvoltoio che avevano partecipato alla ristrutturazione del debito del resto appartenente ai disastri dell’era Menem. Prima ancora della fine del suo mandato e per propiziare un cambio di politica a 180 gradi la Kirchner fu travolta da uno scandalo così fasullo da gridare vendetta: fu accusata di aver ostacolato la giustizia mettendo in atto un piano per insabbiare le responsabilità dell’Iran nell’attentato terroristico contro un centro ebraico, avvenuto a Buenos Aires nel 1994. Insomma cose di vent’anni prima da cui naturalmente è stata scagionata, ma che mostrano con chiarezza le orme di chi stava guidando sottobanco il cambiamento. In Argentina come in tutto il Sud America.

Ora come se la storia non di secolo prima, ma dell’altro ieri fosse stata azzerata e dimenticata gli argentini votarono a grande maggioranza per Macrì che esprimeva anche in maniera più chiara le stesse tesi e prospettive di Menem, ovvero le medesime  che avevano portato il Paese al disastro totale e questo perché una campagna mediatica aveva convinto che si sarebbe potuti uscire dalla nuova crisi con gli stessi metodi che avevano provocato la prima e naturalmente brandeggiando il timore di default tecnico di cui agli argentini frega relativamente ma impaurisce quegli investitori che invece di impiantare attività produttive si sono limitati a investire in titoli di stato, per la gran parte emesso in dollari. Se volessimo classificare l’economia liberista in termini etologici diremmo che è principalmente saprofaga, si nutre di escrementi finanziari, ma fa diffondere l’idea che si nutra di ambrosia. E’ evidente però che tutte queste oscillazioni sono impossibili da concepire senza una funzione mediatica che cerca di camuffare la realtà e di cancellare le sue evidenze.

Annunci

Il Venezuela e i “clarinetti” di Buenos Aires

macri_trumpE’ davvero strano che nella grande, ma intellettualmente irrilevante, stampa italiana, non venga mai nominato Alejo Ramos Padilla e l’inchiesta con la quale questo magistrato ha fatto luce sulla la colonna infame del regime di Macrì il quale si è fatto in quattro per aiutare i servizi americani a mettere in ginocchio il Venezuela e in particolare la sua azienda petrolifera. E’ strano perché in Argentina è uno scandalo che sta dando il colpo di grazia al presidente neoliberista già crollato nei consensi e messo al muro da una caduta economica vertiginosa del Paese, tanto che si sta scaldando il suo successore, un monti locale di nome Roberto Lavagna. Ma è strano anche perché tutti i personaggi implicati in una complicata storia di estorsioni e ricatti per ricavarne soldi “neri” con cui colpire il governo Maduro con false testimonianze, opera di corruzione e sabotaggio , è pieno di nomi che ci sono familiari, a cominciare dallo stesso Padilla, stesso nome di uno degli untori manzoniani ingiustamente accusati, per proseguire con il procuratore federale Carlos Stornelli, il suo braccio destro Marcelo d’Alessio, la deputata macrista, Paula Olivetto che sono sul banco degli imputati assieme  all’ Agencia Federal de Inteligencia e al maggior quotidiano del Paese, il Clarin che ha fatto la sua parte mediatica di nascondimento e deformazione.

Come detto la storia è complicata, ma la sostanza è che Stornelli con la complicità di D’Alessio si erano fatti dare 12 milioni di dollari di tangenti da persone artatamente coinvolte in trappole giudiziarie per procedere a una serie di operazioni come la falsa testimonianza di un avvocato della società petrolifera di stato del Venezuela e dare il pretesto a Trump di sequestrane i beni; la partecipazione finanziaria all’attentato con il drone contro il presidente Maduro, nello scorso agosto, messa a punto nei particolari dalla Cia con sede in Colombia; schedatura e spionaggio  di personaggi vicini al governo di Caracas, delle loro mogli e bambini, per mettere in piedi  una commedia volta a collegare l’azienda petrolifera venezuelana al traffico di armi e di droga. Per non parlare poi di vicende interne che forse potrebbero interessarci di meno se non rivelassero l’esistenza di un internazionale neo liberista vota all’appoggio reciproco di regimi di questo tipo:  un complotto per incastrare l’ex ministro dei lavori pubblici Julio de Vido e il suo vice, Roberto Baratta,  l’ex presidente Cristina Fernández de Kirchner e diversi eminenti giornalisti anti-Macri, usando dati rubati da un agente della National Security Agency di nome David Cohen, che lavorava come infiltrato per “Energía Argentina SA “(Enarsa), l’agenzia energetica statale argentina. L‘8 marzo, Cohen è stato incriminato ed è stato anche scoperto  il coinvolgimento dell’intelligence israeliana nell’operazione. Ad ogni modo in casa di D’Alessio sono state trovate montagne di documenti che ne comprovano la sua appartenenza alla Cia, in particolare le istruzioni per inviare armi e agenti americani in Venezuela passando per Buenos Aires.

Tutto questo era stato in qualche modo adombrato da un film argentino, Il Presidente (la Cordillera in orginale),  anche se ovviamente la critica e la cinefilia da web non se ne è minimamente accorta non avendo più la capacità o la voglia di collegare l’espressione alla realtà che ne diventa una mera sovrastruttura o magari non osando sbirciare nel verminaio che la sovvenziona. Rimane però un interrogativo, perché tutte queste operazioni coperte proprio nel Paese sudamericano più lontano dal Venezuela? E qui bisogna tornare al presidente Mauricio Macrì, figlio del magnate italo argentino delle costruzioni Francesco Macrì, antico e importante socio in affari di Fred Trump, padre di Donald. I rapporti includevano e includono probabilmente ancora, attraverso i figli presidenti, joint venture e imprese immobiliari a Manhattan e Buenos Aires, partecipazioni intrecciate nelle società di copertura offshore della Trump Organization e del conglomerato Socma della famiglia Macri: tutto documentato nelle carte dello studio legale di Panama City, Mossack-Fonseca, al centro dei Panama Papers il quale ha chiuso i battenti un anno fa probabilmente per nascondere le ultime e più consistenti tracce di uno scandalo internazionale tirato fuori dai giornali aderenti al Consorzio internazionale giornalisti investigativi con base a Washington. Vicenda che ha avuto per qualche tempo l’onore delle prime pagine, ma che alla fine non ha avuto altra conseguenza visibile se non quella del cambio di regime in Brasile innescato dalle peripezie corruttive della società di costruzioni brasiliana Odebrecht. 

Alla fine tutto si incastra come il lego, mattoncino per mattoncino, anche il risultato finale è lo schifo che vediamo del tutto incoerente con la civiltà.


L’Argentina e la peste neoliberista

crisi-argentinaE’ di questi giorni la notizia che il Fondo monetario statunitense eufemisticamente chiamato internazionale è sbarcato in Argentina imponendo una svalutazione e misure antisociali la cui entità sarà drammatica, in cambio di un prestito di 50 miliardi dollari necessario per evitare il crollo dell’economia. La cosa ha il sapore di un apologo perché il presidente Mauricio Macrì, neoliberista di ferro, è stato sventatamente eletto dagli argentini proprio per fare le politiche del Fondo monetario che ancora una volta si sono rivelate letali. Come del resto i “consigli” dati dallo stesso istituto negli anni ’90 e che portarono al default del Paese.

Grazie a questi eventi possiamo mettere chiaramente in luce una terza natura del neoliberismo oltre a quella di teorizzazione economica fallimentare e di ideologia politica dei ricchi: ovvero l’uso imperialista di tale dottrina per subentrare nel controllo effettivo dei Paesi. Non si tratta certo una novità perché stesse cose cono accadute nella crisi asiatica degli anni ’90, sono accadute in Grecia e accadono in Europa: la vicenda argentina suggerisce però più chiaramente di altre situazioni che il neo liberismo non è una malattia esantematica contro la quale si sviluppano abbastanza anticorpi da impedire una ricaduta. E’ invece una peste, una tubercolosi dell’anima che lascia immuni per poco tempo e poi può ritornare falcidiare speranze, futuro e diritti. E’ accaduto negli anni ’90 con Menem, fedele esecutore delle volontà del Fondo monetario che portò a vaste privatizzazioni soprattutto in favore di multinazionali nord americane,  tagli alle spese sociali, deregulation in molti settori e infine alla parità tra peso e dollaro: l’inflazione fu domata, ma si ebbe uno straordinario aumento dei licenziamenti in massa, del taglio ai sussidi economici e alla spesa sociale.Il numero dei poveri aumentò esponenzialmente cancellando la classe media. La crescita economica sulla carta corrispondeva a un impoverimento effettivo, secondo un meccanismo molto simile nella sostanza a quello europeo dove lo stesso risultato è stato raggiunto grazie all’euro che ha fermato l’inflazione, ma creato un’epocale crisi sociale nei Paesi a moneta scalabile. Alla fine degli anni ’90 l’Argentina che avrebbe dovuto essere in buonissima salute era invece sull’orlo del baratro e dopo settimane di manifestazioni, scontri, crisi istituzionali sale finalmente alla Casa Rosada, Nestor Kirchner che tarpa qualche penna all’Fmi facendo intendere che il debiti contratti sarebbero stati onorati, ma non a scapito della sopravvivenza della popolazione argentina. Ottiene così delle dilazioni e degli sconti sui pagamenti, mentre l’economia del Paese comincia a riprendersi e continua a farlo in  anche sotto l’infuriare della crisi dei subprime con la moglie di Kirchner, Cristina divenuta a sua volta presidente del Paese. Gli effetti di questa inversione di marcia si fanno sentire: in un decennio la povertà passa dal 21% all’11,3% mentre l’indigenza scende dal 7,2% al 3,8% anche grazie alle rinazionalizzaioni e al ritorno al settore pubblico di alcune attività, quali ad esempio le estrazioni petrolifere. A quel punto però interviene Washington che comincia a fermare gli investimenti, fa sì che il Fondo monetario non conceda più dilazioni sui pagamenti e aizza  anche creditori privati a rivolgersi ai tribunali (naturalmente americani)  per contestare gli sconti ottenuti dall’Argentina anni prima e infine muove le sue pedine, anzi i suoi untori all’interno del Paese, analogamente a quando avverrà poi  in Brasile, per creare uno scandalo e costringere la presidenta alle dimissioni.

A questo punto gli argentini ci cascano nuovamente ed eleggono un miliardario locale tale Mauricio Macrì che fa le stesse promesse di Menem vent’anni prima con tutta l’informazione che trasforma le sue ricette nella formula magica ed ottiene gli stessi risultati: ricchi più ricchi, riprivatizzazioni. popolazione impoverita e allo sbando, solo molto più fretta. Si vede che certi batteri sono endemici se è vero che il prode Mauricio ha come nonna una ricchissima fascistona romana che fece fruttare al meglio la vicinanza al regime per favorire  la sua azienda di trasporti e come nonno un nobile calabrese, ancorché omonimo di una ‘Ndrina nota in tutto il Nuovo Continente, cofondatore assieme a Giannini dell’ Uomo Qualunque: l’insuccesso politico fu all’origine dell’emigrazione. Buon sangue non mente.

Ora cosa rende gli organismi sociali così poco resistenti a questo virus? Certamente il fatto che esso come quello dell’aids infetta per primi propri i gangli vitali di una risposta immunitaria, ossia l’informazione e la comunicazione e poi perché grazie a un’egemonia culturale pervasiva raggiunta a forza di soldi riesce a mimetizzarsi come facesse parte del progresso sociale e non ne fosse invece un antigene: solo quando ha prodotto le sue tossine lo si comincia a riconoscere come nemico. Quasi sempre troppo tardi, ma in ogni caso senza lasciare una memoria che consenta di sconfiggerlo appena si ripresenta. Forse questo avviene anche perché le difese sono poco attrezzate, poco incisive, fondate su un’antropologia astratta mentre il nemico, sia pure in maniera estremamente rozza, riesce a far sentire ciascuna vittima come al centro del mondo.  Di certo qualcosa dovrà cambiare.


Rivoluzioni arancioni e ingegneria emotiva

caos_urbano_by_musicdorPossiamo prendere ad esempio la Francia macronizzata, ma forse è ancor meglio riferisi al Brasile, all’Argentina o al Venezuela dove governi diciamo di ispirazione popolare sono aggrediti o sono stati scalzati da reazionari liberisti i quali sono stati eletti sulla base di programmi che negavano in radice quelle cose la cui insoddisfacente realizzazione da parte dei governi aveva innescato le proteste. Come è possibile? Non c’è dubbio che l’arancionismo imperiale può far leva sui media e su un flusso praticamente inesauribile di soldi, su molte centrali di indottrinamento sia direttamente legate all’amministrazione e ai servizi di Washington, sia a cosiddette Ong (vedi qui), ma questo non spiega fino in fondo come alla fine una maggioranza di elettori sia indotta a votare contro i propri interessi e a frittata fatta sia costretto a scendere in piazza, peraltro con scarsissimi risultati questa volta, per contestare ciò che in precedenza era stato sperimentato e bocciato o per non affogare del tutto dentro principi il cui palese obiettivo è quella disuguaglianza che si voleva ridurre.

Certo una parte di responsabilità va a quei sistemi elettorali rivolti alla governabilità piuttosto che alla rappresentanza e che si risolvono nel bipartitismo o in analoghi meccanismi i quali in qualche contesto elidono le differenze, in altri le esaltano artificiosamente, ma che in ogni caso deviano, confondono e rendono molto più facile portare la battaglia su un piano semplicistico e grossolano dove la voce grossa della conunicazione ha più efficacia, la confisca elitaria del potere più agevole. Tuttavia ancora non basta a rendere conto delle sindromi patologiche della democrazia al tempo del neo liberismo. Occorre qualcosa d’altro, di più radicato nell’ antropologia contemporanea, un disorientamento di fondo che il potere ottiene grazie alle tecniche comportamentali e che alla fine separa la realtà dalla razionalità, grazie all’estensione elefantiaca del cuscinetto emotivo che si pone tra i due estremi. Un mutamento che ha trovato il suo profeta europeo dentro le istituzioni in Jacques Attali, il mastro geppetto di Macron.  Ed è straordinario come costui che predica il controllo totale sulla popolazione fino all’eugenetica, quello che ha detto “cosa credeva la plebaglia europea, che l’Euro fosse stato fatto per la sua felicità?”,  possa essere stato oggetto di una fervida attenzione da parte della sinistra italiana oltre che francese, dando di fatto una dimostrazione dell’efficacia dei metodi di dominio contemporaneo.

Ad ogni modo è evidente che quando si riesce a sostituire il sistema simbolico linguistico su cui si regge la realtà con un uno emotivo – percettivo è molto più facile prenderne il controllo, confondere le relazioni di causa ed effetto, ribaltare significati con la introduzione di una neo lingua, alterare la dimensione del tempo e per usare un termine attuale “piratare” gli individui. Non è un caso che oggi la percezione ha finito per soppiantare la realtà e se si riesce a inserire un “bug” fin dai primi anni, attraverso il mondo soverchiante della comunicazione, si potrà ragionevolmente ottenere un controllo a tutto campo. Pensate solo a quanti sono i disoccupati che negano la loro condizione o addirittura considerano “moderno” vivere di lavoretti miseri e precari, soffocando ogni brandello di loro stessi. Così la politica ha perso la sua funzione di ingegneria sociale, per divenire ingengneria percettiva. Naturalmente tutto questo, allo stesso modo di una droga, ha bisogno di una somministrazione continua e sempre più massiccia per poter mantenere le persone in questo stato di animazione politica e sociale sospesa: oltre ai controlli capillari e ossessivi necessari all’eventuale repressione, occorre anche una densa filiera che va da fondazioni, istituti e società che indentifichino i temi strategici ed emergenti, una rete di disinformatori, di leader di opinione (spesso e volentieri apparentemente in posizione critica), di influencer, di inziative di rete atte a individuare le persone e i punti di frizione oltre a funzionare da parafumine emotivo e naturalmente di operazioni sul campo necessarie  a creare il contesto percettivo voluto. I tradizionali canali di informazione, conquistati ormai da molti anni, per non parlare della comunicazione di ogni tipo, sono essenziali, ma non sufficienti per ricreare di continuo il miraggio.

Questo è il guaio: la governance basata su questo tipo di ingegneria psicologica per essere efficace non può mollare mai e per questo non è nemmeno immaginabile portarla avanti senza uno stato di liquidità dove il caos politico e geopolitico si accompagnano a choc successivi: è questo il vero terreno con il quale raggiungere quello stato di infatilismo percettivo e di regressione da paura che è la condizione ottimale del dominio. Ciò che rimane a cui aggrapparsi è solo una vaga e indistinta immagine di modalità tradizionali a cui ci aggrappa in qualche modo restituendo tuttavia un’impressione di arretratezza. Per uno scherzo del destino tutto questo nelle sue forme concrete di discorso pubblico è stato riassunto dall’allora ministro della funzione pubblica Renaud Dutreil proprio sul numeto 645 di Charlie Hebdo, destinato molti anni più tardi ad essere protagonista di diretto de la “politique di choc”. La questione posta da Dutreil era: come raggiungere il cambiamento desiderato?  “Il problema in Francia è che la gente è contenta dei servizi pubblici: gli ospedali funzionano bene, la scuola funziona bene, la polizia funzione bene. allora bisogna dire che siamo a un passo da una grande crisi, creare panico tra le persone. E’ così che si può far desiderare un cambiamento tra ceti che nel complesso non ne sentono il bisogno: per esempio la distruzione dei servizi pubblici che funzionano bene, ma che non sono conquistabili dalla speculazione e dal mercato per sostituirli con servizi privati e direzione spculativa”. Insomma creare uno stato di crisi per far accettare i cambiamenti voluti dalle elites e dal momento che la maligna metamorfosi non può essere spiegata apertamente, alla comunicazione viene affidato il compito di attribuire al cambiamento in sé un valore, a prescindere dagli effetti.

Modalità e tecniche di azione che possono essere riassunte nel loro insieme sotto il capitolo di apprendistato sociale (Social Learning) che comincia dalla famigliola allargata davanti al desco televisivo per proseguire con la scuola e con la sua trasformazione da luogo di sapere rivolto alla crescita delle persone, a educazione al lavoro servile, come appunto prevede in Italia la buona scuola.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: