Si può perfettamente comprendere come moltissime persone, soverchiate dalla paura e prive di strumenti critici, abbiano difficoltà a vedere in ciò che ci sta accadendo da un anno, lo zampino di un potere cinico e ormai pervertito dalla mancanza di una forte e generalizzata opposizione ai propri disegni. Eppure non è certo la prima volta che si gioca con e sulla salute delle persone, non è la prima volta nella storia che si frutta la malattia o che si favoriscono pestilenze o se ne crei artatamente il terrore anzi questa è una costante che è divenuta addirittura ossessiva con l’ascesa dell’ “estremo occidente” rappresentato dagli Usa. Quindi mi pare utile richiamare qui la Storia segreta della sperimentazione umana negli Stati Uniti, pubblicata ormai molti anni fa da Health News Network, e tuttavia mai così attuale anche se manca degli ultimi sviluppi. Mi verrebbe da dire mettetevi comodi a leggere, ma so che andando avanti vi sentirete sempre più scomodi dentro il conformismo politico – sanitario.

1931

Il dottor Cornelius Rhoads, con l’auspicio e i soldi dell’Istituto Rockefeller per le indagini mediche infetta soggetti umani con cellule tumorali e dopo questa impresa ha creato e organizzato strutture di guerra biologica delle forze armate statunitensi in Maryland, Utah e Panama

1932

Il public Health service degli usa inizia nella cittadina di Tuskegee uno studio sulla sifilide. A 200 uomini di colore con diagnosi di sifilide non viene mai detto della loro malattia, viene negato il trattamento medico che già allora era abbastanza efficace e vengono invece utilizzati come cavie umane per monitorare la progressione della malattia ei sintomi.

1935

Solo dopo la morte di milioni di persone di pellagra (una malattia causata dalla malnutrizione) Il servizio di sanità pubblica Usa agisce finalmente per contenere la malattia, ma il direttore dell’agenzia ammette di sapere da almeno 20 anni che la pellagra è causata da carenza di niacina  tuttavia  non ha agito poiché la maggior parte dei decessi si è verificata tra le popolazioni nere colpite dalla povertà.

1940

Quattrocento detenuti  a Chicago vengono infettati dalla malaria per studiare gli effetti di nuovi farmaci sperimentali per combattere la malattia. I medici nazisti a Norimberga citarono proprio questo fatto per difendere le loro azioni

1942
Il “Chemical Warfare Services” inizia esperimenti con l’iprite su circa 4.000 soldati. Gli esperimenti continuarono fino al 1945 e fecero appello agli obiettori di coscienza che scelsero di diventare cavie umane piuttosto che prestare servizio in servizio attivo.

1943
Gli Stati Uniti iniziano la ricerca sulle armi biologiche a Fort Detrick.  La Marina degli Stati Uniti utilizza soggetti umani per testare maschere antigas e indumenti.

1945
Il Dipartimento di Stato, i servizi segreti dell’esercito e la Cia reclutano scienziati nazisti e offrono loro immunità e identità segrete in cambio di lavoro su progetti governativi top-secret negli Stati Uniti.

1945
Il “programma F” viene implementato dalla Commissione per l’energia atomica degli Stati Uniti. si tratta dello studio più completo sugli effetti del fluoruro, un componente importante nella produzione di bombe atomiche. Il fluoro, causa marcati effetti negativi sul sistema nervoso centrale, ma gran parte delle informazioni vennero nascoste in nome della sicurezza nazionale per timore che un procedimento giudiziario potesse mettere a repentaglio la produzione su larga scala di bombe atomiche.

1946
I pazienti negli ospedali per veterani vengono usati come cavie per esperimenti medici. Al fine di dissipare i sospetti, viene dato l’ordine di cambiare la parola “esperimenti” in “indagini” o “osservazioni”.

1947

Il colonnello  Kirkpatrick della Commissione per l’energia atomica degli Stati Uniti pubblica un documento segreto (Documento 07075001, 8 gennaio 1947) in cui afferma che l’agenzia inizierà a somministrare dosi endovenose di sostanze radioattive a soggetti umani.

1947
La Cia inizia lo studio dell’Lsd come potenziale arma . I soggetti umani (civili e militari) vengono utilizzati a loro insaputa.

1950
In un esperimento per determinare la vulnerabilità di una città statunitense agli attacchi biologici, la Marina americana spruzza una nuvola di batteri dalle navi sopra San Francisco. Dispositivi di sorveglianza vengono  dislocati in tutta la città per testare l’entità dell’infezione. Molti residenti si ammalano di sintomi simili alla polmonite.

1951
Il Dipartimento della Difesa inizia i test all’aperto utilizzando batteri e virus patogeni. I test sono durati fino al 1969 e si teme che i residenti delle zone circostanti siano stati esposti.

1953
L’esercito americano rilascia nuvole di zinco e solfuro di cadmio su Winnipeg, St. Louis, Minneapolis, Fort Wayne, la Monocacy River Valley nel Maryland e Leesburg, in Virginia. La loro intenzione è quella di determinare con quanta efficacia si possono  disperdere gli agenti chimici.

1953
Vengono condotti esperimenti congiunti Esercito-Marina-Cia in cui decine di migliaia di persone a New York e San Francisco vengono esposte ai germi  Serratia marcescens e Bacillus glogigii presenti nell’aria

1953
La CIA lancia il progetto MKULTRA. Si tratta di un programma di ricerca di undici anni progettato per produrre e testare farmaci e agenti biologici utilizzabili per il controllo mentale e la modifica del comportamento. Sei dei sotto progetti prevedevano di testare gli agenti su esseri umani inconsapevoli.

1955
La Cia, in un esperimento per testare la  capacità di infettare le popolazioni umane con agenti biologici, rilascia batteri rimossi dall’arsenale militare di guerra biologica sopra Tampa Bay, in Florida.

1955
Army Chemical Corps continua la ricerca sull’Lsd, indagando sul suo potenziale utilizzo come agente chimico inabilitante. Più di 1.000 americani parteciparono ai test, che sono continuati fino al 1958.

1956

L’esercito americano rilascia zanzare infettate dalla febbre gialla a Savannah, Ga e Avon Park, Florida. Dopo ogni test, agenti militari che si atteggiano a funzionari della sanità pubblica esaminano le vittime per verificarne gli effetti.

1958

L’Lsd viene testato su 95 volontari nei laboratori di guerra chimica militare per i suoi effetti sull’intelligenza umana. Nel 1960 Il vice capo di stato maggiore per l’intelligence (ACSI) dell’esercito autorizza i test sul campo dell’Lsd in Europa e nell’Estremo Oriente. Il test della popolazione europea ebbe il nome in codice Progetto THIRD CHANCE; il test della popolazione asiatica prese il nome di progetto DERBY HAT.

1965

La Cia e il Dipartimento della Difesa avviano il Progetto MKSEARCH, un programma per sviluppare la capacità di manipolare il comportamento umano attraverso l’uso di farmaci psicotropi.

1965
I prigionieri della prigione statale di Holmesburg a Filadelfia vengono esposti alla diossina, il componente chimico altamente tossico dell’Agente Orange utilizzato in Vietnam. Gli uomini vengono quindi studiati per lo sviluppo del cancro, indicando che l’agente Orange era stato un sospetto cancerogeno sin dall’inizio. 1966 La Cia lancia il progetto MKOFTEN, un programma per testare gli effetti tossicologici di alcuni farmaci su esseri umani e animali.

1966
L’esercito americano distribuisce la variante Niger del Bacillus subtilis nella metropolitana di New York. Più di un milione di civili vengono esposti quando gli scienziati dell’esercito lasciano cadere vesciche piene di batteri sulle griglie di ventilazione.

1967
La Cia e il Dipartimento della Difesa implementano il progetto MKNAOMI, successore di MKULTRA e progettato per mantenere, immagazzinare e testare armi biologiche e chimiche.

1968
Esperimenti della Ciasulla possibilità di avvelenare l’acqua potabile iniettando sostanze chimiche nella rete idrica di Washington, DC

1969

Il dottor Robert MacMahan del Dipartimento della Difesa chiede al Congresso 10 milioni di dollari per sviluppare, entro 5-10 anni, un biologico sintetico agente contro il quale non esiste immunità naturale.

1970
La ricerca per l’agente biologico sintetico viene avviato sotto la supervisione della CIA, e portato avanti dalla Divisione Operazioni Speciali a Fort Detrick, la struttura di armi biologiche top secret dell’esercito. Si ipotizza che le tecniche di biologia molecolare siano state utilizzate per produrre retrovirus simili all’Hiv

1970

Gli Stati Uniti intensificano il loro sviluppo di “armi etniche” (Military Review, novembre 1970), progettate per mirare ed eliminare selettivamente gruppi etnici specifici che sono suscettibili a causa di differenze genetiche e variazioni del DNA.

1975
La sezione virus del Fort Detrick Biological Warfare Research Center viene ribattezzata Fredrick Cancer Research Facilities e posta sotto la supervisione del National Cancer Institute (NCI). È qui che la Marina degli Stati Uniti lancia un programma speciale contro il cancro virale, che dovrebbe sviluppare virus cancerogeni. È anche qui che i retrovirologi isolano un virus contro il quale non esiste alcuna immunità. Successivamente è chiamato HTLV (Human T-cell Leukemia Virus). L’udienza del Senato del 1977 sulla salute e la ricerca scientifica ha confermato che 239 aree popolate sono state contaminate da agenti biologici tra il 1949 e il 1969. Alcune di queste aree includevano San Francisco, Washington, DC, Key West, Panama, Minneapolis e Saint-Louis.

1978 
Le sperimentazioni sperimentali del vaccino contro l’epatite B, condotte dal CDC, iniziano a New York, Los Angeles e San Francisco. Le richieste per raccogliere le persone da sottoporre a test richiedono specificamente uomini gay promiscui.

1981
I primi casi di Aids  sono confermati negli uomini gay a New York, Los Angeles e San Francisco, scatenando la speculazione che la malattia  possa essere stata introdotta  tramite il vaccino contro l’epatite B

1985

Secondo la rivista Science  HTLV e I VISNA, un virus mortale delle pecore, sono molto simili, indicando una stretta relazione tassonomica ed evolutiva.

1986

Secondo gli atti della National Academy of Sciences (83: 4007-4011), l’HIV e il VISNA sono molto simili e condividono tutti gli elementi strutturali tranne un piccolo segmento che è quasi identico all’HTLV. Ciò porta a supporre che HTLV e VISNA avrebbero potuto essere collegati per produrre un nuovo retrovirus contro il quale non esiste un’immunità naturale.

1986
Un rapporto al Congresso rivela che l’attuale generazione di agenti biologici del governo degli Stati Uniti include virus ingegnerizzati, tossine presenti in natura e agenti geneticamente modificati per alterare il carattere immunologico e prevenire il trattamento con tutti i vaccini esistenti.

1987
Il Dipartimento della Difesa ammette che, nonostante un trattato che vieti la ricerca e lo sviluppo di agenti biologici, continua a gestire strutture di ricerca in 127 laboratori e università in tutto il paese.

1990
Più di 1.500 bambini neri e ispanici di sei mesi a Los Angeles ricevono un vaccino “sperimentale” contro il morbillo che non è mai stato autorizzato negli Stati Uniti. Il Cdc in seguito ammette che ai genitori non è mai stato detto che il vaccino iniettato nei loro figli era sperimentale.

1994
Con una tecnica chiamata “tracciamento genetico”, il Dr. Garth Nicolson dell’MD Anderson Cancer Center di Houston, scopre che molti veterani di “Desert Storm” sono infettati da un ceppo modificato di Mycoplasma incognitus, un microbo comunemente usato nella produzione di prodotti di armi biologiche. Incorporato nella sua struttura molecolare si trovava  il 40% dell’involucro della proteine dell’ HIV, indicando che era stata prodotta dagli esseri umani.

1994
Il senatore John D. Rockefeller pubblica un rapporto che rivela che per almeno 50 anni il Dipartimento della Difesa ha utilizzato centinaia di migliaia di militari in esperimenti umani e per l’ esposizione intenzionale a sostanze pericolose. I materiali includevano iprite  e gas nervino, radiazioni ionizzanti, sostanze psicochimiche, allucinogeni e farmaci usati durante la Guerra del Golfo.

1995
Il governo degli Stati Uniti ammette di aver offerto ai criminali di guerra e agli scienziati giapponesi che avevano eseguito esperimenti medici su esseri umani stipendi e immunità dall’accusa in cambio di dati di ricerca sulla guerra biologica.

1995 
il dottor Garth Nicolson scopre le prove che gli agenti biologici usati nella Guerra del Golfo sono stati fabbricati a Houston, in Texas e Boca Raton, in Florida, e testati su prigionieri presso il Dipartimento di Correzione del Texas.

1996
Il Dipartimento della Difesa ammette che i soldati di Desert Storm sono stati esposti ad agenti chimici.

1997
88 membri del Congresso firmano una lettera per chiedere un’indagine sull’uso di armi biologiche e sulla sindrome della guerra del Golfo.

Coraggio, che sarà mai, adesso tocca a noi