capitalismoL’altro giorno l’amministratore delegato di Blackrock, Larry Fink ci ha voluto deliziare con una delle stupidaggini che spesso escono di bocca agli ometti che salgono sui trampoli del denaro per parere intelligenti ed essere acclamati come emblema di un’epoca “C’è una cosa di cui noi americani e europei dobbiamo essere orgogliosi: è stato il capitalismo a creare i vaccini con metodi rivoluzionari, non la Cina. I vaccini cinesi sono efficaci solo al 50 per cento. La forza del capitalismo non è apprezzata abbastanza”. Come forse potete immaginare sono stronzate dalla prima all’ultima sillaba, prima di tutto perché l’affermazione sui vaccini cinesi è del tutto gratuita, priva di qualsiasi prova e proveniente dall’ennesimo agit prop che ogni tanto spunta fuori dal cappello magico dei servizi americani, poi perché l’efficacia dei vaccini occidentali è chiaramente gonfiata da studi scorretti, come è stato riconosciuto da moltissimi ricercatori e infine perché né il vaccino cinese né quello russo danno la marea di affetti avversi che hanno costretto perfino autorità sanitarie complici di Big Pharma ( vedi qui )  a sospenderne qualcuno, AstraZeneca e J&J, sebbene anche gli altri provochino più o meno le stesse reazioni.

Il fatto è che il signor Fink deve per forza ringraziare il capitalismo che gli ha permesso di diventare ricchissimo solo per l’invenzione di qualche trappolone finanziario  e di rimanere ricchissimo nonostante le gigantesche perdite che ha fatto subire a pensionati, lavoratori, dipendenti, manager e società per le quali ha lavorato: volete che non esterni la sua  riconoscenza verso un sistema che premia con tanta sollecitudine  l’incompetenza, l’arbitrio e la rapina come possiamo vedere ogni giorno e in ogni occasione anche nella nostra modesta penisola? Tuttavia le parole se le porta il vento mentre la realtà rimane e questa ci dice che i vaccini occidentali sono già stati stati battuti: lo Sputnik v è il secondo vaccino più utilizzato al mondo:  è stato adottato in  in 60 paesi che rappresentano in totale più di 3 miliardi di abitanti, 23 in Asia, 15 in Africa, in tutta l’America latina e infine in 8 Paesi europei e persino in 3 che fanno parte della Ue, ovvero Ungheria, Slovacchia e Austria. Inevitabilmente finirà per prendere il sopravvento sui vaccini occidentali a mRna, nonostante il disperato tentativo di nascondere la loro scarsissima efficacia, la loro pericolosità e anche la scorrettezza degli studi con i quali hanno ottenuto un permesso di emergenza. Analogamente il vaccino cinese è stato adottato da 45 Paesi la cui popolazione anche qui sfiora i 3 miliardi, cosa che non deve sorprendere perché in molte aree si usa sia il vaccino russo che quello cinese. E d’altra parte siccome questi vaccini “nemici” non hanno provocato nessun caso di trombosi o di effetti avversi gravi e vengono preferiti dalla gente laddove il capitalismo tracotante e marcio del signor Fink non è in grado di imporre alle popolazioni una scelta obbligata.