Leva Salvini, lascia Minniti

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Hanno levato Salvini e lasciato Minniti.  E non potevamo certo aspettarci di meglio dal governo che tiene insieme gli ex gregari del Ministro che incarna il Male e il partito del Ministro che ha sdoganato la paura del diverso, dello straniero ma anche dell’indigeno che rovina il decoro con la sua molesta presenza.

Non potevamo aspettarci di meglio nemmeno dal Parlamento che dovrebbe produrre riforme che sviluppino il senso della democrazia e della “cittadinanza”, che aveva approvato a larghissima maggioranza nel parlamento le due leggi volute dall’ex ministro dell’interno e leader della Lega Matteo Salvini tra il 2018 e 2019,  recanti misure sull’immigrazione , rendendole addirittura più severe come nella parte relativa alle multe da comminare alle navi delle Ong. E meno che mai da un esecutivo che ha fotocopiato il bieco memorandum sottoscritto dal governo Gentiloni con la Libia.

Licenziando le modifiche ai due decreti pronte da luglio, ma  messe all’ordine del giorno solo dopo le elezioni regionali e il referendum,  la montagna ha partorito il topolino, salutato come un riscatto morale dal giogo razzista e xenofobo.

Per carità meglio di niente, se siete del partito del menopeggio che si accontenta di un camouflage che nasconda le pecche. Per carità meglio di niente, anche se i decreti sicurezza non sono stati cancellati, ma semplicemente addomesticati lasciando intatto l’edificio di regole eretto sul differente trattamento da riservare ai profughi meritevoli del riconoscimento dello status di richiedente asilo e i fuggiaschi per motivi economici, che si vede che fame sete, miseria non costituiscono una valida ragione per lasciare la propria terra, i propri cari, affrontare viaggi perigliosi per recarsi dove nessuno li vuole.

Per carità, è proprio il caso di dirlo, nei confronti di chi era stato escluso dalla regolarizzazione- beffa di quest’estate e pure nei confronti della Bellanova autrice dell’indegna “sanatoria”, è positivo che  si estendano le “opportunità” per convertire una delle forme di protezione rimaste in vigore in permesso “speciale” per motivi di lavoro  “ove ne ricorrano i requisiti”,  quelli concessi per calamità, per residenza elettiva, per acquisto della cittadinanza o dello stato di apolide, per attività sportiva, per lavoro di tipo artistico, per motivi religiosi, per assistenza minori.

 È prevista una sorta di protezione umanitaria, della durata di due anni, per gli stranieri che presentano seri motivazioni di carattere umanitario o “risultanti da obblighi costituzionali o internazionali dello stato italiano”.

È rimasto invece inalterato l’impianto del decreto Salvini sul soccorso in mare, pur dichiarandone l’obbligatorietà: il ministro dell’interno, in accordo con il ministro della difesa e dei trasporti, informando il presidente del consiglio, può vietare l’ingresso e il transito in acque italiane a navi non militari. E malgrado il principio della criminalizzazione sia stato reso di fatto  inapplicato il procedimento rimane amministrativo, con ammende che vanno da 10 mila a 50mila euro, malgrado la richiesta del presidente Mattarella di diminuirne l’importo,  e penale.

 Lo Sprar  cambia denominazione e diventa Sistema di accoglienza e integrazione, la cui gestione viene di fatto restituita  ai comuni, distinguendo i servizi di primo livello per i richiedenti protezione internazionale: accoglienza materiale, assistenza sanitaria, assistenza sociale e psicologica, corsi di lingua italiana, consulenza legale dai servizi di secondo livello che hanno come obiettivo l’integrazione e includono l’orientamento al lavoro e la formazione professionale.

Insomma non c’è tanto da esultare: sul ravvedimento del Governo che sana l’obbrobrio a norma di legge (in realtà la firma in calce ai decreti era di Conte, 1, è ovvio prima della conversione virtuosa in Conte 2) si stende il velo nero dell’Europa che condizionerà le eventuali elemosine a investimenti punitivi dei diritti degli indigeni e figuriamoci degli ospiti, e che ha bell’e pronta la sua strategia di rifiuto, espulsione, rimpatri forzati generalizzati e sponsorizzati  secondo le regole della “solidarietà obbligatoria” tra i partner dalla quale sono esentate le cancellerie carolinge che godono di minor affaccio sul mare delle Pensioni Rosetta italiana o greca.

Non può che andare così, a riconferma, ve ne fosse bisogno, che anche l’immigrazione deve essere governata con le azioni organizzative e ideologiche del neoliberismo, temperando con i meccanismi di mercato i danni prodotti dal mercato, quello che esporta armi e importa schiavi, che depreda risorse per alimentare i consumi di popolazioni per poco ancora risparmiate dal colonialismo, che pure sta agendo con successo nei Terzi Mondi interni. E adesso che ha perso forza la minaccia dell’invasione, adesso che non occorre una concorrenza esterna disposta a tutto sotto ricatto perché i nostri lavoratori ormai subiscono pressioni talmente potenti dal racket da accettare intimidazioni e riduzione del salario, delle garanzie, dei diritti.

Che poi il problema è sempre lo stesso, circoscrivere i rischi di chi ha, criminalizzare gli ultimi per proteggere i primi e rassicurare i penultimi. E infatti indovinate un po’ come definisce la svolta civile e umanitaria del governo il vice ministro all’Interno del Pd, il primo passo per l’apertura del “cantiere dei diritti”, perfettamente coerente con la decantata ricostruzione post Covid, uno in più rispetto ai 130 individuati nelle slide dei Villa Pamphili che non comprendono scuole, ospedali, università, opere di salvaguardia del territorio.

Eh si, levato Salvini, lasciato Minniti. Verniciata di umanitarismo in offerta la barbarie, resta la gestione della “sicurezza” in capo ai poteri forti, rafforzati con l’arruolamento desiderabile e pienamente adottato dei militari in strada sempre più reclamati per mantenere mascherine, distanziamento sociale, insieme alle polizie locali, da anni incaricate di reprimere e condannare all’invisibilità moleste presenze estranee, colpevoli di promuovere il meticciato tramite kebab e falsi Vuitton,  e con attribuzioni speciali date alle forze dell’ordine in materia di contrasto alla criminalità di chi non si adegua agli standard di rispetto del decoro, e dell’ordine pubblico, siano operai che protestano, donne che respingono l’offensiva dei movimenti per la vita fuori dagli ospedali, gente di tutte le età che manifesta contro gli oltraggi al suo territorio, cittadini che contestano decisioni e misure del governo nazionale e periferico.

Tutto vien buono per zittire, immobilizzare, limitare la circolazione di pensieri “scorretti”, disomogenei, non allineati, ormai genericamente tradotti in assembramenti irresponsabili.

Cosa non si farebbe per rinvigorire le misure di una ingiustizia ingiusta contro i barboni che colpevolmente si stanno moltiplicando, i nuovi matti che dai margini gridano la loro disperazione, i senzatetto che occupano i falansteri tirati su dagli speculatori?

Per non far cadere in disuso il Daspo che dal calcio aveva sconfinato nella società tutta,  dall’assassinio, tramite pestaggio di Willy, si trae una “lezione” per inserire nella riconversione civica dei decreti del barbaro, una norma ad hoc che ne estende l’applicazione all’esercizio della “violenza”, dando il potere ai questori di disporre, anche in presenza di una condanna non definitiva, il divieto di accesso a pubblici esercizi o locali di pubblico trattenimento nei confronti delle persone denunciate, negli ultimi tre anni, per reati commessi in occasione di  disordini, qualora dalla condotta possa derivare un pericolo per la sicurezza.

Si chiama “norma Willy” il minimo sindacale che si sarebbe dovuto pretendere da sempre in occasione di aggressioni, botte, delitti contro le persone con particolare accanimento per i più deboli e indifesi, da parte svariate tipologie di fascisti, in orbace o in divisa, comunque protetti, assolti, legittimati. Ma che, succede quando la cronaca nera diventa strumento di propaganda, diventa l’occasione per assimilare alla violenza cieca e ferina, brutale e bestiale, la collera che potrebbe far scaturire ribellione, opposizione, insomma lotta .. di classe.

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

One response to “Leva Salvini, lascia Minniti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: