Annunci

Macron, il venditore di oppio

83136_emmanuel-macron-aureoleAnche le droghe hanno le loro tendenze, le loro mode, vengono sostituite da altre e poi ritornano in circolazione per fare sinergia: alcol, erba, eroina, lsd, cocaina, ecstasy, amfetamine e poi farmaci antidepressivi hanno dapprima segnato diverse epoche della fuga per poi coesistere dentro l’alchimia contemporanea, onnivora di oblii. Ma queste non sono certo le droghe più potenti anche se creano fenomeni economico – criminali capaci di inquinare intere società. Ci sono altre droghe che non finiscono nelle brevi di cronaca o nelle mega inchieste o ancora nella fabbricazione di falsi soloni a pagamento, non sono propriamente chimiche, ma mentali anche queste caratterizzate da periodi diversi dall’anticonformismo come forma accettabile del conformismo, al consumismo ossessivo come surrogato dell’ego che diventa anodino, alla partecipazione indifferente che è tipica delle rete. Tutti questi stupefacenti sociali sono volti al controllo in modo molto più integrato rispetto alle droghe chimiche che ne sono soltanto un riflesso.

Tuttavia il tentativo di far regredire la società umana è così arduo e complicato da richiedere che vengano rimesse in campo anche droghe sociali più tradizionali in un primo tempo marginalizzate dall’egemonia culturale in quanto potenzialmente pericolose con la loro pretesa di essere fondative di etiche dettate da Dio,  come ad esempio le religioni o in generale gli atteggiamenti fideistici e di culto che stanno sostituendo la ragione anche in territori così “bassi” da denunciare la caduta di cultura che ha prodotto un quarto di secolo vissuto secondo un solo progetto possibile . In Francia per esempio dove lo scontro sociale è fortissimo e la laicità è stato un valore fondante dello stato dalla rivoluzione in poi, il presidente banchiere Macron, praticamente un nulla desiderante se si va oltre lo scheletro di slogan neoliberisti che lo sorregge,  fin da subito ha cominciato ad introdurre dosi di sedativi religiosi per deviare e contenere la rabbia sociale che cresce, trasformarla in rassegnazione: dopo due mesi dal suo insediamento ha riunito all’Eliseo i rappresentanti delle sei confessioni principali, dai cattolici ai mussulmani, dagli ortodossi ai buddisti davanti ai quali ha deplorato ” la radicalizzazione del laicismo”. Ma nell’aprile di quest’anno dopo una serie di civettamenti con l’Islam culminato con il taglio totale dei fondi per l’integrazione, ma l’affidamento al mondo mussulmano della gestione delle periferie, è andato alla Conferenza dei Vescovi di Francia per alludere alla possibilità di riparare il “legame danneggiato” dalla legge del 1905 che sanciva la separazione dello Stato dalla Chiesa. Insomma la sconfessione delle radici storiche della Repubblica che così immeritatamente presiede. E mentre ha eluso totalmente le richieste delle gerarchie di fare qualcosa per arginare la crescente area di povertà, ha sostenuto che ” il Paese ha bisogno della Chiesa”, chiarendo in maniera esemplare il piano di ipocrisie sul quale appoggia i piedi,

Infatti due mesi dopo è saltata fuori una legge che elimina la necessità per qualsiasi organizzazione religiosa di dichiararsi “gruppo di pressione” un escamotage voluto a suo tempo per impedire interferenze nascoste e sottobanco con il potere civile. Ma per giunta autorizza tutte le organizzazioni religiose ad agire come attori privati ​​nel mercato immobiliare in modo che nessun potere pubblico possa comprare terreni ed edifici venduti da una chiesa o da una moschea o da qualsiasi altro centro religioso: le chiese assumono così una nuova veste di stato nello stato, allo stesso modo delle grandi aziende e delle multinazionali. E’ fin troppo chiaro che questa strategia è volta a isolare il laicismo e a costituirlo come nuovo avversario nella speranza di far tornare in circolo un po’ di oppio dei popoli, anche a costo di dividere la Francia tra mondo mussulmano che governa le banlieues e mondo cattolico alla riconquista di città e campagne, che dopotutto per Macron è sempre meglio di una Francia non più governata dai banchieri.

Fino agli anni ’80 si pensava che le nuove generazioni si sarebbero allontanate dal mondo religioso, compreso quello mussulmano, ma in seguito con l’affermazione progressiva del pensiero unico, le fedi e e le religioni organizzate sono state viste come  riparo da un mondo fondato sul solo egoismo desiderante ed è questa la ragione per cui i radicalismi sono paradossalmente cresciuti più in Europa che nelle terre di origine. Ora quello stesso pensiero unico messo di fronte alle sue contraddizioni cerca di sfruttare proprio la droga di cui pensava di poter fare a meno. Insomma si ricostituisce il secondo stato perché il primo possa essere più al riparo.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

3 responses to “Macron, il venditore di oppio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: