Annunci

Facce e faccette

mark-zuckerberg-matteo-renzi-620x430Proprio non si può stare tranquilli e ogni giorno porta nuovi motivi di malumore e di rabbia. Questa volta sono le accuse rivolte a Facebook di aver venduto i dati sui propri utenti a società che li hanno utilizzati per condizionare le elezioni americane e addirittura la Brexit. E’ chiaro che essendo tramontato il Russiagate con il quale si volevano prendere due piccioni con una fava, le elites di potere devono cercare un colpevole che in qualche modo giustifichi il fatto che il voto sia andato in direzione contraria alla volontà delle oligarchie più forti. Una così pericolosa, ma anche cosi inimmaginabile nel loro universo vendicativo, che richiede qualche sacrificio umano o quanto meno di borsa.

Così si è preso ciò che Facebook e gli altri social fanno quotidianamente, ossia vendere i dati per la “pressione commerciale” sugli utenti, creare, condizionare e orientare in proprio o per conto di altri poteri le correnti di opinioni o monetizzare le espressioni individuali e lo si è trasformato in un atto di accusa solo perché l’operazione è andata contro le oligarchie costituite che invece pensavano ai social come una forma di controllo sociale gestite tutte a loro vantaggio. Insomma Zuckerberg non sarebbe colpevole per la vendita dei dati, quanto di essersi fatto fregare riguardo al loro uso e di averli dati in mano a persone che andavano contro gli ambienti che avevano a suo tempo favorito la nascita dei social visti come potenziali recinti sociali, piuttosto che come veicolo di contatto e di scambio.  Ma di una cosa si può essere assolutamente certi: i sussurri e le grida di questi giorni non cambieranno proprio nulla proprio perché non esiste più una forma di pensiero in grado di fare un salto dal piano del mercato e delle individualità atomizzate.

Già da tempo infatti alcuni dei personaggi che hanno messo a punto i social network sono diventati critici nei loro confronti: Chamath Palihapitiya, un tempo vicepresidente di Facebook “per l’aumento dell’utenza” ha espresso l’opinione che i media sociali stanno “facendo a pezzi il tessuto sociale del modo in cui la società funziona”; Sean Parker, primo presidente di Fb, ha avvertito che i media sociali “sfruttano una vulnerabilità della psicologia umana”, rendendo dipendenti i bambini e interferendo con la produttività; persino Justin Rosenstein, l’inventore del sistema di Gchat, precursore di Goole+ e soprattutto del  “mi piace” adeso deplora l’effetto delle sue trovate. Anzi un  gruppo di veterani dell’industria tecnologica hanno fondato il Cht, Center for Humane Tecnology, per rimediare ai disastri provocati. Purtroppo però questo complesso di sforzi e di buone volontà si arresta lungo la battigia del pensiero unico, limitandosi a proporre solo strumenti che in qualche modo diano maggiore consapevolezza d’uso agli individui, rendano i social più a misura d’uomo o addirittura favoriscano la presenza di aziende specializzate in aree come la meditazione  o che cerchino di offrire ” pace e prosperità per tutti”. Sembra insomma impossibile che si riesca ad uscire da questo cartone animato della Disney che alla fine ripete i mantra usurati del capitalismo, che affida ai singoli la responsabilità del coinvolgimento tecnologico, senza riflettere per un solo istante sul fatto che il problema è strutturale, e che le major dei social network sono agenti di un vasto sistema del capitalismo di controllo nel quale è ovvio, se non alla base stessa del business che  i dati degli utenti siano raccolti e venduti agli inserzionisti, alimentando un potere contro cui non c’è difesa individuale che tenga.

Insomma questi pentiti della tecnologia non sono molto diversi dai profeti della disconnessione, ovvero quel pungo di miliardari e multimilionari tipo Deepak Chopra e Arianna Huffington che consigliano di disconnettersi almeno per un ‘ora o due al giorno dal computer e telefonini, insomma dalla rete per rilassarsi, diventare più creativi e aumentare la produttività. Già la povertà e la rozzezza di un  linguaggio incapace di distaccarsi dai topoi più sfruttati e insensati della contemporaneità, la dice luinga sulla consistenza di queste posizioni che in realtà sono forse più reazionarie di quelle dei non pentiti, perché insistono solo su cambiamenti individuali e mai strutturali o istituzionali. Facebook o Google non sono soltanto il risultato di tecnologie via via accumulatesi, ma costituiscono un tutt’uno con un sistema economico e politico nel suo senso più ampio, al centro del quale esiste solo il profitto: sono le ruote di un ingranaggio nel quale la vendita dei dati è cosa buona e giusta.

Quindi queste scaramucce su Facebook sono tanto più irritanti quanto più vanno fuori dal vero bersaglio e si limitano a considerare vasi speciali: ma la politica non è ormai vendita di slogan e di facce, non sono un prodotto elaborato come se fosse un palinsesto televisivo? Se tutto è profitto, tutto può essere eticamente venduto.

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

5 responses to “Facce e faccette

  • dani2005dani

    Purtroppo molti si sono gettati nei social in modo infantile e incompetente, mettendo foto personali, di amici (magari inconsapevoli), nomi e cognomi, luoghi di lavoro, quando andavano in ferie (agevolando i ladri). Intendo MOLTI milioni di persone.

    Dare in pasto al “tutto” anarchico (che poi non è anarchico per niente, trattandosi di un Grande Fratello) pezzi privati della propria vita è sempre stato sbagliato, anche venti anni fa. Bastava non mettere nel nick il proprio nome e cognome (a meno che non sia un uso istituzionale ovviamente) e bastava non parlare mai dei fatti personali oppure foto personali. I cani e i gatti sono animali meravigliosi, sono i miei GRANDI AMICI, e fortunatamente sono anche più fotogenici di me. Inoltre ne si trova tanti quanti ne si vuole on line, se non si ha alcun amico peloso (peccato).

    Per molti questo modo “anarchico” ha generato in loro il “leone da tastiera” divenendo aggressivi e vili, calunniatori e anche oggetti di accuse di calunnie. Si perchè, il fatto non di non dire il proprio nome e cognone, di non mettere foto proprie, di non parlare dei fatti propri privati NON significa scrivere e diffondere schifezze e accuse infamanti. Significa SEMPRE comportarsi bene, motivare, spiegare, cercare un contradditorio. No, molti mi ricordano il signor Rossi automobilista alla Bruno Bozzetto…

    Eppure, anche non mostrando nulla, è ovvio che queste grandi piattaforme social non facevano questo grazioso lavoro di aggiungere una rete alla rete, gratis e pro amore dei, no, loro scavavano nelle nostre vite per creare un big data utilissimo per la pubblicità e anche per la politica. E questi data VALGONO MOLTO.

    Di tutte le piattaforme, Faccialibro (non nascondo la mia antipatia per questo enorme social dove, da sempre, era impossibile cancellarsi davvero e quindi da sempre qualcuno avrebbe potuto porsi dei dubbi) è quella più invadente e da qualche giorno, anche la più bugiarda.

    In realtà anche se uno si mette un nick anonimo, chi sta dietro queste piattaforme lo trova uguale, con il suo vero nome e cognome, e arrivano anche al suo numero di telefono e abitazione, lavoro, amici, tendenze sessuali e tendenze politiche. Eccetera fino ai preziosissimi dati sanitari.

    Una cosa che mi capita spesso su Google: compaiono continue e inutili pubblicità, tu clicchi in alto a destra e chiedi di smetterla, loro ti dicono ok ma dicci il perchè, tu dici il perchè (ero subissata dal culo di Belen, probabilmente, a causa dei miei interessi poco “femminili” ma piuttosto tecnici, si saran fatti convinti che fossi un maschietto sbavoso, quindi il perchè era “annuncio inappropriato”), hai quattro scelte (contenuto nascosto, annuncio inappropriato, l’annuncio non mi interessa e annuncio visto più volte), scegli quella che ti aggrada, loro rispondono che proveranno a non mandarti questo annuncio e il tutto si chiude con “annuncio chiuso da google”. FALSO. Ho passato mesi a dire che trovavo inappropriata Belen, ma non c’era verso, quindi ho scritto che l’avevo già visto o che non mi interessava (sul contenuto nascosto magari qualcuno mi sa chiarire cosa sia). Dopo molti mesi e tempo spesi a dire a Google che non ero interessata, ADESSO il culo di Belen è scomparso per dar spazio a altre cianfrusaglie.

    D’altro canto era palese che se cercavi qualcosa su Google, l’algoritmo pensava che quello fosse un tuo interesse profondo e ti rompeva le scatole con le sue proposte fallacie e spessissimo, inappropriate. Magari uno cercava una cosa per pura curiosità (programmi tv della sera per esempio) e da lì a Belen, il passo era breve. E ti rimaneva incollato per mesi, anche se come lavoro sei ingegnere e ti occupi di altro. Comparendoti in tutte le pagine che apri con Google…

    Mi piace

  • Anonimo

    A chi si sarà inspirato , Salvini, nelle su visioni politic(anti…)he, di assistenzialismo per ricchi , tipo flat tax ?

    http://www.corriere.it/politica/16_aprile_26/trump-incorona-salvini-1427cf18-0b7b-11e6-a8d3-4c904844517f.shtml

    Mi piace

  • Angelo Kinder

    …e soprattutto nessuno ha battuto le ciliose appendici degli occhioni blu oltremare degli ottimati della upper class quando miliardi di metadati venivano venduti per classificare gli utenti di questi social onde profilare magari un giardiniere in cerca di un paio di valenti cesoie o qualche signora annoiata che si vedeva comparire sulla propria pagina fb la pubblicità dell’ultimo grido di dildo a elettrostimolazione…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: