Annunci

Archivi tag: Facebook

Minibot e Libra, una storia esemplare

moete parallele

Primi acquisti con la “Peche” una valuta alternativa in uso a Parigi

Torno sull’argomento dei minibot,  già trattato in due post precedenti, perché senza che se ne abbia la sensazione, siamo arrivati di fronte a uno snodo fondamentale della politica e della vita del Paese, qualcosa che di per sé  ha poco a che vedere con le piccole appartenenze politicanti e che certo non si può affrontare alla luce delle medesime vista la sua portata. Quando la Bce e il coro di rane che piovono da Bruxelles accusa questo strumento di prefigurarsi come una moneta alternativa non ha tutti i torti, potenzialmente potrebbe diventarlo, anche se ha torto marcio quando dice che questo non è previsto dai trattati: se così fosse dovrebbe allora proibire le altre monete alternative e sono almeno un centinaio che esistono nell’area euro.

E’ da qui che bisogna partire per capire qualcosa della questione: in tutto il mondo ci sono stati e ci sono strumenti di credito monetari diversi dalle divise ufficiali: si tratta a seconda dei casi di  monete parallele o complementari o locali  a seconda degli scopi che si prefiggono. Possiamo citare il Wir (in  tedesco significa “noi” ) usato in Svizzera e nelle parti della Germania confinanti fin da gli anni ’30 e che ha addirittura una propria banca, le Ithaca Hours e i Time Dollars, creati a cavallo degli anni ’90 negli Stati Uniti che hanno dato spunto molti altri strumenti di scambio e credito mutuale sviluppati dovunque, come le Banche del tempo e i Local Exchange Trade Systems, oppure per restare in Italia alcuni titoli di credito territoriali e/o di scopo come il Sardex, lo Scec o il Tibex. Si tratta di strumenti molto più usati di quanto non si pensi tra i quali possiamo annoverare anche le monete particolari usate in molti distretti commerciali della Germania, una ventina circa tra cui il Chiemgauer, nato nel 2012 contro cui Draghi e gli oligarchi di Bruxelles non hanno evidentemente nulla dire o la” Peche” moneta usata a Parigi o le altre trenta divise locali nate in Francia negli ultimi 5 anni, tra cui il Bonus ideato da due docenti italiani della Bocconi per Nantes o il Tem greco o il Bristol Pound inglese divisa locale con la quale vengono pagati  persino gli stipendi pubblici e quello del sindaco o ancora la cinquantina di monete alternative della Spagna. Persino in Cina esiste una moneta virtuale. Decine di migliaia di imprese lavorano con questi titoli per un valore di interscambio che complessivamente raggiunge  qualche  decina di miliardi senza che gli eurocrati si preoccupino e facciano eccezione di legalità, come accade per i ventilati minibot italiani.

Per tentare di capire cosa spinga l’oligarchia europea a mettersi contro strumenti  invocati da numerosi economisti proprio per scopi fiscali,  bisogna fare un salto laterale e considerare che oggi accanto ai titoli alternativi locali ( e ogni nazione in Europa è in fondo un territorio locale) o di scopo, si sono sviluppate monete internazionali non legate ad una banca centrale o a uno stato o conglomerato di stati: si tratta delle cosiddette criptomonete con le quali si può ormai pagare qualunque cosa e che non sembrano preoccupare più di tanto i banchieri centrali nonostante siano effettivamente monete alternative a tutto tondo. Ora poi si è sull’orlo di un salto di qualità perché anche Facebook ha annunciato di voler emettere una propria moneta virtuale, la Libra, che tuttavia avrà caratteri decisamente diversi rispetto ai bitcoin e compagnia il cui valore è in qualche modo garantito solo da un tetto invalicabile di emissione e non da beni reali:  la Libra non avrà quantità di emissione prestabilite, ma sarà ancorata a un paniere di attività che ne garantiranno la stabilità e che includeranno “depositi bancari e titoli di Stato in valuta da banche centrali stabili e rispettabili”. Il tutto verrà gestito da un consorzio che non comprende solo Facebook il quale anzi vorrebbe essere solo lo spazio virtuale principale in cui opererà la nuova moneta, ma una serie di ben conosciuti soggetti economici come MasterCard, Visa, PayPal, Uber, eBay,  Spotify, Vodafone e altri 16 soggetti.

A nessuno può sfuggire la novità quasi rivoluzionaria di questa nuova divisa, novità che consiste nell’essere fondata su garanzie tradizionali, ma di essere emessa da una società privata transnazionale. Anche la Libra ovviamente non dovrebbe essere ammessa nell’area euro in quanto moneta alternativa a tutti gli effetti, in quanto potenzialmente creatrice di debito privato, altrettanto importante di quello pubblico, nonché come possibile strumento di evasione fiscale, ma a quanto pare Bruxelles non ha nulla dire al proposito mentre fa fuoco e fiamme contro i minibot. La ragione è facile da comprendere: alle oligarchie europee non interessa affatto arginare le monete alternative che nascono nel privato perché il suo intento precipuo è quello di espropriare  gli Stati dalla sovranità monetaria e di bilancio, ossia degli strumenti fondamentali della loro esistenza e della funzione politica essenziale in democrazia, mentre le sta benissimo se queste funzioni vengono assunte da società multinazionali. Dunque il minibot disturba essenzialmente perché è legato allo Stato e al pubblico e dunque confligge con lo spirito della Ue.

A mio giudizio la logica quasi necessaria del neo liberismo, almeno quella assunta nel nostro continente, è proprio questa: prima si colpisce la democrazia, svuotandone gli essenziali ancoraggi agli stati, alla cittadinanza e alle libertà di bilancio trasferendo la sovranità ad organismi multinazionali non elettivi e tecnocratici, poi man mano si sostituisce il pubblico con il privato per surrogazione in ogni settore, moneta compresa. Certo la Libra nel suo paniere a garanzia presenterà anche valute come dollaro ed euro (una ragione in più per considerarla una moneta alternativa) e dunque i tecnocrati avranno maggiore severità per ciò che concerne il debito pubblico visto che esso riguarda direttamente grandi multinazionali. I massacri sociali richiesti dall’Europa, non saranno volti solo per sostenere l’euro o a creare uno squilibrio che favorisce le mire egemoniche tedesche o ancora ad umiliare le conquiste del lavoro e favorire il profitto, ma anche per far garantire di più Facebook, Visa e compagnia cantante. Tutto grasso che cola secondo gli anti sovranisti che sono o lupi travestiti da agnelli o agnelli che non riconoscono i lupi.

 

 

 

Annunci

Attenti a Facebook, Soros vi guarda

bc5b2a72-3dc9-11e8-bc8c-1e438c369b8c_2018-04-11T195332Z_1767227139_RC14AEA48900_RTRMADP_3_FACEBOOK-PRIVACY-ZUCKERBERG-ktP-U1110373366880okD-1024x576@LaStampa.itChissà perché le notizie vere, quelle che incidono e ridisegnano i contorni del reale, rimangono sempre ai margini del discorso, quasi che non si volesse prendere atto di ciò che significano. Come è noto o come dovrebbe esserlo  Facebook è entrato pesantemente nella campagna elettorale italiana chiudendo  23 pagine  tutte con riferimento alla Lega  e ai Cinque stelle con circa due e milioni e mezzo di seguaci, in mezzo al plauso dei giornaloni e al malcelato compiacimento di molta parte della sinistra residuale che ha fatto i salti mortali nel tentativo di conciliare la difesa della libertà con la propria irrefrenabile Schadenfreude. Questa è già una notizia, ma non è affatto il cuore della notizia perché questa operazione di scrematura elettorale è stata condotta su scala europea da Avaaz – come Fb stesso ammette con orgoglio – vale a dire un’organizzazione legata alla Open Society di Soros che è stata la punta di diamante della disinformazione nel corso della guerra in Siria e ne diffonde a piene mani anche per quanto riguarda le vicende europee ( vedi le manipolazioni sui gilet gialli). soprattutto nei dintorni elettorali: “Siamo impegnati nel proteggere l’integrità delle elezioni nell’Ue e in tutto il mondo.” ne conclude Zuckerberg.

Bene è questa la notizia? Non del tutto perché alla resa di Facebook verso  queste operazioni di censura su scala massiccia e volte a manipolare le elezioni, ci si è arrivati dopo che Soros ha accusato il social network di avere alimentato una campagna antisemita contro di lui e dopo aver condotto una manovra ribassista in borsa. Improbabile che Zuckerberg e la sua braccia destra Shery Sandberg, entrambi ebrei, siano antisemiti, ma diciamo che questa era una scusa praticabile nel contesto occidentale per indurre il re dei social ad operazioni che danneggiano gravemente la sua creatura sia sotto il profilo della credibilità che sotto quello della raccolta pubblicitaria. Tuttavia la situazione di crisi in cui è entrato l’ordine nuovo globalista spinge chi tiene le redini e a ripensare il funzionamento di meccanismi che erano stati pensati proprio per essere una sorta di quinta e anonima colonna del pensiero unico e un’arma da usare al momento giusto per condizionare le opinioni pubbliche, non fosse altro che per la capacità di agire da parafulmine delle inquietudini e mettere in poltrona e mouse le opposizioni. La notizia è che Zuckenberg come del resto i capi e i protagonisti di altre major della rete sociale, sia da tempo un semplice prestanome di un’oligarchia finanziaria. E non si fa certo fatica a scorgerlo: questo social, efficace, ma in sé simile a molti altri, partito da Harvard e diffusosi in sordina tra le università della  Ivy League che sono il cuore del potere ereditario americano, è andato incontro a un’espansione  difficilmente comprensibile senza logiche laterali e a quotazioni di borsa inspiegabili rispetto ai ricavi effettivi. Il declino del social, ma in primis della sua facciata, è in qualche modo cominciato l’anno scorso con lo scandalo Cambridge Analytica nel quale si dimostrò come questa società avesse raccolto dati degli utenti di Fb per usarli per la campagna elettorale a favore prima della Brexit e poi di Trump.

A questo proposito però vanno vanno notate due cose essenziali per capire la vicenda: le attività di Cambridge Analityca erano ben note, anzi pubblicizzate e la società è stata ufficialmente ingaggiata in oltre 50 tornate elettorali di vario tipo in Usa, comprese le primarie di Ted Cruz, senza che questo abbia mai suscitato il minimo scandalo benché fosse noto che le profilazioni avvenissero in base ai social network e alla rete in generale, come del resto è ormai la normalità senza che questo implichi necessariamente operazioni illegali. L’ex dipendente della CA che ha rivelato questo meccanismo lo aveva fatto  in forma anonima fin dal 2015 quando contattò il Guardian, ma solo tre anni più tardi, dopo la Brexit e l’elezione di Trump, le sue rivelazioni sono esplose, arrivando anche a implicare Fb, il che significa che la manipolazione va bene solo se è condotta a favore del potere globalista. Insomma i burattinai si sono accorti che la rete può essere pericolosa e che occorre prenderne un controllo diretto: dal momento che non possono ricorrere apertamente alla censura perché la tirannia “chiavi in mano” ha pur sempre bisogno di conservare certe forme, sono stati inventati il  fact cecking e le fake news, come strumento inquisitorio, facendo credere di difendere le persone dalla disinformazione, quando invece le stanno isolando dalla realtà e investendo con la loro narrazione. I prestanome devono adeguarsi altrimenti sono guai in borsa e si potrebbe  scoprire che i supereroi del neoliberismo hanno meno poteri di quelli di una coscienza pulita.

 


Infernet europeo

main_eu-data-copyright-us-CONTENT-2018Anna Lombroso per il Simplicissimus

Dimmi come voti e ti dirò chi sei, basterebbe adattare il vecchio adagio alle prestazioni degli europarlamentari italiani per capire a chi fa comodo la direttiva sul Copyright (adottata con 348 voti a favore, tra cui quelli di Pd e Forza Italia, 274 contrari incluso il Movimento 5 Stelle, e 39 astensioni)  e che, secondo il Sole 24Ore,  “include salvaguardie alla libertà di espressione, e consentirà a creatori ed editori di notizie di negoziare con i giganti del web”, tranquillizzando così i propalatori di micetti, di citazioni amare del povero Gramsci, di motti grondanti gin di Bukowski, di versi marzolini della Merini, che potranno continuare nel loro impegno personale a garanzia che  Internet “rimanga uno spazio aperto di libertà di espressione”.

Tutto bene: non sarebbero  più previste quelle imposizioni (le cosiddette tasse sui link) che avrebbero colpito i siti più piccoli; gli snippet brevi saranno esenti dalla tutela dei diritti d’autore, meme e GIF saranno ancora disponibili e condivisibili sulle piattaforme online, “garantendo, recita il comunicato ufficiale, la libertà di circolazione e diffusione di citazioni, critiche, recensioni, caricature, parodie da opere protette”.

Tutto bene insomma:  la riforma penalizzerà gli avidi giganti monopolisti della rete, Facebook, Google, Twitter, costretti a negoziare un equo pagamento con i produttori dei contenuti  e a  provvedere a istituire sistemi di controllo automatici per evitare che sulle loro piattaforme sia caricato materiale protetto dal diritto d’autore. Tutto bene se, sia pure in tempi lunghi e con procedure complesse, si incrementa l’opportunità dei titolari dei diritti, in particolare musicisti, artisti, creativi ed editori, di contrattare accordi migliori sulla remunerazione derivata dall’utilizzo delle loro opere diffuse sulle piattaforme web.

Tutto bene soprattutto per   i veri suggeritori della riforma, media e grandi società editrici, a leggere il compiacimento del presidente degli editori di giornali europei dell’Enpa, Carlo Perrone che parla di “grande vittoria per la stampa in Italia”, di  “un voto storico per l’anima e la cultura dell’Europa” (sic), di una data epocale “per il futuro degli editori di stampa e per il giornalismo professionista”.

E ci mancherebbe, poco ci vuole a leggere tra le righe del provvedimento per capire che le piattaforme dei boss globali si equipaggeranno con un algoritmo per individuare  i siti dotati di licenza (Repubblica, l’Espresso, Corriere, etc. ad esempio) e pubblicarne i contenuti con tanto di link, foto, vignette, audio e video, lo stesso procedimento abilitato  invece per bloccare tutti quelli che la licenza non la possiedono, i blog volontari come questo che state frequentando, o le piccole testate giornalistiche, perchè un algoritmo così sofisticato e così cretino da ricercare ogni  immagine, ogni jingle, ogni citazione, impone un procedimento troppo complesso e costoso perfino per  Facebook e Google, “autorizzati” così per motivi di convenienza e efficienza a  censurare tutta la “grande” comunicazione non “irreggimentata”.

Siamo alle solite. Con un’Europa che legifera per confermare che l’unico diritto all’informazione sia prerogativa inalienabile di quelli che propinano al pubblico le veline ufficiale, le convinzioni e le persuasioni mainstream, i dati manipolati sui risultati elettorali, i video bellici trattati dal settore effetti speciali di Hollywood. E con quello stesso “pubblico” che si accontenta della licenza concessa a abbeverarsi su supporto informatico delle stesse brodaglie velenose che un tempo leggeva durante la preghiera laica del mattino, a imparare la ricetta della pastiera tramite tutorial su Youtube, a contare le smagliature delle influencer, a diramare gli aggiornamenti sulle proprie vicende di malmaritate o di maschi a caccia di prede virtuali.

La  belva selvaggia che, anche se era nata come un  grande suk che catalizzava e metteva in circolazione materiali, prodotti e idee in cerca di sviluppare profitto,  aveva offerto la possibilità formidabile di frugare, prendere, mettere la mani e ricreare informazioni, sapere e conoscenze, in una comunità che potenzialmente e potentemente era svincolata dalle imposizioni “padronali” e commerciali  e che in qualche caso vi si opponeva, è ormai addomesticata. Da anni la proprietà privata ha lavorato e lavora per  domarla, per ricondurre tutto quel flusso di possibile “bene” sociale e comune, spesso creativo, talvolta antagonista, dentro le sue gabbie, per controllarne la potenzialità alternativa, cercando di limitare l’accesso o di fare prigionieri gli utenti, condannandoli a navigare a vista, controllati dal radar globale pena il castigo supremo dell’offline.

Anche così ci riescono, mettendo sullo scaffale del supermercato globale licenze a pagamento per ridurre la belva a un gattino, concedendo il diritto di cazzeggiare su WhatsApp, di pubblicare le immaginette della cresima su Instagram, le foto di quando avevamo 18 anni su Pinterest, così critica, collera, elaborazione, pensiero non indottrinato vengono conferiti nella discarica delle emozioni, delle scorie del vissuto personale, dei brontolii delle pance vuote. Talento, aspettative, bisogni e vocazioni trovano su Internet le loro risposte moderne e libertarie per chi deve essere convinto che l’indipendenza e l’autonomia consistano nell’avere un padrone fantasmatico, irriconoscibile e invisibile, grazie ai lavoretti offerti dalla nuova rivoluzione postindustriale, consegnando i pasti a domicilio, guidando le vetture di Huber,  smistando i  prodotti dei grandi magazzini globali e portandoceli a casa grazie alla felice sintesi tra opportunità offerte dal Pc e occupazione freelance, dove la libertà consiste nel portarsi a casa i pochi, maledetti e subito, senza garanzie, senza sicurezze, senza prospettive, senza protezioni, chiusi e isolati nella bolla della precarietà, della solitudine consumata davanti allo schermo o su uno scooter.

Intanto la sorveglianza “sulla” e “della” rete serve a modellare il nostro futuro. E non più controllando e monitorando le nostre inclinazioni e  predilezioni di consumatori, ma prevedendo e forgiando quelle future per modificare comportamenti, scelte personali e pubbliche, gusti e desideri, come era inevitabile accadesse da quando il domani è stato privatizzato, dominato dal mercato che interviene su aspettative, sogni, ambizioni e sentimenti, archiviandoli nella banca dati che serve a ridurre ogni spazio statale, pubblico, comune in un luogo angusto, chiuso all’autodeterminazione e al libero arbitrio, dove siamo autorizzati a giocare alla Play Station della vita.

 

 


Qualunquemente delatori

spione1Anna Lombroso per il Simplicissimus

C’è da aver paura quando il gergo prende il posto della lingua, soprattutto quando un idioma diventa gergo, come è successo con l’americano promosso a linguaggio che accomuna  per dirla con il dizionario Treccani  “sette religiose o politiche, mercanti, persone dello stesso mestiere, e anche vagabondi, malviventi, carcerati, ecc. allo scopo di evitare la comprensione da parte di persone estranee al gruppo,  o che,  per ragioni tecniche o scientifiche o per affettazione, comprende parole e locuzioni esclusive a questi ambienti o categorie”  in modo che chi lo usa sia gratificato dall’appartenenza a una cerchia e vi si riconosca.

Nemmeno il custode della nostra civiltà superiore e della nostra tradizione può nulla contro quell’invasione che evidentemente gli è invece gradita. Non c’è ancora una divisa acconcia, ma è sicuro che anche lui si sente un influencer, parola abusatissima di questi tempi, tanto che recentemente uno dei più prestigiosi e carismatici comunicatori universali ne ha riconosciuto i tratti e la funzione di suggestione nella Madonna, in qualità di testimonial e reclamizzatrice appena un po’ meno accreditata e seguita, si direbbe, della Ferragni.

Tutti aspirano a convincere anche con una certa esuberanza, a fare accoliti, a fare proselitismo e quindi ad arruolare forzatamente nelle   fazioni e negli eserciti in campo. Tutti i frequentatori dei social, delle chat di incontri, combinano quel residuo di fede che attribuisce facoltà salvifica alla confessione, sostituita dagli ebrei con le sedute dalla psicoanalista, raccontando più che se stessi quello che si vorrebbe essere, protetti da nickname e foto arcaiche e ritoccate, con una festosa indole a farsi gli affari degli altri, indagando, confrontando i dati per investigare meglio, e infine sottoponendo i malcapitati interlocutori all’anatema e alla condanna.

Eh si, l’anonimato aiuta, come sa chi, è il caso di questo blog bloccato da Facebook dove si sono smaterializzati post e commenti e pure le condivisioni dei lettori del social, è stato sottoposto a restrizioni e censure per aver commesso la colpa di esprimere contenuti e pensieri considerati offensivi per qualche bizzoso appartenente alla community. Non potendo fare di meglio qualche aspirante influencer magari intrinseco di emigrati in Venezuela che vedono di buon occhio i condizionamenti dell’influencer globale, qualche soldatino in forza alla compagine governativa di oggi o del passato, qualche lobbista de noantri che vuole che gli arrivino più presto e su ferro le rosettes de Lyon, schifando il nostro più saporito strolghino, hanno scelto la strada della denuncia dei nostri articoli anche del passato in una sorta di damnatio memoriae, fatto abbastanza inconsueto visto che la rete è l’unico posto dove è ammesso e anzi promosso il ricordo imperituro (lo ha raccontato ieri il Simplicissimus qui:  https://ilsimplicissimus2.com/2019/02/01/facebook-un-neonato-grande-come-king-kong/ ).

Avremmo dovuto capirlo subito, invece di attribuire la misura censoria all’indole commerciale di Facebook intenzionato a farci entrare nel mercato delle opinioni tramite inserzioni a pagamento e spazi pubblicitari: la denuncia, la delazione anonima sono da sempre capisaldi su cui si regge qualsiasi regime, anche oggi che non ci sono più le portinaie di una volta e gli spioni di caseggiato. E che a aziende e amministrazioni tocca l’ingrato compito di monitorare gattini e “je suis…” per trovare opportune motivazioni per ingiusti licenziamenti, sospensioni punitive, rappresaglie e congedi non abbastanza facilitati e legittimati da riforme e leggi, come d’altra parte ha voluto sancire con recente sentenza proprio la Cassazione che ha dato ragione al datore di lavoro di una impiegata part time colpevole di abuso di social definendolo un “comportamento in contrasto con l’etica comune”, mentre pare non esserlo assumere con contratti anomali, che non prevedono garanzie e diritti.

È che la tecnologia ha anche assunto le funzioni di “giuseppone ‘o spione”, nelle aziende occhi artificiali controllano e informano in tempo reale, sono stati introdotti dispositivi che replicano le prestazioni dei braccialetti elettronici, ci sono telecamere a ore che controllano i tempi di permanenza nei bagni e registrano le conversazioni davanti alle macchinette del caffè in modo da saggiare il sentiment dei dipendenti. Tutte attrezzature queste illegittime ma rese legali da una serie di provvedimenti adottati nel quadro di trasformazione del lavoro in servitù e delle conquiste in erogazioni arbitrarie e discrezionali.

Ma anche se la tecnica aiuta, c’è sempre e comunque il delatore, promosso come mai prima a soggetto di pubblico servizio grazie alle nuove frontiere del contrasto alla corruzione e ai reati nella pubblica amministrazione attraverso  la creazione della qualifica di whistleblower,  il “segnalatore” cioè, quel dipendente pubblico che  protetto dall’anonimato si premura di denunciare condotte illecite di interesse generale e non di interesse individuale, di cui sia venuto a conoscenza in ragione del rapporto di lavoro, come il caporeparto, il sorvegliante, la caposala, il caporale, quei ruoli cioè nei quali gente ricattata e intimidita si rifà sui sottoposti, li ricatta, intimidisce e minaccia a sua volta per rivendicare e esercitare una malintesa superiorità o per prendersi una miserabile vendetta o per sentirsi arbitro e padrone delle vite degli altri. Ma come anche come il ladro o il malavitoso che confessa e mette in mezzo i complici, con il sollievo di liberarsi la coscienza o con quello più voluttuoso di tirarsi appresso altri straccioni, altri bulli, altri malfattori. Piccoli, però, perché invece i grandi criminali sono più spietati ma anche più solidali, si danno manforte, si sostengono e pagano correità, favoreggiatori, fiancheggiatori, conniventi e delatori a prezzo di svendita.  E in fondo non c’è Stato che non abbia aggiunto alle azioni di contrasto di mafia, terrorismo e criminalità il ricorso a informatori, più o meno pentiti, quasi tutti comunque e in varie forme, mercenari. E dietro ogni strega bruciata, ogni indemoniato infilato nel pentolone della sacra Inquisizione c’è di sicuro una pia beghina e un fervente credente che ha voluto dimostrare così la sua professioni di fede.

Figuriamoci poi se, come sempre dietro ai dogmi,  si sente il frusciare  delle banconote, e perfino se in margine al proprio selfie si moltiplicano gli i like.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: