Annunci

L’Islam dei cattivi

arabia_saudita_-_gran_mufti-e1440522558550La xenofobia, per pure ragioni elettorali è improvvisamente tornata di moda. Dopo che una lunga teoria di governi e governicchi succedutisi lungo l’argo di un terzo di secolo si è rivelata incapace, anzi non interessata a gestire i flussi migratori, ora persino quelli dell’accoglienza a tutti i costi cominciano a bofonchiare e meditare sul cosiddetto fondamentalismo islamico, sugli usi e costumi dell’Islam incompatibili con la nostra altrettanto cosiddetta civiltà, facendo sfoggio di una xenofobia culturale naif, ovvero del tutto ignorante, che al rispetto dell’altro tante volte citato oppone la pretesa che le nostre modalità e persino le nostre mode siano sistemi di riferimento assoluti. Anzi nemmeno quelle autoctone, per quanto riguarda gran parte dell’Europa. ma  quelle provenienti dall’altra parte dell’atlantico. Il tuto sempre accompagnato da leggende e da dati falsi che si scontrano poi contro quelli reali, anche se per testoline più deboli questo non fa differenza, tabto cge soino disposte a credere persino che l’occupazione sia aumentata.

Tutto questo mi fa venire le cronache di quel missionario gesuita in Messico che dopo la conquista descriveva con orrore gli usi di una tribù della selva che mangiava ritualmente il proprio animale totemico, ossia mangiava il proprio dio, dimenticando che la religione cattolica è quella teofagica per eccellenza e che tuttora, nonostante le evidenze scientifiche, rifiuta di considerare la comunione come atto simbolico, preferendo considerarla  una sorta di cannibalismo rituale. Siamo in sostanza a un imbarbarimento del discorso che invece di evolversi e concretizzarsi in linee di azione razionali, torna sulle tonalità logore e trotesche del berlusconismo e del leghismo di mazza e tangente.

Ad ogni modo la nuova temperie anti islam che ritorna alla guerriglia di civiltà dopo aver calpestato lo ius soli per offrirlo in sacrificio della dea Stupidità e a praticare un imperterrito onanismo riguardo alla intrinseca cattiveria dell’Islam professata da orridi cialtroni da bar e persino dalla sinistra sushi ben consapevole di essere aggrappata alle briciole del ricco epulone piddino, non è priva di ragioni strumentali, anche se affetta una straordinaria ignoranza storica e teologica: l’occidente sconfitto malamente nella sua guerra di conquista della Siria, colpito dalle pallottole di ritorno del terrorismo mercenario che aveva allestito per il suo progetto di caos, consapevole al fondo del suo curore di tenebra delle stragi che ha provocato e provoca in tutta l’area che va da Aleppo allo Yemen per ragioni di rapina e controllo delle risorse, ha ormai paura della ragione. Non può rifiutare ufficialmente i rifugiati che provengono dalle sue guerre, nè può fermare del tutto i disperati che scappano dai suoi massacri africani, ne ha la più pallida idea di come affrontare un problema che è effettivamente di mancata civiltà; arriva persino a lamentarsi della propria religione, professata nel 90 per cento dei casi solo anagraficamente e ipocritamente, perché è ormai restia alle guerre sante. Periò deve cominciare a suonare le corde più arcaiche, deve ricorrere ai reclutamenti forzati per la guerrra dei poveri: l’islam deve diventare intrinsecamente maligno proprio per poter sollevare la propria coscienza dall’evidenza che il famoso integralismo estremista non solo è stato scatenato dall’occidente agli inizi degli anni ’80 ma di fatto è un prodotto inevitabile delle guerre insensate, delle stragi e del neocolonialismo che di preferenza si è rivolto verso quei regimi a ispirazione laica .

Ma questo legame di causa ed effetto sin troppo evidente e tutto intriso di interessi che più materiali non si potrebbe immaginare, non può essere apertamente ammesso senza scalfire le deboli coscienze dei desideranti occidentali e allora si deve per forza tornare alla tesi dell’Islam maligno che si comporterebbe in ogni caso in maniera cieca e crudele, che non ha ragioni, ma solo e soltanto torti. Questa improbabile tesi così grossolana da essere vergognosa se questo sentimento facese ancora parte del nostro stile di vita, è anche quella tendenzialmente diffusa in Italia e in Europa dal pensiero unico perché è la più adatta a nascondere i massacri economici interni, la produzione di disuguaglianza e per giunta non occupa quello spazio di cattiva coscienza che invece deve rimanere disponibile perché le vittime del sistema siano occupate a colpevolizzare se stesse per la loro povertà. Inoltre ha anche un buon successo non solo perché è rozza e facile, irresponsabile e infima, ma soprattutto perché l’occidentale nel suo nichilismo da consumo è spaventato da gente che, nel bene, nel male e magari nella follia, sembra credere a qualcosa. E’ proprio questo in definitiva che davvero impaurisce; chi diavolo è mai questa gente che non si rassegna ad essere comprata con le perline e gli specchietti? Ci deve essere qualcosa di sbagliato in quella cultura che non si fa del tutto inghiottire dalle bolle, dalle statistiche fasulle, dalle teorie economiche risibili, dalle pistole spianate, dal globalismo vuoto che è omologazione, dei ricchi qualcosa che non si compra con un cellulare o un’ora di plaestra.

Il patetico appello a un senso di superiorità e di laicismo derivante dall’illuminismo e dalle teorie sociali costituisce in questo caso un aggravante più che un titolo di merito visto che i lumi vengono così malamente dissipati in polemiche insignificanti di fronte a problemi enormi e a cui questa batracomiomachia non apporta alcun contributo se non quello di esprimere sgomento e pregiudizio. L’esercizio del dubbio e della ragione, lo scetticismo verso le religioni non può essere definito solo dalla mancanza di dogmi metafisici, deve invece essere riepito di speranze e di fede nell’uomo, nell’evoluzione della storia e dell’umanità. Non può restringersi solo alle cosiddette libertà economiche e al negotium trasformate in una teologia del mercato.

 

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

3 responses to “L’Islam dei cattivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: