Annunci

Smemorati e mazziati

smemoratiAnna Lombroso per il Simplicissimus

Se la storia non insegna niente a chi si è fatto apostolo del nuovo, ma nemmeno a chi sembra viaggiare nel suo e nel nostro mondo con la testa girata all’indietro, allora forse sarebbe utile dedicare almeno una giornata al presente, alla consapevolezza del suo svolgersi rapido tanto da sembrare impercettibile, mentre si avvolge intorno all’eterno perno, quello dello sfruttamento, della sopraffazione, dell’avidità insaziabile e della rinuncia imposta e accolta come implacabilmente inevitabile.

Avremmo coscienza che è stata vinta un’altra battaglia nella guerra delle disuguaglianza e dell’esproprio di diritti, volontà, autonomia,  grazie alla resa incondizionata di chi dovrebbe invece difendere conquiste, garanzie, dignità e aspirazione alla felicità.  Non deve stupire, siamo nell’era della recessione economica e della sottrazione sociale: ci hanno persuasi di aver voluto troppo, di aver vissuto al di sopra delle nostre possibilità,  ci hanno persuasi che la necessità esige ragionevoli rinunce e il ripudio di irrazionali utopie, che l’indispensabile realismo raccomanda la difesa ad oltranza del nostro poco contro tutto e tutti, a cominciare da quelli che pensano di avere umana legittimità a pretendere altrettanto, o anche meno di così, con la convinzione che qualsiasi concessione agli altri comporti una riduzione per noi, perfino dei beni comuni, perfino dei sentimenti d’amore, perfino della speranza.

Altro che giorno della memoria perché quello che è accaduto non possa ripetersi, altro che liturgia propiziatoria perché l’uomo resti tale, perché stolta e ferina barbarie non prenda il sopravvento, se  il secolo breve non solo non si è estinto, ma prosegue  ripresentandoci – irrisolti –  tutti i nodi che, drammaticamente, con la potenza e la violenza, con le sue mobilitazioni totali e i suoi artifici mortali, aveva tentato di tagliare, se un potere, quello dello sviluppo dissennato e illimitato,  ci trattiene tra le sue spire col gioco delle sue ambivalenze radicali, dei paradossi che l’hanno attraversato spingendolo ad essere l’epoca degli opposti, sempre estremi, sempre assoluti – aspirazione alla democrazia e voglia di dittatura, ricchezza e miseria, progresso tecnologico e barbarie, potenza e impotenza – mai capaci di una soluzione stabile, d’un equilibrio definitivo. Se finiamo per essere correi del rifiuto delle dottrine della fratellanza e della solidarietà, per la costruzione di una nuova umanità grazie alla selezione e all’esclusione di coloro che non sono degni o abilitati a farne parti, quelle che qualcuno ha definito vite di scarto, sottoposti a criteri mutuati dal processo produttivo, si tratti di poveri, precari, inoccupati, immigrati, malati, vecchi, matti, brutti, obesi, sub-persone cui vengono negate uguaglianza e dignità, tali da suscitare disprezzo, nausea e ripulsa perché puzzano, perché recano i segni dell’infelicità e della disperazione come un possibile contagio, perché hanno inclinazioni e attitudini diverse, perché mangiano altri cibi e onorano altri dei, perché rievocano fantasmi che teniamo sepolti e rimuoviamo con vergogna.

E dire che “il diritto di ogni individuo ad appartenere all’umanità, dovrebbe essere garantito dall’umanità stessa”, che dovrebbe tutelare se stessa, la sua sopravvivenza, la sua ragion d’essere nel pieno riconoscimento dei principi e degli imperativi morali di uguaglianza, dignità, libertà e solidarietà.

Invece ecco un dispiegarsi di nuove e antiche differenze, gerarchie, graduatorie di valori, meriti e diritti. Ecco un malessere da  parte di insospettabili per le pretese esagerate degli omosessuali e per la insana solidarietà ostentata di chi non lo è eppure scende in piazza per difenderne le istanze, quando ci sono attentati e oltraggi ben peggiori e infami,  quando la disoccupazione aumenta e diminuiscono le garanzie, quando è stato cancellato lo stato sociale, erosa la fiducia nelle istituzioni, quando la sicurezza è minacciata da nemici esterni e interni, impoverita dall’illegalità, quando la corruzione e l’evasione divorano con i nostri soldi, la speranza di un relativo benessere.

Eh si, hanno vinto se siamo proprio noi a avvalorare che ci siano diritti e doveri di prima e seconda categoria, se la graduatoria di priorità e necessità legittime è stabilita sulla base del censo, della potenza economica e del potere che ne deriva, se l’integrazione che peroriamo dovrebbe manifestarsi con il rinnegare tradizioni e costumi che ci paiono arcaici e incompatibili con la nostra civiltà per poi coprire i nudi d’autore per compiacere l’illustre visitatore e le sue fisime, se assimiliamo agli insensati capricci contro natura il desiderio che un vincolo d’amore possieda e acceda i riconoscimenti di legge. E come se le coppie omosessuali e  i loro figli, fatti o accolti e amati con uguale affetto dei nostri se non maggiore, non fossero quanto e più di noi esposti agli stessi attentati e oltraggi, alla stessa cancellazione di certezze e prerogative, ancora più ardue e minacciate per chi vive una marginalità rispetto alle leggi, alle regole, ai sistemi di protezione e riconoscimento giuridico. Come se ancora di più chi ha, chi può non godesse comunque di  privilegi, del benessere che mette in condizione di comprarsi status, sicurezza, legittimità, maternità e paternità, in Italia e fuori, sia omosessuale o eterosessuale, che più ancora delle inclinazioni e del gruppo sanguigno contano il reddito e l’Iban.

E come se anche in questo caso dovessimo fare la conta, di chi è per lavoro e chi è contro, chi è per i diritti, tutti e non negoziabili, e chi li vuole sottoposti a una graduatoria di merito, chi è per la crescita, con quello che comporta in rimozione di regole, leggi e democrazia, e chi è contro. Come vorrebbe un premier che rinnova sempre di più quel passato che domani dovremmo ricordare perchè non si ripeta, che si premura di indire un referendum perché ci esprimiamo per lui o contro di lui, che deride chi ha dubbi, che condanna chi dissente, che mostra i muscoli qui esibendo rispetto per i padroni. Lo stesso che pensa di convincerci con la narrazione del nostro Grande Paese, del nostro Grande  Genio Italico, delle nostre Grandi Opere, delle nostre Grandi Esposizioni, un posto dove si negano invece felicità, amicizia, accoglienza, solidarietà, speranza tramite riforma, per via giuridica, per decreto.

 

 

Annunci

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

3 responses to “Smemorati e mazziati

  • Angelo Kinder

    Nonostante personaggetti di quart’ordine tipo scalfarotti vari appena aprono la loro bocca collegata con un tubo alla loro scatola cranica e non trovano materiale cerebrale per emettere un pensiero di senso compiuto siano deleteri alla causa per me più che giusta dell’adottabilità di un figlio per le coppie omosessuali, ascoltare un tipo che con le viscere emette una sentenza a dir poco mostruosa ed aberrante (“i figli non sono un diritto”), quando millenni di letteratura scientifico-filosofica e persino teologica hanno dimostrato in tutte le salse che il concetto “secondo Natura” sostenuto dall’Ecclesia non esiste in nessuna forma, mi rende sopportabili emeriti idioti come scalfarotti di ogni risma.
    Non solo si arrogano il diritto di decidere quali sono i diritti, ma hanno la tracotanza insopportabile di imporre persino cosa sono i diritti.
    Farneticano perché perdono di vista il cuore, la lettera, ma anche esegesi ed ermeneutica del messaggio evangelico. Prima di sputare una emerita idiozia quel tal zuccotto rosso perché non si chiedeva se c’è nel Vangelo, o se mai a Gesù sarebbe mai venuto in mente di pronunciare l’aberrazione: “i figli non sono un diritto”? Suona come una sentenza del Maligno.

    Liked by 1 persona

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: