Annunci

Archivi tag: diritti

Ottimismo padronale

progressoAnna Lombroso per il Simplicissimus

Un terrorista fascista spara a raffica su un capannello di inoffensivi immigrati ricevendo il plauso di molti “esasperati” e il sostegno anche economico di formazioni che si candidano a entrare in Parlamento. Ma poi   un restyling delle coscienze intermittenti  è garantito grazie a monologo  in eurovisione declamato con perizia da attore prestato alla tolleranza dalla pubblicità di rigatoni e ragù.

E d’altra parte ci hanno tolto il libero diritto e dovere di esprimerci nell’urna, grazie al ripetersi di sistemi truccati e condizionati da una stampa corrotta e assoggettata, però ci si può sempre consolare  col televoto per canzonette e talenti in ascesa.

Tagliano i fondi per l’assistenza a malati, anziani e disabili, umiliano insegnanti  e ricercatori, ma in compenso siamo nella lista dei più entusiasti contribuenti alla spesa militare aumentata dal 2008 a oggi  del 25,8%,  e, incuranti di un pronunciamento referendario,  ospitiamo e sosteniamo 59 basi militari americane in Italia.

È vero  partecipiamo a missioni  di guerra che fanno strage di civili, appoggiamo l’ampio export di democrazia in paesi affamati e spaventati dai quali scappano quelli contro cui un “vendicatore” spara con molte attenuanti, ma è pur necessario che qualcuno possibilmente lontano dalla nostra superiore civiltà si sacrifichi  per una delle industrie ancora fiorenti dell’Occidente in crisi.

Di questi “pro e contro” parlava qualche giorno fa un articolo offertoci dalla Repubblica dal titolo eloquente: “Il 2017 è stato l’anno migliore”, a firma di un editorialista del New York Times (il quotidiano che dà del nonno della patria a Berlusconi) decorato con ben due  premi Pulitzer (rinascimento a ben vedere sorprendente quanto certi Nobel per la pace) e che ci fa sapere che la nostra, pur con qualche riserva, è l’età migliore della storia umana. Tanto che conclude ponendo al lettore la domanda: vorreste forse vivere in un altro tempo? Sottintendendo, evidentemente, “senza cellulare, tv e antibiotici e la possibilità di leggere in ogni parte del mondo sul web simili potenti baggianate.

La tesi ardita del Pangloss in salsa ketchp  è che è ben vero che il mondo va in malora, minacciato da catastrofi e dalla folle megalomania bellica (bontà sua) dei potenti della terra, però. Però, dice, la percentuale della popolazione mondiale che soffre la fame,  o non sa leggere e scrivere, non è mai stata così bassa. E pure i dati sulla mortalità infantile, o degli essere colpiti da antiche e mostruore patologie, lebbra, vaiolo mostrano un decremento. E, cito, ogni giorno, il numero di persone di tutto il mondo che vivono in povertà estrema (quelli che guadagnano meno di due dollari al giorno) scende di 217.000 unità, ogni giorno 325.000 persone in più hanno accesso all’energia elettrica e 300.000 persone in più hanno accesso a un’acqua potabile pulita. Aggiungendo che tra  quindici anni l’analfabetismo e la povertà estrema saranno quasi del tutto scomparsi.

Troppo impegnati nelle loro scaramucce i partiti in lizza hanno perso l’occasione di usare l’articolo come manifesto di propaganda del progressismo secondo Renzi e Barlusconi, quindi assolutamente uguale, come soffietto o “pubbliredazionale” in forza al loro modernismo ottimista, mutuato più da Jovanotti che da Voltaire. E che ogni giorno nel ricordarci i successi dello “svilupposmo”, quanto la benefica manina della provvidenza nell’elargire ai ricchi faccia cadere un po’ di polverina del benessere anche su chi non la meriterebbe per aver troppo voluto, rimuove controindicazioni e effetti collaterali, come sempre è successo d’altra parte nelle crociate di conquista e nelle predazioni, quando è poco elegante contare vittime e rovine a fronte dei profitti per i signori della guerra e dei prodigi delle ricostruzioni.

Non hanno capito che il loro modernismo ha fallito, quando non solo i disfattiti o gli stanchi e arcaici cascami di velleità rivoluzionarie hanno decretato la fine dell’ideale del “progresso” e delle sue illusioni troppo iniquo, impari e disuguale per accontentare tanti,  quando troppe sono le vittime della globalizzazione: lavoro, identità, garanzie, diritti, dignità, autonomia, sovranità di popolo. E quando nel rimpiangere le lucciole e un mondo popolare cancellato dal consumismo, guardando i ragazzi di vita e i borgatari traviati da miti e modelli imitativi dei ceti immersi nel benessere e nell’accesso libero a  merci, ambizioni e soddisfazioni personali, non abbiamo capito che quel sogno sarebbe arrivato a altri mondim a altri popoli a altri giovani, a altre donne, che rivendicano il diritto a ottenere risposta a bisogni, aspettative, aspirazioni.

Viene da quel milieu, da quel blocco sociale col culo al caldo a nostre spese, da quella “società delle garanzie consolidata grazie alle nostre rinunce, da questo nucleo forte di beneficiari del progresso, mantenuto grazie al nostro regresso, l’invito quotidiano a guardare alla melassa nel bicchiere orami mezzo pieno sì ma di purga, di beni, desideri, speranze. Come se ognuno dei risultati che ci concedono non lo pagassimo con la cessione di qualcosa di prezioso: sicurezza in cambio di libertà, paga in cambio di garanzie, casa in cambio di infiniti debiti sotto un regime di ricatti, cure in cambio della rinuncia a quanto abbiamo negli anni investito in servizi e assistenza, le opportunità miracolose assicurazioni private in cambio delle pensioni,  grandi opere, monumenti alla speculazione e alla corruzione in cambio di città e ambiente  sani e degni di viverci. E la prospettiva di una caverna buia e fredda in cambio dell’utopia che sognavamo e cui abbiamo diritto.

 

 

Annunci

Vocabolario della Neolingua: gli eufemismi del lavoro

lavoro-1279x500Negli anni ’80 il linguaggio ha subito la prima effusione magmatica dell’eufemismo burocratico che riscattava le condizioni reali non con i fatti che anzi diventavano più esili e incerti, ma con le parole: era la prima massiccia importazione di politicamente corretto, ancora gestito in italiano, ma con i medesimi scopi d’oltre atlantico per cui per esempio il cieco diventava rigorosamente non vedente, lo spazzino operatore ecologico e il povero incapiente. Non era tutto piombo ciò che non riluceva perché le persone svantaggiate sono passate dai termini offensivi come minorato a quelli via via più tenui come handicappato e poi disabile per divenire poi un po’ ipcritamente diversamente abili.

Tuttavia era ben poco, solo un’opera preparatoria: l’avanzata del neoliberismo, soprattutto dopo la caduta del muro di Berlino, che sgombrava il campo da qualsiasi contesa ideologica e proclamava la fine della storia, richiedeva un nuovo linguaggio che da una parte cancellasse i termini delle vecchie relazioni sociali e dunque anche il portato di lotte e contrapposizioni in cui si era creato, mentre dall’altra nascondesse le relazioni reali, la dialettica padrone – lavoratore e le sue conseguenze in relazione all’impoverimento generale cominciato proprio a partire da quegli anni. Così una nuova folata di inarrestabili lemmi inglesi, la scomparsa di alcune parole e la deformazione di altre ha supportato questa trasformazione.

Mi voglio concentare su alcune parole chiave e mostrarne l’effetto:

budget
• collaboratore
• consulente
• dipendente
• imprenditore
• job
• lavoratore
• manager
• operaio
• padrone
• squadra
• team

 

Innnazitutto assistiamo alla scomparsa della parola padrone, come se fosse vergognosa e irreale proprio mentre essa riacquistava il suo pieno e incontrastato significato. Al suo posto compare la parola imprenditore che durante il periodo berlusconiano ha conosciuto la propria consacrazione sia a causa della sua minore criticità visto che definisce solo un’attività e non le sue necessarie relazioni padronali, sia perché implicava nella mentalità comune un’idea di successo sociale a cui ci si voleva disperatamente aggrappare.  Sganciato dai riferimenti che esso aveva nella letteratura economica, il lemma rendeva possibile il riscatto connotativo e nominalistico di una enorme serie di attività non abbastanza elevate o “legittimate” nella scala sociale ancorché spesso fonte di redditi non trascurabili: albergatori, ristoratori, commercianti, baristi, fruttivendoli, tabaccai, meccanici, gelatai, tassisti e chi più ne ha più ne metta sono diventati tutti imprenditori. Più di recente questa parola è sempre più spesso utilizzata come panacea con cui si autodefiniscono i disoccupati di belle speranze.
L’obiettivo finale era di sottrarre ai livelli simbolici del linguaggio la differenza fra chi sta ai remi e chi sul ponte. Perciò la parola dirigente che implica in sé una scala di comando, è stata sostituita da quella di manager, totalmente equivalente, ma priva di riferimenti diretti e intrinseci a un ordine gerarchico. Analogamente a “imprenditore”, anche manager comincia ad essere usato in maniera eufemistca così che un aiutante cuoco può definirsi un manager della ristorazione e un’affittacamenre manager dell’accoglienza.

Parallalente a questo illusionismo stanno cominciando a svanire anche i termini di lavoratore, operaio e dipendente. Adesso si parla quasi esclusivamente di collaboratori lemma che mette in secondo piano la mansione ed elimina ogni accenno alla subalternità, anzi siamo arrivati al punto che gli operai nelle fabbriche Honda basate in Usa gli operai vengono chiamati assistenti: la realtà non cambia, anzi peggiora, ma dire sono assistente alla Honda fa molto più fico, specie durante lo sballo che è il compenso per la sempre più evidente schiavizzazione. L’insieme poi di questi collaboratori forma la squadra o il team, altre parole che nascondono i rapporti di subordinazione e fanno immaginare una sorta di parità sociale e lavorativa. Ed è su questo cambiamento di lingua, oltre che sulla precarietà che fiorisce un altro termine indefinito della contemporaneità, ossia consulente, privo di qualsiasi determinazione specifica e molto spesso solo un modo aggraziato per definire la disoccupazione o lo sfruttamento da parte di chi non vuole assumere.

Del resto lo stesso lavoro si è degradato in job che non ha nessuna delle caratteristiche che noi attribuiamo al lavoro, ma che significa più genericamente attitvità, magari anche temporanea o effimera, escludendo tutto il retroterra di conotazioni che si sono storicamente create e in primo luogo quelle che si riferiscono ai diritti, alla continuità al futuro e anche alla competenza. Termino con la parola budget che è stato sottratto alla terminologia contabile, per diventare elegante sinomino di non ce la faccio. Non è nel mio budget riscatta il fatto che non ti puoi permettere qualcosa nell’immenso parco giochi dell’era contemporanea, non dice guadagno poco, sono povero o è troppo costoso per me, ma prende una parola di uso aziendale per corprire la propria condizione e circondarla di un muro difensivo psicologico.


Smartscemi

Children using smartphonesAnna Lombroso per il Simplicissimus

Qualche giorno fa è arrivata sul mio cellulare un’offerta imperdibile: il regalo perfetto per i più piccoli, lo smartphone per bambini sicuro e innovativo con tanto di tot GB Internet, minuti, Sms e  giochi. Certe notizie sono maledette, collocano anche i meno attempati su una panchina dei giardinetti, a commentare i lavori stradali o i giocatori di bocce: l’è longa, l’è curta e tutti a dire “ai nostri tempi …”, ma “quando ero piccolo io…”.

Perché si sa che le banalità sono perlopiù verità accertate. Ed è sicuro che l’accondiscendenza a capricci infantili in dinastie reali o in famiglie normali si declina e manifesta per molti motivi, sempre gli stessi: sensi di colpa, desiderio di consenso, riscatto per privazioni subite o determinazione a risparmiare i propri figli da quelle, nuove e recenti, che si stanno sopportando, vissute come una vergogna; sottomissione a valori e ideali imperniati sulla competitività, sulla rivalità e sulla emulazione. E che in una società che ha visto via via ridurre la gamma dei diritti, l’unico che viene concesso con liberalità è quello a “consumare”, a spendere, anche quando non ci sono più i mezzi, anzi, meglio ancora, in modo che da produttori e consumatori si diventi debitori, esposti e soggetti a ricatti e intimidazioni.

Così sono cambiate anche le forme e le destinazioni dei “sacrifici”, secondo gerarchie e gamme che vanno dall’Erasmus, alle gite scolastiche, dai master ormai diventati irrinunciabili parcheggi dove far sostare laureati semianalfabeti fino ai 40 anni, agli investimenti familiari finalizzati a avviare imprese fallite all’origine e start up visionarie: case vacanze, B&B, bettole per l’apericena e fantasiose aziende “informatiche”, ma anche carriere artistiche e creative tra regia e ristorazione, per avviare i rampolli a carriere prestigiose di manager della pizza al taglio, coordinatori di accoglienza e -perché no? piloti di droni (dei quali abbiamo sorriso, amaramente, qui: https://ilsimplicissimus2.com/2016/04/26/piloti-di-droni/)

Ed  è mutata anche la socialità trasversalmente alle generazioni e nelle grandi come nelle piccole città, dove giocare a campana o perdersi per i campi in bicicletta, ma pure il Lego o le automobiline, il microscopio del piccolo biologo o le collezioni di francobolli e figurine nei giorni piovosi  sono passatempi arcaici, oggetto di vendite all’incanto su Ebay,  le ricerche e i compiti si svolgono nelle geografie di internet  e si scambiano su Waths App.  Lo smartphone dunque è vitale, necessario, per la prole  ma ancora più per i  genitori determinati a esercitare controllo e sorveglianza, dal più lontano possibile, in una festosa dimissione di responsabilità e oneri fastidiosi, che potrebbero insidiare rapporti che si preferisce siano improntati a amicizia e complicità, tanto che anche la scuola cerca di esserne esonerata con una ministra che magnanimamente comprende a suo dire le ragioni dei ragazzi sdoganando il cellulare in classe (e meglio quello più innovativo così di perpetua ancora un po’ di disuguaglianza di ceto) o insignendo  nonni perlopiù in attesa di pensione, del delicato incarico di accompagnatori.

Ma d’altra parte come recriminare sul  telefonino multifunzioni? La traduzione di smartphone dovrebbe essere telefono intelligente, a conferma che si tratta di una qualità delegata ai prodotti tecnologici e che tutto deve essere smart in questa nostra contemporaneità: a cominciare dal Parco Archeologico di Pompei che si starebbe imponendo   come “primo Smart Archaeological Park in Italia e al mondo,  un modello tecnologico integrato che consente di gestire e controllare la sicurezza delle persone e dei monumenti in condizioni normali e in condizioni di emergenza”, al posto di una razionale attività di manutenzione e sorveglianza, lo Stivale, diventato Very Bello, i grandi eventi pronubi di malaffare fashion, le nuove professioni, vedi sopra, per non parlare dei leader, il più innovativo dei quali ci ha abituati a vederlo sempre col cellulare in mano come una appendice irrinunciabile, perso nelle chat, anche quando si presenta alle Camere riunite o ai funerali, che ha instaurato la sostituzione della comunicazione istituzionale con tweet e sms, e che ha impiegato il cellulare anche per dirimere penose vicende familiari col su’ babbo.

Però volenti o nolenti, si tratta di una prerogativa o di una schiavitù che deve essere di esclusivo monopolio della nostra civiltà superiore. Se una delle accuse più frequenti che vengono rivolte agli immigrati che ci ruberebbero lavoro e case e ai buonisti che li foraggiano con mancette sontuose anche sotto forma di abbonamenti è quella del possesso sfrontato, in forma di usurpazione, del telefonino,  nemmeno fosse un diritto acquisito insieme alla rincorsa ai nostri stili di vita. E perfino ai nostri sentimenti, anche quelli superiori?

Come se ansia genitoriale, apprensione materna e paterna, dovessero essere  godimento riservato dei cuori dell’emisfero settentrionale, estranei ai babbi e alle mamme o ai fratelli maggiori o ai nonni delle 26 ragazze arrivate morte sulle nostre coste, dei minori (  lo stesso barcone  ne ha scaricati  52, 21 dei quali ha meno di 9 anni) affidati al mare che pare meglio della vita grama in patria, dei giovanotti colpevoli di volere un’esistenza dignitosa senza fame e guerra,

Come se le loro vite nude e disperate non avessero diritto a questo strano cordone ombelicale, alla gioia di sentire voci amate, a ricordare con chi è lontano risate e scherzi, a dividere lacrime e nostalgia, almeno quanto i figli con i quali vi date appuntamento fuori scuola alle prime perniciose gocce di pioggia autunnale, dei quali ricevete le reprimende per gli inappropriati rimproveri degli insegnanti e cui spedite soluzioni di problemi o svolgimenti di temi, perché si sa solo i nostri figli so’ piezzi e’ core.

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: