Questo blog ieri ha pubblicato (qui) ciò che doveva rimanere segreto: la foto di una delle celle di sicurezza presso i posti di polizia. Quelle che secondo il ministro guardasigilli dovrebbero diventare non più luoghi di detenzione di emergenza, ma una vera e propria succursale del sistema carcerario.  Come si può vedere anche solo 48 ore in un cubicolo del genere  sono qualcosa che siamo abituati a vedere in Paesi del quarto mondo e in situazioni dalle quali pensavamo di esserci emancipati. Proprio per questo c’era una sorta di divieto di pubblicazione. Anzi un grande giornale nazionale uso a tacer scrivendo, un giornale sempre governativo che ci sia Giolitti, il Duce o Berlusconi e temiamo anche Pantagruel, si è lamentato con qualcuno del fatto che un blog  sia uscito con la foto che loro tenevano nel cassetto. Bé, che dire al grande e augusto giornale: questa è la rete, bamboli.