Annunci

Archivi tag: urbanistica

Milano, speculazione raglia e deraglia

miAnna Lombroso per il Simplicissimus

È come se li conoscessimo i morti e i feriti passeggeri di quel treno deragliato alle porte di Milano, tra Pioltello e Segrate. Pendolari: impiegati, studenti,  viaggiatori delle 6 di mattina assonnati e infreddoliti in attesa di arrivare a Porta Garibaldi, nemmeno il tempo di un caffè al bar, per correre verso la metro e il tram nella caligine umida e indisponente di una città. che si vanta ancora di essere una capitale morale. Tanto da essersi impegnata in un’ennesima grande opera, quella di  “rigenerazione” urbana dei sette scali ferroviari, avviata tramite un “Accordo di programma” che il Comune di Milano ha sottoscritto con la Regione Lombardia e il Gruppo F.S.

Non si sa a cosa si devono i due morti e la decina di feriti gravi, forse a uno scambio malfunzionante. Ma è la volta buona che potremo dire che si tratta davvero di un incidente causato dall’errore umano, ammesso che ci sia umanità, civiltà e non premeditazione criminale nelle scelte dissipate di investire in quello che si vede e non in quello che serve, come se l’immagine e la reputazione di una città dipendessero dalla fuffa, dal  camouflage delle magagne usato anche in occasione di grandi esposizioni per mascherare le falle, come quando si fa pulizia dove passa il prete o il fuhrer o il comitato olimpico anche a prezzo di vite e lutti, come quando gli agenti immobiliari fanno dare una mano di vernice per coprire le antiche macchie di umidità.

Non  a caso vien bene citare gli agenti immobiliari. Come altrimenti si potrebbe definire un sindaco blandito e vezzeggiato dalla stampa nazionale che ha fatto di Spelacchio un’antonomasia della cattiva amministrazione mentre omette di informare sulla richiesta di rinvio a giudizio per l’affidamento senza gara all’immancabile Mantovani della fornitura di 6000 spelacchi per l’Expo. Piccolezze certo, rispetto ai peana e alla hola che accompagna la generosa campagna di svendita del  patrimonio comunale offerto a prezzi di outlet a privati, immobiliaristi e costruttori nostrani e esteri, proprio come quel gruppo Savills infilato a tradimento – nostro – in quell’Accordo di Programma per la valorizzazione al posto della sicurezza, della mobilità e dell’abitare, a sancire che i padroni veri dei beni comuni sono appunto i privat, O anche i “diversamente” tali, nel dominio e nel comportamento, come Fs che tratta e specula e detta regole e sceglie progetti e dà incarichi come fosse a pieno titolo proprietario  delle aree dismesse del servizio ferroviario, e che solo a tale scopo, con tale specifica destinazione, l’allora Azienda dello Stato, ma oggi divenuta SpA, aveva in uso/concessione.

La città del sindaco Sala che definisce Renzi una irrinunciabile risorsa, che  si lamenta perché il Paese e la sua classe politica fanno da oneroso contrappeso allo sviluppo dinamico di Milano – e lo possiamo leggere in un suo agile volumetto autoreferenziale, che vuole a tutti i costi la Consob in casa, è diventata un competitivo laboratorio sperimentale del modello MoSE e Consorzio Venezia Nuova, nello stabilire l’egemonia non solo semantica di due parole “abdicazione” e “monopolio” e ipotizzando che possa diventare il simbolo del nuovo sacco delle città, dando a speculazione e espropriazione requisiti legali e autorizzati e applicando il format di un’urbanistica retrocessa a pratica negoziale e premiale degli interessi del capitalismo finanziario e immobiliare. E infatti qualcuno ha detto che il nuovo skyline desiderato e auspicato, irto di grattacieli megalomani e futili, che cos’è se non l’istogramma della rendita immobiliare? Ad onta dei grandi fallimenti che hanno già condannato questa insana progettualità: Santa Giulia, l’area ex Falck di Sesto San Giovanni, la “Nuova Defense” dello Stephenson Business District, il mancato recupero dell’ex Ortomercato, per non parlare delle aree dismesse del grande Bal Excelsior dell’alimentazione o meglio degli appetiti.

Ma mica è solo colpa di Sala, ci aveva pensato prima la giunta Pisapia ( ne abbiamo scritto più volte, anche qui: https://ilsimplicissimus2.com/2017/12/08/opera-di-massima-sicurezza/) approvando in gran fretta nel 2012 un Piano di Governo del Territorio denso di soliloqui acchiappacitrulli, frutto postumo dell’impegn congiunto  di Masseroli/Moratti e del  loro PGT adottato ma non approvato, e attuato attraverso regole flessibili  e elastiche in forma di strenna perenne alla speculazione immobiliare.

L’instant book del sindaco pronto a sempre più luminosi destini, risponderà alle critiche con i dati sul  boom edilizio nel centro metropolitano:  una crescita degli addetti pari a oltre il 16%: circa il doppio del tasso di crescita registrato nell’hinterland e cinque volte superiore al tasso di crescita medio nazionale. Che confliggono   con le tendenze rilevate sul fronte demografico che segnalano una ulteriore perdita di popolazione a Milano (-4,26%) e una crescita robusta dell’hinterland (+8,99%). E che confermano che a Milano si costruisce non per gli abitanti, non per i cittadini, espulsi e non sempre seguendo il galateo delle buone maniere a cominciare dal differenziale di prezzo del centro rispetto alle cinture esterne.

Si è costruito nel cuore metropolitano si, ma per una domanda soprattutto internazionale a carattere prevalentemente finanziario, più ancora che terziaria e che comunque non è sufficiente per colmare un’offerta, oggi largamente sovradimensionata, che si risolve in volumi megalomani di appartamenti costosissimi in vendita o sfitti, mentre il disagio abitativo si fa sempre più drammatico.

Negi anni ’80, Milano, ci invitavano a berla mentre loro si preparavano a offrirla da mangiare, da spolpare fino all’osso. Sarà ora che i milanesi quelli vecchi e quelli nuovi diventino dei veri ossi duri  se volgiono tronare a essere cittadini.

Annunci

Opera di massima sicurezza

scala 2Anna Lombroso per il Simplicissimus

Ma  li avete visti coi loro pomposi abiti di scena, tutti imbellettati come mascheroni, incoraggiati ad esibire diamanti e zibellini dalla messa in sicurezza del teatro convertito in fortezza blindata contro lo sciagurato antagonismo che osava minacciare la vice ministra entrata alla chetichella, ben contenti di ascoltare un’opera soporifera che aveva il merito ai loro occhi di mettere in luce i danni delle rivoluzioni che oscurano la ragione e pure la poesia?

Parevano  usciti dall’album di famiglia della maggioranza silenziosa, spaventata ma arrogante, con le  nuove Luisa Ferida, i commendatori e le loro sciure, qualche festosa creativa in cerca dei 5 minuti di notorietà, banchieri marginali, una Milano da bere retrocessa al vermuttino in galleria con in testa il sindaco molto indagato e ciononostante irriducibile nella narrazione  di quella  credenza talmente ben propagandata da essere entrata a buon diritto nell’album  della nostra autobiografia nazionale: il mito cioè della capitale morale alla quale si dovrebbero affidare le redini del paese per restituirgli autorevolezza e credibilità internazionale, fama e prestigio nel mondo dell’economia, e perfino della cultura, dopo il conclamato fallimento politico e civile di Roma, segnata da una gestione occasionale e scalcinata, e che, ad onta di antiche  nomee – Capitale corrotta, nazione infetta – viene diffusamente presentato come fenomeno patologico nuovo, originale e inguaribile.

Una leggenda difficile da smentire, altro che fake news, malgrado si sia saputo il perché dell’esito dell’estrazione a sorte dell’Ema, ospite d’onore presto sostituito nell’immaginario dell’establishment dalla Goldman Sachs,  benché si sprechino notizie che raccontano come l’hinterland sia infiltrato capillarmente da varie tipologie mafiose, malgrado la questura abbia impresso un giro di vite per contrastare l’occupazione militare del racket nei bar e ritrovi del gran Milan.

Perché se è vero che, come disse una volta un capitano dei carabinieri, tutto quello che non è Calabria, Calabria è destinato a diventare, ci sono analisi dell’antimafia che confermano la profezia sull’esposizione di istituti di credito a ingressi di colletti bianchi della ‘ndrangheta, sulle acquisizioni da parte di clan mafiosi di aziende sofferenti da trasformare in comodi prestanome, sulla potenza del racket che impone la sue rete di gorilla e buttafuori, vigilantes anche nelle vesti di incendiari, che taglieggia negozi fino a che i proprietari e esercenti si arrendono e li cedono a qualche organizzazione malavitosa spesso al servizio di imprese multinazionali e firme insospettabili, e che rivelano perfino  primati guadagnati nel mercato dei permessi falsi per immigrati. A conferma che si tratta di un territorio e di un tessuto sociale che non possiede i necessari eppur conclamati anticorpi, anzi…

Per quello colpisce la fiducia attribuita all’apparizione di Pisapia nella grotta dei madonnari in cerca di un leader di elevata statura morale, alla guida di una sinistra garbata ed educata ma capace di imprimere una svolta sia pure gentile e addomesticata.
Mentre le sue prestazioni dopo le promesse di rottura col passato all’atto della candidatura a sindaco, non avrebbero  dovuto persuadere nessuno  a cominciare dalle sue responsabilità nell’esecuzione minuziziosa dell’Expo in veste notarile, da addetto alla  concretizzazione e conformità del grande evento con il dettato della grande sponsor Moratti, per non dire della definitiva trasformazioni di Milano nella capitale della deregulation urbanistica, grazie all’attenzione riservata alle pretese dei veri dominatori della città: finanzieri, corporazioni commerciali, imprenditori e impresari edili, tanto che a detta di urbanisti ed architetti non ancora arresi al dominio proprietario, se  c’è oggi una città esemplare della licenza edificatoria come una volta Roma, è Milano.

Favorita anche dalla consegna megalomane dei luoghi alla progettualità di star straniere, estranee alla storia e ai contesti urbani, quelle che, senza un piano particolareggiato,  hanno  “integrato” i tre (uno è in ritardo) insensati grattacieli di una City Life (la prima «Nuova Milano») sull’area dell’ex-Fiera, attorniati  da impressionanti cataste di falansteri che qualcuno ha paragonato  alle mostruose navi da crociera che ogni giorno attraversano pericolosamente il corpo di Venezia, replicando così il paesaggio di Dubai, di Doha, del Quatar, perfettamente congruo peraltro, visto che è il fondo sovrano del Qatar il proprietario unico di quella parte di Milano.

Sono  di quella risma i nuovi padroni di casa – così  si sono auto definiti in occasione della fastosa inaugurazione. E non stupisce se si considera che gli abitanti se ne vanno dal centro, per gli stessi motivi per i quali vengono espulsi i veneziani, che lo sviluppo occupazionale riguarda è vero il comune centrale, ma che, dopo che l’industria manifatturiera ha abbandonato il capoluogo almeno a partire dagli anni ‘70, per motivi di ristrutturazione, di riconversione ma soprattutto di delocalizzazione, è  sempre più rivolto ai servizi finanziari, di comunicazione e della moda e non essendo in grado di incrementare  in modo significativo un terziario qualificato che non sia quello puramente commerciale.

Una Milano senza milanesi, una città senza cittadini, è così che la vogliono quelli che ieri sera erano asserragliati nella loro cittadella del privilegio, mezze figure che trovano il loro Andrea Chenier in Fabio Volo, il loro Stendhal in Severgnini, la loro Brera nelle vetrine delle grandi firme di Montenapoleone. Ma sotto sotto hanno una gran paura che prima o poi arrivi Robespierre.


Il sindaco si merita i carabinieri

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Li preferivo quando erano più ipocriti. Li preferivo quando erano più democristiani.

Li preferivo quando erano costretti a mascherare il loro innato cinismo con la doverosa carità cristiana  misericordiosa e la loro istintiva volgarità con il bon ton bacchettone, quando nessuno avrebbe avuto la proterva sfrontatezza  di un sindaco molto apprezzato dai media, quel Nardella, tenuto d’occhio perfino dall’Unesco perché il suo modello di governo di una città d’arte prevede la cessione del patrimonio  immobiliare artistico a improbabili mecenati e organizzatori culturali, l’alienazione di quello abitativo tramite un ricambio dei residenti espulsi con società finanziarie e multinazionali del settore alberghiero;  lo stesso che è stato il più diligente esecutore del Daspo urbano contro kebabari e lavavetri, molesti accattoni e poveracci in genere autoctoni e forestieri che minacciamo il decoro, la rispettabilità e il buon nome della città del Giglio; proprio  quello che – il linea con la tendenza generale – si batte per la realizzazione di infruttuosi sottovie e tunnel e metropolitane oltre che inutili aeroporti lasciando che gli argini dell’Arno sprofondino alla prima pioggia d’autunno, indifferente al danno d’immagine che può arrecare il reiterato sacco del territorio a fini speculativi, ecco proprio lui si è espresso senza mezzi termini per condannare l’attentato alla onorabilità e alla reputazione  di Firenze. Ma non quello commesso da due rappresentanti delle forze dell’ordine che usano l’auto di servizio per rimorchiare, la divisa e la pistola per acchiappare, conquistare fiducia e poi intimidire, e che si discolpano come se fossero dentro a una barzelletta sui carabinieri: sono un cretino, non avevo visto che erano ubriache come due cucuzze, pensavo fossero più vecchie.. e poi, diciamolo, si capiva che facevano tante storie ma ci stavano eccome se ci stavano.

Macchè, il Nardella gli dà ragione, all’insegna dell’ “ in fondo se la sono andata a cercare” ( ne abbiamo parlato qui: https://ilsimplicissimus2.com/2017/09/09/i-benemeriti-di-firenze/)  e tuona contro la macchia prodotta all’immagine della città da chi ci va per lo sballo, preferendo, si capisce, i locali notturni agli Uffizi, troppi mojito a un tè alle Giubbe Rosse o da Paszkowski (prima che chiudano per far posto a una greppia delle catene multinazionali vanto dell’amministrazione) esponendosi con incauta leggerezza  a indesiderabili effetti collaterali. Dando ragione a chi pensa che approfittare di atteggiamenti liberi e disinibiti, che non dare retta a un no anche pronunciato dopo molti si, sia un atteggiamento virile di reazione a una provocazione e a un invito da guardare con la giusta indulgenza, ancora più giustificabile in uomini che non sono mica caporali. Così  in una delle città del mondo più colonizzate dagli Usa, il dinamico delfino dell’ex premier pensa a missioni educative congiunte sui danni dell’alcol con le autorità americane per restituire fasto e credibilità all’accoglienza fiorentina e al corpo dei carabinieri “la divisa più amata dagli italiani” screditata da due mele appena un po’ ammaccate e perché le sprovvedute visitatrici si attrezzino contro ben più minacciosi criminali sessuali, tutti antropologicamente suscettibili di essere frutti marci.

Eh si, una volta a Livorno si sarebbero precipitati a esprimere cordoglio a versare lacrime di stato e di governo sui poveri morti e sugli sventurati senza tetto.

Invece, proprio come dopo il terremoto a Ischia, comincia l’inverecondo ping pong di responsabilità, iniziano le accuse contro  le amministrazioni colpevoli di compiacente correità con speculatori ma pure con abitanti poco compresi delle ragioni della legalità che perseverano anche con istinti sinistramente suicidi a tirar su muri e vani su argini pericolanti, si moltiplicano le rimostranze contro chi ha chiuso un occhio su abusi per necessità, in altra sede compresi e assolti. Come se da anni il rispetto delle regole non sia dileggiato come un vezzo da sfigati privi di spirito di iniziativa, come se da anni l’urbanistica e la pianificazione non fossero ridotte a pratica negoziale esercitata per tutelare gli interessi di rendite e proprietà private, come se da anni risorse e finanziamenti non venissero convogliati su opere megalomani e inutili anzi dannose, mentre territorio e  corsi d’acqua sono in uno stato di abbandono e gli eventi naturali sia pure aggravati dal cambiamento climatico diventano inesorabili calamità e ineluttabili catastrofi. E come se da anni vengono promulgate leggi e promosse misure che autorizzano abusi e abusivismo, esautorano gli organismi di vigilanza e controllo, favoriscono l’uso privatistico delle risorse e il consumo di suolo.

Si li vorrei più ipocriti perché il loro esternare senza ritegno nauseanti pregiudizi, proclamare infami luoghi comuni contro i quali vigeva la regola del buon gusto e del pudore, convertire in slogan concetti un tempo mormorati con vergogna tra quattro mura, esibire i panni sporchi come fosse una prova di trasparenza da offrire in pasto al popolo bue per dimostrare di farne parte, favorisce la trasformazione dei pacifici bovini in belve autorizzate, legittima istinti e pulsioni che una volta erano repressi magari in attesa che un tirannello borioso o un re travicello li tirasse fuori e concedesse in mancanza di pane e lavoro. Purtroppo i tirannelli, i re travicelli sono arrivati e noi stiamo  rinunciando all’obbligo civile di detronizzarli.

 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: