Annunci

Archivi tag: jihad

Attentato a chi e per chi?

manchester-attentato-744x441Volevo assolutamente evitare di parlare di Manchester, ma il coro dei media maistream che ripropongono il medesimo copione di sempre come prefiche un tanto a lacrima, l’incapacità di porsi domande sensate, il rituale incrocio delle stesse e ambigue fonti, l’evidente ignoranza della storia sono ancora più insoppportabili che in altre occasioni. Insomma  ti strappano le parole di bocca. Già perché l’attentato che Rita Katz ha attribuito all’Isis con marchio Dop, scocca cronometricamente dopo il viaggio di Trump in Medio Oriente con il quale cambiano le priorità operative del caos made in Usa, focalizzandosi sull’Iran e lasciando che siano la Russia e Assad ad occuparsi del terrorismo importato nell’area siriana a simulazione della guerra civile.

Questa nuova alleanza liberal – saudito- sionista non mancherà certo di finanziare e rifornire i cosiddetti ribelli, ma si concentrerà nel fomentare lo scontro fra i sunniti (Isis) e gli sciiti: far fuori Teheran prezioso alleato strategico della Russia e della Cina è divenuto l’obiettivo principe degli Usa. Un cambiamento di linea che era stato già propiziato qualche settimana fa dal New York Times e da una delle sue penne più note, Thomas Friedman: nell’articolo ci si chiedeva per quale motivo si dovrebbe sconfiggere l’Isis in Siria, visto che quest’ultimo è la minaccia più grande per l’ Iran, per la Russia, per Hezbollah e per  tutte le milizie sciite. Perché dunque combattere lo stato islamico?” Non gratuitamente, non adesso” conclude l’editoriale che ha anticipato la nuova linea trumpiana. Questo naturalmente mette in crisi le strategie basate sul jiahdismo di cui Londra è uno dei maggiori snodi, oltre a raggelare le mire inglesi sullla Siria. A me viene da ridere quando i giornali nostrani si chiedono allarmati come mai ci siano a Manchester tante persone magari di seconda o terza generazione legate alla Jihad. Forse non sanno che sono stati proprio i britannici a rifondare nel 1951 i Fratelli mussulmani, in precedenza  disciolti, incarcerati e impiccati, per poter avere un retroterra con il quale combattere i regimi laici, anticolonialisti e socialisti che si annunciavano nel mondo islamico, in primis Nagib e Nasser.

L’islamismo politico, padre del jihadismo è da quasi 70 anni una delle leve di cui si è servita la Gran Bretagna, sia pure in funzione sulbalterna all’impero americano: più che naturale che ve ne siano i reperti, molti dei quali gestiti dai servizi di sua maestà. Il problema vero si è creato molti anni dopo, agli inzi degli anni 80, quando  gli  Usa favorirono la nascita del fondamentalismo islamico, in funzione anti sovietica, facendo con questo detonare il terrorismo. Di fatto la connesione tra la cultura dell’ islamismo politico e fondamentalismo è la miscela che si è concretizzata nell’avventura dell’Isis.  E’ facile vedere come la nuova dottrina Trump (ma sarebbe meglio dire Horowitz, ispiratore della teoria del “Grande satana” di Teheran, maestro del neo-con Stephen Miller, quello che ha scritto i discorsi del neo presidente in Medio Oriente) , non può certamente piacere a Londra la quale  vede il declino delle sue leve e delle sue mire come valvassino di Washington. La nuova strage degli innocenti richiama di nuovo  lo sdegno sull’Isis e sulla sua pericolosità, ma non si vede perché il califfato avrebbe dovuto ordinarla nel momento in cui la pressione su di esso come nemico principlae viene allentata.

Tirare conclusioni su questo complicato mondo sarebbe azzardato, ma lo è di più bersi cronache che trascurano completamente il contesto degli eventi. Del resto intere generazioni allevate nel malgusto e nella popstarizzazione della mente, non chiedono altro che di essere esentate dalla fatica di comprendere la narrazione nella quale sono tragicamente coinvolte, vittime innocenti solo perché inconsapevoli.

Annunci

La jihad americana

C_2_fotogallery_3010703_0_imageIeri mi sono preso la briga di mettere in luce la figuraccia delle armi americane nella tentata distruzione dell’aeroporto siriano di Al Sharyat, sul quale sono caduti solo 23 dei 59 missili lanciati, provocando danni del tutto marginali in rapporto alla forza usata. Una cosa che non si accorda certo con la tesi mediatica ex post dell’attacco “simbolico” e dimostrativo visto che solo un pugno di idioti avrebbe pensato di ottenere questo scopo mettendo in forse l’efficienza del gigantesco apparato militare a stelle e strisce e la vantata precisione dei Tomahawk, mostrando che non è tutto oro quel che riluce. Ma che questo “incidente”  sia stato dovuto alla vetustà dei missili in questione, a imperfetta manutenzione, a superficialità produttive o  magari più plausibilmente a contromisure elettroniche russe di insospettata efficacia o all’intercettazione non prevista dei missili o infine a tutti questi fattori collegati, credo che sia importante in questo momento prendere le esatte misure della effettiva potenza americana e dei suoi limiti in conflitti che non siano ad alta dissimetria.

Cullarsi su questa idea di potenza assoluta e inscalfibile è molto pericoloso soprattutto per  le colonie europee le cui opinioni pubbliche sono indotte a sottovalutare i venti di guerra, a non pensarsi a rischio dietro il fantomatico scudo Usa e a non allarmarsi per la tendenza dei loro governi ad assecondare gli stranamore d’oltreoceano.  Proprio pochi giorni fa il principale di questi, ovvero il generalissimo Joseph Votel, comandante in capo del Pentagono,  ha sostenuto davanti alla commissione forze armate del congresso che: ” si devono cercare le opportunità di destabilizzare l’Iran, sia attraverso  strumenti militari che di altri tipi” poiché in questa visione ormai delirante Teheran rappresenterebbe “la più grande minaccia a medio termine per la stabilità”. Si buttano insomma a mare gli accordi del 2015 e si ricomincia a parlare strumentalmente del pericolo nucleare iraniano nonostante il fatto che tutte e 17 le agenzie di intelligence a cui può far riferimento il Pentagono neghino l’intenzione iraniana di dotarsi di armi nucleariE’ fin troppo chiaro che siano di fronte a una sorta di paranoia e di delirio di onnipotenza, che non ha bisogno di nessun confronto con la realtà e che in effetti rappresenta un’infinita jihad degli Usa timorosi di perdere l’egemonia mondiale e assieme ad essa anche quella monetaria ed economica che provocherebbe la caduta delle elites di comando, di quel feudalesimo democratico che è il tratto distintivo delle istituzioni americane, se appena si esce dalle mitologie.

Ma siccome nel delirio non mancano mai aspetti paradossali ecco che la rinnovata belligeranza anti iraniana dello stranamore di Washington, viene anticipata di qualche giorno da un grottesco video dell’Isis, inviato a Khamenei  nel quale il Califfato dichiara guerra all’Iran colpevole non soltanto di perseguire l’eresia sciita, ma anche di ” tollerare gli ebrei”. Certo questi vaneggiamenti fanno impressione, ma non sono poi così diversi da quelli del dipartimento di stato che considera Putin alla stregua di Hitler, demonizza i rapporti commerciali e gli scambi tecnologici fra Mosca e Teheran, sembra davvero credere alle proprie stesse favole dell’aggressione russa  in Ucraina e nell’Europa dell’Est. E’ una situazione pirandelliana  nella quale non si distingue più il confine tra finzione e follia bellica e, come nell’Enrico IV, il ruolo focale passa dal protagonista agli amici e alla servitù del personaggio che ne possono determinare la guarigione o la dissoluzione: finché daranno corda alla follia, essa continuerà a svilupparsi e a produrre sempre nuovi deliri, mentre solo se resisteranno, se avranno la forza di contraddirlo e sostenere la realtà potranno sperare di allontanare concretamente deflagrazione di un conflitto globale che tra i suoi effetti assolutamente certi avrà la distruzione del continente.

Ma con l’Europa di Bruxelles che si rivela sempre più una creatura della finanza sorretta non dal consenso, ma dalla Nato, tutto questo è fantascienza: continueremo a dire di sì alla jihad americana cullandoci in illusorie certezze, confidando che gli 8 milioni di Tomahawk  siano invincibili.


Hollande Killer

 Anna Lombroso per il Simplicissimus

Va a capire se fanno più paura i sospetti di indole criminale e propositi sanguinari condannati a morte senza processo da Hollande anche fuori dal suolo patrio o la sua intelligence, che in assenza della necessaria perizia investigativa, è stata autorizzata in questi giorni a fare giustizia sommaria di almeno 40 soggetti a alto rischio nel corso di missioni speciali da svolgere in nome della legittima difesa collettiva.

L’ometto dell’Eliseo, come spesso succede a individui affetti da un fisico poco atletico  e da una personalità ancor meno eminente e carismatico, ha scoperto il bello dell’autoritarismo più cupo in sostituzione di ragionevole autorevolezza: a lui si deve la svolta forte dello stato di eccezione “necessario” e stabile ben oltre l’emergenza che legittima come inevitabili restrizioni di libertà e diritti in nome dell’ordine e della sicurezza. E ora in prossimità della detronizzazione e a due anni da Charlie Hebdo realizza il suo incubo muscolare e  mette una pezza sulla credibilità perduta dei suoi servizi dopo innumerevoli fallimenti, tra operazioni mirate, non abbastanza se era sbagliato luogo e tempo della missione, sconcertante trascuratezza nei controlli e nella vigilanza su espliciti simpatizzanti della Jihad dediti al turismo in aree calde,  una tendenza estrema al grilletto tanto facile  da rendere impossibile l’accesso a informazioni cruciali.

Così si viene a sapere che ha autorizzato esecuzioni extra giudiziarie di supposti aderenti all’ideologia del Califfato fuori dai confini, per neutralizzare bersagli eccellenti, stanziali o di passaggio in territori un tempo appartenenti alle geografie coloniali francesi e oggi obiettivo di imprescindibili missioni di rafforzamento istituzionale, export di democrazia, aiuto umanitario secondo le regole Nato. E non c’è poi da stupirsi se intorno a certe misure eccezionali e a certi interventi contro svariati nemici Numero 1 si sbizzarrisce il fronte dietrologico tirato a cimento da disorientanti ritrovamenti sui luoghi degli attentati di copiose documentazioni attestanti identità, curricula criminali e frequentazioni di commissariati  e galere dei poco misteriosi killer, la non ardua rintracciabilità dei loro arditi spostamenti secondo una mobilità resa possibile da una stupefacente latitanza di vigilanza e accertamenti, e così via.

Il fatto è che laddove tutto è confuso, quando il “cattivo” trae la sua forza dal fatto di essere elusivo, sfuggente, capace di incarnazioni le più diverse. quando è sempre più impervio legittimare i costi umani, economici e sociali di guerre di aggressione contro Afghanistan, Iraq, Libia, strategia di destabilizzazione come in Siria, tracotanti presenze militari e appoggio a despoti sanguinari. Quando, tra l’altro, il Nemico Pubblico è stato e sarà magari un comodo alleato, finanziato proprio dai governi delle sue vittime transnazionali, sostenuto da alcuni dei migliori amici dell’Occidente ivi incluso un paese membro della Nato e aspirante all’ingresso nell’Ue, è difficile dimostrare che quella che si sta conducendo è una guerra giusta, rispettosa di imperativi morali e giuridici, in quanto difensiva della civiltà.. e che civiltà, quella che usa menzogna e trasformismo come sistema di governo, sicché Bin Laden era un fratello se combatteva i sovietici in Afghanistan e il terrorista più efferato se ispira gli attentatori delle Torri Gemelle e gli islamisti che compivano stragi a Damasco erano benevolmente definisti “ribelli anti Assad” dalle generose cancellerie per essere retrocessi a macellai feroci se usano lo stesso trattamento a civili di Bruxelles o Parigi.

Non è una novità e dovremmo preoccuparci, perché certe esecuzioni in giro per il mondo e non solo in America Latina hanno rivelato che agli occhi e al giudizio dell’impero il tremendo e aberrante flagello del terrorismo  poteva assumere le fattezze di sindacalisti e oppositori, se la “sicurezza” della scuola americana ha forgiato le élite più repressive e ferine del Guatemala, del Salvador, del Cile, dell’Argentina,  dell’Honduras, dove la formazione dell’esercito, delle polizie, dei servizi, ma soprattutto degli squadroni della morte,  era a cura della Cia che insegnava i modi e gli usi della giustizia sommaria, delle necessarie condanne a morte senza processo.

Non c’è nulla di buonista nel reclamare il rispetto delle leggi. E nemmeno nel dire che se il terrorismo è l’assassinio di persone innocenti per conseguire fini politici, come dovremmo chiamare guerre condotte per scopi economici, sopraffazione e sfruttamento in cui ancora più numerosi e altrettanto innocenti individui, regrediti a effetti collaterali, vengono ammazzate? E che nome dare a altre forme non meno cruente di conflitto, la riduzione di servitù dei lavoratori, il ricatto come strumento di potere, l’intimidazione come mezzo di persuasione, la limitazione di prerogative e diritti, la cancellazione di assistenza e cura, la dilapidazione e la svendita di beni comuni? E non è affine alla sovversione più cruenta corrompere le leggi per la difesa di interessi particolari, promuovere emergenze e nutrire minacce e paure per autorizzare regimi e misure speciali e illegittimi, irridere valori e principi etici per imporre il comando del più forte? Attenti a dirlo però, potrebbe esserci un ometto che digrigna i denti e comanda di farvi star zitti in qualsiasi modo.

 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: