Archivi tag: imprese

Soluzione Finale

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Pare proprio che il segnale di rottura più forte col passato, consista nel voler dimostrare la “differenza” negli usi di mondo della comunicazione. Così dopo anni di sgangherate confessioni su Facebook, di esibizionismo scollacciato e impudico su Instagram, di avvertimenti trasversali su Twitter e immaginette votive a reti unificate, il cambiamento si materializza nell’enigmatica effigie della sfinge, del golem che traduce le sue minacce in silenzio oscuro e indecifrabile.

Si sa che la fortuna di certi personaggi risiede in questo, nel mistero che li circonda e che a volte rappresenta solo la profonda voragine buia del loro nulla. Stavolta però, a smentire tutti quelli che si lagnano che l’illustre incaricato non manifesto il suo pensiero e le sue visioni del futuro, c’è un lungo passato remoto e più prossimo che parla per lui e di lui.

Ne fa testo, a parte la nota lettera tante volte richiamata (anche qui:  https://ilsimplicissimus2.com/2021/02/09/quella-lettera-ci-dice-chi-e-draghi-e-qual-e-il-suo-programma/)   il recentissimo rapporto sul “dopoguerra” quel contro-New Deal   redatto dal G30, il think tank appendice della     Rockefeller Foundation,  presieduto proprio da Draghi insieme a Raghuram Rajan, che in passato è stato governatore della banca centrale indiana.  

Il prezioso documento (che potete trovare in edizione integrale qui:    https://group30.org/images/uploads/publications/G30_Reviving_and_Restructuring_the_Corporate_Sector_Post_Covid.pdf)    si intitola non a caso: Rivitalizzare e ristrutturare le aziende dopo il Covid, sottotitolo: Progettare l’intervento delle politiche pubbliche, con un evidente richiamo a pratiche sanitarie rivolte a selezionare i target produttivi meritevoli di ossigeno e terapia intensiva da parte del settore pubblico, promuovendo invece una rapida eutanasia per settori improduttivi e parassitari, colpiti dal virus dell’insolvenza che si è manifestata con particolare gravità a causa della pandemia in combinazione con la naturale riduzione delle risorse dei programmi di sostegno indirizzate a fronteggiare l’emergenza con ristori e elemosine .

 E infatti con piglio  risoluto il  rapporto raccomanda i decisori a “incoraggiare lo sviluppo di azioni politiche che supportino la resilienza e la crescita economica a lungo termine … riducendo al minimo i costi per il pubblico”, offrendo loro generosamente  una serie di “principi fondamentali universali”, una panoplia di  “strumenti”  e un “quadro decisionale” per determinare le “risposte politiche appropriate”.

Proprio come una divinità severa ma giusta che si rispetti, il G30 ha scolpito nella roccia i suoi dieci comandamenti ad uso degli Stakeholders.

Eccoli: 1) Agire con urgenza per affrontare la crescente crisi di solvibilità delle imprese e contrastare il pericolo di una prolungata stagnazione economica  2) Indirizzare con attenzione il sostegno pubblico per ottimizzare l’uso delle risorse che non dovrebbero essere sprecate per aziende che sono destinate al fallimento o che non ne hanno bisogno  3) Adattarsi alla nuova realtà, invece di cercare di preservare lo status quo, anche mediante  una certa quantità di “distruzione creatrice” poiché alcune aziende chiudono e ne aprono di nuove, e dato che alcuni lavoratori hanno bisogno di spostarsi tra aziende e settori, attraverso un’adeguata assistenza e riqualificazione 4) Le forze di mercato dovranno  essere autorizzate a operare. E in presenza del dispiegarsi della libera iniziative spetterebbe ai governi intervenire per salvare   il mercato da potenziali fallimenti. 5) Sfruttare l’esperienza del settore privato per ottimizzare l’allocazione delle risorse, azione nella quale i governi si sono dimostrati inadempienti.  6) Bilanciare attentamente la combinazione di obiettivi nazionali più ampi con misure di sostegno alle imprese rivolte al  green o la digitalizzazione.  7) Ridurre al minimo il rischio e massimizzare il potenziale ritorno per i contribuenti. 8) Essere consapevoli dell’azzardo morale senza compromettere gli obiettivi. 9) Trovare il giusto tempismo nella predisposizione e nella durata degli interventi. 10) Anticipare potenziali ricadute negative sul settore finanziario per preservarne la forza e consentire a esso di guidare la ripresa, evitando azioni che indebolirebbero in modo significativo il settore finanziario, come costringere le banche a concedere crediti in sofferenza per sostenere l’economia.

Tutto si può dire delle intenzioni del profeta chiamato a guidarci, ma non che il suo linguaggio non sia esplicito, così come i suoi intenti “moralizzatori”. In sostanza è opportuno limitare la libertà concessa agli Stati sempre meno sovrani che hanno mostrato la loro inadeguatezza, sperperando ricchezze e dissipando le forze in aiuto di settori moribondi, quando è più salutare e redditizio promuoverne il rapido fallimento grazie a provvidenziali concentrazioni in corpi e sistemi sani, strutturati e di taglia large.

Questo stesso approccio andrà adottato anche per quanto riguarda l’occupazione: i lavoratori, per il loro stesso bene, sono invitati a farsi carico della comune responsabilità a contribuire allo sviluppo, prestandosi a andare dove serve cambiando azienda o settore, grazie a più efficienti allocazioni.

Ecco cosa ci prepara il sacerdote della teocrazia del mercato incaricato della crociata contro gli infedeli, che combina la punizione e l’edificazione, il sacrifico con l’epurazione, la redenzione e la sanificazione necessaria dopo il Covid e che deve fare piazza pulita di sentimentalismi, emotività, spirito solidaristico, compassione per la Soluzione Finale.

Tutto questo era anticipato in forma domestica, sempliciotta, provinciale nel piano di Ripresa e Resilienza del governo caduto, negli obiettivi del  Fondo di Sviluppo e Coesione, nel rilancio di programmi di privatizzazione, nella Legge di bilancio che prevedevano di procedere con criteri di scelta  ispirati alle regole, diventate ormai leggi “naturali” del mercato, alla selezione delle imprese, dei settori e pure degli addetti funzionali, utili, essenziali e produttivi da salvare e quelli superflui e parassitari da affondare o svendere, come è successo in Grecia e sta accadendo qui,

Ma si capisce che il povero Conte con il suo esecutivo non aveva il sinistro prestigio e la maligna credibilità indispensabile per mettere in pratica il complotto, che di questo si tratta, di una macchinazione ordita alla quale non vogliono credere i veri negazionisti, per non ammettere di essere cavie di un esperimento, pedine spostate come esigono i giocatori della cospirazione di chi ha e vuole sempre di più contro chi non deve avere nulla.


Mafia virale

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Si sa che anche il nepotismo è disuguale. Proprio dopo aver citato casati influenti parlando della  dinastia dei Letta, mi sono imbattuta in un’altra famiglia, quella di tal Natale Errigo, imparentato con esponenti della cosca De Stefano di Archi, a Reggio Calabria, il cui  zio acquisito, Totò Saraceno, è stato condannato per ‘ndrangheta nel maxi-processo “Olimpia” in qualità di affiliato alla famiglia mafiosa dei De Stefano-Tegano.

Pare che gli elementi a carico del giovane  e promettente  analista, che presta servizio in Invitalia,  siano pesanti: di lui si parla nel corso delle indagini dell’Operazione Basso Profilo per aver stipulato un “patto di scambio” nel 2018 con l’allora candidato al collegio uninominale di Reggio Calabria della Camera dei Deputati Francesco Talarico, consistente nella promessa di “entrature” per l’ottenimento di appalti per la fornitura di prodotti antinfortunistici erogati dalla sua impresa e banditi da enti pubblici economici e società in house, attraverso la mediazione – secondo le accuse – dell’europarlamentare Lorenzo Cesa in cambio della promessa di un “pacchetto” di voti. Talarico, oggi agli arresti, non fu eletto ma venne poi “premiato” con la nomina a assessore esterno al bilancio e politiche del Personale della Regione Calabria nella giunta Santelli.

Le colpe degli zii non devono ricadere sui nipoti, per carità, ma sapendo che il rampante giovanotto è stato accuratamente estratto dall’allevamento dall’Ad Arcuri, per essere anche inserito nella sua task force, è legittimo porsi qualche interrogativo sulla selezione del personale e sulla non casuale rimozione del famoso teorema Craxi di Di Pietro, che considerava responsabile, in quanto informato, un leader e un dirigente politico delle mascalzonate dei suoi cari.

L’unico Natale “tutto l’anno” come nella canzone di Dalla, infatti, una volta entrato a far parte della struttura del Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica Covid-19,  è uno degli incaricati della gestione strategica dell’approvvigionamento e della distribuzione della merceologia del brand pandemico (mascherine, dispositivi per la sicurezza individuale, ventilatori, container refrigerati per “immunoprofilassi”, il vaccino) nonché  del contatto con i fornitori e con le strutture destinatarie.

Sono le occasioni nelle quali è lecito domandarsi a cosa servono i Servizi, oltre a costituire un terreno di scontro tra potentati, una merce di scambio tra leader che li trattano  come i regali di fidanzamento che non si vogliono restituire finito l’amore con gli elettori, e una banca dati di rapporti cui attingere per passare qualche indiscrezione al cronista amico.

I nostri spioni sono forse  troppo occupati con il terrorismo jihadista infiltrato nei barconi,  o con le infiltrazioni degli anarco insurrezionalisti nelle file dei No Tav  per svolgere qualche indagine preventiva sui soggetti chiamati a occuparsi della tutela dei cittadini?

La vigilanza sulle transazioni finanziarie, sulla rintracciabilità di certe operazioni che mobilitano le risorse del bilancio statale, sulle relazioni che intercorrono tra operatori, investitori e imprese non merita una vigilanza superiore a quella a porte chiuse effettuata da quegli organi di controllo che hanno dimostrato in passato opaca tolleranza e sospetta indulgenza?

E non sarebbe ora di interrogarsi su quali meriti abbiano maturato rendano inviolabili e intoccabili le autorità cui si sta consegnando l’economia del paese nel momento della sua più grave sofferenza?

Conte come certe balie infedeli che avvicinavano i neonati urlanti alla macchina del gas, ogni tanto si propone di tranquillizzare il riottoso mercato, che non si accontenta dei suoi cedimenti e delle nostre rinunce, a proposito dell’intervento dello Stato, richiamando all’opportunità di scelte della mano pubblica in grado di distinguere   gli “asset nevralgici”, ridimensionando e chiudendo le aziende che non reggono la concorrenza,  affinché altre più innovative possano aprire.

E difatti verte su questo l’incarico affidato a  Patrimonio destinato, lo strumento gestito da Cassa depositi e prestiti con una disponibilità di 44 miliardi e una potenziale platea di quasi 3000 imprese. Ed è previsto faccia lo stesso il Fondo del Ministero dello Sviluppo per la salvaguardia dei livelli occupazionali e l’attività d’impresa, che prevede che lo Stato, attraverso la sua controllata Invitalia, possa entrare nel capitale delle aziende in difficoltà per un massimo di 10 milioni, restando in minoranza e per un tempo non superiore ai 5 anni, con una dotazione  300 milioni con ulteriori 250 milioni per il 2021, 100 milioni per il 2022 e 100 per il 2023 destinati alle sole imprese titolari di marchi storici. Come fa già, si racconta, Invitalia, appunto, società controllata al 100% dal ministero dell’Economia, che, si potrebbe dire  un po’ sbrigativamente, offre assistenza a aziende, con preferenza per le multinazionali, che vogliono attestarsi in Italia con l’intento prioritario di sgombrare il mercato dalla molesta concorrenza di competitor e contenenti, acquisendo quote per poi strangolarli, come nel caso di Arcelol Mittal.

Ecco, avete ragione, non servono i servizi segreti per cogliere una singolare coincidenza, quella della presenza fissa dietro a tutto questo formicolare di attività -che potrebbero non essere trasparenti, potrebbero configurare conflitti di interesse – sempre dello stesso personaggio, ormai irrinunciabile e insostituibile in tutti i ruoli, multitasking come un  sistema operativo della nuova era digitale e poliedrico homo faber rinascimentale, quel Domenico Arcuri, assurto a  meme dell’emergenza, un golem che incarna perfettamente il processo di trasformazione da scialbo boiardo a feroce boia.

E non servono gli investigatori nemmeno per arrivare alle conclusioni cui era arrivata la Direzione Antimafia ai primi di ottobre quando mise in guardia dal rischio che  l’emergenza sanitaria rappresentasse  una formidabile opportunità per il business della criminalità organizzata pronta a insinuarsi nel settore profilattico,  dalle mascherine, agli appalti per la fornitura dei dispositivi medici, all’ingresso e alla presenza in strutture assistenziali private. E che le misure governative si sarebbero rivelate provvidenziale  per quelle “imprese”, dalla camorra a Amazon, talmente strutturate e attestate sul mercato da superarne gli effetti senza danno e addirittura  trarre giovamento dalla cancellazione di interi comparti e attività minori, che le nuove povertà indotte dalla pandeconomia avrebbero creato nuovi target per i racket illegali come per  gli strozzini a norma di legge, banche e finanziarie.

Magari invece servirebbe, che ne so, un’altra autorità istituita in veste di spaventapasseri ma rivelatasi più inutile dei fantocci in mezzo ai campi di grano, a ripensare alla dichiarazione di impotenza nel caso delle infiltrazioni nell’Expo. Così potremmo scoprire qualcosa che è davanti agli occhi di tutti quelli che passando per le strade di Roma avevano modo di osservare con quanta sfrontatezza prendessero il caffè notabili locali con Buzzi e Carminati, o apprendere che i veneziani e ospiti si erano accorti della sfilata di illustri rappresentanti del mondo di impresa impegnati a interagire con amministratori pubblici, controllori, tecnici, per stabilire fertili alleanze. E che dire delle recenti prestazioni della Regione Lombardia in tema di cognatismo e familismo allargato, dei calcoli sbagliati che inducono cromatismi sorprendenti, delle sue strutture per anziani trasformate da lager in camere a gas, senza che l’esecutivo intervenga per commissariare il motore d’Italia?

Il fatto è che alla faccia di Augias non c’è una questione calabrese, a confermare che sarebbe fisiologico che proprio là si debba misurare la colpa antropologica per via della quale ogni azione si macchia di intrigo, delitto, sopruso così da far disperare sul futuro di intere popolazioni, contagiate  e affette da certe malattie  ereditarie che si concentrano come una condanna divina in alcune zone e tra alcune popolazioni. Sicché per ogni inchiesta che scoperchia un pentolone altri ce ne sono ben chiusi da Nord a Sud a ribollire veleni, oggi in particolare, quando un virus permette il rinvio della democrazia a tempi migliori e della legalità a mai, perché che tempi potrebbero essere più favorevoli di questi.


Sindacati e Confindustria, 4 amici al bar

bar-dello-sport Anna Lombroso per il Simplicissimus

Roma avrebbe avuto davvero bisogno di una bella manifestazione dopo le sua piazze rubate dal  Family days, da Berlusconi e Salvini e perfino dal concerto del Primo maggio ridotto a inventario di sfigati e stonati fuori circuito che offrono la più amara motivazione dell’essere fuori dal circuito commerciale.

Sono passati 17 anni dall’ultima piazza di lavoratori, quel Circo Massimo gremito da oltre due milioni di persone anche secondo la questura, convocati contro la modifica dell’articolo 18 da Cofferati, oggi arruolato nelle file degli aspiranti “domatori” del neo liberismo dall’interno della gabbia e dedito a elargire consigli di moderazione e realismo ai no-Tav: “non si può morire per una ferrovia. L’opera è utile per il rilancio dell’economia”.

La parabola si compie oggi con Landini, Furlan e Barbagallo e lo slogan #Futuroallavoro in temporanea associazione di impresa per  “dare una scossa al governo”, formula che riecheggia con maggiore vivacità e nerbo sulla stampa che vuole sottolinearne il carattere di fiera opposizione al governo come si addice alla personalità del nuovo segretario della Cgil del quale i maligni dicevano che con quel rissoso, impetuoso e verboso “Braccio di Ferro” il vero pericolo non è perdere il lavoro, quanto perdere l’udito.  E insieme a loro tanto per non creare vane illusioni sullo spirito che anima una ritrovata unità di intenti, purché contro  e mai per carità per cambiare a fare qualcosa in nome e per conto di sfruttati, umiliati, defraudati, ci sarà anche qualche non troppo sparuto drappello di confindustraili, richiamati alla collaborazione da Boccia  che ha definito gli attuali tempi “maturi per costruire un vero patto per il lavoro insieme a Cgil, Cisl e Uil”.

Dovessi dare retta alla nota regola secondo la quale una volta riconosciuto il nemico per essere nel giusto basta collocarsi dall’altra parte, toccherebbe sostenere il governo in carica, rivedere le obiezioni sollevate sul reddito di cittadinanza che qualcosa di buono deve avere se Calenda ci sputa sopra perché così un salario rischia di essere inferiore alla sine cura, in modo non da incrementare le paghe ma da abbassare il secondo per via della convinzione secondo la quale l’unica forma di uguaglianza possibile e desiderabile è che si anneghi tutti nelle privazioni, in basso, nello sprofondo di livelli inferiori alla sopravvivenza, salvo loro.

E a proposito di annegare, è evidente che il Landini Furioso ha scelto di salire sulla stessa barca nella quale saremmo condannati a stare coi padroni salvo il fatto che loro hanno il salvagente e che quella scialuppa la usano come tender il tempo necessario per salire poi nel transatlantico delle misure di sostegno per le imprese, dell’assistenzialismo che salva gli inetti, della indulgenza per avvelenatori e inquinatori, della rimozione di qualsiasi intervento contro fuga di capitali, corruzione, riciclaggio, della comprensiva indulgenza per azionariati che hanno scelto la strada dell’accumulazione passiva e parassitaria, grazie al gioco d’azzardo del casinò azionario, cancellando investimenti in ricerca, tecnologia, sicurezza, innovazione, salari dignitosi, quando non intraprendono la via delle delocalizzazioni, da sbrigare in tutta fretta, magari trasferendo in una notte baracca senza burattini, che sono meglio quelli d’oltre frontiera, ancora meno tutelati e pagati dei nostri.

E magari c’è qualcosa di buono anche in quel tanto di sovranismo che avrebbe dovuto motivare l’impugnazione del pareggio di bilancio in qualità di esproprio di democrazia, la disubbidienza ai comandi europei e alla condanna delle agenzie di rating che li legittimano, il rifiuto della distopia europea sulla quale il neo segretario scommette ancora: secondo lui basta  “partire dall’accoglienza e dalla solidarietà per costruire un’Europa diversa e fondata sul lavoro, i diritti e la democrazia”,  ingenerando il sospetto che anche per lui il tema sia l’immigrazione e il razzismo, contro chi arriva, che così si vince facile, e non contro gli “altri” veri, i poveri di qualsiasi latitudine compresi i terzi mondi interni, gli stranieri e gli indigeni. E qualcosa di buono o almeno di giustificato ci sarà pure nel populismo se chi dovrebbe rappresentare sfruttati e derubati, anche attraverso un sindacato nel quale la metà dei residui 5 milioni di iscritti è costituito da pensionati, ha permesso il Jobs Act, ha brontolato contro la riforma Fornero, ha taciuto sulla buona scuola che umilia il corpo insegnante,  ha siglato un accordo per un nuovo modello ispirato al ‘welfare contrattuale’ che apre la strada alla trasformazione della rappresentanza e della negoziazione in attività di gestione di  fondi pensione, mutue integrative ed enti bilaterali, in sostituzione privatistica dello Stato sociale.

Me le aspetto già le rimostranze dei leninisti di ritorno, quelli che si accontentano dei gruppi social “Io sto con Landini!” proprio come stanno col sindaco di Riace, appagati di sentirsi per delega sindacale e umanitaria dalla parte giusta, soddisfatti di guardare sul monitor una piazza con le bandiere rosse, compiaciuti di un bel sabato italiano in coincidenza con Sanremo e le canzonette solidaristiche.         Quelli che si sentono rassicurati di sulla stessa barca, o almeno a galla.

Che a affondare e soli, senza solidarietà e rispetto sono stati gli operai della Fiat abbandonati mentre l’azienda scappava e a loro si imponevano solo sacrifici con decisioni e scelte prese lontano a una distanza remota dalle sedi di lavoro e dalle loro esistenze, criminalizzati quando hanno tentato di battersi contro la democrazia officiata dall’amministratore delegato, sono quelli dell’Ilva ormai inabilitati perfino a scegliere tra posto e salute, che comunque sono a rischio tutti e due, sono quelli che pagano la logica imperante secondo la quale investimenti in Italia sono possibili soltanto se “garantiti” dai lavoratori  con la rinuncia ai diritti, alla sicurezza, alla tutela, alle garanzie, alla libertà, quelli cui si racconta che le opportunità occupazionali consistono solo nei cantieri delle grandi opere o nell’adattamento a certe economie di risulta, dei lavoretti, quelle chiamate gig-economy, con l’aspettativa illusoria di diventare imprenditori del proprio precariato, organizzandosi e essendo sempre più competitivi in comparti dequalificati, dove il lavoro non risponde a nessun talento, a nessun valore e a nessuna vocazione: distributori di pasti, magazzinieri e spedizionieri, postini e pony, o del turismo; tutti inservienti, banconieri, guide, animatori, intrattenitori magari in costume regionale, cuochi e baristi.

A affondare sono quelli che il sindacato non ce l’hanno né lo avranno mai, che vengono tenuti isolati in modo che non si riconoscano tra loro se non come utenti dei social, quelli che pagano la flessibilità dell’età delle incertezze, del contratto, del reddito, della previdenza e dell’assistenza, della proprio identità e dignità, anche quella ormai labile, aleatoria, come è sempre successo ai fanti, quelli in trincea, quella parte di esercito che sposti a seconda delle strategie dell’imperatore e dei suoi generali, i primi nelle righe davanti a cadere e quando loro sono a terra arriva le altre fucilate e giù anche le seconde file, e così via perché sono tanti, anche dalla parte che spara prima e che non è slava nemmeno quella.

 

 

 

 

 


Il Codice Antimafia salva i corrotti

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Chi risulta indiziato di reati di corruzione o peculato contro la Pubblica amministrazione non sarà equiparato ai mafiosi. Ci pensa il Pd ancora una volta a fianco di Forza Italia e mondo di impresa – spesso contiguo al Mondo di Mezzo di Carminati, assicurando che il testo del Codice antimafia verrà approvato lunedì alla Camera senza modifiche preoccupanti e rimandando l’eventualità sempre più remota che certe categorie di malfattori vengano assimilate ai rei di associazione per delinquere a successive e fantasiose misure estemporanee, perfino nel contesto della legge di stabilità. Non è una novità che provvedimenti che hanno richiesto lunghe e complesse alchimie, faticosi e cruenti negoziati, poi al dunque vengano licenziati in tutta fretta per contrastare un meglio nemico del bene, con la raccomandazione – perfino da parte dello spaventapasseri della corruzione – di non chiedere l’impossibile,   di non licenziare norme troppo ambiziose, quindi, necessariamente, inapplicabili per via di quel germe di indulgenza e tolleranza che contagia chiunque approdi a posti di potere, nel timore che ieri, oggi o domani si ritorcano contro di lui, mettendolo in condizione di subire una spiacevole deplorazione e condanna morale, che quella giudiziaria è facilmente evitabile grazie a lungaggini, prescrizioni, patteggiamenti, protezioni.

E dire che basterebbe guardarsi sul dizionario la definizione di comportamento mafioso per concordare con  Pignatone che appioppare il nome di Mafia Capitale alla poderosa rete di malversazioni, crimini non solo economici, intimidazioni, ricatti, estorsioni attiva a Roma, era ragionevole, opportuno e calzante. E che, anzi, si sarebbe dovuto attribuire la stessa “qualità” delinquenziale a altre formazioni a cominciare da quella Mafia Serenissima che si è mossa e ha circolato intorno al Mose: un miliardo di sole tangenti distribuite a politici, funzionari, magistrati e forze dell’ordine per oliare i meccanismi decisionali, allentare i controlli, promuovere nuove iniziative. Con una aggravante: in quanto monopolista ed unico interlocutore con i pubblici poteri il Consorzio Venezia Nuova soggetto incaricato della realizzazione delle barriere mobili,  contava su munifici approvvigionamenti legali, come gli oneri di concessione, gli interessi bancari sui prestiti che il Consorzio stabilisce autonomamente, o il mancato ribasso sugli appalti assegnati dal Consorzio, mediamente del 30%  ma assegnati a prezzo pieno.

Il tutto grazie ad una aberrazione giuridica, una legge votata dal parlamento repubblicano, la n. 798 del 1984  che legittimava un dispositivo vizioso secondo il quale “il Ministero dei Lavori pubblici è autorizzato, in deroga alle disposizioni vigenti, ad avvalersi dello strumento del concessionario unico, da scegliere, mediante trattativa privata, tra imprese di costruzione e loro consorzi, idonei dal punto di vista imprenditoriale e tecnico”, autorizzando una cordata di imprese ad assumere il monopolio degli studi, la sperimentazione, la progettazione e l’esecuzione delle opere necessarie per la salvaguardia della Laguna, e, in sostanza,  le pressione sull’ambiente e l’inquinamento e il successivo risanamento in una paradossale e operosa ammuina, coinvolgendo imprese, decisori e tutti i livelli di controllo, Magistrato alle Acque, Corte dei Conti, Guardia di Finanza.

E oggi dopo una bonaria conclusione del primo filone della intricata vicenda giudiziaria con alcuni eccellenti promossi a innocenti e altri aspiranti a una degna riabilitazione, veniamo informati che oltre all’ineluttabile danno erariale, all’ineluttabile obsolescenza del progetto, già vecchio prima di essere completato, agli incidenti (cedimenti delle paratoie, scoppi dei cassoni,  e molto altro), l’avveniristico capolavoro ingegneristico che tutto il mondo avrebbe dovuto invidiarci (il sindaco Brugnaro si riprometteva di rivenderlo ai cinesi come da tradizione di patacche e sòle)  è un fallimento, confermando i peggiori sospetti perfino di uno dei tre commissari incaricati di vigilare nel corso dell’inchiesta che aveva commentato come il sistema di malaffare del Mose oltre alle ricadute economiche sociali e legali  “ aveva portato a delle falle e a delle criticità nella realizzazione delle opere”.

Quante volte abbiamo sentire dire che la mafia aspira a costituire un antistato, con “istituzioni”, corpi e regole alternative, occupando l’intero sistema economico e sociale.

Che dovremmo dire allora di questi “nemici pubblici”, di quei monopoli “legali” che espropriano di sovranità l’apparato statale, entrano in rotta di collisione con i dettami della libera concorrenza, ostacolano o si comprano i soggetti di controllo addirittura sostituendosi a essi, si comportano come un racket con estorsioni in grande stile, determinano con la correità dei governi e del parlamento fenomeni e situazioni di crisi che determinino quelle emergenza che tutto consentono: leggi e poteri speciali, boss in veste commissariale, licenze e concessioni straordinarie.

Come è successo per un altro “Bal Excelsior Mafia”, quell’Expo della quale saltano fuori, postume, le falle, come nel caso della segretaria generale di Milano costretta alle dimissioni in quanto indagata per turbativa d’asta, di appalti e incarichi opachi, di aree comprate a caro prezzo, manomesse e abbandonate alla rovina, di una pratica di ricatti e intimidazioni sotto forma di laboratorio sperimentale del Jobs Act e delle sue acrobatiche forma contrattuali anomale. Come succede quanto si condannano aprioristicamente allo status di irregolarità dei disperati per poi speculare su di essi, per costringerli a occupare abusivamente spazi  cui hanno diritto in nome di norme internazionali, lucrando sul loro bisogno e incrementando il loro dolore e la loro marginalità, perché diventi più profittevole del traffico di stupefacenti.

Hanno un bel dire che la corruzione è un reato moralmente ripugnante ed è giusto che le punizioni siano all’altezza del danno sociale, ma che ricorrere alla soluzione penale rappresenta una sconfitta per lo Stato e la società, quando il  reato è stato ormai consumato e dunque il  fine principale della giustizia non è stato raggiunto.

Ma se  lo stato di diritto è diventato una figura retorica, se c’è una coincidenza di interessi e impunità tra criminali e imprenditori, politici, amministratori intenti ad accusarci di populismo quando reclamiamo una giustizia giusta, forse dobbiamo cominciare a guardare oltre, a territori che quei barbari hanno già esplorato: la gogna, la vendetta, la legge del taglione.

 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: